domenica 12 ottobre 2014

Ma quando nell'Euro siamo entrati, tu dov'eri?


Son piene le fosse

Frequento pochi ventenni, è un mio limite. Mi piacerebbe capire cosa ne pensano, davvero, di tutti questi vecchi scemi, dai quaranta in su, che all'improvviso hanno realizzato che l'Italia deve uscire dall'Euro - non potevano accorgersene quando stavano entrando? Questi babbioni in piena crisi coniugale, come se un mattino si fossero svegliati abbracciati all'Euro e ODDIOMIO KE HO FATTO!!!!1111!!

"Cosa c'è meine liebe?"
"PUSSA VIA SCHIFOSA VALUTA TEDESCA".
"Tesoro wie geht's? hai fatto tu un brutto sogno?"
"Non era un sogno, era la realtà! Che schifo! Io e te... abbiamo passato la notte insieme!"
"Come ogni notte da qvindici anni, liebchen".

E insomma tutta questa gente ai tempi di Maastricht dov'era? Non potevano accorgersene un po' prima, di quanto l'Euro fosse insostenibile, di quanto puzzasse, di quanto ci avrebbe resa impossibile la crescita economica e complicata la vita? No, sono tutti diventati economisti esperti quindici anni dopo. Svegliandosi, un mattino, a fianco della sozza creatura europea, si sono resi conto di aver essere finiti nell'unica trappola che non prevede via d'uscita.

Persino il matrimonio di Santa Madre Chiesa Cattolica; quello che si prende davanti al sacerdote, in presenza di testimoni, in cui si giura di resistere a fianco del coniuge nella buona e nella cattiva sorte; e il prete dice "finché morte non vi separi", e voi dite "sì": persino quello, a veder bene, si può annullare: basta dimostrare di non aver capito bene, di essere magari un deficiente. Esiste un tribunale apposta, magari non è la procedura meno cara o più dignitosa del mondo, ma insomma, anche quel matrimonio indissolubile si può dissolvere. Maastricht no. Niente divorzi, niente referendum. È peggio dei preti.

Anche il diavolo dei racconti, quello che ti fa firmare i contratti col sangue, quasi sempre poi se ne va con le pive nel sacco a causa di qualche cavillo. Maastricht no. È peggio del diavolo. Davvero, mi piacerebbe capire come la vivono i ventenni. Non fanno che sentire discorsi su come si stava bene con la lira, con quella meravigliosa inflazione che pompava l'economia, che vasodilatava come neanche la cocaina, che botte raga gli anni Ottanta. E poi?

"E poi papà cos'è successo?"
"Eh, cos'è successo... ho incontrato la culona".
"Ma come hai fatto a non capire?"
"Ma chissà... anche io me lo domando... sai, in quel periodo capire le cose era un po' un optional".
"Seh, papà, vabbe', vaffanculo".
"Ah no! In questa casa vaffanculo lo dico io".
"Se ti consola".

Allora, caro ventenne che non conosco, cerco di spiegartela io: non è che quindici o vent'anni fa fossimo tutti spensierati o ignoranti - ce n'era certo in giro, forse persino più che adesso - ma se l'euro ci parve una buona idea non fu per un qualche complotto di banchieri o poteri forti. Persino i leghisti di Bossi, persino loro che adesso si baciano i gomiti per aver trovato con Salvini uno straccio di strategia; persino loro, ai tempi, non vedevano l'ora che Banchitalia chiudesse e passasse le pratiche a Francoforte; e avevano i loro buoni motivi. Per quanto possano sembrarti scanzonati e grassi gli anni Ottanta, dammi retta se ti dico che la maggior parte di noi aveva già chiarissima la sensazione di precipitare in moto rettilineo uniforme verso un suolo lontanissimo ma solido; no, non eravamo economisti, ma sapevamo di avere contratto dei debiti per pagare interessi su altri debiti che avremmo saldato con altri debiti che avresti dovuto pagare tu. In quella situazione l'euro ci sembrò provvidenziale. Ci sbagliavamo?

Magari sì, che ne so. Facile dirlo col senno del poi. Ora tu magari hai tutte le ragioni per odiarci, ma non credere che al nostro posto tu non avresti detto lo stesso "sì". Non essere sicuro che non dirai mai "sì" a proposte anche peggiori. A parziale discolpa, l'Euro a cui dicemmo "sì" a Maastricht era molto diverso da quello che è diventato. Per certi versi era più grande, per altri era più piccolo.

Era più grande perché era parte di un progetto che a quanto pare si è bloccato. Tu ora lo vedi come un matrimonio - e hai ragione - ma noi a quel tempo lo consideravamo più un fidanzamento: l'euro era solo il primo passo. Dopo la politica monetaria sarebbe seguita la politica economica (insomma, era ovvio o no? Come si fa ad avere la stessa valuta e politiche economiche diverse?) Dalla politica economica sarebbe ovviamente seguita la necessità di una politica comune tout court, et voilà: nel giro di vent'anni avremmo avuto la Confederazione Europea, se non proprio gli Stati Uniti. Non poteva che andare a finire così - anche se a ben vedere non c'erano precedenti.

