mercoledì 15 ottobre 2014

Un amico americano ad Atene


I due volti di gennaio (2014, Hossein Amini)

Lo sapevate che gennaio ha due volti? Io per esempio no, non lo sapevo. A dire il vero non lo sa neanche adesso, dal momento che nel film il titolo non è affatto spiegato. Sarà senz'altro un riferimento a Giano, che però è un Dio latino, mentre questo film è ambientato in Grecia, boh, partiamo bene. Rydal (Oscar Isaac) è un Ripley in minore, installato all'ombra del Partenone in attesa che qualcuno scriva un romanzo su di lui. Nel frattempo attira turiste americane con le poesie e le frega col cambio dollaro-dracma, quel tipo di giochino che oggi non si può più fare e l'economia ne soffre, maledetto euro. Sul luogo di lavoro incontra MacFarland (Viggo Mortensen), un Gatsby in minore che approfitta della necessità di scappare dai creditori per mostrare l'Europa alla giovane moglie (Kirsten Dunst). Eccitante, nevvero? Nevvero? Eh, lo so. L'alternativa era un altro film di un vecchio di Hollywood che per salvare una ragazzina ammazza un sacco di gente - la settimana scorsa era Mickey Rourke, quella prima Liam Neeson, questa settimana toccava a Denzel Washington, e allora mi son detto, proviamo Viggo. È un film tratto da un romanzo di Patricia Highsmith, hai visto mai.


La Highsmith è un'autrice inglese amatissima dai registi (cominciò Hitchcock in persona a trarre un film dal suo primo romanzo), nota soprattutto per aver creato l'amorale e camaleontico Ripley negli anni Cinquanta - quando l'omoerotismo non era proprio moneta corrente nel genere noir. È proprio il richiamo a Ripley - esplicito sin dalle locandine - a condannare il film, attirando gli spettatori verso una delusione inevitabile. Ci sarà pure un motivo se Ripley è già stato interpretato da Alain Delon, Dennis Hopper, Matt Damon e John Malkovich, e questo Rydal non se l'era ancora filato nessuno. Per quanto Amini, già navigato sceneggiatore (Jude, Le quattro piume, Drive) sognasse di realizzare questo film da una vita, alla fine è proprio la scrittura la cosa meno convincente di un prodotto elegante, ben confezionato, in certi momenti perfino bello da vedere, ma che sembra già concepito per il pomeriggio della casalinga... (continua su +eventi!)

21 commenti:

  1. Quando si è in difficoltà è sempre meglio cambiare argomento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facci il callo, qui esce una rece alla settimana.

      Elimina
  2. Il maestyrino piddino crede che noi veniamo qui a commentare direttamente dalla montagna del sapone....eh bravo il maestrino che con gli 80 eurini si fa una pizza e un cinema in più al mese..lungimirante il maestrino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E l'antropologia non ce la vuoi mettere?

      Elimina
    2. E non ci mette nemmeno le foibe. Anonimi deludenti.

      Elimina
    3. Poi mi spieghi dov'è che ti servono una pizza a 70 euro, sono molto curioso.

      Elimina
    4. Che ne sai, magari la pizza è a 6 euro e il cinema a 74.
      Il Vero® Popolo® Della® Rete® frequenta cinemi che noi umani...

      Elimina
  3. È un po' che avevo in mente di commentare per ringraziare per queste recensioni (gratis), che trovo sempre puntuali ed interessanti, anche le poche volte in cui non le condivido. E ho pensato di cogliere l'occasione per farlo adesso, dopo questi due attacchini ridicoli che boh, sta gente, andare su altri siti invece che rompere le scatole qua, no?
    Grazie, Leonardo!

    RispondiElimina
  4. anch'io apprezzo le recensioni dei film
    voglio dire, la maggior parte dei film non li vedrò mai... ochei, è più di un anno che non vedo al cinema, ma - d'altra parte - entro in chiesa solo se costretto da inviti a matrimoni o battesimi eppure mi divertono tanto anche i post sui santi
    questo solo per dire che beppe strillo effettivamente mi fa divertire assai, però - per fortuna - non si vive di solo beppe strillo

    RispondiElimina
  5. Senza che nessuno si offenda posso dire che io non le apprezzo?

    RispondiElimina
  6. Innanzitutto se vuoi parlare con me ti presenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un anonimo disturbatore che non ha le palle per presentarsi, fratello, abbracciamoci.

      Elimina
    2. Calma oh. L'Anonimo vero qua sono io.

      Elimina
    3. Ribadisco, non apprezzo affatto quello che scrivi e come lo scrivi.

      Elimina
  7. Ehi Leo, leggi qui sotto...mi sa che devi rivedere molti dei tuoi pezzi

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/16/processo-ruby-i-giudici-prostituzione-certa-ma-berlusconi-non-sapeva-eta/1157359/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se rimetti il tasto cerca che forse funziona te lo dico.
      Altrimenti mi è difficile cercare nel tuo archivio

      Elimina
    2. Il tasto è in alto a sinistra, dai che ce la fai.

      Elimina
  8. il titolo potrebbe far riferimento alle due fotografie in prima pagina del giornale?

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).