sabato 13 aprile 2013

Il pacco del MoVimento

Non so da voi, ma qui la prassi per eleggere i rappresentanti di classe prevede l'inserimento di un bigliettino ripiegato nella fessura di una scatola. Alla fine si apre la scatola e si spogliano, termine che provoca un'inevitabile ilarità, le schede. Di solito è soltanto dopo aver contato i voti con una fila di x sulla lavagna, e consacrato i vincitori, che qualcuno nota che i conti non tornano: ci sono più x sulla lavagna che votanti, più bigliettini nella scatola che alunni nell'aula. Bisogna ricominciare daccapo. Successe persino a Montecitorio, mentre il parlamento in seduta comune tentava di eleggere il successore del presidente Cossiga. È il broglio più semplice da commettere, e non è il più semplice da evitare. Il passaggio dai bigliettini di carta al digitale non rende di per sé la procedura più sicura, anzi.

Casaleggio, lo si è capito, non è un esperto di internet. Non sa come funziona, nemmeno gli interessa, non è un ingegnere. È un pubblicitario. "Internet" per lui è un marchio da vendere. Cosa faccia poi questa benedetta Internet non lo sa nemmeno lui, non ha importanza, di sicuro sarà qualcosa di bellissimo che cambierà le nostre vite, ci renderà più liberi, laverà più bianco. Non è che si possa chiedere a un venditore professionista di essere consapevole dei limiti tecnici del prodotto che sta vendendo; se lo fosse farebbe un altro mestiere. Quindi, se gli chiedono se si possa fare la democrazia diretta con Internet, lui risponderà di sì, che è possibilissimo, anzi facciamolo subito, affare fatto. Quando poi smonti il pacco e ti accorgi che il sistema concretamente non funziona, si pianta ogni volta che provi a usarlo al 100%, lui ha già la risposta pronta che è la versione politica di quella che vi hanno dato centinaia di operatori telefonici quando avevate il PC in panne: "sarà un virus". Nel suo caso "sono stati gli hacker".

Chi ne capisce un po' di più (io no) sostiene che si trattava di un bug, che ha permesso a qualcuno di inviare più voti. In molti casi probabilmente il voto è stato mandato due volte per sbaglio, come capita certe volte che il sistema è lento e non vi fa capire se il messaggio o il tweet o il post è partito o no, e allora voi in buonissima fede cosa fate? Refresh, e poi vedete il messaggio inviato due volte... Ecco, se stavate votando alle primarie m5s per il Quirinale avete appena commesso un broglio, siete malvagi hacker. Nella ricostruzione di Federico Mello:
non c’è stata alcuna intrusione esterna. Lo spiega bene il comunicato della Bnv, l’azienda specializzata che ha “certificato” le operazioni di voto. Dice infatti: «A seguito di uno dei controlli pianificati, relativo all’integrita del sistema, è stata rilevata un’anomalia, i cui effetti sono stati verbalizzati. L’anomalia ha compromesso in modo significativo la corrispondenza tra i voti registrati e l’espressione di voto del votante». Significa che sono stati registrati più votanti degli aventi diritto. Sempre la Bnv specifica inoltre: «Trattandosi di un controllo periodico non è stato possibile determinare con certezza il momento iniziale della compromissione».
Di hacker, non si fa alcun cenno. E non potrebbe essere altrimenti: la Bnv è una azienda di certificazione, non di sicurezza informatica. Nel suo “chi siamo”, spiega: «DNV Business Assurance Italia svolge, da parecchi anni, un’intensa e competente attività nel settore delle verifiche, ispezioni e certificazioni di sistemi di gestione, prodotti in campo industriale e nei settori dei servizi». Insomma, rispetto a procedure concordate, l’azienda verifica che vengano svolte in modo corretto. E non è un caso che abbia fatto dei “controlli periodici”: non ha le competenze informatiche per “difendere” un server, e non ha sistemi di monitoraggio, né di tracking, di tracciamento, per risalire a possibili incursioni.
Io credo che i militanti del M5S che chiedono insistentemente, da mesi, una piattaforma realmente democratica a Grillo e Casaleggio dovrebbero riflettere seriamente su quello che sta succedendo. Se la tanto promessa piattaforma non è mai pronta, forse non si tratta soltanto di un problema di tempo, come a volte avete letto su beppegrillo.it. Casaleggio avrà anche tanti impegni, ma quello che vi ha promesso, tecnicamente, non ve lo può dare. Il fatto che succeda di nuovo un incidente del genere, dopo i disguidi durante le parlamentarie, la dice lunga. Noi non sappiamo esattamente quanti siano gli iscritti al MoVimento al 31 dicembre 2012 (quelli che avevano diritto di votare), ma Casaleggio sì, lui lo sapeva. Ha tutti i dati necessari a capire quanta gente avrebbe votato ieri e a prevedere i possibili picchi di traffico. Ma non ci riesce. O non ne ha i mezzi o, probabilmente, non ne è capace. Ma non ha la minima importanza, così come non ne ha avuta per le parlamentarie. Non si tratta di eleggere veri rappresentanti: si tratta di vendere l'idea del movimento che decide in rete, con tutto il bello e tutto il brutto della rete, compresi i malvagi hacker inquinatori della volontà popolare. Grillo e Casaleggio non hanno la minima idea del futuro che stanno vendendo: è un pacco, intanto lo piazzano, se poi dentro c'è qualcosa che funziona tanto meglio, ma non dipende da loro. Loro fanno il marketing, loro piazzano il pacco.

