mercoledì 23 aprile 2008

è un Mercato Pazzerello

Di notte, scalciando
Così l'intellettuale declassato, smanioso di una rivincita sulla borghesia che lo disprezza e sul proletariato che rifiuta di adottarlo e ne misconosce le qualità, completa la sua parabola esistenziale riciclandosi come manovale della reazione. (Th. Bruch, Didattica del Materialismo, XIV, 6).
“Non stai dormendo, vero?”
“Mmmno”.
“Che faccia che hai. Possibile che non te ne sia fatta ancora una ragione?”
“Me ne sono fatta una ragione”.
“Per niente. Ma lo sapevi che perdevamo, no?”
“Certo che lo sapevo. Stavo per giocarci dei soldi”.
“Ecco, appunto, perché non te li sei giocati?”
“…”
“Trecento euro e ti passava la tristezza”
“Sì, secondo te io sono uno che si gioca trecento…”
“Giusto la fattura del tizio che ci ha riparato il tetto, caccia via”.
“A proposito, e l’immobiliare?”
“Ci risentiamo domani. Comunque i prezzi sono quelli lì”.
“Ma sono matti. Sono tutti matti. Aspettiamo, vedrai che calano”.
“Come no”.
“Calano, calano”.
“Non dovevano calare l’anno scorso?”
“Tra un po’ va giù tutto, vedrai”.
“E se invece va su?”
“Non può andare ancora su”.
“Certo che uno come te, che capisce tante cose… è un peccato”
“Cos’è peccato?”
“No, dico, peccato che l’unica cosa che tu non riesca a capire siano i soldi”
“Guarda che li capisco benissimo”.
“Come no. Un rockfeller. Ti chiamerò Rockfeller, come il merlo”.
“Il corvo. Era un corvo”.
“Non aveva il becco giallo?”
“Ti confondi con Portobello. Buonanotte”.
“Buonanotteamore”.

Ha ragione.
Sto a preoccuparmi dei massimi sistemi e intanto ci piove in casa. Bisogna farsi furbi, monetizzare.
Intanto posso cominciare a dar lezioni. Pare che si arrotondi bene. Tutti i liceali col panico dell’esame a settembre… vedi che Fioroni una cosa giusta l’ha fatta.
Però alla fine è solo una pezza. A scuola quanto potrò andare avanti? Può solo peggiorare, e si fa già fatica adesso. Nelle classi a 29 non si respira, letteralmente, e poi basta che ce ne sia uno un po’ schizzato e tutti lo seguono a ruota.
E tutte queste storie sul bullismo, sugli insegnanti fumati o maniaci sessuali… lo sai dove vogliono arrivare, no? Vogliono convincere i genitori middle-class a staccare i buoni scuola e mandare i figli al SacroCuore. Così ci resteranno solo terroni, tunisini e albanesi. C’è da dire che a volte sono più educati. Soprattutto i cingalesi, che però hanno un odore che non sopporto. È la loro cucina maledetta. Che razza di spezie usano? Mi si fermenta il caffelatte nello stomaco – l’altro giorno stavo per vomitare davanti a una bambina. Tutta una vita così? Ma forse ci farò l’abitudine. Forse.
È chiaro che quando sei giovane, hai tanto entusiasmo, credi di poter risolvere tutto, ma siamo seri: quanto credi di poter durare? Io volevo insegnare la storia e la geografia, se devo mettermi lì a spiegare l’alfabeto ai cingalesi mi annoio. Cioè, dai, non è più il mio mestiere. Però è l’unico mestiere che so. Forse.

“Spengo la luce”.
“Ok, buonanotte”.

E intanto il conto cala. E se mi capita qualcosa? Imprevisti, probabilità – poi un giorno ti segnano la fiancata e finisci in rosso. Succederà. È già successo ad altri. E io non sono più furbo di loro. Diciamo la verità. Capisco tante cose, ma non sono più furbo di loro.
L’università è esclusa, c’è una fila di ex ricercatori questuanti che parte dagli anni Novanta, e sono tutti più giovani e svegli di me. E quindi? Questi son problemi, altro che Berlusconi. Certo, può sempre darsi che crolli il petrolio e il dollaro, si sciolgano i ghiacciai e collassi tutto l’occidente. Questo nel migliore dei casi. Ma metti che non succeda. Cosa faccio?
In politica non mi posso buttare, ho parlato male praticamente di tutti – e poi c’è la fila anche lì. Con Beppe Grillo? Per carità, inaffidabili. Andrà a finire come al g8, qualcuno si farà male e poi tutti a casa. Ma io comincio ad avere un'età. E se mi capita qualcosa? Del tipo, metti che mi debba far operare.

