domenica 3 febbraio 2008

giocando all'Italia

Le nuove avventure di Fesso e Stronzo

"Ciao, ti va di giocare?"
"Va bene, ma a che gioco?"
“Giochiamo all'Italia!”
“Va bene, allora io faccio lo Stronzo e tu il Fesso”.
“Perché tocca sempre a me fare il Fesso?”
“Perché ti viene naturale. Allora, facciamo che governo il Paese”.
“Ma non vale, sei uno stronzo! E rubi anche!”
“Allora faccio una legge che dice che si può rubare”.
“Ma poi la gente lo scopre e non vota più per te!”
“Mah, chissà. Comunque posso fare una legge per cui, anche se perdo le elezioni, chi le vince non riesce a governare!”
“Non riesco a crederci. Come fai ad essere così stronzo?”
“Mi viene naturale”.

[...]

“Comunque hai perso le elezioni! Tie'!”.
“Non ci credo, ricontiamo”.
“Riconta quello che vuoi, tanto hai perso! Hai perso!”
“Sì, ma di poco. È meglio che ci mettiamo a governare insieme”.
“Ma neanche per sogno, ho vinto io e governo io”.
“Vedrai che cadi tra una settimana”.
“E invece no”.
“Vedrai che cadi tra un mese”.
“E invece no”.
“Vedrai che cadi tra un anno”.
“E no, no, no... ops”.
“Aha! Lo vedi che sei caduto!”
“Ma non è colpa mia! La tua legge elettorale faceva schifo!”.
“Non mi frega niente, sei caduto. Rifacciamo le elezioni”.
“Aspetta! Se rifacciamo le elezioni con questa legge schifosa...”
“Vinco io, embè?”
“Ma anche se vinci, farai una fatica matta a governare, come l'ho fatta io”.
“E a te che te ne importa?”
“Ma aspetta, scusa, aspetta un momento! Troviamo un accordo! Facciamo una legge più seria. Così, dopo, se vinci tu...”
“Se vinco io...”
“...puoi governare per cinque anni senza cadere!”
“Non riesco a crederci. Come fai ad essere così fesso?”
“Mi viene naturale”.

30 commenti:

  1. vedi che non aveva proprio tutti i torti quando ci definì coglioni?

    RispondiElimina
  2. purtroppo Stronzo non è così fesso da non sapere che, più tempo passa (anche solo qualche mese) e più ci sono possibilità che lui non vinca (o comunque diminuisca il suo vantaggio). lo sa persino Fesso (che evidentemente non è fesso al punto di non saperlo).

    RispondiElimina
  3. Anzi,assolutamente ragione.
    E le prove si sono avute ben prima di questo acuto post di Leonardo.
    Chi sono stati ii primi a minare e abbandonate il governo Prodi? Mastella? Dini? Veltroni? Il PD? Turigliatto?
    No, I SUOI ELETTORI STESSI.
    CHI ha fatto precipitare i sondaggi sul governo a pochi mesi dalle lezioni? Gli stessi che l'avevan votato.
    Non era ancora partito e già si agitavano: "allora, che s'aspetta a venir via dall'Irak? E I DICO, quando li famo? Ah, ber mi' Zapatero! Ma che governo de sinistra è questo?"
    Sfuggiva loro che sto governo "de sinistra" si reggeva al Senato solo coi voti di: Andreotti, Mastella, Dini, Fisichella, Di Pietro e perfino Cossiga.
    Gente di DESTRA, fino a prova contraria.
    E che SENZAil beneplacito di questi si crollava e tornava il Berlusca.
    Ma loro bollivano: e lo scalone e l'afghanistan, ah come siamo DELUSI!!
    Il manifesto, rifondazione ecc. lì a chieder a gran voce a chiedere una svolta sociale, a sparare contro Prodi a palle incatenate.
    Mica che avessero torto in assoluto, solo che seguendo i loro consigli il governo sarebbe caduto in due mesi.
    Se gli elettori, specie quelli di sinistra avessero sostenuto questo governicchio forse ora non avremmo Berlusca alle porte, quanto meno sarebbe stato ben più difficile per un Mastella o un Dini abbandonare un governo che godeva del favore popolare.
    In mancanza di quello è stato facilissimo: Berlusconi può a buon diritto ringraziare il popolo della sinistra e dirci: ve l'avevo detto no? Che siete i soliti C...
    Al di là di ogni ragionevole dubbio.

