mercoledì 25 giugno 2008

Quiz

Giuro che non c'è la metafora politica, qui: ma secondo voi il cartello che vedete nella foto, secondo il Codice della Strada, cosa significa?
Vi do anche delle possibilità:
1) Da qui in poi non puoi sostare né parcheggiare.
2) Da qui in poi puoi sostare o parcheggiare come ti aggrada.
3) Povero peone, hai voluto venire a stare in centro senza garage? E adesso fottiti.

Rispondete numerosi, facciamo finta che sia un sondaggio sulla comprensibilità della segnaletica stradale.

36 commenti:

  1. La 2. Anche se si dovrebbero controllare i metri dall'incrocio.

    RispondiElimina
  2. Confermo la 2. Qui finisce il divieto di sosta e di fermata, puoi parcheggiare dove ti pare, stando però a più di .. uhm... 8 metri? dall'incrocio.

    RispondiElimina
  3. Concordo sulla 2, dovrebbe essere il cartello di fine del divieto di sosta.
    Se la freccia è verso l'alto, vale come inizio del divieto
    Gio

    RispondiElimina
  4. numero 2, fine del divieto di sosta e fermata.

    RispondiElimina
  5. inizio del divieto di sosta e di fermata.
    anche se sono puri indovinelli: è noto che il codice della strada reale è formato da un solo articolo che recita "Non urtare gli altri mezzi; per il resto puoi fare quel che ti pare".

    RispondiElimina
  6. La terza che hai detto.:-D
    (E' la numero 1)

    RispondiElimina
  7. La 2, fine del divieto.
    È vero che l'incrocio (a occhio) è a meno di 5 metri, ma c'è la "diversa segnalazione".
    (Però la 3 mi tentava.)

    RispondiElimina
  8. quasi la 2, nel senso che la risposta corretta è "Da qui fino al prossimo divieto (sia esso indicato da cartello o implicito, come i 5 metri prima dell'incrocio) puoi sostare o parcheggiare come ti aggrada".

    RispondiElimina
  9. ah, naturalmente il divieto precedente vale dalle 8 alle 20, essendo la strada non interurbana.

    RispondiElimina
  10. Significa:
    Fin qui questa zona verde ha avuto nome
    "Parco della Resistenza".

    Da oggi in poi non è sicuro.

    Ti ho trovato anche la metafora politica. Contento?

    RispondiElimina
  11. Scrivendo "intuitivamente" Zu mi ha messo in crisi.

    Perché il punto è che abbiamo due cartelli: il primo dice "divieto di fermata", lo sanno tutti... il secondo... il secondo è una freccia che va in giù... intuitivamente io direi "da qui in poi".

    Ho cercato di spiegarlo alla vigilessa, ma mi ha umiliato brutalmente.

    Comunque pochi metri prima c'era un analogo cartello con la freccia in su, che però distava più di un metro dal ciglio del marciapiede, ragion per cui forse riesco a ricorrere al comma 2 dell'art. 81.

    Però non è vita. Quella macchina ormai l'accendo solo per spostarla.

    RispondiElimina
  12. La 2. la freccia verso il basso indica la fine del divieto in oggetto.

    RispondiElimina
  13. La segnaletica in Italia fa schifo, lo dicono all'Autoscuola.
    Per non parlare della legge dei punti, anche questo lo dicono all'autoscuola. Sto ri-studiando per la patente B e mi hanno già bocciato a teoria , è che sono abituata a leggere, ma non ad imparare a memoria. "Istintivamente" non esiste "un'interpretazione" del codice stradale. Provate a studiarvi l'ultimo tomo per fare la patente B, e poi passate l'esame, passano solo gli extracomunitari, e i bimbi: qualcuno mi saprebbe dire il perchè? Un tipo migliore di istruzione? Forse siamo un po' dispersivi passata una certa età, o è un fattore tutto "culturale"? o_o

    RispondiElimina
  14. la 2 contando i metri dall'incrocio ma nn sono d'accordo con mau: per quel che ne so io il divieto di sosta e fermata col segnale europeo vale 24/24 h (però non ho verificato su internet, giuro)

    RispondiElimina
  15. la freccia in su dice "da qua in su", quindi "da qua in poi". Però riconosco che questi pittogrammi non sono sempre chiari.
    Per fabrizio: direi che hai ragione: qui trovo " In assenza di iscrizioni integrative il divieto è permanente".

