venerdì 5 gennaio 2018

I giornalisti italiani non parlano ai ventenni


Buon Anno a tutti – capita anche a voi che i nuovi calendari diano le vertigini? Certi anni hanno dei nomi che da bambino associavo più ai film di fantascienza che alla possibilità di arrivarci vivo. Prendi “2018”, poteva essere il titolo giusto per un romanzo sui sopravvissuti della Terza Guerra Mondiale, non l’anno in cui cambio un lavoro o decido di comprare una macchina nuova (nemmeno volante). Ma forse la vera vertigine è notare come certe cose anche futili restino al loro posto, mentre tutto il resto (giorni, settimane, mesi, governi, legislature) accelera. Per esempio la settimana scorsa, sulla prima del Corriere, mi è capitato di leggere la parola “Tafazzi”. Ancora. Possibile?

È stato Gramellini. Dovendo definire l’autolesionismo dei senatori Pd – che hanno contribuito a far mancare il numero legale sull’ultima votazione per lo ius soli – ha deciso di evocare “il ritorno di Tafazzi”. Questa è forse una buona notizia: almeno è un “ritorno”, insomma, pare che per un po’ Tafazzi non sia stato tra noi. Non solo, ma delle venti righe che ha a disposizione, il giornalista decide di spenderne almeno un paio a spiegare di chi si tratti: per fortuna il personaggio non merita veramente più di questo. “Tafazzi era l’omino di uno sketch televisivo interpretato da Giacomo Poretti che si martellava il basso ventre a bottigliate”: davvero niente da aggiungere, a parte che gli stessi autori (Aldo, Giovanni e Giacomo) lo definivano “lo zero comico assoluto”, e lo utilizzarono per lo più in brevissime gag nella trasmissione Mai dire Goal tra 1995 e 1996. Ci siete? parliamo di una macchietta che si prendeva a bottigliate nelle palle in alcuni sketch andati in onda ventidue anni fa. Ventidue anni fa.

Com’è che ne stiamo ancora parlando?

La vertigine.

Quello che sta facendo Gramellini – quello che Gramellini è bravissimo a fare – si può definire “riferimento alla cultura pop”. Ha due precise funzioni: (1) creare complicità con chi condivide la stessa cultura pop e (2) tagliare fuori tutti gli altri. In effetti di solito questi riferimenti hanno una precisa dimensione generazionale, e tendiamo a riservarli alle conversazioni tra amici. E forse dovrebbe lusingarmi il fatto che io possa ridere a una battuta del giornalista, ti ricordi di quando Giacomo si martellava le palle su Italia1? Ahah, che metafora della sinistra, a quasi un quarto di secolo di distanza. Sul serio, cosa c’è di male? Tafazzi ha 2340 risultati su Google, “tafazzismo” e “tafazzista” sono entrati nella Treccani senza destare un decimo delle polemiche riservate a “petaloso” (che nella Treccani ancora non c’è). Cos’è che mi infastidisce così tanto (a parte l’immagine di Giacomo in calzamaglia?)

C’è che gli amici che ridono cominciano a diradarsi. I quotidiani cartacei hanno perso il 50% dei lettori in dieci anni – aumentando, nel frattempo, appena del 4% su web. Le indagini sulla lettura ci confermano che la percentuale degli italiani che legge un libro oscilla da un decennio intorno al 40%. Dunque, non solo molta gente della mia età ha smesso di leggere libri e giornali, ma moltissima gente più giovane di me non ha mai iniziato. Quand’è l’età giusta per imparare a leggere un giornale? Io al liceo lo compravo. Non è che capissi tutto, ma potevo farcela. E un ventenne di oggi ce la può fare, visto quello che ci viene scritto sopra? Me lo domando spesso.

E quando leggo “il ritorno di Tafazzi” in prima pagina, mi rispondo: No. I ventenni del 2018, quando Tafazzi si sbottigliava le palle su Italia 1, non erano nemmeno nati. Non è una questione di comprensione del testo – alla fine se uno ha pazienza di leggere due righe il giornalista è pure disposto a condividere con il giovane lettore la fondamentale nozione di storia della tv degli anni ‘90 – ma chi ce l’ha quella pazienza? Se io avessi vent’anni oggi, e uno smartphone in tasca, al primo “Tafazzi” cliccherei altrove. Non saprei chi sia e nemmeno m’interesserebbe. Nome già sentito, roba da vecchi. Perlomeno ai miei tempi ragionavamo così, ogni volta che fiutavamo qualche riferimento a commedie italiane in bianco e nero o dialoghi di western con John Wayne – c’è puzza di vecchio qui, filare. A meno che nel frattempo la soglia di attenzione degli adolescenti non sia aumentata – ahahah, NO (continua su The Vision, dopo la foto di Mentana).


6 commenti:

  1. Due impressioni: Gramellini non suscita in te particolari simpatie. Meglio parlare di chi parla di Tafazi che analizzare la sinistra che non perde mai occasioni per prendere una bottiglia e appoggiarla violentemente contro i propri gioielli (il canone ora lo tolgo ora lo rimetto..i sacchetti ora li faccio pagare ora vanno bene anche quelli usati ma poco...) per vedere l'effetto che fa...

    RispondiElimina
  2. Comunque il periodo d'oro di Aldo Giovanni e Giacomo (diciamo 1995-2000) è tutt'ora popolarissimo tra i giovani, e su FB i riferimenti ad alcuni film (su tutti Tre Uomini e una Gamba) si sprecano; esistono anche pagine di meme dedicate a AGG, seguite da decina di migliaia di persone. Un po' come le vecchie stagioni dei Simpson (diciamo periodo 1991-2001), che tra i giovani sono più conosciute, amate e citate di quelle degli ultimi diciassette anni. O come gli Elio e le Storie Tese, che continuano a essere ascoltati (da gente di tutte le età, considerando chi va ai concerti) soprattutto per la produzione discografica dal 1989 al 1993.

    Poi sono d'accordo che i giornali non sappiano parlare ai giovani, non li conoscano e spesso non li vogliano nemmeno conoscere. Qualche anno fa (tipo il 2014), leggevo sul Corriere del problema dello "sballo nelle discoteche", una cosa che però esiste perlomeno dalla metà degli Anni Settanta. Questa cosa mi impressionò moltissimo.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Sono sulla stessa linea di pensiero di Pietro, quassù. YouTube, tra gli altri, ha reso costantemente guardabili quasi tutti i vecchi sketch della Gialappa's, compresi quelli del secondo periodo di AGG nel programma (ne ricordo uno in cui De Luigi-Lucarelli presentava Tafazzi, Nico e Rolando), e poi Tafazzi compariva anche nell'ultimo film del trio, Fuga da Reuma Park. 
    Stavolta Gramellini è più sul pezzo di te, Leonardo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque casi di comunicazione generazionale sbagliatissima ci sono stati. Non riesco a ricordare quel politico che propose, pochi anni fa, di usare come testimonial di una campagna diretta a sensibilizzare i bambini Topo Gigio...

      Elimina
  5. Leo, anche Renzi parlando della Lombardia cita Tafazi....gomploddo :)

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).