    RispondiElimina
  4. aaahhh... volevo ben dire che alla fine era tutta colpa dei poveretti che si aspettavano che un governo da loro faticosamente eletto rispettasse almeno un paio delle cosine (centinaia) promesse in campagna elettorale e scritte in un bel librone. sotto sotto sono loro che hanno fatto cadere un governo che non poteva mantenere niente di quanto promesso perchè era ostaggio di qualche losco figuro, e sono stati così ingrati da non sostenerlo incondizionatamente non permettendogli così di essere ostaggio degli stessi loschi figuri per un altro paio di annetti... che miopia politica! Ma prima c'era il risanamento dei conti pubblici, che poi si stava tutti meglio, non era mica il caso di occuparsi di conflitto di interessi, precariato e diritti civili. salvo che poi arriva quello lì e a scombinare i conti pubblici di nuovo ci mette cinque minuti. tutta colpa degli immaturi comunisti... o no?

    RispondiElimina
  5. Molti comunisti sono immaturi, ma in questo caso non sono mica loro il problema. Non l'hanno fatto cadere loro il governo. Siamo nel 2008, se dobbiamo litigare almeno non usiamo le stesse formule del 1998.

    Credo che al di là delle attese del corpo elettorale (attese giustificate, ma purtroppo aveva qualche giustificazione anche Prodi per disattenderle) la sinistra si trova davanti a un problema irresolubile: è cresciuta nel rispetto della costituzione e del parlamento, e crede che esistano regole valide per tutti. In realtà le regole sono valide soltanto per lei: il centrodestra appena può le disfa. Di fronte a questo scempio la reazione della sinistra non è la difesa dei propri interessi, ma è una specie di fair play che non ha mai pagato. Siamo convinti di essere gli arbitri, e invece siamo la squadra che perde.

    RispondiElimina
  6. Un altro appunto. Quelli che credono, sulla base di articolati ragionamenti e magari anche qualche sondaggio serio, che per Berlusconi faccia differenza andare al voto adesso o tra 3 mesi, secondo me stanno imbroccando la solita china del blogger che poi si affeziona a Scalfarotto, ad Adinolfi od Obama e ci resta male. Non cascateci: sono speculazioni di micropolitica. Berlusconi continua ad avere tre canali nazionali e uomini di fiducia in altri tre; tappezzerà le strade di manifesti e si farà votare dal suo solito zoccolo duro, che basta e avanza sia con questa legge che con la prossima.

    Credo di avere scritto più commento che post, non mi capita spesso.

    RispondiElimina
  7. Ah, grazie ano, m'ero dimenticato del conflitto d'interessi! che se non si risolve il quale è meglio caschi il governo e torni il nano, così poi ci pensa lui...
    Non è miopia politica degli immaturi comunisti è cecità politica dei coglioni!
    Guarda ano, questo governo anche non avesse fatto NULLA ma avesse impedito il ritorno di Berlusconi, QUESTA sarebbe stata la cosa PIU' DI SINISTRA che poteva fare un governo siffatto, QUESTO doveva aspettarsi uno di sinistra VERO come sono IO che avrei sostenuto questo governo INCONDIZIONATAMENTE come dici tu fino all'inferno,
    e in culo le promesse elettorali: COGLIONE è chi aveva creduto e preteso che con lo 0,001 per mille alla camera e tre voti in più al senato si potesse mai mantenerle.
    Qui s'era in emergenza cone nel '43, bisognava comportarsi come il CLN e allearsi col diavolo se necessario.
    Con tutte sti casini ora la sinistra è finita per chissà quanto avendo nauseato tutto e tutti.
    E non sono Bertinotti e i vari capetti, abbastanza moderati dopo tutto, i maggiori colpevoli son quei come te, che volevano a tutti i costi QUALCOSA di sinistra.
    ORA arriva vai...

    Poi te dici "un paio di cosine"..un paio di cosine son quelle che vuoi forse TE, se vuoi ti faccio l'elenco delle decine con cui hanno rotto i coglioni tutti i giorni, dalla commissione dalla Genova al ritiro dall'Afghanistan passando per Vicenza e l'abolizione della legge 30 ecc.ecc.ecc.