Già solo di denti mi stanno andando via stipendi interi, e fanno male lo stesso. E poi i dottori non me la contano giusta. L’altro giorno sono andato da un privato, cento euro per cinque minuti e un dito in culo! A proposito, cos’è questa nuova tendenza? Il proctologo lo posso capire. Il dermatologo m’insospettisce già un po’. Ma l’otorino? Possibile che non possa sfilarmi due biglietti da cinquanta senza appoggiarmelo lì? Ehi! Se proprio ho un bel culo dovreste pagarmi voi. E non è detto che non vada a finir così. Ma sto davvero pensando a questo?

E ‘sta pioggia maledetta, com’è che fa tanto rumore, stanotte? Di solito non picchia forte così. Del resto è aprile, ogni giorno un barile. Potrei mandare il curriculum in banca. Ma a chi la racconto? Io di soldi non capisco niente.
La verità è che in banca ci dovrei entrare con una pistola giocattolo. Una volta sola. In una banca sola. Funziona, una gran scarica di adrenalina e vai, la prima volta non ti beccano. Quelli che si fanno beccare, è sempre perché ci riprovano. Ma una rapina in banca non si nega a nessuno, è quasi un tuo diritto, del resto se le banche cominciano a fotterti a dodici anni…
Sì, ma un colpo solo mica basta. Nella cassaforte di una filiale, quanto ci sarà? Centomila? Va bene, si tira un po’ il fiato, e poi? Ci vuole un reddito. Potrei fare il corriere. In effetti sarei un buon corriere. Le autostrade le so tutte e mi piace girarle, fermarmi agli autogrill e non pensare a niente. Non mi hanno mai fermato a un blocco, mai, nemmeno con la barba sfatta. Ispiro confidenza. Potrei girare l’Europa in lungo e in largo trasportando chili di qualsiasi cosa. Tra l’altro non consumo, per cui come corriere sarei molto affidabile.

Mi terrei un mestiere di copertura – non so, potrei fare il rappresentante di enciclopedie. La faccia ce l’ho. E nella ruota di scorta potrei portare in giro di tutto. Ma che ruota di scorta, ormai ti fanno ingurgitare – se va bene. Sennò supposta. E torniamo sempre lì. Ma almeno si guadagna. Non posso credere che sto pensando a questo. Io corriere, sì, di cosa? E per chi? Non conosco nessuno. Cioè, nessuno, aspetta. Toni di IIIC.

Lui riga abbastanza dritto, ma suo zio venne qui in soggiorno coatto, due anni prima che cominciassero gli incendi dei capannoni. Quando viene al ricevimento generale gliela butto lì: “devo arrotondare, faccio già dei piccoli trasporti, lei non conosce mica qualcuno che ha bisogno di…”. Si capisce che non si fiderà subito. Magari mi chiederà di accendergli un capannone, prima. E vabbè, dopotutto a me che frega dei capannoni? Tutti di gente che vota lega, se ne vadano affanculo, ve li brucio con soddisfazione. Ha anche smesso di piovere.

Tre o quattro anni così, senza dare nell’occhio. E se mi mandano all’est, c’è anche la possibilità di arrotondare. Se vado via vuoto e imbarco un paio di badanti a viaggio metto insieme una somma discreta senza spesa aggiuntiva. Se guidassi un camioncino, ma in macchina chi vuoi che mi fermi? Ho la faccia da tratta delle bianche? Tutto tranquillo, basso profilo. E se il padre di Toni vuole farmi la cresta? Tra l’altro suo figlio sa benissimo dove parcheggio. Lo vedi che mi serve un garage?
E va bene, avrà la sua percentuale. Però bisogna starci attenti, perché è un mestiere in cui si brucia molta benzina, e la benzina sarà sempre più cara… potrei mettere la bombola a metano… ma c’è il metano in Ucraina? Devo guardare su internet. Anche se poi… con la bombola… nel traforo del Gottardo… ma è già esploso una volta, quel tunnel… quindi le probabilità che esploda ancora…

