Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: È sempre più tardi

Pages - Menu

martedì 26 gennaio 2010

È sempre più tardi

Com'è tradizione, l'antichissimo blog Leonardo in occasione del suo 279° compleanno chiede ai lettori di votare il post più bello del 2009. Segue lungo discorso che si può agevolmente  saltare.

(La mia scelta:
Cugghiuni + Business
Seminator di scandalo
Il segreto dell'altalena
Croce e delizia
Il Silvio parallelo
Mamma! Mamma!
Di ronda in ronda
Dagli abbastanza corda
Ogni riferimento è puramente
Voi potete sceglierne anche altri)

"Come? Eh? No, le candeline no. Il mio povero cuore.
Volete che vi racconto? Ma probabilmente la storia la sapete già. Sono io che non mi ricordo più bene quando ho cominciato.
Mi sembra di averlo sempre avuto un blog, più o meno dall’… Ottocentoquindici, mi pare… in quel periodo eravamo in pochi, eh, anche perché il layout dovevi farlo a mano… il codice, dico… lo vergavi con la penna d’oca, nei primi tempi… e quindi non eravamo poi così tanti ad avere la costanza, la… manualità… comunque c’era già Giacomo … lui con lo Zibaldone era un po’ il mio mito, me l’aveva linkato Pietro Giordani che… aveva questa directory di giovani poeti italiani promettenti, che se ci pensi era una cosa da suicidio, allora, mettere in piedi una directory così… anche oggi certo… però a quei tempi… metti che Foscolo un giorno la consulta e non trova il suo sito… minimo ti sfidava a duello… non gli potevi mica dire: “Scusa, Ugo, ma è una directory di giovani promettenti, e francamente tu…” insomma, c’erano equilibri molto complicati.

Ma dicevo di Giacomo. Di lui non è che si sapesse molto, stava in campagna come molti di noi, e gli volevamo tutti molto bene perché… ma fondamentalmente aveva una costanza pazzesca. Ogni volta che facevi refresh qualcosina la trovavi. Spesso era roba pesante, filosofia, linguaggio, però era due secoli fa, forse allora c’era più mercato per queste cose. A me sembrava uno dell’altro mondo, poi un giorno leggendo capisco che si è trasferito a Bologna… allora vado a impegnare i gioielli della mia povera madre per prendere a nolo un biroccio e in un paio di giorni sono là… però non c’era ancora google street view e anche la segnaletica stradale lasciava molto a desiderare, francamente… sicché entro in un’osteria, sotto le torri, e chiedo a lorsignori se conoscono l’indirizzo del poeta Giacomo Leopardi. Silenzio. “Intendo l’autore del pregevole blog lo Zibaldone”. Mi ridono in faccia. Lì per la prima volta ho capito che… la blogosfera non è proprio esattamente il mondo reale… uscendo alla luce del sole urtai un gobbetto, gli feci cadere una borsa piena di carte e mi mandò al diavolo… mi lasciò un pessimo ricordo Bologna, non saprei neanche dire perché… forse capivo che tra il mondo vero e la blogosfera ormai avevo scelto la blogosfera. Vuoi mettere tra discutere di lettere con IppolitoNievo.It o stare per strada a farsi ingiuriare dai brutti gobbi sgorbi?

Manzoni? Non so, me l’hanno detto poi che c’era anche Manzoni, il punto è che non era già il grande Manzoni, era un ragazzo molto timido, che non usciva di casa volentieri, aveva crisi di panico nei luoghi affollati... al giorno d’oggi sicuramente diremmo che è la sindrome di questoquello, ma a quei tempi… Lui stava molto sulle sue e faceva questa cosa, che a me non è mai piaciuta… cioè si cancellava spesso. Magari per un mese scriveva cose fantastiche, fantasie di monache lesbiche, poi un mattino gli saltava il ticchio… cancellava tutto. Magari perché qualcuno gli aveva lasciato un commento livoroso (lui però li bloccava, mi pare), oppure gli era venuta la crisi mistica... Io quelli che fanno così, come Facci, o TheWineGuy, non li ho mai compatiti veramente. Voglio dire, o fuori o dentro, trovate un vostro equilibrio. Però non voglio fare polemica. L’ultima polemica la feci col Tommaseo, mi pare nell’Ottocentoquarantavattelapesca… quanto a Manzoni, era un altro che non usciva di casa volentieri, aveva crisi di panico nei luoghi affollati…