    RispondiElimina
  8. Ma poi: sentite cosa scrive il direttore del Manifesto, mica io, un paio di giorni fa:

    “Il disastro muove dal recente passato e marcia verso il prossimo futuro, annunciandolo. Ieri il Cavaliere è stato assolto nel processo Sme dall'accusa di falso in bilancio, semplicemente perché quel reato è stato estinto da una legge che egli stesso ha ideato e varato. Già questo fatto, da solo, ci dice cosa sarà quella «legislatura costituente» che Silvio Berlusconi, propone, insieme al riconquistato Casini, come orizzonte post-elettorale. La porta in faccia che i due - con Lega e An - sbattono in faccia a Franco Marini pone le basi non solo per le elezioni anticipate, non solo per la riconquista di palazzo Chigi, ma per trasformare il ricorso alle urne nella premessa di una rifondazione presidenzialista della Repubblica, per la messa in mora della Costituzione e del suo spirito, per la stabilizzazione del potere, chiudendo in chiave autoritaria la lunga transizione italiana.”

    E allora SE LO SAI che disastro della democrazia si profilava, perché non vi siete messi a resistere IN TRINCEA anche voi?
    Macchè, son due anni che sparano sì, ma su PRODI!
    E solo due giorni prima delle suddette apocalittiche considerazioni ecco il titolo:

    “PRODI SE N'E' ANDATO BERLUSCONI NON E' ANCORA TORNATO GODIAMOCI QUESTO MAGICO MOMENTO”

    Ma andate a scopare il mare, poveri coglioni.

    RispondiElimina
  9. A parte tutto, il fatto è che io temo che, anche se si va a votare con la stessa legge elettorale di prima, Stronzo non avrà le stesse difficoltà a governare che ha avuto Fesso. E questo per una sola ragione: i soldi. Se qualche senatore centrista si fa venire il mal di pancia e minaccia di non votare la fiducia, sai quanto ci mette Stronzo a coprirlo di denaro e a farglielo passare? E' lo stesso motivo per cui Casini e Fini, pur odiando profondamente Berlusconi, non lo mollano mai sul serio: perché lui può finanziargli le campagne elettorali. Non facciamoci illusioni...

    RispondiElimina
  10. ti manca un br dopo lo youtube e ti si e' spanato il paragrafo.

    RispondiElimina
  11. Come a dire: chissene del bene del paese, pensiamo al bene del PD. Naaa, la legge elettorale va cambiata. Se iniziamo a fare gli stronzi con lo stronzo, cominceremo a non distinguerci più, a non sapere qual è la differenza fra essere stronzi e non esserlo.
    A fare gli stronzi ci abbiamo già provato, ci era venuto anche piuttosto bene, ma lui è sempre riuscito a fare lo stronzo ancor meglio.
    Su quel campo è imbattibile, torniamo sul nostro.

    RispondiElimina
  12. Quindi secondo nautilus se Berlusconi torna al governo la colpa è degli elettori di Prodi, colpevoli d'avergli chiesto una legge sul conflitto d'interesse che impedisse il ritorno al governo di Berlusconi?...
    Prodi ci si era alleato col diavolo, per impedire il ritorno di Berlusconi. Ma Uolter lo ha superato: vorrebbe allearsi direttamente con Berlusconi.

    p.s. Grande post Leonardo, perfetta sintesi.

    RispondiElimina
  13. vabbè a nau', alessandra ha riassunto piuttosto bene il tuo bizzarro pensiero, per cui ... lassamo perde... ne riparliamo quando ti sono passati gli effetti di quello che hai preso, qualsiasi cosa sia... continuiamo pure così...

    RispondiElimina
  14. ... senza dimenticare che, oltre a una legge mille volte promessa che avrebbe impedito al monopolista della televisione di diventare capo del governo (bizzarria solo italiana), la cossiddetta "sinistra radicale" (radicale poi de che? nun se sa) non chiedeva altro, da un po' di tempo in qua, che "il rispetto del programma sottoscritto". mi rendo conto che in questo strano paese può sembrare rivoluzionario, ma se no che senso ha?
    O non mi dovevo indignare quando ho visto quello s.... di Polito (o come diavolo si chiama il baffetto del Riformista) andare in tivù a dire: "ma perchè?...voi ci avevate creduto?... ma sono 180 pagine!!! ma quando mai?!? stavamo a scherzà..."

    RispondiElimina
  15. Bello il post. Vero. Commenti (i tuoi) perfino migliori.

    Aggiungo che la mossa strategica (tipica) di Veltroni di fare l'alternativa (il nuovo!) al Prodi tradito non sarà facile da diluire facendo melina per prendere tempo prima delle elezioni.