E poi non devo mica passare la vita così. Quattro-cinque anni e poi mi metto in proprio. Una cosa piccola e pulita, senza dare fastidio a nessuno. Un bar con due camere sopra. Ci metto due bielorusse regolarizzate, e gli chiedo il venti per cento. Mi sembra onesto. O non lo è? Devo guardare su internet, ma sono convinto che c’è gente che prende anche il quaranta. Naturalmente se viene il padre di Toni offre la casa. Ma se viene il resto della famiglia? È numerosa. Gente che non paga volentieri. Hanno buttato giù un ristorante nella bassa, una volta, per via di un conto. Bisognerà abbozzare. Che mi metto a litigare coi camorristi, coi tempi che corrono?
E se le bielorusse si rifiutano di lavorare gratis e amore dei? Che poi i bar mica te li regalano, ci sarà un mutuo da pagare. Va a finire che mi toccherà chiedere soldi. Alla famiglia di Toni, naturalmente. E poi mi strozzeranno, va da sé. Un bel giorno mi alzo e mi trovo il bar bruciato… ma chi me l’ha fatto fare…
“Abbia pazienza, prof, ordini superiori. Dovevamo verificare che non ci fossero perdite dal tetto, ci capisce…”.
“Ma stavo giusto arrivando con la rata…”
“Prof, lei è un bravo guaglione, ma con rispetto parlando, se avesse mai studiato economia. Gli interessi passivi, ha presente gli interessi passivi? Comunque un modo di recuperare c’è. Si ricorda il vecchio mestiere? Ci sarebbe una missione a Bucarest”
“Ma Toni…”
“Una cosa rapida e indolore. Sei capsule. Ai vecchi tempi ne teneva pure otto”.
“Ma sono vecchio, Toni. Va a finire che esplodo”.
“E c’è pure un pappagallo con il becco giallo”.
“Con la bombola. Di metano. Nel traforo. Lungo chilometri sei”.
“Un tantino picchiatello… non sa dire: portobello”.
“Ma stavo così bene da statale”.

***

“Ma stai bene?”
“Eeeeh?”
“Stai scalciando!”
“Macché”.
“Ti dico che scalciavi. Dormivi? Hai fatto un brutto sogno?”
“Ma no, ero qui che pensavo tra me e me”.
“Che pensavi?”
“Pensavo… pensavo che dovrei cominciare a dar lezioni… c’è molta richiesta”.
“Mi sembra una buona idea”.
“Sai, hanno tutti paura dell’esame di settembre, adesso”.
“Ottimo”.
“Ti voglio bene, sai”.
“Lo so, anch’io ti voglio bene. Buonanotte”.
Buonanotte.

E' un racconto, mamma, sta tranquilla, sto bene, non mi manca niente. Ogni riferimento a fatti persone o cose è puramente casuale, la cucina cingalese è saporita e inodore e la camorra non esiste, da noi. Ma neanche altrove, in generale.

31 commenti:

  1. Farai, ovviamente, lo scrittore. Ma non con questo rancore addosso. Cioè, non con QUESTO rancore. Perché ne serve parecchio, ma di altro tipo.

    RispondiElimina
  2. Farai, dirai, vedrai.
    Se non sono abbastanza scrittore adesso, non credo che andrò meglio in seguito.

    RispondiElimina
  3. Sì, è la declinazione al futuro che ci frega

    RispondiElimina
  4. No, Leo, DEVI fare lo scrittore.
    Tu sei mooolto meglio della spocchia che gira in rete adesso, fìdati....
    Con ossequi
    Marco

    RispondiElimina
  5. Minchia, Leonardo...che depressione! Hai provato con la religione? (una qualsiasi)

    Con affetto
    Alex Supertramp

    RispondiElimina
  6. buongiorno Leonardo.
    E' davvero toccante questo post.
    si concordo con Marco, tu DEVI scrivere.
    hai talento. sei il migliore.
    in bocca al lupo
    cristina

    RispondiElimina
  7. beh cazzo se moccia viene definito scritto, vedi mo che non lo puoi fare
    tu!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. andrea99boban.splinder.commercoledì 23 aprile 2008 12:51:00 CEST