No, all’inizio no, non c’erano classifiche. Non avremmo saputo cosa conteggiare. Dovete capire che con la tecnologia di allora anche una cosa che per voi sembra scontata… non so, lincarsi. Io per lincare un post di Luigi Settembrini dovevo scrivergli fermo posta, e sperare che filtrasse il firewall austroungarico. Le polemiche sullo sbarco dei Mille, poi, francamente… non si poteva fare liveblogging da Marsala, mettetevelo in testa. I borbonici avevano bloccato il protocollo postale, non avevamo né piccioni né segnali di fumo, e poi c’era questo piccolo particolare che dovevamo scannare nemici a mani nude perché avevamo lasciato i fucili a casa. La prossima volta portatevi l’Iphone, cosa volete che vi dica. I giovani la fanno sempre facile.

Lo devo ammettere, all’inizio il telegrafo mi spaventava. Temevo che uccidesse il blog, lo avevo anche scritto… un post dal titolo il blog è morto. Mi davano soprattutto noia quelle abbreviazioni, anche inglesi, SOS per Salvate le Nostre Anime, che roba è? E poi tutti quegli stop a fine frase, stop, stop, stop… insopportabili. Ma davvero ero convinto che il futuro sarebbe stato sintetico, che quelli che amavano le pagine lunghe e complicate, come le mie, fossero condannati… magari chissà avevo pure ragione… nei tempi lunghi…

Invece Marconi lo adoravo. Mi ricordo quando fece quella presentazione, a Londra… tutti si immaginavano un gadget portatile, magari un telegrafo palmare, ma chi si poteva immaginare un congegno wireless nell’Ottocentonovanta… dico bene? O novantacinque?

Va bene, insomma, adesso in che anno siamo? No, fa lo stesso, un anno vale l’altro. Ditemi però cosa ne pensate di quest'anno, perché lo sapete che io tengo soprattutto a una cosa. No, non è la classifica, no. Non sono neanche gli accessi. A me interessa che i miei pezzi siano belli, siano validi, si leggano volentieri. Perciò vi chiedo, come da duecentoepassa anni, di scrivermi nei commenti qual è il pezzo che vi è piaciuto di più. Per favore. Non fate come tutti gli anni che di solito siete un migliaio ma quando c’è da farmi questo favore restate in venti. Cos’è, avete paura a scegliere un pezzo invece di un altro? Tirate la monetina, mica me ne accorgo. Potete anche scrivere il pezzo che vi è piaciuto meno, magari quello vi viene più facile. Coraggio, su, e poi per un altro anno non vi disturbo più. Adesso se vi dispiace devo andare a pisc… no, niente, ormai è tardi. Tanti auguri.

Ma ve l'ho detta quella volta che sono andato a Bologna, perché volevo vedere un blogger, come si chiamava... Entro in un'osteria e..."

70 commenti:

  1. Mamma! Mamma!: sofistico.

    Pika

    RispondiElimina
  2. un puffo a napoli, di gran lunga. secondi a pari merito (ma a lunga distanza dal puffo napoletano) il diavolo nel ripostiglio e di ronda in ronda.
    buon compleanno!

    RispondiElimina
  3. Che scelta difficile!!
    Scelgo "Il Silvio Parallelo", e poi "Mite Agnello Redentor", ma sono pochi i tuoi post che escluderei dai miei preferiti.. buon compleanno!!

    luca

    RispondiElimina
  4. Beh il primo che mi viene in mente, anche perché è tra quelli nella tua lista, è "Ogni riferimento è puramente" però non posso non citare anche il fantastico "La banda dei Luca" che è anche di attualità visto che il nostro eroe si ripresenta ancora una volta pronto a dar scandalo!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. a me son piaciuti un sacco wikimonia, in hoc signo perdes e identità è una statuetta pitturata.
    ce ne sono altri che ora non ricordo, e che di sicuro meritano, ma mi piace particolarmente quando riesci - parlando di un fatto quotidiano - a mettere a fuoco qualcosa di meno contingente, che abbia a che fare con il modo che abbiamo di essere uomini nel mondo di oggi.

    RispondiElimina
  7. Mamma mamma! e Cugghiuni + business!!

    RispondiElimina
  8. Ora ci penso bene; intanto ti volevo dire che mi piacerebbe scrivessi più spesso di film, fino a qualche tempo fa lo facevi

    RispondiElimina
  9. Nell'empireo in omnia saecula saeculorum "Un puffo a Napoli"
    Secondo classificato "Il Berlusconi parallelo"
    Terzo classificato "Il ministro è occupato"

    Catchphrase dell'anno: Il '68 ci ha strasfracellato i coglioni

    RispondiElimina
  10. e aggiungo Grand Prix Quinzaine des Blogueurs alla recensione di Tarantino.

