Pages - Menu

venerdì 4 gennaio 2002

Sono tornato e sto bene. E' bello tornare a casa.
Cioè, sarebbe bello, ma non c'è nessuno e il riscaldamento l'avevo proprio spento, per cui si gela. Sarà una lunga notte, e domattina devo prendere un autobus (quanti euro fa un biglietto?)
Per una settimana non ho scritto niente, n i e n t e. Adesso ho come un tappo in testa, e non so come e quando salterà. Questo viaggio è stata una piccola cosa, ma per quanto piccola comunque molto, davvero molto più grande di me.
Buon 2002 a tutti.

1 commento:

  1. Chi leggeva sapeva che ero appena tornato dalla Palestina. Invece i miei famigliari non dovevano capirlo. Ufficialmente ero in Spagna da amici (abbiamo tutti amici in Ispagna).

    In Palestina eravamo in parecchi (anche coi capelli grigi) ad aver mentito alle famiglie. E una cosa curiosa, di cui si scherzò molto tra un posto di blocco e un altro, è la lista di incidenti e catastrofi naturali che capitarono in tutti quei luoghi da dove i nostri parenti credevano che noi telefonassimo.

    Rimpiango molto di non aver tenuto un diario di quei giorni. Facevo fatica a capire quel che vedevo, ma ora fatico persino a ricordarmelo. Ci sono senz'altro cose che ho voluto dimenticare.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.