Allo stesso tempo quell'Euro era più piccolo: i contraenti a Maastricht erano appena dodici. E noi contavamo molto di più di un semplice dodicesimo. Eravamo la terza economia, con qualche motivo per crederci ancora l'idolo delle feste: quello irresistibile anche se ha un sacco di magagne da farsi perdonare. Una cosa che davvero non ci aspettavamo era l'allargamento a est. Per forza, era il 1992. Il muro di Berlino era ancora un cantiere, non avevamo nemmeno le cartine aggiornate alle pareti. Per noi la Slovacchia era remota quanto il Tagikistan - occhio, non ti sto dicendo che l'allargamento massiccio del 2004 fu un errore. A quel punto ormai era chiaro che l'est era la frontiera del benessere: se non lo avessimo agganciato noi, ci avrebbero pensato gli americani. Lo si vide con la seconda guerra del Golfo, quando Donald Rumsfeld incassava l'appoggio entusiasta di polacchi e ungheresi e la chiamava la "nuova Europa". Ancora oggi, è la Nato più che la UE a spingere per mettere le bandierine sull'Ucraina. Allargarsi a est era inevitabile, ma il risultato è che il baricentro si è allontanato dal mediterraneo, forse per sempre. Dovevamo capirlo nel '92? Dovevamo immaginare delle alternative?

E dunque caro ventenne, è andata così. L'euro era molto più carino, quando ce lo siamo portati in casa. Va sempre a finire così, probabilmente; ma sei libero di pensare il contrario. Libero di prendertela con me. Se te ne intendi anche solo un minimo, a questo punto sai meglio di me che il referendum di cui oggi parla Grillo, e dopodomani parlerà Salvini, non si può fare. C'è una ragione giuridica (non è previsto dal Trattato) e ce n'è una di buon senso; anche chi andrà a votare per l'uscita dall'Euro non ci penserà due volte a riempire di buoni euro i materassi. Dal momento che la sacrosanta libertà di parola dovrebbe consistere nella libertà di affermare che due più due fa quattro, sarebbe opportuno che da qui in poi Grillo e gli altri anti-euristi fossero obbligati a dichiarare con chiarezza quello che chiedono davvero: non tanto USCIAMO DALL'EURO!, quanto SVALUTIAMO I NOSTRI RISPARMI!, magari anche DIMEZZIAMO I NOSTRI STIPENDI!, dopodiché fatalmente L'ECONOMIA RIPARTIRA', il che effettivamente potrebbe anche darsi: l'economia dopo un disastro riparte sempre. Nel medioevo era una pestilenza, nel Novecento una guerra mondiale, ma non c'è dubbio che in generale non ci sia niente meglio di un bel disastro per far ripartire l'economia.

Se te ne intendi anche solo un minimo, anche questa cosa già la sai, e forse a questo punto avresti anche diritto di decidere se l'opzione ti interessa o no. Che ne dici di una nazione a metà tra l'Europa e il Sud sottosviluppato del mondo, una roba tipo Messico, ma con la doppia valuta stile Cuba? Un posto dove il medico pubblico garantisce un servizio di qualità ma guadagna meno della figliola che la dà ai turisti in cambio di sani bigliettoni europei? È il tuo futuro, chi se non te avrebbe diritto di deciderlo?

Che pretendano invece di deciderlo dei giuggioloni come Grillo, o Casaleggio - gente che negli anni Novanta si sarebbe comprata la fontana di Trevi, e che oggi crede di stamparsela in 3d - ecco, questo è un po' seccante, non trovi.

81 commenti:

  1. Un unico appunto: "precipitare in moto rettilineo uniforme" non funziona. Notoriamente, si precipita in moto rettilineo uniformemente accelerato (l'accelerazione, costante, è quella di gravità) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @silibi, c'è il concetto di Velocità Terminale, aggettivo quantomai appropriato al contesto.

      Elimina
  2. Ochei.
    Però: che razza di "patto" è uno da cui non puoi tirarti fuori se non almeno amputandoti qualunque cosa dalla cintola in giù?, perchè un punto importante è questo: forse è più semplice svincolarsi dalla mafia che dall'euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un po' come la guerra; tirarsi fuori gratis è impossibile (ciò non toglie che noi ci proviamo sempre).

      Elimina
    2. Eh, ma siam sempre lì: a suo tempo quanti di "noi" (io all'epoca manco votavo, ad esser fiscali; ma non è il punto) avevano contezza del fatto che entrare nell'euro sarebbe stato un po' come entrare in guerra?

      [Ero convinto di aver già postato questa risposta; mi si perdoni l'eventuale doppione!]

