lunedì 10 settembre 2001

se viene a raccogliere ciclamini nel vostro giardino, iniziate a preoccuparviI mostri di Mantova

Ho sempre pensato che i nostri scrittori siano gente veramente tosta.
Vite spericolate, ma spericolate veramente: sesso, droga, carne umana, pedofilia, indumenti di cuoio.
Forse è per questo che mi sono sempre tenuto a debita distanza dal festival di Mantova. Come diceva un tale: “il coraggio uno non se lo può dare” … Magari a un buffet ti scappa una frecciatina e l’indomani ti ritrovi sempre lì, ma sotto forma di ripieno delle tartine. Meglio stare a casa, a immaginarsi orge e violenze inenarrabili…
Un pezzo dalla Repubblica on line dell’altro giorno riporta di un incontro tra due tipacci veramente poco raccomandabili: Ammaniti e la Tamaro. In estrema sintesi:

AMMANITI: Io sono cattivo.
TAMARO: Io sono più cattiva di te. Ho un rapporto molto forte col demoniaco.
AMMANITI: Guarda che io sono veramente cattivo. Da piccolo sognavo file di tombe lunghissime con i nomi dei miei amici.
TAMARO: Sì… ma io sono ancora più cattiva! Da piccola amavo raccogliere i ciclamini sulle foibe, perché sono più belli, nutriti dai morti che stanno li sotto!
AMMANITI: Sì? E io da bambino a scuola da bambino disegnavo mio padre crocifisso!

Fin qui è tutto vero… ma dopo aver letto un dialogo così, come si fa a mettere un freno all’immaginazione?

TAM.: Tuo padre crocefisso mi fa una ****. Io il mio l’ho sepolto nella nuda terra, e ogni primavera mi fa delle begonie superbe.
AMM.: Ah sì? Ma io da bambino ho sognato che impalavano mia madre con un passaggio a livello, poi a scuola la maestra ci ha chiesto di disegnare un sogno che avevamo fatto, e io ho preso benino.
TAM.: Non mi impressioni neanche un po’ con la tua infanzia difficile. Io i bimbi come te li aspetto fuori dall'asilo, poi li porto a casa e li uso come concime per le orchidee.
AMM.: Guarda che se mi fai arrabbiare io chiamo mio papà e ti picchia.
TAM.: E io chiamo mio zio, che è più grosso di tuo papà.
AMM.: Non è vero.
TAM.: Sì è vero.
AMM.: No.
TAM.: Sì.
AMM.: Uaaaaaaaaaaaaaaah! Maestra… c’è la Tamaro che mi fa arrabbiare…
TAM.: Ha cominciato lui.
AMM.: Non è vero!
TAM.: Sì è vero.
AMM.: No.
TAM.: Sì.
AMM.: Uaaaaaaaaaaaaaaah!

Per stasera basta. Vado a eccitarmi con foto di scrittrici nude.

Nessun commento:

Posta un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).