    Lo Stronzo oltre al suo solito potere mediatico e la sua clac, conta proprio su questo. Puntare il dito.

    Se fossi il Fesso insisterei molto di più sul ruolo di Mastella Cadente, La Cometa che già si chiede cosa gli verrà offerto alla vecchia amministrazione..

    Chissà che qualche liberale con un minimo di coerenza (ce ne sono, sai, non sono tutti gerarcucci) decida di non andare a votare.

    Io spero almeno che gli italiani colgano l'occasione di capire che la tanta affluenza alle urne è tipica dei paesi dove il popolo non conta un cazzo.


    PS. A proposito di Grandi Vecchi fantasmi, ti sei chiesto come mai l'altra sera erano tutti a casa dell'irpino immortale?

    RispondiElimina
  16. Cara Alessandra, io sostengo che il governo Prodi MOLTO PRIMA di essere abbandonato da Mastella è stato abbandonato dai suoi stessi elettori, con tipico masochismo "de sinistra".
    Lo vedi a destra? Come ha scritto vanamonde Fini e casini non sopportano il nano più di noi ma non possono abbandonarlo.
    Ma non tanto per i soldi (secondo me) ma perchè i loro elettori NON LO PERMETTEREBBERO, sanno che B. è la carta vincente del cdx, sanno benissimo con chi gli CONVIENE stare.
    A sinistra questi semplici calcoli non si riescono a fare .
    Prodi per 2 volte ha battuto il nano e per 2 volte gli abbiamo dato addosso e buttato nel cesso.
    Ce lo meritiamo il nano, noi di sx.

    Quanto alla legge sul conflitto d'interessi.
    Ma davvero credete che con qualche tratto di penna si possa eliminare il capo indiscusso e amatissimo di metà degli elettori italiani?
    Allora questa non è miopia nè cecità è proprio demenza politica.
    Poteva e doveva esser fatto quando cominciò, ormai è tardi.

    Ma vi siete chiesti PERCHE' in due legislature non sia stata fatta una legge così provvidenziale? Il nano paga anche la sinistra ?
    La risposta è semplice: ormai è impossibile: non puoi togliergli le TV nè puoi renderlo ineleggibile, e qualsiasi altro provvedimento sarebbe INEFFICACE.

    E perfino lo si si potesse renderlo ineleggibile ciò farebbe più danni che altro: cosa gli impedirebbe di candidare Fini o Tremonti, vincere a mani basse le elezioni al grido di csx stalinista e governare il paese da Arcore anzichè da palazzo Chigi?

    RispondiElimina
  17. hei signorMaestro, ma lo sa che almeno lei, mi fa sorridere?

    RispondiElimina
  18. Perfetto quel che dice Leonardo su regole e fair play. Un esempio: qualcuno ricorda quando uscì il primo decreto Bersani, quello sulla liberalizzazione dei taxi e di altri servizi? In quel momento Prodi aveva dietro l'Italia in maggioranza, urlante di gioia. E dio santo, poter prendere un taxi in una grande città sarà pure argomento poco "impegnato" ma non dovrebbe essere roba di destra o sinistra, ma di vivere civile, di qualcosa che finalmente funziona, che si vuol far funzionare. Un argomento che poteva parlare a tutti, utile per affezionarsi gli elettori, pure qualcuno di destra. Tassisti e lobby analoghe si sono prevedibilmente ribellati, nel caso dei tassisti arrivando a risse da monnezza napoletana degne di miglior causa. A questo punto la sinistra o il governo delle regole, guidato da Prodi, che ti fa? Passa al fair play. Era l'Afghanistan? la legge 30? Per carità. Su quello, si è tenuto duro. Si è ceduto alle pretese di una corporazione becera, violenta, inefficiente e numericamente insignificante, come quella dei tassisti romani: un perfetto esempio dello stile della nostra sdoganatissima destra. E' lì che il governo ha cominciato a perdere consenso. Ma, chiedo: chi è stato il primo ad abbandonare l'altro? Il governo Prodi che ha fatto retromarcia su una delle poche cose che avrebbe potuto fare a vantaggio veramente della stragrande maggioranza degli italiani, o gli elettori ancora una volta delusi perché non rispettava il programma anche su una questione così "neutra"? In una Italia disperata e impoverita come quella di oggi era fin troppo facile pensare "anche stavolta non cambierà mai nulla". E sì, sinceramente Zapatero avrà anche avuto più voti, ma senz'altro ha più coraggio e determinazione. Che pagano.
    La dama del lago

