mercoledì 17 ottobre 2001

Giusto un paio di cose che sono riuscito a salvare dall’incontro di Frei Betto di ieri sera (prima di accovacciarmi al muro e soccombere).

1. Cristo amava i poveri, ma non ha mai chiesto loro di rimanere tali.
2. Cristo è stato condannato in ben due processi politici. Noi che ci diciamo ‘cristiani’ adoriamo quindi un prigioniero politico.

E quando si è levata l’unica domanda della serata – sull’annoso problema della crisi delle vocazioni in Italia – ha spiegato che in Brasile questa crisi non c’è, perché la Chiesa sta con la gente. Infatti appoggia il movimento Sem Terra.

Beh, la mette giù pari, Frei Betto.

L’adunata sovversiva in suo onore si è svolta nella Chiesa della parrocchia di San Lazzaro, un capannone ricolmo di gente. Ho parcheggiato in doppia fila. Dentro ho dato un’occhiatina al bollettino parrocchiale, c’erano le Twin Towers in copertina, e un articolo contro i bombardamenti. “Ma questi hanno un prete coi controcoglioni”, mi sono detto, “in che pianeta l’hanno trovato?”.
Sorpresa: è Don Arrigo, compaesano, ex missionario in Brasile. Credo che lo abbiano trattenuto in Italia a forza, per via delle solita crisi delle vocazioni.
(Naturalmente non mi ha riconosciuto -– in Brasile hanno parrocchie di centomila anime).

Nessun commento:

Posta un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).