      Elimina
  3. La soluzione non è Grillo e il referendum consultivo, cioè andare a vedere cosa vuole il Popolo che in media di economia, macro o micro, ne sa quanto un bimbetto di 5 anni. Giusto, lasciamo scegliere a quelli che hanno studiato, che finora ci hanno detto "o fate così o non vi salvate". Abbiamo fatto così con Monti, c'era il baratro, la fine, fate presto, eccetera e ne è uscita una roba che lacrime e sangue. Occhio la premessa: fate così o non vi salvate.
    E venne Letta, le larghe intese, fate così o non vi salvate. E venne Renzi, il paladino senza macchia e senza paura di contraddirsi, articolo 18 non è in discussione, articolo 18 subito oppure modello spagnolo sbandierato per un anno per poi rinnegarlo per un più pratico modello tedesco adesso. "Sono l'ultima speranza prima della Troika" dice lui, "questo è l'unico governo possibile o arriva Grillo" dice il suo ministro dell'interno.
    Un'economia basata sulla paura quanto può resistere?
    Hai voglia a spiegarmi perché 20 anni fa qualcuno ha scelto l'euro (non il Popolo) e ci siamo trovati strozzati tra una banca centrale e una mancata crescita che continua a contrarre i risparmi e fa fare delle figure da peracottari ai proponenti operazioni salvifiche che non lo erano (tfr in busta paga per i consumi) per spostare una virgola qua e là e passare dalla previsione di crescita +0,8% a una più realistica -0,3%.
    La disperazione porta persino a Beppe Grillo, un referendum per placare gli animi ed è un attimo fare leva sulla paura: attenzione, altrimenti arriva Salvini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu dici che vent'anni fa non fu il Popolo a scegliere l'Euro, bensì Prodi.
      Mi stai forse dicendo che Prodi non fu regolarmente eletto dalla maggioranza degli italiani? Stai forse accusandolo di aver fatto brogli elettorali?
      Se pensi che il governo Prodi non fosse legittimo abbi il coraggio di dirlo chiaramente senza fare accuse velate.

      Elimina
    2. Il governo Prodi non fu legittimo.

      Elimina
    3. Sono l'anonimo originale delle 3.03.00.
      Nessun popolo sceglie il PdC, viene votata la fiducia in Parlamento, come ci è stato ricordato più volte dopo il passaggio Letta-Renzi.
      Nessuna consultazione popolare referendaria ha sancito la decisione di entrare nell'utilizzo dell'euro. Da qui una certa diffidenza verso i venditori di paura e necessità impellenti governativi.

      Anonimo Originale

      Elimina
    4. Beh, se è per questo nemmeno la Costituzione della Repubblica Italiana è stata ratificata da una "consultazione popolare referendaria".
      In generale, le "consultazioni popolari referendarie" sono avvenimenti abbastanza eccezionali. Siamo entrati nell'euro perché lo volevamo; abbiamo votato politici che, naturalmente, lo volevano; se ne avessimo votati altri probabilmente avrebbero preso la stessa decisione, che in quegli anni sembrava la più ragionevole. Altre spiegazioni (eravamo tutti all'oscuro! siamo stati manovrati da una gang di banchieri!) mi sembrano abbastanza consolatorie.

      Elimina
    5. "Siamo entrati perchè lo volevamo"

      Ci hanno raccontato la favoletta che se non l'avessimo fatto sarebbe arrivato il babau...e comunque sarebbe stato tutto bello...ecco perché siamo entrati!

      Elimina
    6. Magari tu avrai creduto a una favoletta; io ero un adulto e mi sembrava una buona idea. Ancora oggi non ci sono alternative molto interessanti; le favolette ora le raccontano i referendumari.

      Elimina
    7. Ti sembra ancora una buona idea?
      Sigh!

      Elimina
  4. Capito stronzi? L'euro ve lo tenete e zitti. Lo dicono i maestrini piddini. Se votate m5s siete scemi. Testa bassa e pedalare.

    RispondiElimina
  5. Esistono fior di economisti che da parecchi anni spiegano come e per quale motivo il progetto europeo stava diventando ed è diventato il disastro che oggi tutti possiamo vedere con chiarezza.
    Quando gli viene chiesto cosa bisognerebbe fare oggi, i più espliciti tra di loro rispondono, in sostanza: smontare questa costruzione appare necessario; si può fare in diversi modi; la migliore tra le opzioni disponibili conduce a un disastro.
    Quindi è ovvio che chi dice “fate così o non vi salvate” (Anonimo di lunedì 13 ottobre, ore 03:03:00) in realtà intende: il disastro che vi propongo io è meno disastroso di quello che vi propone la concorrenza.
    Chi abbia ragione oggi è ancora meno chiaro di quanto fosse chiara la situazione nei primi anni 90.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno crede più agli economisti. Ho più probabilità di chiapparci io facendo a testa o croce.
      In tanti stanno finalmente ammettendo che l'economia è una pseudoscienza:
      http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/10/11/gli-economisti-pentiti-o-quasi-adesso-fanno-autocoscienza60.html

      Elimina
    2. Che l'economia non sia una scienza esatta e che molti economisti continuino a sbagliare e/o a mentitire è ovvio. D'altra parte il mio punto non era questo.
      Il punto è che i leader politici europei hanno sbagliato (e/o mentito) e continuano a sbagliare (e/o mentire) per motivi che diventano sempre più evidenti.
      Inoltre diventa sempre più evidente che continuare su questa strada porta al disastro (per la maggioranza dei cittadini), mentre cambiare strada porta a un disastro di tipo diverso.
      E questo non ha molto a che vedere né con la crisi globale di sistema, definitivamente arrivata a maturazione nel 2008 (ma già intravista con buona approssimazione alcuni decenni prima), né con il grado di scientificità degli studi economici.

