martedì 12 febbraio 2008

tutte le aziende al popolo, tutto il popolo all'azienda

Cara Sinistra italiana,
io e te non siamo sempre andati d'accordo, ma francamente non riesco a sopportare l'ingratitudine e la faccia tosta con la quale il PD ti ha messo alla porta. Dopo tanti sacrifici. Ora però bisogna reagire. So che in realtà molti dei tuoi elettori stanno già festeggiando la sconfitta, masochisti come sono. Ecco, lasciali perdere quelli. E scordati di candidare Bertinotti! Il vecchietto è molto popolare solo tra una parte dei tuoi, e rischia di mandare gli altri in braccio a Veltroni. Vendola sarebbe già cento volte meglio, ma io credo di averne trovato uno anche migliore. Sì, dico proprio lui.


Il Presidente Operaio.

Pensaci bene. Questo è il momento giusto. Sa di dover vincere, sa di avere tutte le carte giuste in mano, eppure è inquieto. Sa che l'avversario bluffa, ma darebbe qualsiasi cosa per fermare quel tremore alle mani. Si è mangiato l'inutile Fini, ma alla fine rischia di averlo solo trasferito i voti postfascisti su Storace. Ha umiliato Casini, ma nel frattempo gli ex casinidi sono fuoriusciti pure loro. Pure la Lega, da anni appollaiata sulla sua spalla, ora è sul chi vive: sembra che aspetti un momento di distrazione per cavargli un occhio... insomma, proprio nel momento in cui sa di dover vincere, è più forte la paura di non farcela. E proprio in quel momento arrivate voi: Toc toc, chi è? La Sinistra Arcobaleno! Oh, l'arcobaleno, finalmente un segno di speranza.

Dite che non vi riceverà? E perché? Ah, già, perché siete comunisti, o almeno post. E quindi vi metterà alla porta, come fece con Giuliano Ferrara, Ferdinando Adornato, Sandro Bondi, Vladimir Putin, devo continuare? Suvvia. Se c'è uno che ha dato e dà retta ai postcomunisti, questi è lui. Da questo punto di vista ha persino precorso i tempi. Garantisco che vi ascolterà con più attenzione e meno preconcetti di Veltroni. Lui ha ampie vedute, la volta scorsa mise Forza Nuova e De Michelis nello stesso calderone, perché non dovrebbe fare un pensierino pure a voi, che portate molti ma molti più voti? I voti non puzzano.

Cosa gli offrirete?
Nulla che non abbia già proposto lui: un Partito del Popolo. Ma del Popolo veramente, nel senso che aveva la parola nella Cina di Mao: via le vecchie consorterie, solo lui, la piazza e un microfono. È tempo di svelarvi il Terzo Segreto di Pulcinella: se c'è qualcosa che ha sempre invidiato alle sinistre, sono quelle belle piazze piene di gente che viene da tutt'Italia mettendo i soldi del viaggio di tasca sua. Con tutta la sua organizzazione e il suo capitale, delle chiassate tanto bene organizzate non è ancora riuscito a combinarle. Bene, questa è appunto la vostra specialità. Senza di voi lui sarà sempre un Peronista fallito. Ma con voi...

Cosa chiederete in cambio?
Siate realisti: chiedete l'impossibile. Ormai sono finiti i tempi grami in cui eravate fidanzati con quel tirchio di Prodi. Ora uscite col Golden Boy, dovete solo chiedere. Se lo conoscete appena un po', sapete con che gioia soddisfa i desideri di chi lo ama. Per cui: pensioni più eque? Certo. Riaggiustare lo scalone? Anzi, aboliamolo. Io mi spingerei più in là: tutti i precari assunti a tempo indeterminato entro il 2009. Si può fare! Vi ricordate il milione di posti di lavoro? È poco, buttiamone sul tavolo almeno un paio, e naturalmente meno tasse per tutti! E i rifiuti, in Germania col Pendolino! E la scala mobile? Si potrebbe riavviare. Parlategliene.