    RispondiElimina
  19. Ammettiamo pure Dama che tu abbia completamente ragione: ma io non dico che Prodi ha governato bene, figurarsi, io dico all'americana che, right or wrong, era il NOSTRO governo, di più, LA NOSTRA ULTIMA SPERANZA per sbarrare il passo a questa destra eversiva, populista e televisiva e che dopo di lui ci sarà il diluvio, peggio del 2001.
    E andava quindi difeso con le unghie e coi denti anzichè quella lagna continua che siamo stati capaci di mettere in piedi per delegittimarlo.
    Dei taxi m'ero dimenticato, ma sai quante ne trovi se vuoi..

    Sul manifesto, bontà loro, hanno riconosciuto che era cominciata la lotta all'evasione fiscale, ma gli pareva poco (in un paese dove nessun governo l'ha mai fatta) per spostare gli equilibri sociali: ora QUESTI vedrai ci pensano loro a spostarli.

    RispondiElimina
  20. Sì, però continuo a trovare questa polemica un po' pretestuosa.

    Che ci sia stata molta lagna, a sinistra, è indubbio: ma non è stata la lagna di sinistra a far cadere il governo. A che serve recriminare?

    Se vuoi un consiglio, io ho un atteggiamento migliore nei confronti della sinistra nei periodi in cui non leggo il Manifesto.

    RispondiElimina
  21. Leo, la mia tesi è che se il popolo della sinistra si fosse tenuto stretto questo governicchio, per Mastella e C. sarebbe stato più difficile abbandonarlo: così com'è andata è stato troppo facile per loro dire che non c'era più "il Paese" dietro.

    E non dò colpe ai dirigenti della sx stavolta, Diliberto è arrivato a dire (e a fare) che sarebbe stato l'ultimo giapponese di Prodi.
    Ma quando la spinta viene dal basso ovvio che di fronte ai sondaggi a picco, specie dei partiti di sx, "primum vivere" e han prodotto le lagne di cui si diceva.

    Altra considerazione: ora andremo alle elezioni spaccati, è inevitabile dopo i profondi dissensi registrati, sarà una liberazione per le due anime della sx e una vittoria per la destra ch minaccia di protrarsi per vent'anni.

    Ultima considerazione: posso capire chi a sx dice: "a me non frega nulla di Prodi e Berlusconi ma che non ce la fo ad arrivare alla fine del mese nè con l'uno nè con l'altro, almeno ora il nemico ce l'avrò davanti"
    Il fatto è che discorsi simili li ho sentiti anche nel 2001 e da allora gli stipendi son crollati, guarda un po'.

    RispondiElimina
  22. è fisiologico che i sondaggi diano sempre in calo la maggioranza di governo; ma Prodi non è stato affossato dai sondaggi. E' stato affossato da Mastella che aveva altre priorità.

    RispondiElimina
  23. @nautilus
    secondo me Mastella se ne fotte dei sondaggi, ha sgambettato Prodi per avere elezioni anticipate che evitassero l'approvazione di una legge elettorale in grado di cancellare il suo partitino. Era una questione di sopravvivenza per lui, e perciò avrebbe sgambettato Prodi anche se fosse stato più amato di Maradona a Napoli, tanto ci pensava Berlusconi a parargli il culo. Capisco il tuo sgomento all' idea d'un terzo governo Berlusconi, ma Leonardo ha ragione, basta recriminazioni inutili. Conserviamo le energie per combattere il vero nemico, che ce ne sarà parecchio bisogno.

    RispondiElimina
  24. Cara Alessandra ma certo che è così!
    E la causa quindi è la legge elettorale invocata da Veltroni.
    E la causa quindi è la nascita del PD.
    E la causa quindi è anche il referendum che imponeva una nuova legge elettorale.
    E la causa è anche aver vinto con pochi voti.
    MA, aggiungo io, ben prima di tutto ciò l'elettorato del csx s'era squagliato fra alti lai di tradimento del programma (continuano anche qui come vedi) anzichè serrare le file in previsione della bufera che c'attendeva in caso di fallimento.
    Tu dici:"Basta recriminazioni, usiamo le energie per combattere"
    MA SE NON SI CAPISCE che c'è qualcosa che non va nel nostro elettorato, se i nostri elettori di sx continuano a intestardirsi sui sacri principi e sul rispetto dei programmi mentre arriva la BUFERA, MA COSA VUOI COMBATTERE!
    Bisogna che i bambini crescano, può darsi che una sconfitta tremenda come quella cui andiamo incontro li faccia crescere, è l'unica speranza.
    Sennò continueranno a piangere:
    "Ueh ueh! Voglio Zapatero! Perchè non me lo danno?"