      Elimina
    3. Circa l'attuale situazione politica europa sono state avanzate numerose proposte, riassumibili in tre categorie principali, da me etichettate col nome di un politico che le sostiene

      Soluzione 1 "Salvini" (Padroni a casa nostra, ovvero: dividiamoci e saremo più forti). L'idea è quella di sciogliere de facto l'unione, ogni stato si riprende la propria sovranità assoluta senza concertare più nulla coi vicini ed eventualmente frammentandosi ulteriormente in stati minori (es: il Veneto, le Fiandre...). Il vantaggio è la soddisfazione di essere finalmente padroni del proprio destino, soli di fronte alla tempesta; ogni stato attuerebbe autonomamente le politiche che desidera ed il contrasto con gli altrinon sarebbe più un ostacolo. Lo svantaggio è che (1) si sarebbe piccoli piccoli in competizione con giganti quali ad esempio la Cina e (2) la storia ci insegna che quando piccoli stati indipendenti sono in contrasto, il "concerto fra le nazioni" di kantiana memoria è spesso accantonato in favore di soluzioni più drastiche.

      Soluzione 2 "Merkel" (Lasciamo tutto com'è, ovvero: giganti economici, nani politici) L'idea è quella di non fare nulla: abbiamo una moneta unica, ma perché mai dovremmo avere anche una politica unica? La politica vien decisa momento per momento con compromessi fra i vari governi che cercano sempre di salvare lo statu quo e che hanno paura a spingere in una qualunque direzione, col risultato che chi è più forte detta la linea e gli altri son costretti ad aggregarsi. Un indubbio vantaggio di tale soluzione è che non occorre far nulla, basta sedersi e attendere l'ennesima soluzione rattoppata che scontenta tutti, ma allo stesso tempo tutti hanno buon gioco a dire "non è colpa mia, è l'Europa/ la Germania/ i pezzenti del Sud/ i rigoristi del Nord/ mio nonno in carriola che ce lo chiede". Svantaggio è che non si va da nessuna parte e ogni crisi è peggiore della precedente in quanto generata dall'immobilismo.

      Soluzione 3 "Spinelli (La repubblica federale europea, ovvero: sovranità continentale) L'idea è quella di riprendersi la sovranità facendo sì che sia il parlamento europeo, eletto dai cittadini, a decidere e non riunioni intergovernative: in tale ottica i parlamenti locali trasferiscono molti poteri a livello federale (energia, difesa, lavoro, politiche macroeconomiche). In tal modo il governo europeo (eletto dai cittadini) può stabilire politiche uniche per tutto il continente, al pari di altri grandi stati federali nel mondo. Vantaggi: usciremmo dall'immobilità, ci riprenderemmo la sovranità, avremmo una voce unica nelle crisi a livello globale, le leggi e i diritti sarebbero unificati da Rovaniemi a Malta. Svantaggi: occorre smettere di pensare soluzioni buone solo per territori limitati, ma affrontare problematiche di ampio respiro, inoltre i politici non potrebbero più ricorrere alla scappatoia di strizzare l'occhio al proprio elettorato locale aizzandolo "contro" un nemico esterno, ma sarebbero costretti a studiare soluzioni più complesse.

      Elimina
    4. Caro Claudio, mi pare che le soluzioni "Salvini" e "Spinelli" non vengano neanche prese in considerazione. La soluzione "Merkel", invece, sembrerebbe non essere una soluzione.

      Elimina
    5. Purtoppo la soluzione "Salvini" è molto diffusa in Europa, ad esempio la propaganda del partito Alternative für Deutschland è riassumibile in "padroni a casa nostra: basta pagare con soldi tedeschi i conti scassati dei terroni" (detto in maniera più gentile, ma il succo è quello). Allo stesso modo isole di sovranismo spuntano qui e là come funghi.

      La soluzione "Spinelli" era un tempo patrimonio della sinistra... un tempo. Oggi Renzi sembra aver sposato appieno la tesi "Merkel" abdicando completamente all' idea di Europa Federale. La scusa del "ce lo chiede l'Europa / è colpa dell'Europa" non va sottovalutata: è infatti buona per tutte le occasioni e ogni volta che un politico deve giustificarsi di una propria carenza la tira fuori dal cappello senza che nessuno possa controbattere. Anche Renzi è sensibile all'idea di avere una scusa sempre pronta per tamponare i danni che fa.

      Ve l'immaginate se i presidenti di regione usassero una scusa analoga?
      "Perché la sanità è stata gestita male?" - "E' colpa dell'Italia!" ; "Ma qui ci son tagli agli asili nido!" - "Ce lo chiede l'Italia!" ; "Perché non sono stati rinforzati gli argini dei fiumi?" - "L'Italia ce lo ha proibito!" ; "Cos'è questo rimborso milionario per pasticcini?" - "Gli sperperi dovuti all'Italia!"

      Elimina
    6. Quindi mi pare che siamo sostanzialmente d'accordo. La “molto diffusa in Europa” soluzione Salvini non è al governo (e sembra molto verosimile che continuerà a non esserlo) in nessun paese dell'Unione, mentre la soluzione Spinelli è stata abbandonata dal simulacro vuoto della sinistra (italiana e non italiana) con grande disinvoltura e rapidità.
      Rimane la “soluzione Merkel”, che ha il vantaggio di essere molto comoda in quanto non prevede correzioni. Inoltre la “soluzione Merkel” va nella direzione “giusta”, ossia quella a favore di corrente.

      Elimina
    7. Si, ma porca paletta, io mica posso aspettare d'esser morto: a me una repubblica europea farebbe comodo adesso!

      Elimina
    8. Renzi non ha mai appoggiato la "soluzione Merkel". Anzi, molte volte ha spinto per un'"Europa che non sia solo uffici burocratici", tradotto: "soluzione Spinelli".

