lunedì 13 aprile 2015

A certe feste si va per litigare: il caso 25 aprile

In 1500 caratteri la farò semplice. Questa è la bandiera della Brigata Ebraica, che diede un nobile contributo alla guerra di liberazione dal nazifascismo.



Bella. Questa è quella dello Stato di Israele, nato poco più tardi, che da tempo occupa alcuni territori dove secondo la comunità internazionale dovrebbe sorgere lo Stato di Palestina.



Pur simili, rappresentano cose un po' diverse. Perciò credo sarebbe stato utile, negli anni scorsi, portare nei cortei del 25/4 soltanto la prima, magari cogliendo l'occasione per spiegare che non era la seconda; e che la stella in sé rappresenta l'ebraismo, non uno Stato che ha una storia gloriosa ma non ha contribuito alla guerra di liberazione italiana (non ha fatto in tempo), e in questo periodo sta occupando territori di un altro Stato.

A quel punto chi venisse comunque a fischiare non ci lascerebbe dubbi: non fischierebbe Israele, ma l’ebraismo. Non esprimerebbe un sostegno alla Palestina, ma il proprio antisemitismo. Purtroppo non è mai successo.


Perlomeno, in tutte le foto che mi è capitato di vedere di cortei del 25/4, per ogni bandiera della brigata ebraica ne ho vista una dello Stato di Israele. E quindi? Niente, fate come credete. Ma non venite a dire che il 25 aprile è di tutti e che non volete litigare. Il 25 aprile non è mai stato di tutti; c’è sempre stato qualcuno che voleva litigare. Chi viene con la bandiera di Israele - e vuole fuori quelli con la bandiera della Palestina - non sarà il primo, ma non è da meno.

10 commenti:

  1. (ma cos'è questa dei 1500 caratteri? una punizione? una scommessa? un fioretto?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va male, rivoglio il blogger più prolisso del web !

      Matteo Z

      Elimina
  2. L'eccessiva sintesi ti ha portato a scrivere "Purtroppo non è mai successo" come se fosse relativo al fatto che qualcuno debba esprimere il suo antisemitismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno si farebbe chiarezza. Certo, si correrebbe il rischio di scoprire che se non sostieni Netanyahu non ti fischiano poi in tanti.

      Elimina
  3. Logica ineccepebile. Secondo la stessa logica, non si dovrebbero vedere neppure bandiere di Rifondazione, giusto? Dopotutto Rifondazione non ha contribuito alla guerra di liberazione italiana - non ha fatto in tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rifondazione ha una bandiera? Si sono messi d'accordo almeno su quella?

      Per me comunque possono venire con la bandiera che vogliono. È che non capisco la differenza tra filopalestinesi che non vogliono la bandiera di Israele e filoisraeliani che non vogliono la bandiera della Palestina.

      Elimina
    2. Io non vorrei davvero fare quello che interviene sempre a criticare, leggo questo blog da anni, però volevo solo dire che dopo tutti questi capziosi distinguo la Brigata Ebraica ha partecipato con la propria bandiera al corteo di Milano, ed è stata accolta dal grido "Sionisti carogne tornate nelle fogne".

      Elimina
    3. Non credo che mi leggano, però decidendo di non portare la bandiera d'Israele hanno fatto la cosa giusta.

      Elimina
  4. Giustissima, sono d'accordo anch'io, e sono d'accordo sul fatto che difficilmente frequenteranno queste latitudini: dico solo che, curiosamente, è solo a loro che si richiede di fare cose più o meno giuste (meglio: che si richiede di fare), e sono solo loro a prendersi - comunque, qualsiasi cosa facciano - gli insulti.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).