martedì 15 ottobre 2013

I nazisti, potendo



I nazisti, potendo, avremmo dovuto combatterli quando erano vivi e armati.
Non centenari.
E morti.

36 commenti:

  1. In effetti tanto accanimento contro un nazista cadavere quando tanti altri sono vivi e vegeti sembra esagerato. Avrei una proposta: se ne faccia carico quella stessa Chiesa cattolica che assicurò a Priebke come a tanti altri camerati tedeschi, austriaci, croati, italiani, ecc. rifugio, salvocondotti, fondi, nuove identità. Operazione Odessa dell'argentino Uki Goni descrive luoghi, meccanismi, percorsi di questa pia rete.

    Mafalda

    RispondiElimina
  2. Sì. Oppure no. Sì, perchè sì, non c'è nemmeno da spiegarlo. Ma anche no, perchè se anche siamo andati sotto quel minimo sindacale di decenza che come popolo avremmo dovuto, prima e dopo, è comunque salubre che si ribadisca a quelli che si riempiono la bocca di onore, eternità e "noi non dimentichiamo", che il tempo è comunque gentiluomo, anche quando servito da vigliacchi e straccioni come noialtri. Si ricordi che si vive in fuga e poi si muore così, dimenticati, braccati, vinti, e in terra straniera.

    RispondiElimina
  3. Li abbiamo anche combattuti vivi e armati, contribuendo ad allontanarli da qui. Quelli dopo il 45 sì, non ci siamo impegnati molto, e comunque schifarli anche putrefatti ha un suo perché.

    RispondiElimina
  4. Ce n'è ancora di vivi e armati, magari nascosti sotto altre divise e nadierine, alcuni non sono nemmeno nascosti e portano gli stessi simboli, e venerano quelli centenari e morti. Un motivo in più per rifiutarne ogni sepoltura e disperdene i reste a perpetuo esilio dalla terra.

    RispondiElimina
  5. Dovrei rattristarmi perchè nessuno vuole la salma? Ma per carità.
    rosalux

    RispondiElimina
  6. Signori, per l'orrore del nazismo non ci sono parole...non dimentichiamoci delle foibe però...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora le foibe ???!?!?!1!!1!?

      Elimina
    2. Non capisci il collegamento? Ti aiuto io....orrore...abominio...

      Elimina
    3. i come ira di dio...doppia t come terrore e tragedia...
      l come lag di sang...a come adesso vengo e ti sfaccio...

      Elimina
    4. si signor Leonardo credo che debba cancellare certi messaggi altrimenti si rischia la deriva...

      Elimina
  7. io non so.. sembra che priebke ci abbia fatto un torto, morendo!

    RispondiElimina
  8. Condivido.

    Al di la del merito, solo a me fa schifo che in un paese civile un sindaco possa alzare la cornetta e proibire un funerale, o che un prefetto possa alzare la cornetta e autorizzarlo?

    RispondiElimina
  9. Indegno chi, potendo, non lo ha fatto. Onore a chi, potendo, è andato appunto a combattere i neonazisti che intendevano onorare un cadavere che non merita perciò nemmeno sepoltura.

    RispondiElimina
  10. Qualcuno lo ha fatto. Quanto a noi (italiani di oggi), ormai riusciamo a essere indecorosi anche quando abbiamo ragione.

    RispondiElimina
  11. Un nazista vivo è solo un vecchietto intronato e nostalgico. Morto, diventa una lapide e un simbolo. Torna improvvisamente giovane in morte perché diventa la memoria delle sue azioni. Mi sembra chiaro, perché ti stupisci?
    Andrea K

    RispondiElimina
  12. Lui, potendo, avrebbe dovuto pentirsi quando era vivo e disarmato.
    Invece non l'ha fatto nemmeno da centenario.
    Nemmeno da morto.

    RispondiElimina
  13. banalmente, mi risulta che i cimiteri siano piendi di corpi di assassini non pentiti.e questo è un argomento generale.
    l'aspetto religioso lo lascio alla Chiesa e non mi riguarda, seppellire è un dovere anche laico. e a farlo subito, senza grandi dichiarazioni sdegnate, sarebbe stato meglio.
    e vincente, perchè avrebbe dimostrato che il nazismo è stato battuto non solo dalle armi, ma dalla Storia. l'obio di un funerale e una sepoltura qualunque, senza tv, senza giornali, senza nulla sarebeb stato il nostro massimo segno di disprezzo.

