giovedì 14 dicembre 2006

- o quanta species cerebrum non habet

Specchio riflesso


Si passano degli anni, ultimamente, davanti a uno schermo, con l’aria di cercare chissà cosa. Verità, probabilmente: previsioni, revisioni, sunti, tracce del passaggio del mondo. Stasera però mi è venuto in mente cosa voleva dire “schermo”, all’inizio. Voleva dire maschera. Maschera protettiva.

Naturalmente questo non significa nulla. Capita che le parole cambino il loro significato nei secoli, embè? Pasticciare con le etimologie è da sfigati, se non ti chiami Heidegger (e anche se). Tanto più che il mio Zingarelli mi dà una radice longobarda, skirmjan (tirare di scherma, proteggere). I Longobardi, capito? Devono averci lasciato tre parole in croce, e una sola riassume tv, computer, playstation, videofonino: “schermo”.
E vuol dire “maschera”. Ti dà il rovescio di quel che cerchi. Del resto anche lo specchio, non fa lo stesso?

Sembra un discorso da risvolto Adelphi, ma io in realtà avevo in mente le pubblicità del grana. Se ne parlava l’altro giorno da Inkiostro (il più grande blog del sistema solare e, auspicabilmente, della galassia). Il dilemma è noto a chiunque abbia spinto un carrello della spesa almeno una volta nella vita: in Italia esistono sostanzialmente due formaggi grana. Il Parmigiano Reggiano è buono, il Grana Padano è cheap. Che fare? Spendere meno o gustare di più? La gola ha i suoi diritti, ma solo oltre una certa soglia. L’ISTAT, se la dirigessi io, terrebbe un bel riflettore puntato sul reparto latticini: chi passa al Parmigiano, ha trovato un impiego stabile; chi passa al Grana, lo ha perso (se avete grattugiato del parmigiano sui maccheroni mentre eravate Cocoprò, siete dei maledetti irresponsabili. Se continuate a spolverare grana sulle lasagne ora che avete la Tredicesima, siete tirchi e punto).

Tutto questo si riflette nelle pubblicità. Ma all’incontrario: il Grana Padano si maschera da prodotto di lusso, concupito da vitelloni eleganti e modelle brasiliane. E intanto il Parmigiano sbraca, si dà al trash anni Ottanta, riprende i Ricchi e Poveri, la famiglia Addams e il carnevale di Viareggio. Il party a base di Grana Padano è la vita dei ricchi come l’immaginano i poveri; le coreografie del Parmigiano Reggiano sono una sontuosa citazione dell’intrattenimento di bassa qualità. Tutto questo che senso ha? Forse nessuno. Forse cercano entrambi di allargare il loro bacino di utenza. Ma se è normale che il Grana Padano cerchi di darsi un tono (anche maldestramente), il caso del Parmigiano stupisce. Siamo davanti a un imputtanimento consapevole, ed è una cosa che dà da pensare (un po’ come per Lindo Ferretti). Abbiamo visto tutto in questi anni, ma un prodotto che cerca consapevolmente di peggiorare la propria immagine è ancora cosa rara (“Scordiamoci tutte quelle menate sulla qualità! Facciamo cantare i bambini! Pa-pa-pa-pa-parmigiano re…”)

In realtà io scrivo accecato dall’ira, perché gli ufficiali del marketing del consorzio hanno da tempo accantonato il mio testimonial preferito, la Vacca Volante. Quella che cercava in ogni modo di entrare nel recinto delle vacche da parmigiano, ma ogni volta veniva respinta dalla malasorte, mentre il contadino la sfotteva col tormentone: “No-o! Non so cosa mangi!”
La vacca non era trash, era animazione di qualità con tutti i ritmi giusti. Citava i Looney Tunes, scusate se è poco. Ma è vero quel che mi disse una volta la Laura: era una pubblicità razzista. C’è un recinto, e c’è una vacca che non può entrare. Perché è povera, perché è nata sul lato sbagliato del recinto, perché ha ingerito mangime non tracciabile. La Vacca è simpatica, ma è un frutto delle fobie dell’Europa post-encefacilite spongiforme. La sua pazzia è sospetta. Tutto dev’essere tranquillo, ordinato, tracciato. L’ordine è qualità. Noi vogliamo bere il latte di mucche tranquille e ordinarie. Stiamo chiudendo l’Europa in un recinto, perché abbiamo paura dei poveri e dei pazzi che non si sa cosa mangino.
Ma poi, davanti allo schermo, tifiamo per la Vacca Volante. Perché lo schermo è fatto così: ci racconta l’opposto di quello che già sappiamo. E forse è stato così sempre: il primo eroe animato è stato un topo. Non la creatura immaginaria e stilizzata che è adesso: a quei tempi il topo era un animale tristemente familiare, il peggiore inquilino di tutte le case. La gente passava il tempo a dare la caccia allo scroccone schifoso e impestato. Ma poi andava al cinema, e tifava per Jerry contro Tom. Questo è lo schermo. E voi vi fidate di quel che vi trovate scritto davanti al naso. No. Credete piuttosto al contrario.