    Vedi, te lo dicevo dello scrivere!
    Anche a me sembra una buona idea. Anche le ripetizioni sono una buona idea. Anche insegnare l'italiano agli immigrati, non mi sembrerebbe una idea malvagia. Tutto in regola e senza "ovuli". Per il dentista, suggerisco una soluzione all-inclusive. Prendi l'aereo in luglio, prima prendi l'appuntamento, vai dalla mia dentista di fiducia in Lituania e ci attacchi una settimana di vacanza culturale a Vilnius. Risolvi vacanze e dentista. 250 euro di aereo da Bologna o Malpensa, poi la dentista top-class che scrive sulle riviste ma che costa 1/3 di qualsiasi dentarolo italico, e l'intervento e' regolarmente scaricabile nella denuncia dei redditi (devi far tradurre la fattura, ma non costa granche'). Tutto regolarissimo, e lei mi ha risolto una miriade di carie in due sole sedute, l'ultima volta. L'auto in Italia ce l'ho a metano, questo risolve un po'. Non necessariamente distaccarsi dalle solite vie e' illegale, ne' si fa un torto ad alcuno. Ci sono tanti altri accorgimenti che non implicano una riduzione del "tenore di vita", anzi talvolta lo aumentano.
    Ecco, non prenderla come una presa in giro, ma durante l'estate si trova anche qualche lavoro da bracciante, tipo raccogliere la frutta. Io lo faccio ancora ogni tanto, mio padre e' contadino per cui non lo faccio a pagamento, ma gli operai (regolari) che prendiamo guadagnano bene. Si fa un po' di fatica, e' chiaro, ma ancora: e' tutto onesto e regolare. E fa dormire bene. Un saluto.
    Andrea

    RispondiElimina
  9. Devi, dovrai, farai? In realtà lo sei, ed è un fatto ufficialmente sanzionato da una pubblicazione, se non sbaglio. Poi, certo, credo che il ramo lezioni sia assai più redditizio, con questi chiari di luna.

    RispondiElimina
  10. Io confiderei nel crollo dell'Occidente.
    Arriverà prima, vedrai...

    RispondiElimina
  11. Quando si ha l'amara sensazione di venire qui e rubare letteralmente qualcosa.
    Potendo anche non dire grazie.

    guido

    RispondiElimina
  12. new italian epic. Il professore che diventa spacciatore e poi pappa, tutto per pagare il mutuo. Che dire? Sei lo sceneggiatore che manca al cinema italiano ;)

    RispondiElimina
  13. anch'io penso che dovresti scrivere. voglio dire: libri. che poi non ti risolverà niente per i prossimi vent'anni (ma mica penso ai soldi io, men che meno ai tuoi).
    però potresti farcela... abraham yehoshua ha detto che non bisognerebbe pubblicare niente prima dei quarant'anni (penso intendesse gli scrittori veri), quindi hai ancora tempo per essere un vero scrittore. il difficile sarà combinare il pranzo con la cena; ma tanto è difficile anche ora, no?

    RispondiElimina
  14. Bravo, bravo: applausi. Scrivi proprio bene. Infatti il problema non è la punteggiatura ma l'atteggiamento. Il tuo, ma non solo. Ora però mi rivolgo a te. Mi colpisce che tu sia terrorizzato dal vederti svuotare la classe da alunni...mh..come dire...diciamo "locali"e dal ridurti ad insegnare a terroni, tunisini e albanesi o magari a spiegare l'alfabeto col naso turato (la captatio benevolentiae alla fine del post suona stonata). Non me ne volere: non ti sto dando dell'intollerante ma di quello che ha fatto la figura dell'intollerante. Leggo il tuo blog da anni. Sono certo che sia una gaffe.
    La tua professione di docente (teoricamente ogni professione) è una missione che idealisticamente deve partire dal basso, o no? Mi preoccuperei meno dei lavori da fare in casa e di più di quello che c'è da fare fuori altrimenti tratta delle moldave che facciamo divertire un po' di gente. Forse ti avevo idealizzato troppo coraggioso, o addirittura uno che il coraggio, zitto zitto e quasi senza volerlo, lo infonde almeno come insegnante se non come buon blogger. No? Allora mi scuso. Ho una visione un po' troppo epica dell'individuo.
    Mi sa che hai ragione: quando si tratta di soldi siamo tutti poco furbi e infatti questa depressione post sconfitta elettorale (e congetturabili conseguenze economiche) striscia anche sui contenuti che esponi con tanta capacità.

