giovedì 19 ottobre 2017

Cesare Battisti (odiarlo è così facile)

Ancora una settimana di tregua, e poi torneremo a odiare Cesare Battisti. Il 24 ottobre la Corte Suprema brasiliana esaminerà la sua situazione, e a quel punto forse capiremo se ci sono i margini per un’estradizione in Italia di quello che ormai è diventato – suo malgrado – il più famoso terrorista italiano. Al punto che il candidato premier del M5S, Luigi Di Maio, di recente l’ha tirato in ballo mentre chiedeva giustizia per “gli anni dello stragismo”. Ci sarebbe quel piccolo particolare che Battisti non è uno stragista, ma l’errore è comprensibile. A Di Maio serviva un esempio famoso, un tizio di cui negli ultimi anni si è sentito parlare, una faccia vista in tv: e negli ultimi dieci anni l'onere di interpretare il ruolo d irriducibile degli anni di piombo è toccato a lui.

Ha anche la faccia giusta, diciamolo, perfetta per i titoli di un tg: troppo spesso ai fotografi ha mostrato quel tipico di ghigno da criminale impunito. Mentre i volti di tanti altri reduci dello stesso periodo sbiadiscono negli archivi cartacei, lui continua a trovarsi davanti ai flash delle macchine digitali, e a volte la cosa sembra piacergli: dopo l’ultima scarcerazione, all’aeroporto saluta i giornalisti alzando il boccale di birra che ha in mano – ovviamente scriveranno che stava brindando. Nel frattempo in giro per il mondo c’è almeno una trentina di terroristi latitanti, ma Battisti è l’unico che fora il video. Alessio Casimirri, uno dei brigatisti rossi che falciarono la scorta di Aldo Moro, ha sei ergastoli da scontare: gestisce un ristorante a Managua. Un po’ più vicino si è fermato un suo complice, Alvaro Lojacono, che ha acquisito la cittadinanza svizzera. Casimirri e Lojacono rientrano nella definizione tecnica di stragisti, ma è possibile che Di Maio non ne abbia mai sentito parlare: non hanno più bisogno di scappare e non fanno più parlare di sé.

(Ho scritto un pezzo per TheVision, sul solito caso Battisti).

11 commenti:

  1. il tuo - in questo caso - mi pare un classico caso di benaltrismo. perché battisti deve anna' in galera? perché è un assassino condannato all'ergastolo. perché lui sì e gli altri no? boh, da qualche parte si deve cominciare, magari diventa un bel precedente. poi oh, magari ci hai pure ragione sui giornalisti, ma non è che siccome sta sul cazzo a questo o a quello se deve risparmia' l'ergastolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh, son d'accordo con te, ma... sicuro che Leo abbia scritto che Battisti non deve andare in prigione? Io ho riletto e non mi sembra.

      Elimina
  2. naaaa ma dai: odia weinstein con tutti noi invece. quel perioduccio su hollywood babilonia è troppo poco.

    ...sei pure critico cinematografico!

    RispondiElimina
  3. "Casimirri e Lojacono rientrano nella definizione tecnica di stragisti": Non è affatto vero. Non lo è per la definizione del reato di strage del codice penale. Non è vero perché sono stati entrambi condannati in contumacia all'ergastolo nei processi Moro, ma mai neppure accusati di strage.
    E soprattutto non è vero perché lo stragismo è una forma di terrorismo distinta dal brigatismo. Il ricorso alle stragi indiscriminate, contro la popolazione inerme (bombe alla banca di Piazza Fontana, al comizio di Piazza della Loggia, sui treni, alla stazione di Bologna...), è stato tipico del neofascismo, su input o sponsorizzazione di Stato. L'attribuzione delle stragi all'estrema sinistra faceva regolarmente parte del piano.
    Per provare che i due brigatisti sarebbero 'tecnicamente stragisti' metti un link alla condanna di due neofascisti per la strage di Brescia: che c'entra, che informazione sarebbe? Critichi quel diMaio per uno svarione antistorico su Battisti, e raddoppi su brigatisti?
    Quelli delle BR, a differenza degli stragisti, non mettevano bombe, e rivendicavano le uccisioni dei 'nemici', il 'cuore dello Stato' e chi lo proteggeva. Quelli dei PAC di Battisti sparavano a macellai e gioiellieri, ma giustamente ricordi che non erano stragisti.
    Se non si vuole liquidare tutto il passato come storia criminale (un ergastolo vale l'altro, e chissenefrega perché), bisogna provare a storicizzarlo con informazioni corrette: cosa che quando c'è canea di stampa risulta impossibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' in imbarazzo perché nel pezzo che ho mandato quel link non c'era: è ovviamente sbagliato.

      Casimirri e Lojacono rientrano in una definizione tecnica di strage perché "al fine di uccidere", hanno compiuto "atti tali da porre in pericolo la pubblica incolumità" (art. 422) - mi sembra difficile dimostrare il contrario: hanno fatto fuoco per strada. Il fatto che appartenessero a un gruppo che non metteva bombe e rivendicava le azioni non è cambi la cosa. Poi se sono stati condannati con altre imputazioni, pazienza: il senso era che se proprio vogliamo cercare degli "stragisti", abbiamo chi si avvicina molto di più al termine.

