Pages - Menu

martedì 21 agosto 2007

rettifica

E a Bruxelles lo aspettano ancora

Il pezzo di ieri conteneva una notevole imprecisione. Umberto Bossi, detto il Senatùr perché fu per un intera legislatura l'unico leghista approdato in parlamento, non è più Senatore da un pezzo, i soldi da Roma tecnicamente non li piglia più.

Li piglia da Bruxelles, in quanto europarlamentare. Da laggiù arrivano buste mensili di 12.750 euro anche per il fratello Fausto e il figlio Riccardo, assunti come assistenti accreditati - se quanto riportava il Corriere a fine 2004 è ancora valido. Sennò rettificherò pure questo.

Umberto poi sarebbe stato eletto alla Camera l'anno scorso, ma ha rifiutato il posto per restare nell'europarlamento, dove a dire il vero non sembra che si stia spezzando la schiena per il duro lavoro: nel sito ufficiale il suo nome è associato soltanto a un'interrogazione parlamentare sullo stoccaggio di gas sotterraneo presso Rivara (MO). Ora che ci penso non credo di avere mai visto una sua foto a Bruxelles, a Strasburgo, o anche solo più a nord di Como-Chiasso, ma forse è anche esagerato pretendere tutti questi viaggi da una persona malata. E lasciategli pigliare il suo stipendio in pace, no?

Non solo, ma il seggio a Montecitorio e il congruo compenso che gli sarebbero toccati sono invece stati generosamente destinati a qualche altro leghista sconosciuto ai più, che la volontà popolare non aveva designato neanche di sguincio, o sbaglio?

Scusate la scarsa precisione, è che non sono tanto bravo a fare il populista. Ci vuole più impegno e dedizione di quanto sembri, e uno stomaco d'acciaio e teflon. A me ogni tanto viene ancora la nausea, mi sa che tra un po' cambio argomenti.

23 commenti:

  1. Il discorso però cambia di poco, visto che tecnicamente paga l'Europarlamento, ma i soldi c'è li mette lo stato italiano. Tanto è vero che gli Europarlamentari vengono pagati quanto i Parlamentari dei rispettivi paesi di provenienza. E indovina qual'è il paese che paga dii più?

    RispondiElimina
  2. Esatto. E poi Bossi non è che mi sembri questo europeista convinto...

    RispondiElimina
  3. Attendo il sisma cerebrale definitivo.
    Il sommo Ictus!
    Demagogia.. passi pure, ma demagogia+stronzaggine+ignoranza non è tollerabile!

    RispondiElimina
  4. Populismo per populismo, Adelaide Cristina Gaggio in Giuliani detta Haidi, insigne insegnante elementare in pensione, come l'ha avuto il seggio parlamentare?
    Non certo grazie alla volontà popolare, che non ritenne sufficiente lo status di Orfana del Martire del Movimento dei Movimenti. O sbaglio?

    RispondiElimina
  5. Per quel che ne so: era la prima dei non eletti di Rifondazione, e un altro senatore di Rifonda, Malabarba (dopo un anno) si è dimesso, quindi secondo la legge-porcata tocca a lei.

    Detto questo, mi sembra che ci sia una differenza di non poco conto tra un leader carismatico che usa il suo nome per attirare voti che poi storna immediatamente a perfetti sconosciuti, e Malabarba che cede il seggio alla Giuliani. Il leghista va alle urne contento di votare il capolista Bossi, e invece sta eleggendo Pierino. Per quel che conosco di Rifonda non credo che l'elettore medio volesse assolutamente eleggere Malabarba e lasciare a casa la Giuliani.

    L'esempio mi sembra poco calzante anche perché, in virtù della legge-porcata, le liste dei candidati le compilano i partiti, e il fatto che Malabarba sia stato eletto e la Giuliani no è semplicemente una questione di posizionamento in lista, non di volontà popolare. Questo prova ulteriormente la suinità di quella legge, e il livello scadente del tuo populismo.

    Se poi volevi semplicemente approfittare per fare un po' di ironia su una maestra elementare che ha perso un figlio chiamandola "orfana", ti prevengo: sei veramente nel posto sbagliato.