    RispondiElimina
  14. peronalmente andava bene daje foco!
    tuttavia mi rendo conto che la legge stabilisce altro. quindi direi di attenersi alla legge, qualunque cosa dica. poi fa bene il sindaco di roma a fare il possibile perché il nazi non sia seppellito nei cimiteri all'interno del comune, ci mancherebbe
    potremmo chiedere agli americani di "seppellirlo" vicino a bin laden, ma credo che le rendition dei morti siano troppo anche per gli americani
    e poi, secondo me, andrebbero combattuti i nazi vivi, soprattutto i nazi dentro di noi
    mi spiego:
    il msi stimolava l'anima nazista e xenofoba che alberga in ognuno di noi, limitatamente a certe fasce sociali e a certe zone del centro italia
    negli anni scorsi la lega (faccio un esempio) stimolava l'anima nazista che alberga in ognuno di noi, però limitatamente a certe zone del nord italia
    ora c'è il duo grillo-casaleggio che stimola sempre il nazista che alberga dentro di noi, però in modo interclassista e diffuso in tutta italia
    ecco, dovremmo combattere il nazista che alberga in noi e che è pronto a uscire improvvidamente (senza contare quelli che il nazista gli è già uscito fuori)

    RispondiElimina
  15. Chi siete voi per giudicare, tu vicario di Roma Vallini e tu ordinario militare Marcianò, caso grottesco di generale-arcivescovo? Non mi rivolgo ai sindaci di Roma e di Pomezia siccome non ho fiato da sprecare, ma solo ai prelati che negano od ostacolano i funerali cristiani al cattolico praticante Erich Priebke. Voi Vallini e Marcianò siete peggio dei tradizionalisti che, per criticare Pietro, si mettono a livello di San Paolo. Voi rispetto all’apostolo vi ponete addirittura sopra, calpestando la Lettera ai Romani per la quale “chi è morto è ormai libero dal peccato”. Dovete tornare a catechismo e ripassare le opere di misericordia corporale (settima: Seppellire i morti) e spirituale (sempre settima: Pregare Dio per i vivi e per i morti). Chi siete voi per giudicare un vecchio di cent’anni? Un morto non appartiene ai chierici né ai politici né ai giudici, un morto attende il giudizio di Dio e negargli i funerali è un pregiudizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siccome non hai fiato da sprecare, potevi tagliarla assai più corta. A me non interessa sapere cosa dovevano fare gli altri (c'è una legge e c'è un buon senso), soltanto quello che dovrei fare io. Di fascisti e nazisti ce n'è parecchi vivi, e giovani, e non sono soltanto quelli che vanno alle adunate. Mi terrei le energie per loro.

      Elimina
    2. Leo, quando hai un minuto togli il post di minaccia...altrimenti è ...paradossale
      Grazie

      Elimina
    3. ...il 9 commento partendo dall'alto...

      Elimina
    4. Questo? http://youtu.be/ykXELmqm52c?t=38s

      Elimina
    5. Credo che sia bello e sano poter sdrammatizzare ...ma ..mettere in burletta il genocidio di milioni di persone...mi sembra a dir poco di cattivo gusto..magari mi sbaglierò io eh...

      Elimina
    6. Se dovessi censurare il cattivo gusto, addio.
      Comunque credo che l'anonimo volesse ironizzare sull'abitudine di tirare le foibe in ballo in qualsiasi argomento (mania anche questa di cattivo gusto).

      Elimina
  16. Montanelli non avrebbe saputo dir meglio. Non è un complimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in questa occasione a me ha ricordato il miglior belpietro...

      Elimina
  17. ma leonardo ha cancellato dalla memoria la resistenza

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Premettendo che io sulla tomba di Priebke ci piscerei volentieri ma non lo faccio (e non per rispetto del morto, ma perché ho una dirittura morale) ecco spiegato con poche immagini il perché non si poteva e non si doveva fargli un funerale e seppellirlo in Italia: noi siamo un popolo profondamente immaturo, ed era logico prevedere tafferugli tra fascistelli e nazistelli del cazzo e maramaldi che si sentono grandi solo perchè prendono a zampate una bara. Anzi, a volte ho l'impressione che non siamo nemmeno un popolo: siamo un'accozzaglia di gente che vive insieme per colpa del fato, guardandosi perlopiù in cagnesco.

    RispondiElimina
  20. Continuo a non capire perché si sia consentita all'avvocato Giachini una gestione tanto sventata del post-mortem.
    Sarebbe bastato obbligarlo a dare comunicazione del decesso a esequie avvenute, come in realtà previsto dalla prassi e dal buon senso nel caso di personaggi controversi

    RispondiElimina
  21. Ma tipo un bel funerale a porte chiuse in luogo segreto e riservato ai familiari stretti? Non sarebbe stato meglio invece di tutto questo can-can?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah Claudio...macchè stai addì......le porte chiuse i nazi sfasci le sfonnano a spallate....

      Elimina
  22. Io mi chiedevo: ma adesso che c'è il reato di negazionismo il troll zanardo non potrà più farneticare dell'inesistenza dei massacri dei palestinesi. Commetterebbe un reato no?

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).