      Elimina
    2. Se proprio vuoi cercare degli stragisti, cita gli stragisti veri, per esempio Delfo Zorzi -per quella strage di piazza Fontana, che siccome sembra non abbia vittime, non se ne parla. E il link spontaneo avrebbe avuto senso.
      Citi il codice penale, quasi che la magistratura, per qualche bizzarro motivo, abbia evitato di qualificare quell'episodio Se proprio vuoi cercare degli stragisti, cita gli stragisti veri, per esempio Delfo Zorzi -per quella strage di piazza Fontana, che siccome sembra non abbia vittime, non se ne parla. E il link spontaneo avrebbe avuto senso.
      Sarà perché la frase che menzioni, “al fine d’uccidere”, non corrisponde all’azione di via Fani, che fu realizzata “al fine di sequestrare” Aldo Moro. Non è un dettaglio di lana caprina.
      E ‘Stragismo' è definizione politica, qualcosa di più che 'far fuoco per strada'. La destra sarebbe ben contenta di trovare un solo caso in cui gli stragisti erano dell'altra parte: guarda come ci provano con la 'pista rossa' per la strage di Bologna.
      Colpire la ‘popolazione inerme’ in modo ‘indiscriminato’, facendone strage, è altra cosa da quello che fecero: colpire i ‘nemici’ armati (uno rispose al fuoco), evitando di far vittime tra gli ‘estranei al conflitto’ (il fioraio Spiriticchio, per dirne uno).
      Che questo non cambi i termini delle condanne all’ergastolo, non è in discussione. Neppure si può discutere in termini morali -se una cosa fosse ‘meglio’ dell’altra- ma in termini storici oggi, dopo 40 anni, si può essere categorici. L’approssimazione (‘abbiamo chi si avvicina molto di più al termine’) è pressappochismo che serve solo ai forcaioli.
      Gli stragisti non erano brigatisti, e i brigatisti non furono stragisti.

      Elimina
    3. Anni fa quando scrissi un altro pezzo su Battisti citai proprio Zorzi; nel frattempo però è stato assolto, per cui definirlo "stragista" sarebbe ancora più impreciso.

      Elimina
    4. !!! Qua mi confondi. Ok, Zorzi no perché assolto dall'accusa di strage. Ma allora Casimirri e Lojacono, che non sono neppure stati accusati di strage?
      La 'definizione tecnica' dovrebbe valere per tutti, o altrimenti ha ragione diMaio e Battisti è uno stragista.
      Il pezzo è buono, uno sguardo necessario -il titolo dice tutto- fondato su informazioni corrette. Peccato distruggerlo con un riferimento insensato a un altro caso.
      Avevo buttato lì Zorzi, citato da qualche articolo.
      Però il riferimento giusto c'era già: proprio quel link misterioso, che porta ad un articolo sulle condanne per la strage di Brescia.
      Quello stragista condannato, Maurizio Tramonte (di Ordine Nuovo, come Zorzi) è attualmente sotto arresto estradizionale in Portogallo. Ha fatto ricorso contro la decisione di estradizione.
      Le legislazioni in materia di Brasile e Portogallo sono molto simili. Per esempio, non ammettono l'estradizione per condanne all'ergastolo (devono essere commutate in pene temporali).
      Il parallelo con il caso Battisti (per non dire la risposta alla sciocchezza di diMaio) è esemplare.
      La differenza: NESSUNO PARLA DI TRAMONTE. Tanto quanto Battisti è nella top-ten dei personaggi più odiati, Tramonte è in quella dei più ignorati, se non sconosciuti.
      Forse perché l'hanno arrestato che pregava alla Madonna di Fatima?

      Elimina
    5. Completamente d'accordo con dementio memoriae.
      Le azioni delle BR non erano "stragiste", e non solo (e, per quanto mi riguarda, non tanto: le cose tecniche non dovrebbero essere impugnate in maniera amatoriale) codici alla mano: hanno combattuto una guerra; su cui "si può dire quello che si vuole" a livello di giudizi politico, morale, persino psico-qualcosaltro ("figli della borghesia impazziti perchè non c'erano ancora i videogame"); ma guerra fu, e combattuta molto più onestamente di come tanta altra gente combatte le sue guerre — su tutti il nostro capubastuni (per cui nel frattempo siamo decaduti a picciotti di poco o nessun conto…).

      Il fatto che si parli con totale nonchalance di brigatisti rossi come terroristi o persino stragisti (ovviamente senza neppure accennare alla simpatia, se non consenso, che tante loro azioni suscitarono, e per un tempo neanche così infimo) la dice lunga sul famoso discorso della storia scritta dal vincitore; il cui portato è devastante, perchè fa vittime indiscriminatamente, anche tra gente in gamba (come appunto Leo); come una vera e propria strage.

      Elimina
  4. Peccato davvero, stavo quasi per condividerlo, ma quelle ultime righe sono proprio uno scivolone, brutto e uguale a quello di Di Maio. E nei commenti ahimè, caduta libera: “Casimirri e Lojacono rientrano in una definizione tecnica di strage perché "al fine di uccidere", hanno compiuto "atti tali da porre in pericolo la pubblica incolumità". No, non ci siamo, il perché l’ha spiegato perfettamente ed esaustivamente Dementio Memoriae. A Via Fani un gruppo armato attaccò un gruppo di uomini altrettanto armati. Non ci furono vittime tra civili perché i brigatisti fecero in modo di non coinvolgere nessun civile, in quella come in altre occasioni. Questo è il fatto storico. E per la Storia i brigatisti non sono stragisti.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).