giovedì 19 luglio 2001

Appunti da Genova - 7

Ah, mi ero dimenticato di parlare delle bombe.
Ogni tanto si sente dire: hanno trovato una bomba qui, hanno trovato una bomba là. Ieri sera parlavano di un autobus che era stato evacuato. O addirittura fatto saltare. Stamattina sui giornali non ne parla nessuno.

Sì, c'è un po' di psicosi, da una parte e dall'altra. Un appello a tutti: non lasciate sacchetti o cartoni in giro. Ieri sera, mentre sistemavamo le transenne, abbiamo visto un muletto che passava in mezzo al piazzale. Reggeva una panchina. Sulla panchina stava un cartone, trovato sotto il tendone delle piadine.

"Ma che, è una bomba quella?"
Attorniatro da un grappolo di ragazzi con le telecamere, il muletto è arrivato sugli scogli e lì ha posato la panchina, con delicatezza. Proprio sulla corsia dei gabinetti.
"E adesso cosa fanno? La lasciano lì?"
"Stanno chiamando gli artificieri, sempre che si degnino".
"E se qualcuno vuole andare alla toilette?"
"Gli dite di non toccare".

Gli artificieri sono arrivati subito, senza neanche farsi pregare. Però all'entrata del piazzale hanno trovato qualcuno che non li ha fatti passare. Proprio così. Anche noi abbiamo i nostri sceriffi ottusi...
Alla fine due signori si sono fatti forza, hanno preso la panchina per i piedi e l'hanno buttata a mare. Fine dell'incidente.

Nessun commento:

Posta un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).