lunedì 30 giugno 2003

La replica di Rolli (scritta di getto alle 7.45) è molto bella.

Sofri è in galera e tutti gli fanno "pat pat quanto scrivi bene", "quanto sei dignitoso", "quanto sei bravo", "quanto sei umano", quanto quanto quanto! Ma poi rimane in carcere, poi non si ha il coraggio di dimostrarlo con i fatti che, al di là di quel che pensa uno della sua innocenza o colpevolezza, Sofri è tutte queste cose e ancora di più; che non è la persona di trent'anni fa; che se il carcere non ha scopi afflittivi la sua detenzione non ha più senso, se non per i forcaioli, quelli che se fossero in Iran, in Cina e perchè no, anche in America, andrebbero a vedere le esecuzioni in prima fila.

(Poi, la cosa sembrava impossibile, ma credo di essere riuscito a fare incazzare Umberto).

Sul caso Sofri, Wittgenstein segnala Sofri.org.

Nessun commento:

Posta un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).