venerdì 26 luglio 2013

L'apocalisse non è questo gran sballo


Facciamola finita (This Is The End, Evan Goldberg e Seth Rogen, 2013)

Seth Rogen (Seth Rogen) e Jay Baruchel (Jay Baruchel) sono due attori canadesi che magari di nome non vi dicono niente ma appena li vedete in video vi sembra di riconoscerli. Seth ha fatto un po' più di carriera di Jay e vive a Hollywood; Jay non sopporta Hollywood ma è arrivato per il week-end e vorrebbe avere il suo vecchio amico tutto per sé. Seth invece lo trascina alla festa d'inaugurazione della nuova casa di James Franco (James Franco, in una delle sue interpretazioni più convincenti), dove ci sono altri vip che riconosci a malapena e Michael Cera che sniffa come un bidone aspiratutto e tocca il culo di Rihanna (Rihanna). E qualcuno secondo me al cinema ci va semplicemente per questo: vedere Rihanna che prende a ceffoni l'insopportabile strafatto Michael Cera. Jay è sempre più a disagio, e poi... finisce il mondo. Il mondo non fa che finire, al cinema, ultimamente. È il terzo film apocalittico che vado a vedere in un mese. È senz'altro il più bizzarro, ma richiede un po' di pazienza. Ci sono due modi per approcciarsi a Facciamola finita senza liquidarlo come un film dove attori famosi che non conosci tanto bene interpretano sé stessi in assurde scenate di gelosia e scappano da implausibili mostri digitali.

Il primo è stonarsi, prima durante e dopo. Gli autori non ne fanno un mistero: la trama di Facciamola finita è stata buttata giù mentre si passavano la canna, sembra di sentirli mentre si domandano, boh, come funziona l'apocalisse? Come si sale in cielo? Facciamo che si apre un faretto a occhio di bue dal cielo e ti risucchia? Certo, chi non vorrebbe essere risucchiato? Ahahah, risucchiato, hai capito? L'hai capita? E passala, dai. L'altro sistema per penetrare il film è mettersi a studiare il contesto, i generi e i sottogeneri, tanto quanto basta per scoprire che Facciamola finita è una stoner comedy con molta bromance, che si evolve in un apoca-blockbuster. Insomma lo avete capito, io tra la cannabis e wikipedia non ho mai avuto un attimo di esitazione. Il cast del film è lo stesso di una commedia apprezzata anche dalla critica, Pinapple Express, che io ho snobbato, chissà perché? Forse perché in Italia lo hanno venduto al botteghino col titolo Strafumati? Per carità, dal punto di vista commerciale avevano probabilmente ragione. Insomma è una banda di amici che si divertono a prendersi gioco di loro stessi, e questo è notevole: soprattutto James Franco, che si atteggia a collezionista d'arte e poi distrugge le sue opere per barricarsi. Franco e compagni sono attori, tutto quello che sanno è mediato dal mezzo cinematografico: le loro armi sono le armi di scena, quando provano a effettuare un esorcismo usano lo script dell'Esorcista come "manuale". Tra un colpo di scena e l'altro restano barricati nella villa a mettere in discussione i loro rapporti, sicché il modello inevitabile è quello del Grande Fratello. C'è persino il confessionale. Un grande fratello con le celebrità, la droga, e i mostri demoniaci: non male. Cosa manca? Cosa manca? Rifletti bene. Un aiutino: Rihanna viene inghiottita dagli inferi dopo pochi minuti. Cosa manca? Forse ci sono.

Dove sono finite tutte le donne? (Continua su +eventi!)

5 commenti:

  1. Francamente leggendo la tua recensione mi sembra il film peggiore che hai recensito.
    Non in base a mie conoscenze provenienti da altre fonti (sino a 10 minuti fa non sapevo nemmeno questo film esistesse), ma solo in base alla tua recensione.

    RispondiElimina
  2. No, non direi, è senz'altro una commedia sopra la media stagionale. Il più brutto forse è quello di Refn, non conosco nessuno a cui sia piaciuto. Quello che mi ha deluso di più forse Lincoln.

    RispondiElimina
  3. Il concetto di "migliore" e "peggiore" è alle volte soggettivo: diciamo che fra tutti quelli di cui ho letto una recensione su queste pagine, è quello che mi ispira di meno.

    RispondiElimina
  4. emma watson che spacca sei culi alla volta però...
    però secondo me ti paga il pd, forse proprio letta per tenere le nostre menti occupate con le caz... scioccherie
    o forse c'è il solito sottotesto di un solito cattolico antisemita e ce l'hai sempre con grillo e l'apocalisse...
    tu vai a vedere film senza farti canne prima, ma io cercavo d'immedesimarmi in alcuni dei tuoi commentatori soliti (che forse sono già in ferie, peccato) che invece fumano assai, però delle robe cattive che li mandano in paranoia...
    comunque ci ho una lista così di film da non vedere... de 'sti tempi (de 'sti portafogli) mi va anche bene, sto risparmiando un sacco di soldi (a non vedere film si risparmia)
    cioè, per dire: sarebbe un ringraziamento, contorto, ma ringraziamento

    RispondiElimina
  5. Dalla recensione ricorda tanto tanto tanto SKILINE del 2010 che han dato da poco su Italia 1. Strafatti e mostri e risucchi azzurri. Però donne ce n'erano.
    https://www.youtube.com/watch?v=aYzr0jNBqp8

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).