giovedì 16 aprile 2009

C'è modo e modo

"Insulto gratuito fatto in modo meschino meschino":



Vignetta "gravemente lesiva dei sentimenti di pietà dei defunti" (l'autore è stato licenziato in tronco dalla Rai):



"Messaggio di pace e di avvicinamento tra le religioni monoteiste" (l'autore è attualmente Ministro della Semplificazione Normativa):


21 commenti:

  1. senza dimenticare la profonda partecipazione del premier ai malati di aids dimostrata con le sue barzellette. O il ricordo delle vittime della shoah. Sempre con le barzellette.

    RispondiElimina
  2. Le barzellette sui desaparecidos, le battute sui kapo dei campi di concentramento...

    RispondiElimina
  3. "Lasciatemi cantaaree.. con la chitaaarraaa in maanoo.."
    "Mi scusi, ma le pare il momento di cantare? Ma lei è Totò Cutugno?"
    "No, sono Mario Apicella. Un italiano vero."

    RispondiElimina
  4. per me l'improvvisazione jazz del grandissimo Vauro stavolta non è stata alla sua altezza.In ogni caso nulla che giustifichi l'ormai familiare censura(che mai riusciranno a farci trovare digeribile)

    RispondiElimina
  5. Direi che questo pezzo e' il commento perfetto alla situazione.

    RispondiElimina
  6. La reazione di Maroni mi sembra più meschina della non felice battuta, che non era offensiva verso gli abruzzesi. Maroni ha dato prova di sciacallaggio mediatico (così come Belpietro fa da anni).

    Ciao

    RispondiElimina
  7. Dopo le polemiche su Vauro, è ancora più assordante il silenzio mediatico, in Italia, sulle battute a caldo del premier ""tendopoli come weekend in campeggio". Sulla satira vauro i giornalisti si dividono. Sull'ironia del premier unanime l'autocensura.
    Quando si dice servilismo...

    RispondiElimina
  8. Profittare del terremoto per attaccare Santoro e mettere fuori Vauro, ricade sotto la definizione di sciacallaggio?

    Se si lascia uno spazio talmente esiguo alle voci critiche, si perde qualsiasi diritto a sindacare sulla qualità.

    RispondiElimina
  9. profittare del terremoto per attaccare Santoro e mettere fuori Vauro non ricade sotto la definizione di sciacallaggio. secondo me sta più sotto la definizione di regime

    RispondiElimina
  10. Se l'anonimo che si chiede sull'uso del termine sciacallaggio che uso io, mi sembrava evidente che lo sciacallaggio di Maroni consista nell'equipararsi alle vittime del terremoto, lui che è stato su quei luoghi e per cui sta lavorando tantissimo in questi giorni, per attaccare la battuta di Crozza che nulla c'entrava con gli abruzzesi.
    Effettivamente le critiche alle trasmissioni di Santono strumentalizzano la qualità e i toni di certi interventi, attaccando anche il contenuto, che è sacrosanto: questo è grave, anche perché una certa informazione equipara l'uno all'altro e nessuno può sostenere il contrario.
    Sul regime si potrebbe discutere per ore...

    Tiba

    RispondiElimina
  11. secondo me santoro sta scontando (giustamente) il peccato che fece lavorando a mediaset. ma chi è senza peccato ecc.
    a me santoro non piace proprio (da allora ho smesso di guardarlo), ma ovviamente come esiste vespa, costanzo, belpietro (!), emiliofede... perché non dovrebbe esistere santoro?
    personalmente ritengo vauro bravissimo (ma mica vuol dire che le sue vignette mi piacciono sempre), non è che in un giornale si censura o si caccia via un vignettista (o un giornalista) per una cosa (eventualmente sbagliata e questa vignetta incriminata non lo era), al massimo il direttore ci s'incazza: sennò forattini bisognava impiccarlo già negli anni '70.

    RispondiElimina
  12. silvio lasciate-che-i-pargoli-vengano-a-me berlusconi, che tira palloni da rugby e si produce nella declamazione di Rio Bo nella tenda-scuola... sob
    (o anche s.o.b.)

    RispondiElimina
  13. Quella sullo sciacallaggio era ovviamente una domanda retorica.
    Sulla qualità, invece, voglio precisare che trovo altissima quella di Vauro, alquanto altalenante quella di Santoro.

    Ma su Santoro c'è da considerare che si tratta quasi certamente anche di una precisa scelta editoriale: Santoro parla ad un pubblico ampio, anche all'interno del bacino elettorale del PdL, per questo da tanto fastidio; il suo toccare corde emotive e viscerali, va a cercare quella parte di pubblico che vota di pancia più che
    di testa, e B&Co non vogliono concorrenza su questo terreno.

    questo anonimo

    RispondiElimina
  14. io sono l'anonimo, anzi l'anonima che ha tirato fuori il regime. e mi riferivo proprio al fatto checome esiste vespa non vedo perchè non debba esistere santoro, come qualcuno ha giustamente scritto più su. però è sempre santoro che viene bloccato, vauro...la vignetta di vauro...santo cielo. non lo definirei sciacallaggio questo. forse approfittare della situazione del terrmoto per farsi belli, è sciacallaggio. ma bloccare qualcuno perchè fa parlare la popolazione dell'aquila che dice "hey, qualosa pare non abbia funzionato", ecco, questo per me è più vicino al regime che allo sciacallaggio.

    RispondiElimina
  15. Credo che sciacallaggio e regime marcino di conserva, almeno fino a che il secondo non possa anche fare a meno del primo (e qui: scongiuri ad libitum ;)

    questo anonimo

    RispondiElimina
  16. La vignetta di Vauro è di orrido gusto, indelicata, e prova solo che è un insensibile. Non critica berlusconi in alcun modo, nè si può dire che mostri una sensibilità di sinistra: è semplicemente brutta, offensiva, e per deridere il piano-casa usa il dolore dei terremotati.
    Vauro non è da censurare, troppo comodo per lui, che poi sembra un santarello: va solamente preso a schiaffi, quegli schiaffi che "aiutano a crescere".

    RispondiElimina
  17. A me non ha urtato, e di funerali ho buona esperienza. Questa nuova epoca vittoriana intorno ai sepolcri mi puzza anche da lontano.

    RispondiElimina
  18. @andrea99boban
    azz!

    Complimenti per la prova di sensibilità e profonda conoscenza dell'animo umano.

    RispondiElimina
  19. Grazie :-) e per inciso segnalare il cattivo gusto che ha avuto Vauro non significa dire che certe "barzellette" del "premier" non fossero altrettanto di cattivo gusto, o che in tutto questo marasma l'unico colpevole sia Vauro. Tutt'altro: colpevole per l'Aquila e simili disastri italici passati è il popolo italiano tutto, per la sua mentalità.
    Andrea

    RispondiElimina
  20. @andrea99bobanVeramente i miei complimenti erano ironici ;)

    Penso tu non abbia compreso che tipo di persona sia Vauro (potrei anche sbagliarmi io, invece, ovviamente) ma a me pare persona sensibile e di cuore; scarogneggia è ovvio, ma direi che è posa (messaggio e schermo al tempo stesso).

    Sul gusto, invece, nulla da dire: ad ognuno il suo ed ognuno è giusto (per definizione).

    RispondiElimina
  21. @leonardo_
    _
    Com'è che si mangia gli a-capo in testa?_
    O forse dopo un anchor?_
    (per test, ho messo un _ ad ogni a-capo)

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).