      La soluzione Merkel non è una soluzione, ma una situazione a metà. Sono convinto che nemmeno la Merkel stessa la appoggi. Il problema è che la soluzione Spinelli richiede tempi di assestamento lunghi, mentre la crisi richiede soluzioni rapide. Quindi penso che quella che verrà attuata in realtà sarà la "soluzione Draghi":
      1) Spingere i paesi deboli a fare pesanti riforme strutturali per far passare il febbrone della crisi.
      2) Nel frattempo, salvare il salvabile ostacolando i partiti anti-europei, o al limite trasformarli in propositivi (ovvero "alter-europei").
      3) Quando gli investitori avranno smesso di bombardare i paesi deboli come l'Italia, e si potrà tirare il respiro, ricominciare con il processo integrativo.

      Elimina
  6. aluni commenti mi ricordano una mia amica che vedendo delle luci muoversi stranamente nel cielo ha pensato: sono ufo, cosa può essere altrimenti?
    ecco qui è lo stesso: cosa ci può essere peggio dell'euro per l'italia?
    alcuni rispondono: qualunque cosa, senza entrare in dettaglio (cosa ne sarà di stipendi, pensioni, risparmi, prezzi delle materie prime importate, ecc.)
    altri pensano invece che c'è una cosa sicuramente peggiore dell'italia nell'euro con un cazzo di governo renzi: un cazzo di governo m5strilli eterodiretto da beppestrillo casaleggio!
    perché oggi sembra assodato che l'economia non sia una scienza esatta, quini gli economisti sbagliano le previsioni...
    ma se gli economisti sbagliano le previsioni, quanto potranno sbagliare i minchioni che straparlano e urlano à la mentula canis?
    perché mi sa che statisticamente beppestrillo (a cominciare da quando spaccava computer) non ne ha indovinata una!
    mai.
    le sbaglia tutte

    RispondiElimina
  7. è vero quello che dici, però mi pare che glissi un po' troppo (e un po' troppo facilmente) sulla parte "l'Euro a cui dicemmo "sì" a Maastricht era molto diverso da quello che è diventato". è come se io vent'anni fa mi fossi sposata George Clooney (e il suo impegno civile e il suo conto in banca) e oggi mi ritrovassi sposata ad Alvaro Vitali (e il suo impegno civile e il suo conto in banca - senza offesa). E vent'anni fa nessun "gufo" (cit. Renzie) ci aveva detto che si poteva arrivare a questo - almeno, non che io mi ricordi. Sono cambiate un po' le carte in tavola, da allora... All'euro che ci avevano prospettato vent'anni fa direi di nuovo SI, senza dubbio alcuno; a questo, avrei detto NO anche vent'anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto.
      Tra quelli che ci hanno prospettato l'avanzamento del progetto europeo 20 anni fa, alcuni hanno mentito e altri non hanno capito quanto fosse pericoloso e semplice “deviarlo” rispetto a quanto veniva prospettato.
      Oggi la deviazione è palese.
      Ci si potrebbe chiedere cosa fare da oggi in poi, ma ha veramente senso chiederselo? L'europa di Spinelli non esiste oggi e non si vedono poteri economici o politici interessati a costruirla domani. Per quanto riguarda gli elettori, cos'altro possono fare se non eleggere?

      Elimina
    2. quindi non dobbiamo uscire dall'euro, dobbiamo accelerare per avere politiche economiche e sociali comuni, giusto?

      Elimina
    3. Eh, magari. Prima bisognerebbe trovare qualcuno (in termini di lobby con un minimo di voce in capitolo) che abbia l'intenzione di accelerare. Anzi, prima ancora bisognerebbe trovare qualcuno (vedi sopra) che abbia interesse ad andare in quella direzione.

      Elimina
    4. E comunque mi pare che ci sia una grossa differenza tra "avere politiche economiche e sociali comuni" e costruire una federazione.

      Elimina
    5. @Hop-Frog Secondo me le "politiche economiche e sociali comuni" dovrebbero essere il primo passo verso la federazione; purtroppo rimanda oggi, rimanda domani, la federazione è sempre in alto mare.

      Elimina
    6. @ Claudio VdA
      Sarà un caso che si rimanda oggi e si rimanda domani?
      Quello che si voleva fare si è fatto.
      Serviva un comodo mercato europeo con moneta unica e governi malleabili, mica una federazione.

      Elimina
    7. Ma serviva a chi?
      Ai cittadini servirebbe una federazione, mentre invece ai nostri diretti concorrenti (Cina, USA, ecc..) servirebbe che andassimo in frantumi.

      Elimina
    8. A chi? A quelli che il mercato lo usano, ovviamente. Chi altri? Non è mica una questione di nazionalità.
      Al cittadino europeo medio, invece, servirebbero una federazione (con dentro la giusta linea politica, altrimenti si finisce come il PdR) e tante altre belle cose.
      Pazienza.

      Elimina
  8. se invece di perdere tanto tempo col blog, ti fossi documentato un po' di più non scriveresti queste fesserie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli 80 euro ce li ha dati renzi, mica beppe!

      Elimina
    2. Posso sempre cominciare; hai qualche testo da consigliarmi?

      Elimina
    3. Senza offesa, non credo tu sia più in tempo

      Elimina
    4. Sei un po' in ritardo, maestrino. Ma meglio tardi che mai. Potresti partire con un buon sussidiario.