Non abbiate paura. Non è quel liberista che sembra – fosse per lui, non avrebbe liberizzato nemmeno una cabina telefonica. In fondo è un monopolista nato, uno che se fosse nato qualche migliaio di km più a est sarebbe diventato un meraviglioso funzionario del partito comunista jugoslavo o ungherese. È una vita che le sue aziende sguazzano in un mercato privo di concorrenza sfornando prodotti scadenti: pensate solo alla roba che trasmette Canale5. Non è francamente squallida? Canale5 è la cosa più simile alla Trabant che sia mai stata prodotta in Italia. Un imprenditore tanto insofferente della concorrenza quanto poco interessato alla qualità dei suoi prodotti non può essere un vero liberista.

Viceversa, se c'è qualcuno che potrebbe cominciare un processo di ri-nazionalizzazione, quegli è lui. Dovete soltanto fargli capire che, una volta diventato Presidente del Popolo, le espressioni “Stato” e “Mia azienda” diventeranno sinonimi. E da quell'orecchio ci sente, credetemi. A quel punto, proponetegli di nazionalizzare la luce, il gas, l'acqua. Vedrete che non resterà insensibile.
E se ci tenete ancora alla lotta anti-globalizzazione, senz'altro Berlusconi vi lascerà degli spazi che Veltroni non si potrebbe immaginare - tanto più che avrete alleati importanti. Lo avete mai sentito Tremonti, quando parla della Cina o del WTO? Più o meno è sulle stesse posizioni di Caruso, ma non semina piantine a Montecitorio, lui.

Più ci ripenso, e più mi sembra fattibile. L'avete letto Scalfari, domenica? Il patto tra operai e borghesia? Ebbene, se l'Italia dev'essere salvata da un patto così, perché devono essere proprio Veltroni e Montezemolo a farlo? Perché non possono essere Giordano e Berlusconi? Giordano conosce senz'altro meglio gli operai, e Berlusconi i borghesi.

Questo è l'unico vero cambiamento. Superare le divisioni, gli inutili rancori, i processi in prescrizione. Una grande riconciliazione nazionale tra due forze importanti del nostro Paese che hanno capito che il futuro dell'Italia è cosa troppo seria per lasciarla ai veltroncini. E allora, coraggio, ancora un piccolo sforzo. La seconda repubblica sta finendo. O era la terza. Chi se ne frega. Dalle sue ceneri deve nasce qualcosa di veramente nuovo. Vieni avanti, Teopop.

22 commenti:

  1. "Canale5 è la cosa più simile alla Trabant che sia mai stata prodotta in Italia." la eleggo frase dell'anno. Per il resto del post... la cosa inquietante è la sua verisimiglianza... gosh...!

    RispondiElimina
  2. bersluconi che fa comizi di sette ore su raiuno il primo maggio, con un milione di persone in piazza (due milioni per la questura) è una cosa che farebbe rodere il fegato a fidel castro...

    RispondiElimina
  3. Compagni non sono d'accordo.
    a me piaceva assai la trabant.

    Mi scindo e fondo il partito dei trabah(nt)adores

    RispondiElimina
  4. questo post mi ricorda molto il vecchio impianto DC-PCI... La DC era non poteva perdere (perche' senno' scattava il golpe americano), ma il PCI "governava" con una pressione politica inaudita che costringeva la DC a scendere a patti. Quindi uno attuava parzialmente il programma dell'altro...

    RispondiElimina
  5. La vedo assai preoccupato, signor Leo, per "la fine della sinistra in Italia".
    Suvvia...
    Siamo furoi tempo massimo, no?
    La sinistra in Italia è passata a miglior vita da tempo.
    Una prece.

    RispondiElimina
  6. e sarebbe pure una cosa facile facile da capire,
    semplicemente geniale!!!

    RispondiElimina
  7. occhio che il biscione ti frega lo slogan.
    Comunque con Ferrara e sua Eminenza Pacificatrice Monsignor Ruini è definitivamente teopop.