Viene in mente la teoria di Steve Jobs su come i venditori rovinino le grandi aziende, quando vanno al potere al posto degli ingegneri. Il M5S non è una grande azienda, è un movimento politico, dentro un pacco. Volete che funzioni? Scartate via il pacco, licenziate i professionisti dei fiocchetti. Sono stati molto bravi, ma da qui in poi possono soltanto rovinare tutto.

22 commenti:

  1. due commenti, uno cattivo sul m5s e uno in qualche modo propositivo (ma alla fine cattivo lo stesso).

    quello cattivo: secondo me il post è sbagliato perché si fonda sull'assunto che agli elettori del m5s questi ritardi e queste incapacità possano risultare fastidiose. in realtà, sembra evidente che il dilettantismo è non solo accettato, ma addirittura esaltato. dunque, un software che si incarta è solo segno di allegro spontaneismo antipartitico, bene così.

    quello buono: ma il partito pirata tedesco ha messo a punto da anni un software che si chiama liquidfeedback, che funziona parecchio bene ed è anche open. perché mai casaleggio non lo traduce in italiano e non lo adotta? viene quasi il sospetto che non abbia voglia di adottare finalmente un software, qualunque sia.

    RispondiElimina
  2. E più divertente è che una buona parte dell'elettorato di m5s ha dato la sua croce in bianco senza avere la minima idea di cosa sia la web-democrazia,hanno votato un leader carismatico,hanno votato un profeta,un bravo venditore, l'ennesimo, non gli è bastato lo psiconano. Hanno invece votato un moVimento che crede di rappresentare il giudizio universale della partitocrazia che si guarda bene di dirti cosa succederà dopo; parlamentari spaesati che attendono il verbo del capo, un po' scemotti che certo non spiccano per la loro personalità, quella è riservata solo al capo. i grillini sono patetici.

    RispondiElimina
  3. Commovente ennesimo tentativo dell'illuminista Leonardo di usare la "semplice" logica per parlare ai grillini o come cavolo si vogliono far chiamare.
    Peccato che questi (ma la considerazione vale in generale per chiunque riponga una fede pigra e fideistica in qualcuno che al suo posto farà la fatica di salvare le chiappe di tutti) non di un discorso molto logico e ben fondato hanno bisogno.
    E quindi, alla fine, il discorso logico fa presa solo su quelli che non sono malati di quella particolare malattia, o almeno non in quel frangente o aspetto.
    Come uscirne, non ne ho idea...

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Saul Acca
      Leonardo non so, ma io ho gradito ;)
      Grazie.

      Elimina
    2. ho notato che il link non si apriva, ma si veniva reindirizzati a un'immagine porno. non so se Claudio sia un troll, io sicuramente non lo sono.
      questo è l'indirizzo giusto www.keinpfusch.net/2013/04/gli-attacchi-hacker-di-grillo.html potete semmai cercare il blog direttamente su google, se proprio non vi fidate.

      Elimina
    3. Fanelli è un paranoide, non vuole essere linkato (metti che qualcuno realmente competente incocci in quel che scrive e gli faccia notare qualche svarione).

      Elimina
    4. @Saul Acca
      Francamente spero di non essere un troll, anche perché un troll che ringrazia è un troll alquanto bizzarro ;) ieri sera il link funzionava alla grande e mi ero letto l'articolo con interesse. Non condivido molte delle idee politiche di Fanelli, ma se un'analisi mi sembra interessante... beh, perché no? La società non dovrebbe essere organizzata su compartimenti stagni in perpetua guerra reciproca, ma su diverse sensibilità che interagiscono fra loro.
      Ieri sera avevo anche fatto un tweet con il link a KeinPfusch (ho pochi follower e molti non parlano italiano)... al momento tale link continua a funzionare.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zanardo fai cascare le palle anche all'antispam.

      Elimina
  7. @ Leonardo:
    commento polemico verso Fanelli?

    RispondiElimina
  8. Ma LOL, te lo sei letto tutto e poi blateri di antispam. E intanto su IPI c'e' chi crede che sia un post serio.
    L'imitazione e' riuscita.
    Il prof. Leopoldo Quadrelli da S.Alcasso sul Petaro tornera' presto. E' un opinionista importante, sai? E' pure stato nei boy scout...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. We have another attack coming from Andrea Zanardo, from Brighton: do you know him? People are usually making fun of him because he is acting like a little child, publishing anonymous comments with paranoiac texts. The strange thing is that he is having this trolling behavior just when he is writing in Italian: it would be good to speak in English, so that his fellows in Brighton can know about his childish behavior.
      So, I repeat: Andrea Zanardo, from Brighton, childish and paranoiac behavior.
      Google.com , may you find those lines?

