giovedì 20 luglio 2006

- se solo imparassi a pronunciare "espresso"

I'm sitting on the corner, feeling glad

Non lo avrei detto, ma per ora la cosa che mi piace di più in America è il caffè. Non dico la broda marrone.
Mi piace andare in un caffè, prendere qualcosa e sedermi. Coi muffin e coi cookie si va abbastanza sul sicuro. Non costano molto e c’è la rete wireless. C’è anche una climatizzazione bella gelida, ovviamente, che in altri giorni mi è sembrata pleonastica, ma ora no, ora è benedetta.

New Haven è una piccola città di contraddizioni, che dalla vetrina del caffè almeno si vedono. C’è la matricola di Yale che ciatta con la famiglia e l’operaio col casco dal cantiere qui di fianco. La mendicante che in teoria vende fiori. Un tavolo di colletti bianchi a riunione ed il barbone che è venuto a prendere il fresco. E una ciambella. C’è il PHdando in ingegneria che prepara un esame e ci sono io, con una cuffia da centralinista, che parlo italiano a qualcuno che non c’è.

Nessuno disturba nessuno, abbiamo tutti le nostre cuffie, il nostro monitor, la nostro daffare. Ma nemmeno ci ignoriamo.
(Sarà capitato a qualcuno, almeno una volta, di ciattare col dirimpettaio).

C’è il tizio tipo Hemingway, non è colpa sua se ha una barba simile (o forse sì?) che quando passa il cameriere portoricano con lo scopettone gli dice: sai da cosa si riconosce il Maestro in un tempio buddista? Il cameriere sorride, perché questa è la politica aziendale, e Hemingway riprende: è quello che ti viene incontro con lo scopettone, quindi vai avanti, fa il tuo lavoro! C’è un tizio con la kippah, del resto Dio è in ogni luogo e quindi anche al caffè.

Ma soprattutto ci sono i laptop. Un tavolino, un cliente, un laptop. Tutti a scriversi qualcosa. Tanti scrittori al caffè non li hai visti mai, neanche a Parigi (hai mai visto davvero uno scrittore in un caffè di Parigi?) Tanta scrittura mette soggezione.
C’è chi si porta il lavoro da casa. Ma c’è chi a casa ci potrebbe essere già, qui la giornata di lavoro è abbastanza corta. Si parte presto e si fanno sei ore filate, no pausa pranzo. E questo ci porta al grande problema di tutta la civiltà anglosassone: se alle due del pomeriggio non ti reggono le palpebre, dov’è che puoi schiacciare un sonnellino?

11 commenti:

  1. è per questo che usano le dosi massicce di caffè, infatti.

    RispondiElimina
  2. e cenano alle 6 di pomeriggio!
    ma un buddhista non schiaccia neanche un pisolino, potrebbe essere qualche parente reincarnato!
    comunque piacerebbe anche a me fare sei ore filate no pausa pranzo!
    marcell_o

    RispondiElimina
  3. E' che non hanno (se non in minima percentuale) l'ossessione tutta latina dello straordinario.
    Mio cognato che lavora in Motorola a Londra (tutti hanno un cognato che lavora in una multinazionale all'estero...) è andato negli USA in trasferta e si è trovato spessissimo solo a lavorare, sia perché gli altri dopo l'orario ordinario avevano di meglio da fare (allenare la squadra ragazzi di baseball, ad esempio), sia perché gli stessi altri non ritenevano nemmeno ordinario invitare a cena il collega europeo.

    Di palo in frasca, che sta succedendo alle immagini di questo blog?
    Le vedo decomporsi di giorno in giorno... è il monitor? sono i miei occhi? è un virus?

    Cima

    RispondiElimina
  4. La broda marrone può essere consumata solo con ampia aggiunta di panna e zucchero, a quel punto diventa quasi buona. E il contenuto di caffeina di un bicchiere da mezzo litro è ovviamente in proporzione, il tipo della tua foto scommetto che consuma decaf.

    RispondiElimina
  5. i problemi di foto sono problemi di fotografo scarso

    (il mio profilo nella vetrina non si vede perche' l'ho tagliato)

    RispondiElimina
  6. "Non lo avrei detto, ma per ora la cosa che mi piace di più in America è il caffè. Non dico la broda marrone.
    Mi piace andare in un caffè, prendere qualcosa e sedermi. Coi muffin e coi cookie si va abbastanza sul sicuro. Non costano molto e c’è la rete wireless."

    Heh heh. Yep...ahhh cosi' cazzo!!!!! Yeah!!!!! Pero' ti devi abituare a prendere il caffe con latte a meno che non trovi un caffe yuppie stile italiano...li' forse un'espresso lo trovi...Orangemocchafrappiccino buddy!!!! Get it in ya!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. non ti sento bene.
    Prova ad aggiungere qualche punto esclamativo

    RispondiElimina
  8. Eh, vabbe'...non fare l'ironico. Qui e' tardi e io scrivo cosi' quando sono stanco e felice. Blog interessante. ;-)

    RispondiElimina
  9. Forse volevo dire...quando ho sonno. Ok, non contamino piu'...

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).