    Un tuo lettore.

    RispondiElimina
  15. io comincerei con un SOSTIENI LEONARDO nel blog.

    Lo fanno tutti ormai.

    Non è peggio che Google Adsense.

    E magari funziona.

    In troppi ti leggiamo a sbafo, qualcosa ti dovremo pure.

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. ascolta perchè non metti paypal sul sito? sarei primo a mandarti qualche soldo! mi sento in debito con te: spacciando per mie alcune tue battute mi sono portato a letto diverse ragazze -lo giuro!-

    RispondiElimina
  18. Caro Leo, il mio consiglio è di provare a farti bastare il tuo stipensio perchè tra non molto apprezzerai di più la tua libertà piuttosto che le tue mancanze. Certo bisogna pur sopravvivere e soprattutto farsi una famiglia.. Allora il consiglio è di fare un po' di surplus con quello che ti riesce far meglio: storia, geografia e lo scrivere.
    Io credo che ti andrà bene.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  19. Era un racconto. Non ho bisogno di denaro. Amo gli studenti stranieri. Ok, ogni tanto da noi va a fuoco un supermercato o un capannone, ma non programmo di affiliarmi alla camorra nei prossimi mesi. Non vado da un otorino da quando avevo 12 anni. Nei racconti si raccontano cose verosimili, non vere.

    Per esempio, fare soldi con lo scrivere non è neanche molto verosimile.

    RispondiElimina
  20. Certo che sei già uno scrittore, e potenzialmente uno di quelli bravi sul serio. Secondo me ti resta solo da tagliare l'ultimo ormeggio, cioè l'ultimo cordone ombelicale coi tuoi personaggi, che ti trattiene dal lasciarli cadere davvero nell'abisso sul quale li fai penzolare.

    RispondiElimina
  21. Nah, saro' impopolare ma per come la vedo io i bravi blogger non sono dei bravi scrittori.
    Se uno si realizza scrivendo sul blog (e se scrivi cosi tanto e con cosi tanto impegno, secondo me ti realizza), non e' cosa mettersi a elemosinare pubblicazioni sottopagate/nonpagate/apagamento.
    Secondo me sei un gran professore (avercene!) e un gran blogger.
    Purtroppo non ho consigli su come sbarcare il lunario.
    Avercene.

    Ah, non ho fatto in tempo a commentare il tuo post precedente ma concordo in pieno. Porca troia. Il prossimo che mi dice "abbiamo perso, pazienza" lo impalo vivo.

    RispondiElimina
  22. So che son tempi duri, io sono emigrata, ma temo si rischi di dare degli inaffidabili agli unici che si prendono qualche responsabilità e fanno qualcosa di concreto.

    RispondiElimina
  23. mi chiedo solo se tutti quelli che stanno dicendo a Leo "dovresti fare lo scrittore" abbiano comprato a suo tempo Storia d'Italia a rovescio (ormai è troppo tardi)

    RispondiElimina
  24. mettiti giù e scrivi un libro del cazzo, alla moccia, generazionale, semplice e allo stesso tempo divertente,magari che faccia poco male a chi lo legge, usa uno peudonimo così non ti sputtani. fai una barca di soldi e rinvestili facendoli fruttare, in qualche modo -_-

    RispondiElimina
  25. Non è mai troppo tardi per la Storia a Rovescio, per chi fosse interessato dovrebbe essercene una copia alla biblioteca di Borgo Panigale.

    RispondiElimina
  26. Mii, tra questo racconto e l'ultimo video di Zoro mi è venuta su una tristezza...

    RispondiElimina
  27. cmq oggi sono usciti gli ultimi dati sulle rapine in banca in Emilia Romagna: il bottino medio è 19mila euro. con 100mila saresti l'idolo dei guappi.

    RispondiElimina
  28. Oggi sono usciti gli ultimi dati sulle rapine in banca in Emilia Romagna e tu ti ci sei fiondato subito, eh?

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).