    RispondiElimina
  25. Ma poi vuoi una prova di quel che dico ? Senti quanti di sinistra dicono che stavolta non vanno a votare! O Zapatero o nulla!
    Magari ci ripenseranno ma solo sentirlo mi fa venire i capelli ritti!

    RispondiElimina
  26. Alle volte sembra davvero che la cosa principale sia riuscire a trovare un modo per sfogare vecchi rancori.
    Questo governo è caduto perché la estrema destra della sua maggioranza ha cambiato parte.
    I suoi elettori lo hanno abbandonato perché quel che il governo ha saputo trasmettere, in un momento di profonda crisi è stata un'impressione di immbilismo e continuità. Cioè di impoverimento e insicurezza per quasi tutti e di arricchimento per pochissimi (il 10% della popolazione, secondo la Banca d'Italia) e di generale peggioramento dei servizi e della qualità della vita. Gli attacchi a Visco, dentro la maggioranza, (a proposito di evasione) li ha fatti "la sinistra"? Non direi.
    Cosa ha fatto "la sinistra" quando qualche parlamentare ha manifestato l'intenzione di non votare conformemente alle richieste del governo? una parte della sinistra e'arrivata all'espulsione. Nessuno ha mai scherzato sulla sopravvivenza del governo, al dunque. Mastella ha cominciato a ventilare di cambiare schieramento prima ancora che lo facessero, il governo, quando ha messo come condizione avere il ministero della giustizia oltre a quello che gli avevano già promesso(avrà avuto le sue ragioni). Per quanto riguarda gli elettori: una minoranza, quella più motivata, avrà pure esercitato un sacrosanto diritto di critica, ma molti, pure a destra, si sarebbero accontentati di qualche miglioramento economico e di una speranza per il lavoro e la casa dei figli (siamo sempre un paese familista!!!). L'Afghanistan non è certo in cima i pensieri di tutti. Poi se nulla arriva e nulla cambia, per qualcuno, pochi, pure l'Afghanistan può diventare una bandiera. Mentre per tanti altri lo diventano il superficiale "se voto questi altri vediamo se cambia qualcosa" oppure "tanto sono tutti uguali e almeno berlusconi mi fa vedere le donnine come piacciono a me: rassicuranti e seduttive, accidenti a mia moglie". Davanti a tutto questo, ventilare la bufera serve a poco. Credo che nessuno di quelli che hanno commentato il posto volesse la caduta di Prodi. E mi sembrano tutte persone più attente della media, e quindi, probabilmente più critiche in sé, anche del governo e non ci vedo nulla di male. Ma è alla massa di quegli altri indifferenti e preoccupati del futuro che il governo non ha saputo o voluto rispondere e che ha perso. Perdendo.

    RispondiElimina
  27. bravo leo, bel post, ottima sintesi, e arrivando adesso ho trovato divertente anche il "dibattito". Devo dire che mi fa piuttosto senso chi trova occasione ancora una volta di sfogarsi rancorosamente contro l'elettorato del centro-sinistra, come se il problema non nascesse dal forzato apparentamento con personaggi del calibro di Dini e Mastella. Personalmente, sarò un po' all'antica, devo ammettere che se qualcuno passa mesi di bizantinerie e limature su un programmone che poi mi presenta per convincermi a votarlo e a mandarlo al governo, mi aspetto che faccia almeno finta di rispettarlo poi quel programma, se non altro per una questione di buona educazione civile, altrimenti non si capisce bene il senso di avere una cosa che continuiamo nonostante tutto a chiamare democrazia. Non ho capito bene l'orizzonte temporale di chi si firma "nautilus": secondo lui cosa si doveva fare? continuare a sostenere il governo, d'accordo (tralasciamo il fatto che lo abbia fatto cadere il ceppal-one, facciamo finta che, cosa di cui nautilus è sniceramente convinto, lo abbiano tirato giù gli sconsiderati elettori sinistroradicali), ok, il governo tira avanti, facendo finta di non avere un programma, e guai a fare una legge sul conflitto di interessi, che tanto ormai le televisioni a quello chi gliele toglie, ma da qui a tre anni cosa speravi che succedesse? che Berluscolo morisse di vecchiaia e la sua canaglia si dissolvesse? dove sta la logica, allora? vivacchiamo deludendo ogni giorno un po' di più chi ci ha votato in buona fede, così che almeno conserviamo lo status quo per altri tre anni? mi ricorda un po' il semaforo di corrado guzzanti... ok, altri tre anni, e poi? Ma guarda che se sivuole proprio trovare un colpevole io punterei su Mastell and Uolter... vedi tu... ma se vuoi proprio avere ragione te la do', tanto ormai...

