giovedì 12 marzo 2015

Temo i leghisti (anche quelli in felpa)

- Quelli che prendono in giro Salvini perché a Roma è arrivato con quattro gatti (compresi quelli neri reclutati in loco):
... si ricordano di tutte le volte che abbiamo irriso Berlusconi perché le sue piazze restavano semivuote - e poi le elezioni le vinceva lo stesso?

- Quelli che festeggiano per le lotte intestine in Veneto tra Salvini e Tosi:
... si ricordano di tutte le volte che Bossi cacciò a pedate qualche oppositore interno che in teoria valeva decine di migliaia di voti? Di Miglio, Pagliarini, Gnutti, e tanti altri? Di quante volte dagli anni Novanta in poi abbiamo letto di una Lega divisa per poi scoprire alle urne che la base seguiva Bossi comunque e dovunque? 

- Quelli che parlano di una mutazione profonda della Lega, che avrebbe rinnegato il suo passato regionalista e federalista e blablabla:
...che film si stanno guardando da vent'anni? La Lega di Bossi era razzista e populista come la Lega di Salvini. Il federalismo serviva per darsi un tono, ma a guardarlo da vicino era di gommapiuma come le corna sugli elmi di Pontida. 12 anni fa Bossi già diceva che bisognava salutare i barconi a cannonate. Non è che la xenofobia leghista se la sia inventata Salvini. Non è che prima i Rom fossero i beniamini delle feste della Padania.

- Quelli che credono che Salvini - coi limiti strutturali del suo movimento - sia l'avversario più comodo per il PD:
...no, niente, spero tanto che abbiate ragione. Ma io temo i leghisti anche quando metton via gli elmi e indossano le felpe. 

3 commenti:

  1. Tutto vero! e ci sono ricascato lo stesso guardando la foto del Bossi con Miglio e pensando "ma guarda l'Umberto quanto assomiglia al Trota, non bastava la faccia per capire quanto è coglione tale e quale al figlio?" ma Bossi non è un coglione (e ce lo ha dimostrato coi fatti, ah se lo ha fatto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro che coglione, ci ha presi per il naso per tutta la vita. E' stato, a suo modo, un grande comunicatore, uno che ha saputo vendersi ad una fetta importante dell'elettorato del nord come uno di casa, e come un grande politico al tempo stesso. Non riesco a ricordare una sola delle tante uscite e sparate di Bossi che non avesse uno scopo, che non fosse calcolata: dalle foto in canotta alle minacce di sollevazioni popolari con fucili da caccia e asce. Salvini... cerca di seguire le sue orme, in questo senso, con la differenza che Salvini è stupido e cattivo. Bossi, in un talk show, era in grado di tenere testa a più avversari e demolirli, o uscirne comunque con dignità. Salvini, di fronte ad un contradditorio, le prende di santa ragione e fa la figura del fesso e del cafone. L'unica volta in cui è uscito "vincitore" da un incontro televisivo è stato dopo l'intervista con quell'idiota di Fazio, probabilmente uno dei peggiori giornalisti de... la storia del giornalismo?

      Elimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).