    RispondiElimina
  11. Cugghiuni+Business. Sicuramente ne hai scritti di migliori (anche quest'anno), ma alla fine e' quello che mi e' rimasto piu' impresso.

    RispondiElimina
  12. "Dagli abbastanza corda" lo voto solo io?

    RispondiElimina
  13. "il silvio parallelo", divertentissimo
    mek

    RispondiElimina
  14. io propongo "il popolo del pollice verso".
    oppure "il silvio parallelo", se non entra nelle nomination.

    RispondiElimina
  15. Voto Cugghiuni + Business ho riso due giorni :D

    RispondiElimina
  16. Com' è difficile scegliere... Via, va bene, scelgo "Mamma, mamma".
    Ciao e grazie,
    Barbottina

    RispondiElimina
  17. guarda, io voto per mia mamma, quello su mara carfagna. che voglio dire, adesso mia mamma legge il tuo blog, e io devo commentare in anonimo, sia mai che trovi il mio...
    buon compleanno
    xxx.

    RispondiElimina
  18. io vengo qua per leggere i post sulla scuola, quelli sono tutti, a pari merito, acuti e chiari.

    ma così, al volo, il pezzo più bello che mi viene in mente, quello che ogni tanto mi rileggo, è quello su placido.

    cuore blu

    RispondiElimina
  19. io scelgo sicuramente quello sul lodo alfano ma non mi ricordo il titolo..

    RispondiElimina
  20. il ministro è occupato
    font size=68
    il segno di una resa indelebile
    identità è una statuetta pitturata

    andrea

    RispondiElimina
  21. per me -Internet e quella Stella che brilla lassù---di dicembre un pezzo fantastico .diciamo che è il pezzo di Leonardo che me l'ha fatto incontrare per caso nel web,e ne sono rimasta innamorata...?dell articolo specifichiamo.
    se dovessi rileggere tutti i pezzi che a scritto dovrei vivere 2 vite senza spegnere mai la luce
    e a volte ho bisogno del buio.

    a presto.
    Amelie Anna l'internauta :)

    RispondiElimina
  22. "il Silvio parallelo" vince per distacco su tutti gli altri!

    RispondiElimina
  23. Democrazia a premi, Il ministro è occupato.
    Spero che tu non ti sia stancato, caro vecchietto, e che continuerai a tenerlo vivo questo blog. Auguri.

    RispondiElimina
  24. Scelta ardua... A me è piaciuto tanto "Parlare per non capirsi". Altri, come "Mamma, mamma" e "Cugghiuni + businness" mi hanno fatto ammazzare dalle risate... Grazie comunque per quello che scrivi e per come lo scrivi, leggerti è un gran piacere
    simona

    RispondiElimina
  25. Croce e delizia!
    Ma mi piace molto anche la saga di Elmo (che segue sull'Unità.it...)

    Fede

    RispondiElimina
  26. Voto Identità è una statuetta pitturata. E Font Size=68, il primo post che ho letto di questo blog e da allora sempre. Lo so, arrivo tardi, ma capiscimi, dall'impero austroungarico...

    RispondiElimina
  27. Però devo dirvelo, Font Size=68 è un pezzo del 2003 (ormai ha strasfracellato a sua volta).

    RispondiElimina
  28. Ti leggo da tanto tempo e sei molto bravo. Rispondo alla tua domanda, sul post che mi è piaciuto di più; tra gli ultimi "Tuo sinceramente", poi la saga degli Elmi. Mi piace quando sei vicino ai fatti e se debbo dirti la verità ho apprezzato il tuo stile quando una notte sul tardi ti ho visto in televisione a parlare sull'integrazione.
    milena

    RispondiElimina
  29. un puffo a Napoli è un bel racconto, ma più che per la fiction io ti seguo per gli op-ed. e quindi voto per "Flame!", che non è nell'elenco.

    (tipo quelli che ai congressi di circolo del pd si alzavano e dicevano: "io sono per chiamparino ...")

    e buon compleanno, eh!

