giovedì 28 aprile 2016

L'anno che ci colpì in testa

Nel gennaio del 2014 Pierluigi Bersani fu ricoverato - emorragia cerebrale. Tutto sommato gli andò bene, e un mese dopo era già in grado di votare la fiducia al governo Renzi. In aprile fu Gianroberto Casaleggio ad accusare dolori al capo. Anche lui prontamente operato per un edema, anche lui sembrò rimettersi. Bersani è del '51, Casaleggio del '54. Entrambi venivano da un anno molto complicato: la campagna elettorale, la crisi al buio, la sofferta rielezione di Napolitano, la tremolante parabola del governo Letta. In mezzo a tutto questo, la trasformazione del M5S da movimento di opinione a principale forza d'opposizione parlamentare, con le inevitabili defezioni ed estromissioni.

Per la Z era forse previsto
un secondo volume (zuzzurellone!
zimbello! zozzo!)
A distanza di qualche anno forse cominciamo a dimenticarci di quanto fu pesante il 2013. Lo fu per me, che avevo un posto fisso e scribacchiavo - lo fu senz'altro molto di più per personaggi pubblici e leader che si trovarono, contemporaneamente, alla berlina sui media, e soli davanti alle decisioni più importanti. Non è così assurdo ipotizzare che lo stress pre- e post-elettorale sia stato una delle cause del malore di Bersani: e Casaleggio forse negli stessi mesi era sottoposto a una tensione ancora maggiore. In più, doveva far fronte alla curiosità faziosa dei media: un'esposizione a cui Bersani era abituato per formazione, mentre per un consulente-imprenditore come lui si trattava di una relativa, e sgradita, novità.

Certo, Beppe Grillo la taglia un po' troppo semplice quando dice: l'avete ammazzato voi giornalisti. Ed è abbastanza indicativo che di fronte all'intrusione dei media, il cosiddetto guru delle nuove tecnologie abbia reagito alla vecchia maniera, accumulando querele. Diciamo che trasformare un'idea un po' vaga di democrazia dal basso in quella macchina da guerra che è diventato il M5S richiedeva uno sforzo di energia che qualcuno ha pagato. A un certo punto anche Grillo si sentiva "stanchino": Casaleggio era già stato operato almeno una volta. La politica è sangue, sudore, riflessi nervosi, materia cerebrale. I giornalisti certo non usano i guanti, ma in generale è il pubblico che non ha pietà. Io perlomeno nel mio piccolo non ne ha avuta, e lo sfogo di Grillo un po' lo capisco.

4 commenti:

  1. Eccome se me lo ricordo. Per esempio ricordo che cominciai a innamorarmi di Civati quando, all'indomani della rielezione di Napolitano, scrisse un post del tipo "ok siamo qui, siamo pronti a rispondere di tutto, vanno bene le critiche, anche aspre, anche la polemica, però per piacere mamma lasciatela stare".
    Che aria strana che si respirava, quella primavera.

    RispondiElimina
  2. Un vero peccato che quella versione fighissima di Civilization che veniva presentata in 2025 non sia disponibile, altrimenti mi sarei divertito a vedere cosa sarebbe successo con l'ipotetico governo Bersani-Cinquestelle.

    RispondiElimina
  3. però grillo che si lamenta dei giornalisti è come un surfista che si lamenta delle onde...
    le hai cavalcate per anni - costruendoci sopta il tuo successo - e poi ti lamenti: troppo alte, troppo forti, troppo bagnate...
    i giornali italiani - mediamente - fanno schifo, quando raccontano gossip su berlusconi o su renzi o su casaleggio
    secondo me - in troppissime occasioni - il m5strilli gode di un trattamento di favore
    mentre non ho difficoltà a immaginare berlinguer vittima della sua passione politica, un po' anche bersani, casaleggio vittima dello stress dovuto... bah...

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).