16 commenti:

  1. questa tua fissazione che la gente tifi per jerry è una tua fissazione. sono anni che lo scrivi senza lo straccio di una prova. io ho sempre tifato tom e credo tanti altri, forse tanti da essere maggioranza. hai scelto l'esempio sbagliato.

    RispondiElimina
  2. fioi, mi sento un reietto perché non ho mai visto la nuova pubblicità del Parmigiano Reggiano e mi vengono solo in mente gli stacchetti dei Ricchieppoveri da Vianello venticinque anni fa (pi, pipipipipipi, pipipipipipi, pipipipipi... pubblicità!) e il brano anni '60 "pa pa um, pa pa um ma ma".
    Ma tanto io non metto formaggio grattato sulla pasta.

    RispondiElimina
  3. Mi duole dirlo, ma il musical sul Parmigiano Reggiano (perchè di musical si tratta) è a metà fra la recita delle elemnetari e il teatro musicale di Brecht. Dada puro.

    RispondiElimina
  4. Attendo fiducioso il giorno in cui uno stormo di Vacche Volanti e Migranti consegnerà il recinto della Laura alla concimaia della Storia.

    RispondiElimina
  5. a proposito di creativi applicati alle produzioni a denominazione di origine protetta, mi ha colpito quella del gorgonzola con la moracciona che chiede: l'hai mai provato con le pere?

    RispondiElimina
  6. La cosa che mi deprime di più è la costrizione di quei quattro sventurati nelle maschere da pomodoro, fungo o cos'altro...non penso fossero queste le loro aspirazioni. Caro Caporale, evviva i creativi del gorgonzola! E speriamo che non salti fuori qualche femminista...

    RispondiElimina
  7. leonardo,
    appena visto credevo si trattasse del riso flora. poi ho capito, e tuttora non credo ai miei occhi.
    sono qui che rimpiango quel patinatissimo commercial del coltello da parmigiano che tagliava l'uva, la pera, con un sottofondo musicale da orchestra sinfonica...

    al supermercato comprerò il parmesan made in amburgo, così imparano.

    RispondiElimina
  8. ok, leo, te la sei cercata: il grana e' di destra e il parmiggiano di sinistra.

    RispondiElimina
  9. "Se ne parlava l’altro giorno da Inkiostro (il più grande blog del sistema solare e, auspicabilmente, della galassia)" - Leonardo -

    "Leonardo, il miglior blogger d'Italia e presumibilmente del mondo" - Inkiostro -

    Conflitto di interessi???

    RispondiElimina
  10. le cose stanno come hai detto: stanno cercando, consapevolmente, di abbassare il target. quindi di allargare il numero di consumatori che usa il parmiggiano.
    è inconsueto ma sono operazioni correnti, in periodi di crisi. quel che vogliono evitare è che alle aste di parmiggiano crolli il prezzo.
    evidentemente le esigenze di marketing sono diverse ora (c'è grossa crisi) da quelle di prima (c'è la mucca pazza) e loro, i creativi s'ingegnano utilizzando un tono "leggero" e, ne converrai, che fare uno spot così invece del solito "chi vespa mangia la mela" o quello del gorgonzola, può essere meglio.
    il messaggio del parmiggiano è: ma stai allegro e mangia (te lo puoi permettere)

    perché utilizzare quel linguaggio a metà strada tra una recita scolastica e un musical?
    è il contrario delle promesse di esclusività, di straordinarietà (se fai questo hai un cazzo più grosso, di tutti).
    senza dimenticare che i pubblicitari si rivolgono ai responsabili di acquisto... che in maggioranza sono donne, categoria notoriamente (con i gay) poco contrari al musical e alla recita scolastica...

    p.s. mia moglie compra il grana perché (dice) è più buono!

    RispondiElimina
  11. Il Grana è indiscutibilmente più gustoso poichè è anche più grasso ed è per questo che mediamente costa meno. Ha più sapore e quindi è più cool. Insomma la pubblicità dice quel che è. Il Parmigiano Reggiano vale molto meno, è più popolare. Tutta la trattazione filosofica fatta da Leonardo crolla inesorabile quando si schiera campanilisticamente per il Parmigiano Reggiano che è tra l'altro una contraddizione in termini.

    Avete mai visto i rapporti idilliaci tra Parma e Reggio? Si detestano, si azzuffano, si gridano dietro, si malmenano, rigano le macchine e scrivono parolacce sui muri della città dirimpetto. Come potrà mai fondersi in un cibo ciò che la natura ha diviso eternamente nella vita?

    RispondiElimina
  12. ma come Qavolo è intereSSante questo bloGGG, ti aggiungo ai preferiti toHH
    L!D!A

    RispondiElimina
  13. De gustibus non disputandum, come dicono le mosche stercorarie.

    Però citare Brecht e lodare il grana, insomma, dai.

    RispondiElimina
  14. Mi stavo appunto chiedendo quando arrivavano i sardi.

    (A me il pecorino piace assai).

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).