      Elimina
    5. Me ne consigli uno che non preveda, in caso di referendum sull'euro, una situazione di caos e la svalutazione di salari e risparmi?

      Elimina
    6. Il maestrino ragiona alla madama la marchesa...ma quando presto invece di mettergli in tasca gli 80 eurini glieli toglieranno...allora vedrete che furia....eh maestrino...

      Elimina
    7. Toh, chi si vede, è tornato l'anonimo dalle idee confuse che non è in grado di spiccicare ragionamenti e l'unica cosa che sa scrivere è "madama la marchesa", come se bastasse citare una vacchia canzone del 1935 per avere ragione.

      Quasi quasi ci provo anch'io: adesso vado al supermercato e alle casse invece di tirare fuori i soldi dico "madama la marchesa"... vediamo se la va.

      Elimina
    8. Ehi Claudio, scusa se ti ho toccato il maestrino eh...prometto che non lo faccio più

      Elimina
    9. Ti chiamerò Marchese (tanto sei anonimo).

      Vedete, signor Marchese, stavo discutendo con Hop Frog delle varie idee di Europa, ma poi m'è caduto l'occhio un po' più in basso e mi sono imbattuto in voi che frignavate e pestavate i piedi, così mi son permesso di farvi notare che non avete espresso un concetto che fosse uno e che questa è una vostra abitudine. Noto poi che nella vostra replica delle 15:50 non avete abbandonato tale atteggiamento, così mi permetto di farvi una domanda: cosa vi augurereste per il futuro del nostro continente? Auspicate una federazione, preferireste che rimanesse tutto così com'è (modello Merkel) oppure le vostre idee incedono verso il dividerci nuovamente in tanti staterelli in lotta fra loro? Articolate un concetto, suvvia, siate generoso con noi plebei.

      PS: io ho provato ad evocare titoli nobiliari, ma in cambio di pane, latte, un po' di Müsli e del formaggio, alla cassa hanno voluto una banconota da 5 E (nota per gli eurotracciatori: era una V/VA stampata in Spagna).

      Elimina
    10. intanto 'il tramonto dell'euro' ti era già stato segnalato...

      Elimina
    11. poi potresti dare un'occhiata a qualche testo di economia internazionale...

      Elimina
    12. Ma scusa nel tuo post stai criticando l'euro o il referendum ? Dove ho scritto che fare il referendum è una buona idea ? Se leggessi 'il tramonto dell'euro' o quantomeno i post della sezione 'per cominciare' del sito goofynomics, staresti già molto avanti e non scriveresti queste sciocchezze

      Elimina
    13. Io ti ho chiesto:

      Mi consigli un testo che non preveda, in caso di referendum sull'euro, una situazione di caos e la svalutazione di salari e risparmi?

      Mi hai detto Bagnai. Non che me lo immaginassi, chissà come tutti gli economisti espertoni che commentano anonimi qui sono tutti lettori di Bagnai.

      C'è il piccolo problema che Bagnai, del referendum, scrive:

      "chi propone oggi un referendum sull'euro, da qualsiasi parte lo faccia, è un demagogo, alla ricerca di una tardiva legittimazione democratica, e un incosciente. [...] Tutto quello che sappiamo circa l'uscita dall'euro ci indica che allo stato uscite consensuali non sono possibili, ma che se anche lo fossero andrebbero ovviamente gestite in segreto."

      Insomma quello che nel piccolo scrivo anch'io da mesi.

      Ma siccome sono convinto di avere davanti un interlocutore davvero competente, immagino che saprai presentarmi all'istante altri testi che non prevedano, in caso di referendum sull'euro, una situazione di caos e la svalutazione di salari e risparmi.

      Non mi sembri il povero sciroccato che ha letto un solo testo - e pure male - e solo perché credeva di aver trovato la ricetta per risolvere tutti i mali (E' STATO L'EURO!!!1111)

      Elimina
    14. tu mi avevi scritto 'Posso sempre cominciare; hai qualche testo da consigliarmi?'
      Pensavo ti interessasse per davvero. Nel tuo piccolo scrivi che il referendum è una stupidaggine ma scrivi anche che l'euro è una gran cosa. Se avessi letto il libro penso che non le avresti scritte

      Elimina
    15. E quindi insomma a parte Bagnai hai qualcosa da consigliarmi? Perché può anche darsi che Bagnai non sia proprio esattamente il più grande economista del mondo mondiale.

      Elimina
    16. Claudio, lo capisci ora che non ha senso scrivere le cose un tanto al kilo tanto per tenere "vivo" il blog? Siamo ai limiti dell'accanimento terapeutico.

      Elimina
    17. Ti avevo già scritto: un testo di economia internazionale per capire alcune basi di economia... certo Bagnai non è il più grande economista 'del mondo mondiale' ma ci sono concetti che possono essere facilmente confrontati e verificati.

      Elimina
    18. Toh guarda che ti ho trovato: Stefano Fassina - Lavoro e libertà: La sinistra nella grande transazione... leggiti su google libri la parte relativa ad Appunti per un'europa progressista. Per esempio questa parte "Sì, siamo in un'Europa tedesca che, però, è insostenibile. La Germania oggi, attraverso l'euro, tiene bloccati i Paesi intorno a essa, abituati a svalutare la propria moneta per recuperare capacità competitiva"

      Elimina
    19. No, aspetta, dopo Bagnai ti sei già ridotto a usare google? Guarda che ce l'abbiamo tutti quel motore di ricerca lì, non è una cosa che ti hanno venduto in esclusiva.