    RispondiElimina
  28. Cara Dama, hai ragione da vendere su quel che dici come altri che mi hanno già risposto, ma evidentemente non riesco a farmi capire: che fosse DIFFICILE sostenere questo governo per quel che faceva o non faceva siam tutti d'accordo, che però fosse l'UNICA opzione possibile è quel che sostengo io!
    Lo capisco bene quel ch'è successo: l'elettorale di sx davanti al DIFFICILE ha scartato di lato.
    Comprensibilissimo ma autolesionista, secondo me, che però chiaramente pretendevo la LUNA, cioè un comportamento quasi da militante da parte delle persone comuni.
    I capi della sx lo so bene (l'ho scritto) ne sono stati capaci, la gente comune no, resistere senza contropartita è difficile.
    A destra però questi sacrifici li sanno fare, forse perchè possono aspettare, loro.

    Francesco, mi pare tu abbia capito poco, forse hai letto male o mi sarò spiegato male: anche se gli elettori avessero sostenuto Prodi è chiaro che sarebbe caduto lo stesso, ma il DOVERE della gente di sx era sostenerlo, ergo abbiamo delle truppe che sul più bello t'abbandonano se non fai quello che voglion loro, per me con tali truppe non si va lontano.
    Si potrà rispondere che non di soldati si tratta ma di "ggente": è bene questo che mi urta, per me siamo in guerra e dunque...
    Magari il governo fosse durato altri tre anni! Ti pare uguale? Intanto il cdx poteva esplodere, Prodi poteva azzeccarne qualcuna, Berlusconi soprattutto non avrebbe avuto il buonissimo gioco che ha ora quando si è dimostrato al di là d'ogni dubbio che un governo di csx NON PUO' STARE IN PIEDI e la dimostrazione si è avuta in parlamento MA ANCHE NEL PAESE.
    Qui si rischia ci stiano vent'anni, non so se è chiaro.

    RispondiElimina
  29. caro nautilus, io avrò capito poco, a me però pare che tu abbia bisogno di farti vedere da uno bravo. Intanto non ci sono "truppe", poi mi sembra che i poveri elettori non gli chiedessero esattamente di "fare quello che volevano loro" (cosa peraltro non del tutto sbagliata in una democrazia rappresentativa, pur se da te rappresentata in modo brutale e superficiale), ma piuttosto di attenersi almeno un po' a un programma scritto e sottoscritto. Se voglio vivere spegnendo cervello e cuore e affidandomi ciecamente a un capo, qualunque cosa faccia, se voglio far parte di una truppa, allora vado a bussare dall'altra parte, non ti sembra? Certo che una ogni tanto il povero Prodi poteva azzeccarla, non dico mica che lui fosse in mala fede, tutt'altro, magari i Mastelli, i Dini e le Binetti un po' di più (dimenticato il Famili-dei?), poi certo che il centrodestra poteva esplodere, lo stava già facendo, e il cavaliere a forza di dare spallate stava un po' arrancando, finchè uolter, secondo me anche un po' stronzo oltre che fesso, non è caduto nell'ultimo disperato bluff del nanetto ed è andato a vedere le carte (e vai con la bicamerale bis!). perciò cerca di darti una calmata e di non offendere chi esprime giudizi un po' più pacati (e forse un pochino più lucidi) dei tuoi, vai a militare un po' più in la', e con questo chiudo perchè vedo che sei sotto shock e non vale proprio la pena continuare così. buona guerra soldatino

    RispondiElimina
  30. Uh Francesco come sei permalosino! Solo perchè ho detto che mi pareva tu avessi capito poco forse per colpa mia..
    macchè, da questa tuo secondo post capisco che io non c'entravo nulla.

    Su una cosa ti dò ragione, chiudiamo pure, ho fatto pure male a risponderti prima.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).