sabato 9 luglio 2011

Anche dieci anni, anche vent'anni



A leggere intercettazioni e fuori-onda dei notabili del centrodestra, all'inizio ti diverti: c'è il Ministro Caio che dà del cretino al Ministro Tizio, la ministra Sempronia che dà della vaiassa alla deputata Calpurnia... dopo un po' però ti viene lo stesso sospetto che ti socchiude le palpebre mentre guardi i reality, e cioè: non faranno anche un po' finta? Si danno dei cretini per risultare credibili, e in effetti dopo un po' uno gli crede. Però in fondo va bene così, tanto c'è gente che è in nomination da anni e non viene mai eliminata, e per un Bondi o un Fini che lasciano le scene c'è sempre pronto uno Scilipoti o uno Stradacquanio.

D'altro canto ti chiedi anche se si possa vivere in quel modo, senza potersi fidare di un amico, un collega, un complice; dovendo dare per scontato che tutti ti sparlino alle spalle. La Casa delle Libertà, una volta si chiamava così, sembra una di quelle famiglie dove il papà non deve neanche più dare le spalle per sentire che gli danno del rincoglionito, dove tutti si sorvegliano nei corridoi per evitare che il fratello tossico si venda il televisore, la sorella cominci a ricevere i clienti pure in camera. Uniti tutti solo dalla paura che frani il tetto che nessuno si umilia a riparare, e dalla paura che fa il mondo di fuori. E ti chiedi per quanto ancora può durare, una famiglia così, per quanto.

Poi pensi a famiglie che conosci, e ti rispondi.

5 commenti:

  1. Sai che Facebook mi ha impedito di condividere la tua vignetta perché "offensiva"?

    RispondiElimina
  2. Siete dei comunisti malpensanti. Tremonti voleva solo dire che Brunetta è un piccolo abitante di Creta.

    RispondiElimina
  3. in realtà, io penso che tremonti abbia dato del cretino a tutti noi italiani.
    vedi, erano lì, in conferenza stampa, e brunetta si dava da fare a spiegare la bontà dei "suoi" provvedimenti. quelle cose già dette e ridette, e annunciate e riannunciate decine di volte, quelle che servono all'editorialista compiacente del giornale filogovernativo e del telegiornale minzoliniano per indorare la pillola, per farci credere che il governo lavora per noi. e mentre brunetta era tutto preso da questa cosa propagandistica e bonaiuti annuiva (oh, come annuiva!), tremonti sapeva che erano tutte cazzate e il ragioniere generale dello stato gli diceva che in fondo contavano per "lo zero sei". e sacconi che manco lo stava ad ascoltare.
    cretino brunetta?
    no, cretini noi italiani!

    RispondiElimina
  4. Roba da matti, quelle frasi rubate mi hanno fatto provare un briciolo (piccolo) di stima per Tremonti. Sarà colpa del caldo.

    RispondiElimina
  5. Un'altra, efficace, interpretazione...
    http://www.ilpost.it/makkox/2011/07/08/berlusconi-candidatura-alfano/

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).