    A proposito ma per un posto al ministero della Verità mi ci metti una raccomandazione tu?

    RispondiElimina
  8. rumeno. solo Ceausescu era capo di Stato e capo di una scquadra di calcio, la famosa Steaua Bucarest battuta per 4-0 dal Milan di Berlusconi nel 1989 ("spero che il buon do ci aiuti a sconfiggere i comunisti") - sconfitta che come noto ha fatto cadere poi l'autunno seguente la cortina di ferro.

    p.s.
    Leonardo, sei un genio. Grazie!

    RispondiElimina
  9. io (a prescindere) voterò piddì perché mi piace che veltroni provi a fare un cazzo di governo come si deve. personalmente avevo deciso che se il governo prodi fosse caduto prima dei due anni e non ci fosse stato berlusconi candidato premier avrei votato a destra. fortunatamente berlusconi m'ha salvato. quando poi veltroni ha detto corro da solo, ho pensato ganzo! non ci sarà più un cazzo di turigliatto, un boselli, un mastella, a dire se il governo non m'ascolta voto contro! ma quante recchie deve ave' un governo? ma che cazzo si scrivono a fa' millanta pagine di programma? sicuro che il piddì perde, ma se non dovesse perdere? metti che dio esiste? e poi (sarò fissato) mi fido del non antisemitismo di veltroni, non mi fido dell'antisionismo che fa velo sul semplice antisemitismo (alla pdci per dire) anche se m'ha fatto venire i brividi con la gestione dell'emergenza rom a roma... ma è niente in confronto a quel che promette berlusconi: in questo caso avremo (finalmente?) un vero governo fascista nell'anima...

    RispondiElimina
  10. Grazie Leonardo. Mi chiedevo; quale sarà la più grande fesseria che leggerò in questi due mesi di campagna elettorale? Grazie, mi son tolto il pensiero.

    RispondiElimina
  11. sta povera sinistra come si muove si muove sbaglia.
    E' diventata una specie di bersaglio, o meglio un terreno di allenamento per il tiro al piccione. Ognuno si sogna la sua, quella migliore, la più tosta, la più pura e quella che c'è non va mai bene a nessuno.
    Turigliatto docet e sene inventa un'altra.
    L'effetto "replicante" continua

    RispondiElimina
  12. Se continui a scrivere sti post, potrebbero perfino assumerti alla Trabant :-)

    RispondiElimina
  13. Non capisco l'ironia di Marco. O forse lui non capisce quella di Leonardo.

    RispondiElimina
  14. Tremonti è da almeno un anno che parla come Naomi Klein e mi sono quasi convinto che ne sia convinto.

    RispondiElimina
  15. io lo trovo geniale, Bertinotti e Berluscotti sono sempre stati culo e camicia (o viceversa)

    purtroppo sVeltronio si è infilato nel mezzo...

    mai fidarsi delle finte acque chete.. me lo diceva sempre nonna

    RispondiElimina
  16. grande articolo

    soprattutto la parte del 'golden boy'

    RispondiElimina
  17. Mi starebbe anche bene se se la giocassero i soliti tromboni di destra, sinistra e centro, senonché in Italia le campagne elettorali sono in balìa di almeno due variabili che la Costituzione non aveva previsto: il Vaticano e le varie mafie. Se almeno si riuscisse a votare per qualcuno nella piena certezza che direttamente o indirettamente non si sta aiutando né l'uno né l'altro, si andrebbe al voto serenamente.
    P.S. per te sarà l'ennesimo inutile complimento, ma devo proprio dirti che blog così ben scritti ne ho visti pochi in giro, e di blog che parlino di politica, praticamente nessuno. Ti linko per la vita.

    RispondiElimina
  18. mi sono sbellicata dalle risate sul tuo post :)

    RispondiElimina
  19. nuove speranze vs vecchie cariatidi, beh ma lui si plastifica no?
    il tuo post mi ha fatto sbellicare :)

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.