    RispondiElimina
  6. Il Griso è un gaggio lindo e bigio, e le sue tasse non le paga, perchè il capo dei suoi sgherri dice che è giusto così. Ma non si limita a ciò, il Griso. C'e l'ha duro, il Griso. Come il suo Lider. Va dove quelli che ce l'hanno molle si riuniscono per leggersi a vicenda. E li lo sgrana davanti a tutti. Infamando madri in lutto. Probabilmente nessuno piu gli alliscia la fava. E allora spara sentenze. così, giusto per emettere rantoli. E allora, caro Griso, vai piuttosto a locchiarti qualche mignotta per le strade della tua bella contrada nordica, se ce l'hai così duro e nessuno te lo alliscia più, o vai coi tuoi soma di ganga, a gluttarti qualche immondo intruglio, piuttosto(senza chieder lo scontrino al barista, mi raccomando), che quà, a queste latitudini, queste sguanate alla Dread Jack, semplicemente disgustano.

    Indio

    RispondiElimina
  7. Leo, mi previeni perché sei prevenuto: 'orfano' designa - faute de mieux - "2 agg., s.m., estens., che, chi è rimasto privo di una persona amata o di qcn. che costituiva una guida o un sostegno", almeno secondo il Demauroparavia.
    Nel merito, anche il Pinco Brambilla in Pallino che ha sostituito Bossi era per forza (di legge-Porcata) il primo dei non eletti.
    Il punto non era se lo scambio di poltrone fosse legale, ma se rispettasse la volontà popolare, per quanto possibile con la Porcata, che è colpa di Calderoli, mentre il suo uso e abuso è colpa di chi, a destra come a sinistra, se ne approfitta per pisciare sulla volontà espressa dagli elettori.
    Tu stesso dici che Bossi è "un leader carismatico che usa il suo nome per attirare voti che poi storna immediatamente a perfetti sconosciuti". Ecco, appunto: il leghista vota il Leader, punto; gli altri servono solo a far numero. Mentre invece Rifonda ha messo in lista la Giuliani, per acchiappare voti. Scelta legittima (anche se sui 'titoli' politici dell'eligenda ci sarebbe da ridire ed io, se permetti, ridico), solo che di voti non ne hanno acchiappati abbastanza: perché è vero che con la Porcata i nomi e i posti in lista li scelgono i partiti, ma il numero di eletti per partito lo sceglie ancora l'elettore, per fortuna; quindi di voti, la Giuliani, non ne porta abbastanza, altrimenti sarebbe andata in parlamento con le sue gambe e non con quelle di Malabarba; si vede che lei il carisma non ce l'ha.
    E' quello che prude, lo so e per questo ci faccio dell'ironia: vedi, fare un po' di casino (portare folle oceaniche - o lacustri sapientemente alluvionate - in scampagnata a Roma, o a Vicenza) è facile, fare politica (organizzare consenso per risolvere dei problemi) lo è molto meno.

    RispondiElimina
  8. Conoscerai anche De Mauro e Paravia, e salutameli, ma il tuo ragionamento ha delle falle enormi.

    Se Rifonda ha preso tot voti, e non uno di più, significa che è riuscito ha conquistare tot consensi, e non uno di più. Per colpa di Heidi Giuliani? Se non candidava la Giuliani ne prendeva di più? Stai soltando menando il cane. Per assurdo, se ci fosse in Italia un milione di potenziali elettori che non hanno votato Rifonda perché gli sta antipatico Malabarba? Se la legge prevedesse le preferenze sapremmo se la Giuliani è veramente popolare o no, ma così stiamo disquisendo al buio.

    Rifonda ha messo la Giuliani in lista per prendere voti, guarda un po', è uno scoop questo. Da qualche anno in qua, i partiti mettono in lista dei personaggi in grado di attirare consensi, una cosa molto discutibile signora mia. Probabilmente il partito del Griso mette in lista solo personaggi impopolari, così non rischia derive populiste.

    La piccola differenza, ancora, è che Bossi si è candidato a Palazzo Madama e non c'è stato un giorno, e la Giuliani adesso c'è.