      Elimina
    2. No ma vabbe', se le canta e se le suona, è primavera, occorrerà variare coi dosaggi.

      Zana', non ho nessun interesse a farti passare per un coglione, quando vuoi fai un cenno e cancello tutto. Ma stai facendo tutto da solo, capisci.

      Elimina
    3. Festeggio i 65 anni dello Stato di Israele, uno Stato dalla economia in crescita (alla faccia della crisi decennale) con una forte identita' ebraica (vedi la affermazione di Lapid e di Bennet alle ultime elezioni). I nemici sono allo sbando. Hamas e Hezbollah stanno finanziariamente alla canna del gas, Abu Mazen mendica riconoscimenti dall'ONU e se ne fa ben poco, i palestinesi un po' ovunque temono la incazzatura dei fratelli arabi che verranno a chiedere conto delle loro simpatie per Assad. L'Iran e' piegato per le sanzioni. Insomma, le grame previsioni del Tondelli gli si rimbalzano contro, lui mastica amaro e si riduce a scrivere commenti in inglese, per richiamare i fellows del sotoscritto. Priceless. Come se io avessi qualcosa da nascondere o di cui vergognarmi nell'essere sionista, laddove invece ho dedicato un post intero a spiegare che eri fuori strada a inventarti sta storia (e tu, ocotto: "si sta inventando i nemici da solo"). E' semplice, Tondelli: tu sei comunista, e stai perdendo. Sei cattolico e la tua religione e' in ritirata sulla scena pubblica, perdendo fedeli (e sponsor) un po' ovunque. Io sono ebreo, e sionista, e oggi Israele compie 65 anni. La storia e' un tribunale impietoso. Cancella anche questa, mi raccomando. E grazie per aver letto fin qui.

      Elimina
    4. Non l'ho scritto io il commento in inglese (credo tu sappia meglio di me chi l'ha scritto).

      Zanardo, sei bestialmente off topic e fidati, non hai l'aria di uno che festeggia. Hai l'aria di uno che vuole assolutamente litigare, non si capisce con chi, non si capisce perché.

      Ti mancava da molti anni qualcuno che ti difendesse da nemici immaginari; finalmente hai trovato qualcosa che nella tua testa può funzionare, buon per te. Ma a farti i complimenti da solo non sembri molto in pace con te stesso.

      Sarai anche ebreo, sarai anche sionista, ma da qualche anno in qua sei soprattutto ridicolo; e questo non rende un buon servizio né ai sionisti né agli ebrei (ai quali va tutta la mia solidarietà).

      Elimina
  9. >Non l'ho scritto io il commento in inglese (credo tu sappia meglio di me chi l'ha scritto).

    non ne ho la minima idea, vedo solo che e' uno convinto che ci sia qualcosa di cui vergognarsi in quel che scrivo. Come te. Ma siete fuori strada.

    > non hai l'aria di uno che festeggia.

    Ho dato per caso l'errata impressione che mi importi qualcosa di quel che sembra a te?

    > Hai l'aria di uno che vuole assolutamente litigare,

    Vero?

    > non si capisce con chi,

    Con te

    > non si capisce perché.

    Perche' sei cattolico, perche' sei comunista, perche' per colpa di gente come te il PD non riesce a rinnovarsi e Berlusconi vincera' al prossimo giro. E perche' calunni Israele.

    > Ti mancava da molti anni qualcuno che

    Lo sai che spostare il discorso sulle presunte caratteristiche psicologiche dell'interlocutore non e' esattamente indice di avere buoni argomenti a disposizione, vero?

    > ti difendesse da nemici immaginari;

    Un cretino che straparla di crisi economiche decennali quando non ce ne sono, e solo perche', secondo i suoi pregiudizi politici e religiosi, li' ci deve essere un fallimento, che in realta' non c'e', non e' un nemico. E' un cretino.

    > agli ebrei (ai quali va

    Vieni a portarli di persona, i tuoi saluti?

    RispondiElimina
  10. È da mesi che ti affliggi per cose che ho scritto anni fa, secondo me non stai bene. Non dai perlomeno questa impressione.

    RispondiElimina
  11. Leonardo,
    la tua nemesi sfigata sta al secondo livello del rosicometro (social network comment)
    http://www.zerocalcare.it/2013/04/15/il-rosicometro/

    o forse sara' la primavera...araba!

    RispondiElimina
  12. Veramente quella fesseria sul professorino italiano che caccia il contadino della Galilea non la hai scritta molto tempo fa. E fa comunque parte dell'armamentario ideologico della sinistra bersaniana,,quella che fa di tutto per perdere le elezioni, con il tuo supporto.

    RispondiElimina
  13. Il troll storico che rosika da mesi perché lo hanno chiamato "professorino", now this is really priceless.

    Hey! Non riesci a sfondare con la tua mediocrissima carriera accademica? Fa' come il prof Andrea Zanardo, join the rabbinato.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).