lunedì 19 gennaio 2015

Troppi specchi in questo bar, andiamo via

Ma siamo sempre stati così? Così incapaci di festeggiare semplicemente per il ritorno a casa di due giovani, così insofferenti per il coraggio che le ha trascinate nei guai, così meschini da voler fare i conti in tasca a chi all'occorrenza salverà anche noi? È difficile dire. Senz'altro sono successe cose, negli ultimi dieci anni, che ci hanno segnato. Può darsi che la crisi ci abbia indurito; di certo le guerre in medio oriente non sono più una nostra priorità - più una di quelle pendenze a cui non vorremmo mai pensare, che ogni tanto salta fuori irritando i nostri sensi di colpa.

Del resto, se anche fossimo stati altrettanto cinici dieci anni fa - quando furono rapite e poi liberate Simona Torretta e Simona Pari - non ci avremmo fatto così tanto caso. Non c'erano i social network ad amplificare le nostre reazioni più luride. Probabilmente qualche brutta chiacchiera da banco la sentivamo anche allora: ma quel che si diceva al bar, restava al bar. Adesso è diverso. Adesso un commentino di un balordo in calce a un pezzo del Giornale rimbalza su qualche sito specializzato in bufale finché non rimpalla sulla timeline del vicepresidente del Senato.

A che serve avere un blog da così tanti anni, se non a offrire qualche controprova, qualche capsula del tempo. Sull'argomento in archivio c'è un pezzo solo, abbastanza imbarazzante (quanto scrivevo male, dio mio). Tutto giocato sull'idea dell'"isteria" di media, governo e opposizione, che secondo il mio illuminato giudizio non sapevano gestire la crisi né comunicare nulla di sensato. Col senno del poi è tutto piuttosto discutibile (il governo in questione risolse la crisi con una certa efficienza, anche se nessuno dei suoi esponenti sembra andarne molto fiero oggi). Me la prendevo già coi giornali che titolavano qualunque cosa senza riscontri, con la nostra ansia di essere aggiornati ("noi che tra un tg e l'altro consultiamo il televideo", che tenerezza), con Berlusconi che non annullava una visita diplomatica, con Bertinotti che parlava in nome dell'opposizione quando avrebbe potuto anche tacere, con Gianni Letta che licenziava un comunicato costituito di un solo periodo sintattico di 113 parole. Basta. E per gli standard di allora ero uno che se la prendeva per un sacco di cose. Ma l'opinione pubblica? Niente. Non pervenuta. Parlavo di media, e non di lettori. Di governanti, e non dei loro elettori. Ero molto incazzato con chi aveva responsabilità - io non ne avevo. Urlavo dal basso all'alto. Non è una posizione molto elegante, ma per un blog è l'unica sensata.

E se fosse questa, la cosa che è maggiormente cambiata in questi dieci anni? Non la meschinità, non il cinismo, ma l'enorme specchio che Zuckerberg e colleghi ci hanno messo davanti. Tutti questi pareri di perfetti sconosciuti che rimbalzano qua e là - spesso ritagliati e riprodotti in screenshot come rappresentativi di chissà quale sentimento popolare - tutta questa merda non era ancora così facilmente disponibile. Bisognava andare a estrarla dai forum o dai blog (molti quotidiani non avevano ancora aperto lo scolo della fogna sotto ai loro articoli), una gran fatica. Quel che era al bar restava al bar. Era meglio? Era peggio? Era diverso.

Che ipocrita sarei a sostenere che lo specchio di Zuckerberg non mi fornisca mai dritte importanti. È come entrare in decine di bar tutti i giorni, e non m accorgo nemmeno di pagare la consumazione. Quel che pensa la gente mi interessa, mi ha sempre interessato, perché non dovrebbe interessarmi? C'è il problema che su facebook, come dovunque, la battuta trucida o l'opinione tagliata col coltello vinceranno sempre la gara di like contro i ragionamenti ponderati: c'è un sacco di gente intelligente e garbata al bancone, ma l'unica cosa che si sente distintamente è la gara di rutti là nell'angolo. Se l'obiettivo è perdere la fede nell'umanità, i social network si prestano davvero molto bene.

Continuerò a usarli, perché non saprei dove altro andare. Ma mi propongo, come misura di profilassi, di non prendermela mai coi perfetti sconosciuti, per quanto penose od offensive mi possano sembrare le loro opinioni. Continuerò per quel che posso a mirare in alto, con quella caratteristica immodestia che mi imbarazzerà tantissimo quando rileggerò questo pezzo nel 2025. Me la prenderò con chi ha il potere, e in teoria dovrebbe saperla più lunga, e in pratica ha più responsabilità per quello che dice o fa: coi giornalisti e politici. Con chi 'indirizza' le opinioni - per quanto sappia che non funziona esattamente così: che per ogni Sallusti ci sono migliaia di italiani che erano stronzi anche prima di mettersi a leggerlo; migliaia di stronzi con cui un Sallusti ha deciso lucidamente di sintonizzarsi. Questo però non scusa un Sallusti: io continuerò a prendermela con lui, e a salutare con gentilezza i suoi lettori che domani incontrerò al bar, perché in questo mondo ci devo pur vivere. Ci sarà sempre qualche idiota che la spara più grossa e non posso fare a pugni con tutti, per quanto ne dica il papa.

6 commenti:

  1. Quella di Libero è una "Liberata", d'accordo.
    Ma anche andare a fare i volontari per aiutare il popolo siriano, e poi causare un ingente finanziamento alla jihad è veramente ridicolo.
    Non mi fa incazzare che abbiamo perso soldi, mi fa incazzare che quei soldi siano andati ai terroristi. Chi va là per volontariato deve provare di saper provvedere alla propria sicurezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un conto è avere dubbi sull'atteggiamento che dovrebbe avere lo Stato in materia di sequestrati, un conto è mandare in giro le scemenze che sono state scritte in questi giorni.

      Elimina
    2. Le scemenze le ho lette DOPO aver letto il tuo post, e ne sono rimasto inorridito. In particolare se ti fai un giretto tra i commenti al sondaggio di Libero perdi due anni di vita...

      Per quanto riguarda lo Stato, l'unità di crisi ha fatto un buon lavoro, risolvendo la cosa in modo pulito e pagando un riscatto. Il problema sta prima. Davvero non c'è un modo per prevenire i rapimenti? Non sarebbe meglio pagare una scorta armata agli operatori umanitari piuttosto che pagare continui riscatti? Oppure dare il permesso di operare in zone ad alto rischio solo a persone che sanno badare a se stesse, con qualche preparazione militare. Il che non è garanzia (rapiscono anche gli inviati di guerra) ma almeno diminuisce le probabilità.

      Elimina
  2. apprendo da questo post di essere:

    incapace
    insofferente
    meschino
    ...
    cinico
    ...
    lurido
    ...
    penoso
    stronzo
    idiota

    ...se insozzassi "lo scolo della fogna sotto al tuo articolo" con un sommesso "ma vaffanculo, scemodeguera", lo prenderesti come un pugno papale, per quanto figurato?

    RispondiElimina
  3. "Se l'obiettivo è perdere la fede nell'umanità, i social network si prestano davvero molto bene."
    concordo e "quoto" .
    Credo che "l'uomo qualunque" in Italia non sia mai morto e i social con il loro anonimato permettono di accodarsi alle opinioni più o meno becere ( di un leader carismatico, di un giornalista..di un blogger) senza scomodarsi troppo...
    Quindi concordo con te che nei bar , per strada insomma, bisogna andare e li confrontarsi.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).