    RispondiElimina
  9. Leo, non ci son cani, né aie dove menarli tranne quella in cui razzoliamo.
    Un'altra differenza sostanziale tra fare un po' di casino populista e fare politica è sognare l'Altro Mondo Possibile oppure ragionare su quello reale.
    Visto che alla mia nonna democratica Calderoli ha sfilato le ruote, è inutile fare congetture sulle preferenze (che quando c'erano, avevano il non trascurabile difetto di rendere il voto controllabile; la soluzione più pulita, l'uninominale secco, l'avevano proposta i radicali parecchi anni fa, mentre ti ricordo che, fra i più accesi sostenitori del ritorno al proporzionale, per puro interesse di bottega, c'erano proprio i rifonda; certo, nel frattempo Pannella è parecchio riconglionito, ma almeno lui ha fatto qualcosa di buono, prima di rincoglionire; tu cosa aspetti?). Se il popolo sovrano avesse voluto la Giuliani in parlamento, il popolo sovrano avrebbe dato più voti a rifonda, che non ha candidato la Giuliani per far numero, ma proprio perché la voleva in parlamento: altrimenti non avrebbe fatto dimettere Malabarba.
    E' che rifonda ha fatto i conti senza l'oste elettore, candidando un personaggio che, al di fuori delle aie di periferia che frequenti tu, consensi non ne raccoglie (o non abbastanza da farsi eleggere).
    Del resto, alle primarie, il Candidato Incappucciato che aveva dietro la Moltitudine, quante decine di voti ha preso più di Scalfarotto che dietro aveva sua zia (ammesso che la zia di Scalfarotto abbia internet)? E tu chi prendi per il culo? Scalfarotto, bravo.

    RispondiElimina
  10. Mi sfugge il succo degli sbrodolissimi interventi di questo griso: "distogliere il discorso dal truffatore de facto Umberto B." mi sembra comunque l'opzione da preferire.
    Perchè non lanci un sodaggio in merito, Leo?

    RispondiElimina
  11. Svicolone, perché sfuggi e svicoli tutto a mancina? La questione è semplice: secondo il voto degli elettori, risulta eletto A. Ma ai partiti (di destra come di sinistra, come da me esemplificato), che pure hanno già scelto i candidati dall'A alla Z e pure il loro ordine analfabetico, ancora non sta bene: così fanno dimettere A e mettono al suo posto B.
    PS: neppure io sono bravo a fare il populista. Alle primarie, la Panzino prese 19.752 voti, Scalfarotto 26.912. Trombati dalla zia di Scalfarotto, roba dell'Altro Mondo (eppur Possibile).

    RispondiElimina
  12. Sapete cosa accadrà dopo questo ennesimo scandalo? E dopo le indignazioni? E dopo magari anche le petizioni?
    Assolutamente niente.
    In Italia non accade nulla, da anni ormai.

    Perchè perdete tempo a parlare di Bossi ladro o Silvio stronzo o Fassino o di Maria de Filippi o di Emilio Fede?
    Non l'avete capito che fuori dalla finestra ci sono ancora fiori, colline, ragazze da baciare o ragazzi da amare?
    Vivete e smettetela di parlare dei morti.

    RispondiElimina
  13. A me questo sembra troppo stupido, anche per il Griso. Cioè, qual è il problema? Che dovevo prendere per il culo la Panzini invece di Scalfarotto perché ha preso 7000 voti in meno? Ammazza. A me sembra di averli presi per il culo blandamente entrambi, ma chi si ricorda? E chi se ne frega?

    Mi sono perso il mio appoggio alla Panzini. Mi sono perso il mio appoggio a Rifonda in generale. Mi sono perso il mio sostegno alla candidatura della Giuliani. Qualcuno si è introdotto furtivamente nel mio blog è ha cancellato i quattrocento post in cui supplicavo le moltitudini di votare per Heidi Giuliani. La rinuncia di Malabarba è un grave affronto agli elettori di Rifonda, che avevano messo una croce su falce e martello proprio per eleggere lui, soltanto lui: tanto che da mesi gli elettori sdegnati dalla nomina della Giuliani stanno devastando le sedi di Rifonda per protesta, nell'assordante silenzio dei media, che sono tutti controllati notoriamente da Bertinotti e Giordano.