    RispondiElimina
  30. "Parlare per non capirsi". Bellissimo. Perché non è nel tuo elenco? E poi il puffo napoletano. Auguri! Nora

    RispondiElimina
  31. Di ronda in ronda, fantasioso, avvincente e illuminante

    RispondiElimina
  32. cugghiuni, identità è una statuetta, croce e delizia. E' sempre un piacere leggerLa, professò

    Davide

    RispondiElimina
  33. Secondo me il segreto dell'altalena è di un altro livello e per questo prende il mio voto. Comunque anche Chi denuncia chi rimane uno dei mie preferiti, assieme a croce e delizia.

    A mio avviso raggiungi la sublimità nel trattare tematiche di carattere morale/religioso, evidenziando le ipocrisie e le contraddizioni del nostro tempo. Da questo punto di vista il tuo lavoro è davvero un irrinunciabile servizio sociale.

    Complimenti.

    P.S.
    Terrei comunque a ringraziarti anche per la tua meritoria opera di insegnante. Penso che la scuola pubblica sia davvero tutto, la nostra più grande conquista, un baluardo contro tutti i mali caratteristici dell'umanità, e sapere che tu sei lì, a difenderci da noi stessi, anche in questi tempi cupi mi fa sentire un filo più speranzoso nel futuro.

    RispondiElimina
  34. Ti leggo da poco, ma dando una scorsa veloce ai tuoi post quello che mi è piaciuto di più è "Pensierini su Dio". (A mio avviso il tuo pensierò è molto simile alle due puntate di South Park "Go God Go").

    Altrimenti direi Mamma! Mamma!.

    Tutto questo perchè il pezzo su Placido è di quest'anno.

    RispondiElimina
  35. Sondate le opinioni degli affezionati lettori, mi parrebbe giusto che il blog accolga anche le loro richieste. Che dici in commiato del vecchio salinger?
    s.

    RispondiElimina
  36. 1)Identità è una statuetta pitturata.
    2)Mamma! Mamma!
    3)In hoc signo perdes

    (non mi annoio mai a leggerti e sei il primo blog nella mia lista di gradimento)

    RispondiElimina
  37. Quest anno ti ho visto bene, dando per scontato l'acume e la profondità dei tuoi post, mi sembravi contento di scrivere sul blog(magari è solo una mia impressione) e questo dava ai pezzi tutta un'altra forza.
    Dico "seminator di scandalo","croce e delizia" ed "è sempre più tardi",nell'ordine che preferisci che mi è difficile,anche rileggendoli, scegliere il migliore.

    RispondiElimina
  38. ciao
    non volevo essere la solita lurker che legge e non commenta, quindi, sebbene non abbia letto il tuo blog continuativamente nell'anno, eccoti la mia classifica tra quelli che mi sono piaciuti e da te suggeriti:
    1.Mamma! Mamma!
    2.Croce e delizia
    3.Ogni riferimento è puramente
    4.Il Silvio parallelo
    grazie
    ciao
    Vale

    RispondiElimina
  39. Ok:
    1. Seminator di scandalo
    2. Puffo a Napoli
    3. Mamma, mamma

    Solo perche' lo ha chiesto Lei inoltriamo codesta classifica ma ma a noi piacciono tutti. (plurale majestatis, l'ho imparato quando devo insultare il compagno di fatto non marito per sua scelta).

    RispondiElimina
  40. questo è niente: vedrai quando, tra qualche anno, usciranno le twitterate di salvatore, giuseppe e gli altri, che si credono blogger ma fanno solo quei post brevi brevi tipo si sta come d'autunno sugli alberi le foglie!

    la mia classifica:
    1) la serie sofismi su israele;
    2) la strategia del verme;
    3) parlare per non capirsi;
    4) proletario, proprio;
    5) tuo sinceramente, a pari merito con plagio.

    RispondiElimina
  41. Seminator di scandalo.
    Un caro saluto
    Fabio

    RispondiElimina
  42. Io voto "dagli abbastanza corda", anche se non fa ridere.

    RispondiElimina
  43. Allora, la mia top3 è:

    1.Mamma! Mamma!
    (una spanna sopra tutti, l'ho linkato praticamente ovunque e consigliato a amici-parenti-sconosciuti conosciuti per strada)
    2.Di ronda in ronda
    3. Corce e delizia

    premio della critica:
    A destra imbecille!

    RispondiElimina
  44. ogni volta che leggo un tuo post penso:
    "ma perche' ancora leggo Leonardo ?"
    poi verso la seconda parte del post penso:
    " ..... ecco perche', questo si che e' un blog da seguire"

    mi dispiace non ho un post preferito
    o meglio, ci dovrei pensare, ma non ho tempo
    non per te, non adesso almeno

    se pero' scrivi un libro lo compro di sicuro

    ciao

    Roberto.

