giovedì 5 ottobre 2006

- troppo avanti per voi buzzurri

Scoop!

Solo per informarvi che questa settimana dovrebbe uscire l'ultimo film di Woody Allen, e che la recensione su Leonardo è già pronta da un mese e mezzo.

In America (sapete, io sono stato in America) ho visto un altro piccolo film assai bello e acclamato dalla critica, ma non credo che arriverà mai qua da noi. Si chiama Half Nelson e racconta di un prof di scuola media che ha due problemi. Il primo problema è una lieve dipendenza dal crack. Il secondo è che le sue lezioni di Storia ("Che cos'è la Storia? La Storia è... conflitto! Bianco nero, dolce salato, continuate voi") sono patetiche. Eppure i suoi studenti (tutti afroamericani di ghetto, ovvio, mentre lui è radicalscic da generazioni), invece di mandarlo troppo giustamente a cagare lo fissano con occhi sbarrati. Probabilmente si fanno pure loro.

Oppure forse no. Insomma, sono tonrato in Italia, sono entrato in una classe e ho provato a chiedere: Cos'è la geografia? La geografia è: fare disegni della terra! Fatemi dei disegni della terra, su. Però, come fan schifo i vostri disegni! Ma anche i primi disegni della terra facevano schifo! E così via.
Vediamo come va - ma probabilmente non è la stessa cosa, senza crack.

12 commenti:

  1. Gentile prof. Leonardo

    Sono il padre di un Suo nuovo alievo Gino Bianchi. Sonorimasto incredulo ed ammutolito difronte alla disinvoltura con cui Lei si rammarica di non fare (ancora) uso di droghe oltremodo dannose coem il crack a sostegno delle sue performance educative in classe. Dato per assodato che anche mio figlio trova estremamente noiose le Sue lezioni, vorrei chiederle se questo nondimeno comporta una piú alta probabilitá che ella voglia nel futuro prossimo venturo ricorrere all'aiuto di sostanze stupefacenti per colmare le altrimenti evidenti lacune di capacitá di insegnamento che in cosi breve tempo a peraltro repentinamente ed incontrovertibilmente presentato!

    Nel qual caso sappia che ho intenzione di portare il caso di fronte al consiglio di classe

    Cordiali Saluti

    Bianco Bianchi

    RispondiElimina
  2. anche l'amico insegnante della 25a ora era radicalchic da generazioni, se ricordo bene.
    però anziché farsi il crack oi si è quasi fatto al studentessa ...

    voglio dire, - oh, oggi sono molto pregnante - non hanno una gran stampa gli insegnati nel cinema usa. altra cosa, se ci hai fatto caso, (ci hai fatto caso?) l'immagine nei b movies italiani anni settanta, sai quelli tipo la supplente, l'insegnante di sostegno, ecc. ecc..

    RispondiElimina
  3. quello della 25ma era il peggio stereotipo stile Pupa al Secchione, Seymour Hoffman meritava una fatwa

    RispondiElimina
  4. Anche il sedicente signor bianco bianchi forse *a* bisogno di seguire le lezioni della scuola elementare

    (vabbeh, sarà un refuso, capita)

    RispondiElimina
  5. Beh, uno che con la tastiera carpigiana riesce a fare gli accenti acuti sulle u e le a merita il mio deferente rispetto.

    RispondiElimina
  6. provate voi a fare gli accenti giusti con la tastiera americana....

    RispondiElimina
  7. anch'io ho (talvolta) problemi di relazioni con gli studenti (perdippiù non sono neanche un insegnante) e orami non ho più l'età per usare il crack.
    potrei seguire l'esempio di caporale e (tentare di) trombare una studentessa. purtroppo le studentesse (tra i tanti)hanno il difetto di essere terribilmente giovani e quindi (oltre a evitare la galera) mi atterrei alla mia regola n. 1: non litigare (e non trombare) con nessuno che ha meno di 25 anni.
    la regola n. 2 dice di non discutere di politica con chiunque ha meno di 30 anni, ma... questo è un altro discorso...
    comunque, nel caso, tienici informati sul crack, voglio dire: magari funziona!

    RispondiElimina
  8. ecco, dopo l'intervento del pur ottimo marcell_o vorrei puntualizzare una cosa.
    il mio commento non era inteso caldeggiare la copula fra prof e studentesse, ma voleva essere invece un intervento alto, pregnante, direi, per discutere un'ipotesi di lavoro: è vero che adesso al cinema gli insegnanti sono ritratti maluccio (vita sessuale così così e/o dipendenze varie), mentre un tempo erano "avanti" (fossi un blogger pisquano, direi: trendsetter).

    RispondiElimina
  9. ehm... l'accento sulla a è grave, non acuto. Mentre posso comprendere chi scriva í e ú perché così il segnaccento combacia con l'accento, se vedo uno scrivere é immagino che abbia una tastiera spagnola...
    (tra l'altro non capisco il problema di scrivere le lettere accentate con una tastiera americana: è quello che ho fatto in tutto questo commento)

    RispondiElimina
  10. E' vero non è male, io l'ho visto a Locarno. Notevole soprattutto "la mucca che interrompe".

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).