    RispondiElimina
  16. sicuramente la 2; nella mia città hanno messo un autovelox tarandolo sui 30 km/h ma non si sono accorti di averlo posizionato subito dopo il cartello di limite dei 30, ma con la freccia in giù, che quindi segnava la fine del limite stesso.
    Per questo hanno annullato tutte le multe fatte da quell'autovelox.
    Max

    RispondiElimina
  17. la 2, anche se è presentata in modo tendenzioso ;)
    per capire le frecce consiglio di ribaltarle (idealmente) sulla carreggiata

    RispondiElimina
  18. Ma Leonardooo!
    la freccia in su significa Da qui in poi, la freccia in giù significa Fino a qui, guarda che ti faccio ritirare la patente eh!

    RispondiElimina
  19. La freccia in giù indica la postazione fissa di una lucciola, a voler fare i pignoli manca il palo del lampione!
    Comandante VVCC Zanardo

    RispondiElimina
  20. Io direi 3, anche perchè qui a Pisa funziona così :(

    RispondiElimina
  21. Fino a qui non puoi nemmeno pensare di accostare.

    RispondiElimina
  22. Significa che fino a lì c'è il divieto di fermata (e di sosta). Da lì in poi, non si sa. lo si dovrebbe intuire dalla segnaletica orizzontale ('e strisce).
    potrebbe tranquillamente essere: fino a lì c'è il divieto di fermata, da lì in poi c'è il divieto di sosta :D

    RispondiElimina
  23. toh, avrei detto (e ho detto, in effetti) che la fine del divieto fosse il cartello di divieto con sotto un cartello con scritto "fine". cioè avrei fatto lo stesso errore di Leonardo. forse sarà che ho preso la patente più di 20 anni fa?

    RispondiElimina
  24. Attento: la metafora politica potrebbe essere molto meno sottintesa di quanto sembri...

    RispondiElimina
  25. io dico la 1 perché quando c'è quel cartello, almeno a Roma, è meglio non rischiarsela. in tutte le direzioni.

    Del resto 'intuitivamente' dovrebbe essere la 1, non la 2. A meno che i segnali non ve li mettono degli schizofrenici, il che è assolutamente credibile.

    RispondiElimina
  26. "il divieto di sosta e fermata vale fino a qui" con la freccia rivolta verso il basso, come da foto. con la freccia verso l'alto è "da qui in poi".

    RispondiElimina
  27. Una volta si usavano "inizio" "continua" "fine" al posto delle più internazionali freccia su, freccia su giu, freccia giu.

    Certo per chi ha preso la patente qualche decennio fa può essere complicato. Io ho 30 anni e quando ho preso la patente già c'erano questi segnali. Leonardo le cose son 2: o sei vecchio o sei smemorato.

    Sulla segnaletica si possono dire tante cose, ma hai preso l'esempio sbagliato :)

    RispondiElimina
  28. Come dicono a Trieste: "No xe vero che manca i parchegi, varda xe pien de posto in dopia fila!" (*)

    Gran bel blog Leonardo.
    Ciao



    (*)non è vero che mancano i parcheggi, guarda è pieno di posto in doppia fila!

    RispondiElimina
  29. DIPLOTTI SEI UN MAESTRO NATO. LE STORIE LE SAI RACCCONTARE TALMENTE BENE CHE MI DIMENTICO DI ESSERE IN UNA AUTOSCUOLA E MI IMMAGINO DI ESSERE AL CINEMA.

    RispondiElimina
  30. ma insomma, la risposta non ce la dai???

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).