    RispondiElimina
  45. Voto senza dubbio "Mamma! Mamma!" come post PEGGIORE dell'anno. Tra i migliori direi "il segno di una resa indelebile" e quello sulle paraboliche e l'integrazione; molto divertenti le letture recenti di Panebianco e Sartori; fuori concorso Matrix perché anch'io ripeto da tempo praticamente lo stesso.

    RispondiElimina
  46. - Il Silvio parallelo
    - Croce e delizia
    - Mamma! Mamma!

    Questi i miei preferiti, ma grazie anche per ogni altro tuo post.

    Ciao,
    Claudia.

    RispondiElimina
  47. ma perchè proponi per la scelta solo fiction? sono agghiaccianti..dispiace che i tuoi sonni siano così agitati...i peggiori incubi secondo me:
    croce e delizia (unico.)
    di ronda in ronda
    il ministro è occupato
    mamma mamma

    RispondiElimina
  48. sul momento direi che a me e' piaciuto molto quello sulla cittadina con la piazza piu' grande del mondo - anche se non ricordo se era del 2009 o di quando.
    Ma ne dimentico.

    RispondiElimina
  49. Ho imiegato un po' a decidere (tra tanto ben di Dio...) ho riletto con attenzione (insomma, ho eseguito giudiziosamente il compito affidatomi) e alla fine voto "Mamma! Mamma!"

    gf

    RispondiElimina
  50. senza dubbio il Silvio parallelo.... troppo vero per essere verosimile... e poi l'ho linkato ovunque... :)

    RispondiElimina
  51. quello più incisivo di sicuro il Silvio parallelo. altri 1000 di questi giorni.

    RispondiElimina
  52. Il post più bello del 2009? Così sui due piedi dovrei scegliere tra 144 post?
    Non ce la faccio.

    Allora proposta: se le nomination le fai tu ok. Ma altrimenti perché non cronicizzi l'intento? Chiedici ogni 30 giorni il post più bello del mese, poi a fine anno fai scegliere tra i 12 migliori.
    Eh?, che dici?
    Per il voto annuale, intanto ci penso.

    RispondiElimina
  53. Avevo detto Di ronda in ronda ma devo aggiungere anche La proiezione del castello, molto suggestivo: un esempio ottimo di quel tuo tipico passare dall'osservazione di un piccolo fatto contingente a riflessioni sociologiche (e filosofiche) universali. Poi, non so se è voluto, ma mi evoca vagamente L'invenzione di Morel

    RispondiElimina
  54. Che film terrorizzante. No, non è voluto ch'io sappia.

    RispondiElimina
  55. Quel film è una cosa enorme (ma in effetti mi viene l'angoscia solo a ricordare che esiste)

    RispondiElimina
  56. "Cugghiuni + Business" perché secondo me non si discosta molto dalla realtà... e poi a seguire "Il Silvio Parallelo" e "Mamma! Mamma!".

    RispondiElimina
  57. OT: sull'Unità non fanno apparire i commenti.
    Che stranoooo...
    NelloF

    RispondiElimina
  58. Non potendo commentare il tuo articolo "La diabolica e-mail" perche' non sono riuscita a vedere dove cliccare, scrivo qui quello che ti voglio dire.
    Anche io ho ricevuto quella e-mail (di nuovo) e di nuovo non l'ho inoltrata.
    Invece adesso ho mandato il tuo articolo a tutte quelle persone che insieme a me erano i destinatari del file, naturalmente mettendo il tuo nome e cognome e link de L'Unita'. Spero di non aver fatto un reato.

    Ti ringrazio sinceramente.

    Simona

    RispondiElimina
  59. Ma no, nessun reato! Non vi preoccupate.

    RispondiElimina
  60. Sartori che scrive su yahoo answers non ha eguali..
    voto quello.
    Paolo

    RispondiElimina
  61. sai cos'è? Magari quando leggi un post, pensi "questo è davvero il miglior post dell'universo", ma poi è facile che il ricordo non rimanga così nitido. Consultando un po' l'elenco dei post mese per mese e aiutandomi con la memoria, dico: Bastard Sons of Television, Estrazioni del Presidente, un Puffo a Napoli. Ho apprezzato anche Impiastro del 900 e il tentativo di dare dei consigli sui Macchianera Awards.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.