      E soprattutto non è che puoi usarlo così alla carlona, perché in quel testo Fassina non sta suggerendo di uscire dall'euro.

      Riprova.

      Elimina
    20. un testo di economia internazionale non ti va bene ??? Il fatto che sia stato un errore entrarci (nell'euro) non significa che uscire sia una passeggiata ( e Fassina è ancora contrario). Si devono valutare costi e benefici. Sono molti che sostengono che soprattutto all'Italia gioverebbe maggiormente (rispetto agli altri paesi del sud Europa). Certo se la Germania decidesse di uscire lei, sarebbe una gran cosa. E soprattutto si devono calcolare i costi del rimanerci nell'area Euro così concepita. Pensi che l'Italia si risolleverà con maggiore spesa ? Ora a me piacerebbe sapere cosa hai letto o chi ha influenzato il tuo pensiero.

      Elimina
    21. Sai che mi hai già scritto una dozzina di commenti e non mi hai ancora dato un titolo - a parte l'ovvio Bagnai?

      Ma voglio darti un'altra possibilità, perché sono sicuro che sotto sotto tu sei veramente un grande esperto che ha studiato molto il problema. Secondo te quanto abbiamo risparmiato in interessi con ECU ed Euro, diciamo dalla metà dei '90 a oggi?

      Elimina
    22. i primi 5 commenti anonimi in risposta non sono miei (con tutti questi anonimi che ti scrivono stai andando in tilt :)) e neanche 14/10 ore 23.17.
      Non sono esperto di economia, ci vorrebbero anni di studi. Sicuramente, da quello che vedo scritto da te, ne hai dedicato molto meno. Però io non scrivo niente di Economia, tu invece hai un blog molto popolare e nonostante la tua ignoranza in materia, critichi chi ti esorta a studiare un pò di più. Ti ho consigliato un manuale di economia internazionale (io ho comprato quello di Krugman, Obstfeld, Melitz) se proprio non vuoi andare sul blog di Bagnai (che credo sia un ottimo punto di partenza). Credimi il punto non è quanto ne so io, ma quanto ne sai poco tu.
      A proposito di interessi sul debito, documentati sulle cause dell'uscita dell'Italia dello SME e capirai come quell'enorme debito pubblico che ci ritroviamo sia derivato dagli alti tassi di interesse che eravamo costretti ad avere per mantenere sopravvalutata la nostra moneta.

      Elimina
    23. Ah, ma quindi non sei un esperto di economia.

      E quindi noi avevamo accumulato un "enorme debito pubblico" perché mantenevamo "sopravvalutata" la nostra moneta? Sei sicuro sicuro sicuro?

      Grazie per aver googlato il titolo di un manuale di economia, ma ti garantisco che, a differenza di quel che forse t'hanno detto al negozio, google funziona anche a me (vuoi dirmi che "Krugman, Obstfeld, Melitz" si esprimono così severamente sull'euro? Sentiti libero di citare ampi stralci del tuo "manuale").

      Elimina
    24. ti sei già reso troppo ridicolo...

      Elimina
    25. Io temo che se Bagnai vedesse che pessima pubblicità gli fate, vi accorcerebbe il guinzaglio.

      Già non mi sembri molto in grado di spiegare come la pensa lui; ora com'è che non profitti di questa generosa finestrella di commenti per citare dov'è che "Krugman, Obstfeld, Melitz" se la prenderebbero con l'euro?

      Poi sai, io ho questo difetto, che nel 1993 ero già vivo e consapevole; me la racconti meglio questa storia per cui all'improvviso abbiamo dovuto fare un debito pubblico "enorme" per "mantenere sopravvalutata la nostra moneta"? Cioè intendi davvero che prima tutto questo enorme debito pubblico non c'era? L'hai mai visto un qualsiasi grafico del rapporto PIL/debito pubblico? Sono sicuro che google ti può aiutare anche in questo.

      Elimina
    26. In effetti Krugman ha sempre detto che l'euro aveva i giorni contati; segnatamente ha predetto la sua fine (nel giro di "mesi, non anni") ormai due anni e mezzo fa.
      Se questo sia incasellabile come un "giudizio severo" non saprei.

      Elimina
    27. Sai che siamo entrati nello sme nel '79 ? Da allora abbiamo tenuto i tassi di interesse alti per mantenere la valuta entro la banda di oscillazione. Ma che ci discuto a fare con te, se ad ogni commento è una ostentazione di superiorità. Lascia stare l'economia, è troppo complicata per te. Oppure accetta di mettere in discussione ciò che pensavi nel '93.

      Elimina
    28. Sai, è buffo che tu dici questo in calce a un pezzo in cui si mette in discussione quello che si pensava nel '93.

      Tu che ne sai a pacchi di economia, mi dici a quanto lo danno il senno del poi? A naso sembra ora di vendere, ormai ce l'hanno tutti.

      Elimina
    29. Dai Leo, a ognuno il suo mestiere, è come se Bagnai venisse a insegnarti su come fare il maestrino...sarebbe buffo no?

      Elimina
    30. Sì, sarebbe buffo.
      Ma vedi, anche un anonimo che viene a insegnarmi e sa solo citare Bagnai; e sbaglia a citare pure quello; poi prosegue con una serie di nozioni a portata di google; andando avanti dimostra di non aver nemmeno letto il pezzo che sta commentando... sai com'è.