    RispondiElimina
  14. Leo, tu hai denunciato il grave affronto alla volontà popolare costituito dal fatto che nelle liste della Lega (che nemmeno io ho votato né invitato a votare) è stato eletto qualcuno, mentre poi il seggio è stato occupato da qualcun altro.
    Allora, o è sbagliato sempre, qualunque partito lo faccia (magari per regolare i suoi conti interni con la corrente di Malabarba, non lo so e poco cambia: o si rispetta l'ordine degli eletti, o non si rispetta), oppure è lecito sempre, qualunque partito lo faccia.
    PS: capisco che tu voglia rifarti una verginità politica ed essere soltanto uno deiMille, dopo anni di Nogglobalismo militante, però suvvia, almeno tra noi non raccontiamocela.

    RispondiElimina
  15. griso, facciamo che ti tratto da deficiente e non da militante politico forzista in missione: ma l'hai letto il post? Perchè cerchi di portare il discorso da un'altra parte?
    Dare a me di svicolone poi, ovviamente, inficia tutta l'aura di arguzia della quale cerchi di ricoprirti con i tuoi post.

    RispondiElimina
  16. Normalmente, a uno svicolone che non vuol essere chiamato svicolone e che mi dà di 'militante politico forzista', direi di prendere l'epiteto, arrotolarlo ben bene e inficiarselo su per l'aura, con tutta l'arguzia.
    Ma preferisco trattarti da deficiente.

    RispondiElimina
  17. Nnn ti è sorto il dubbio che il mio nick avesse una finalità di ridicolizzare il tuo, reiterato ormai, tentativo di non parlare del truffatore Umberto Bossi?
    No, non ti è sorto, certo...
    Però vedo che se uno ricorda le truffe leghiste il brillante griso si scompone e parte con gli insulti (perlomeno non copiare quello che scrivo, dai).
    Comunque... adesso è il momento di tirare fuori i gulag, non credi?

    RispondiElimina
  18. Perché, quelli come te li mettevano nei gulag?
    Io sarei piuttosto per il recupero delle sane tradizioni padane, quando ogni villaggio ne aveva uno.
    Ciccino svicolino, quello che è partito, dando di 'deficiente' e di 'militante politico forzista' (che per me è una specie di insulto) agli altri, sei tu: è che a partire sei bravo, ma arrivare, proprio non ci arrivi.

    RispondiElimina
  19. Uno che commenta ripetutamente un post che sfotte il truffatore Bossi (ed i truffatori suoi seguaci) parlando sistematicamente di altro (anche in queste risposte) evidentemente è in malafede. O no?
    Non essendoci alcuna ragione logica, l'unica spiegazione clemente verso la tua psiche è che tu sia un militante (o un prezzolato) del Polo dell'Evasione.
    Uno di quelli, appunto, che a questo punto della discussione tira fuori i gulag.

    RispondiElimina
  20. Svicolone, capisco che tu abbia dei problemi d'identità, ma io no:
    -TU ti sei scelto il nick 'svicolone', per poi prendertela con me che ti chiamavo come avevi chiamato te stesso, per poi affermare che era per ridicolizzare me (quindi domani per ridicolizzare uno che secondo te è un pirla, ti chiamerai 'pirla': eh beh, brillante, non c'è che dire);
    -TU ti affanni (inutilmente) a distogliere l'attenzione dalle truffe rifondarole, mentre io ho affermato (e ribadisco) che sono del tutto equivalenti alle truffe leghiste: o entrambi truffatori, o entrambi rispettosi della volontà dell'Elettore Sovrano;
    -tu sbarelli e cominci ad insultare il prossimo, per poi frignare se ti si risponde a tono;
    -TU hai tirato fuori i gulag, per poi, se io ti spiego che tu non sei un caso né grave né serio (quindi inadatto ad essere internato per motivi psichici o politici), fare: ecco! ecco! vedete? l'avevo detto io! ha tirato fuori i gulag!
    Io però non sono clemente con la tua psiche, per cui ti prendo per il culo come meriti e fin quando mi va; così, aggratis.

    RispondiElimina
  21. Mamma come sei messo male, griso...
    Dato che nel emrito ti ha risposto Leonardo, mi limito a ripeterti che nella migliore delle ipotesi sei uno stipendiato dal partito (o dal suo azionista di maggioranza, il p2ista).
    Come soluzione intermedia sei un militante politico leghista.
    In alternativa sei solo uno che frequenta blog troppo complessi.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.