domenica 4 settembre 2011

Ma xke', xke', xke'



Twitter è un po' quel posto dove tutti entrano credendosi salaci epigrammisti à La Rochefoucauld, ed escono bimbominkia.

10 commenti:

  1. ehh da mo' che riotta ci stupisce. come benjamin button.
    Luiz

    RispondiElimina
  2. Uno che ne esce bimbominkia lo era già prima di entrare: solo che si nascondeva bene.

    RispondiElimina
  3. Il professore esimio Vincenzo Puzza giammai capì il funzionamento di Twitter, nonostante vi si iscrisse molti mesi orsone.

    RispondiElimina
  4. allargherei il concetto: internet è un po' quel posto dove tutti entrano credendosi salaci epigrammisti à La Rochefoucauld, ed escono bimbominkia. (senza offesa per i presenti)

    RispondiElimina
  5. però internet ci offre anche dei bellissimi spunti di sfrenata comicità.
    come la prima pagina di Libero questo pomeriggio :-)

    http://www.istruzioniperlufo.it/?p=383

    RispondiElimina
  6. Ohi, hai visto questo tristo figuro che vomita bile per il tuo post sullo sciopero?

    http://www.imille.org/2011/09/scalfarotto-leonardo-e-l%E2%80%99unita-esercizio-di-stile/

    "Scalfarotto non ha bisogno di essere difeso" / eppure lo fa, sul sito di cui fa parte anche Scalfarotto. Curioso.

    "non avevo mai letto il blog di leonardo, MI DICONO che sia uno dei più letti d'Italia" / tentativo di essere sarcastico, ma in realtà tira fuori solo tutto il suo disprezzo e il suo fastidio.

    Vabbè che è lo stesso che si tratta della stessa persona che qui (http://questouomono.tumblr.com/) ha messo il suo manifesto con la sua versione deviata di pseudo-femminismo: “Contro lo stupido, ipocrita, diseducativo, violento machismo dilagante, segnalo qui ogni scritto, immagine, rappresentazione, disegno, spot, che racconta un tipo di uomo che non mi piace.”

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).