      Elimina
    31. anomino delle 9.28 non sono io. Comunque probabilmente non hai capito nulla dei miei interventi. Il pezzo cosi come lo hai scritto è pieno di sciocchezze ed anche i commenti successivi. Ti basterebbe un testo di base di economia internazionale per capirlo. Potresti per esempio scoprire che l'Europa non è un'Area Valutaria Ottimale (come è scritto anche nel libro di Kurgman (se vuoi ti mando la foto della pagina per email)). Barriere linguistiche e culturali impediscono la mobilità dei fattori produttivi. Hai messo in discussione ciò che pensavi nel '93 ? Non mi sembra tu abbia cambiato di molto il modo di vedere le cose. Per forza, se invece di studiare le basi di economia, ti affidi ai tuoi politici o giornali di riferimento, non capirai molto della realtà.

      Elimina
  9. O.T.
    Leo, cosa ne pensi di luxuria nella tana del caimano?

    RispondiElimina
  10. Entrare nell'euro continua ad essere una buona idea anche con il senno di poi, l'anonima ignorante probabilmente non ha mai sentito parlare di inflazione a doppia cifra e non ha mai provato a pensare a quanto pagherebbe un litro di benzina con il cambio lira/dollaro.
    Ed era ovvio già allora che non sarebbe bastato entrare nell'euro per risolvere i problemi dell'Italia e che non avremmo più potuto continuare con il solito giochino della svalutazione per aumentare le esportazioni. Lo sapevamo, abbiamo fatto finta di niente, è arrivata una crisi che resterà nei libri di storia e ne stiamo pagando il prezzo e lo pagheremo ancora a lungo.
    Non tornerei mai indietro , possono fare tutti i referendum incostituzionali che vogliono.

    RispondiElimina
  11. Leo, domanda tecnica.
    Ho provato a pagarti un caffè (più volte) ma si è impallato il tablet.
    Come mai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho idea, ma è come se me li avessi offerti, grazie!

      Elimina
    2. Non sarebbe il caso che fosse lui a offrirci il caffè in nome del fatto che ci dobbiamo sorbire e i suoi editoriali e i suoi commenti?

      Elimina
    3. Ohibò, Sergio, non sapevo che qualcuno ti costringesse.

      Se mi mandi gli estremi del tuo conto corrente (mi va bene anche il tuo numero di carta di credito, compreso il codice di sicurezza che si legge dietro) te ne offro subito un paio, a me paypal funziona.

      Elimina
    4. Io per lavoro passo spesso da Modena, se credi me lo puoi offrire di persona

      Elimina
  12. Ma cosa state a ragionare di euro con uno che diceva che gli Spartani dovevano parare il culo al re di Persia invece di combattere (e quindi Miller è fascista)? Che cazzo di credito può avere uno così? Un dipendente statale dei più fancazzisti, un insegnante, categoria piena di ignoranti come poche altre, che si mette pure a dare lezioni di economia, e voi gli date retta? Questo blog si può solo trollare e vandalizzare, è l'unica forma di interzione proficua che si può sperare di avere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi e' davvero cosi', hanno parlato male del tuo fumetto ed e' da due mesi che frigni.

      Elimina
  13. Come abbiamo fatto a non accorgercene? Veramente, che fosse una sòla a sinistra si diceva (non il PDS-DS, che dalla sua nascita ha fatto scientemente di tutto per dare ragione alle peggiori previsioni di Cossutta su come si sarebbe evoluto); solo che poi partiva la solita solfa "non siete costruttivi", "siete vetero", "siete irresponsabili", "siete minoritari/ottocenteschi" (in pratica quello che dice Renzi a chiunque non lo adori come il salvatore, tranne "così vince Berlusconi", che almeno la decenza di tacere su questo ce l'ha).

    Qualcuno ha nominato le lobby: siamo andati a finire sotto quelle tedesche, che esportano felici a scapito nostro e non aspettano altro che privatizzazioni e tagli al welfare per venire qui a fare spesa di aziende e di manodopera schiavizzata, confermando anche in questo caso ogni peggiore previsione.

    Al riguardo di libri ce ne sono vari: Titanic Europa di Vladimiro Giacché, quelli di Riccardo Bellofiore, di Emiliano Brancaccio, tanto per cominciare.

    Certo che se disegnamo un quadro in cui le alternative sono Renzi, Grillo/Salvini o la Merkel siamo messi male.

    E l'alternativa Spinelli non è che si possa affermare da sé: se tutti cantano in nome dell'Euro e di Maastricht, se le forze politiche nemmeno parlano più di un'alternativa al liberismo, se ai grandi potentati economici conviene così, difficilmente si andrà in quella direzione (posto che sia la migliore).
    Perché ok le politiche comuni, ma quali? Con che idea di economia, di Stato, di welfare? Non mi pare che il flusso di idee (e di forza) dominante vada in quella direzione.

    Ad esempio: l'accordo commerciale con gli USA, grazie al quale ci ritroveremo sugli scaffali il cibo spazzatura americano, prodotto con un centesimo dei controlli che abbiamo faticosamente ottenuto qui, non i pare che vada in direzione di un'Europa migliore, né che rappresenti un cambio di rotta. Anzi.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).