lunedì 30 giugno 2014

L'imbarazzante sexy barbecue M5S

Abbiamo cliccato Beppe Grillo per voi. 

Salve a tutti, bentornati alla saltuaria rubrica che vi mostra cosa c'è davvero nella meravigliosa colonnina destra del sito di Beppe, risparmiandovi dozzine di clic, di stupidi video pubblicitari, di stupidi video nemmeno pubblicitari, eccetera. Visto che il giornalismo sta per morire - Grillo ne è entusiasta - vale la pena di scoprire assieme cosa ci aspetta dopo il funerale: cosa sarebbe l'informazione se rimanesse a gestirla Casaleggio? Ecco qua.



Donne seminude e non solo! Imbarazzi! Davvero incredibile che nessuno ne parli. Ma di cosa? Dunque (clic), pare che nel 2012 il gruppo dirigente del PD di Napoli invece di farsi vedere a Occupy Scampia sia andato a una festa che si chiamava "People party", organizzata da Lorenzo Crea (capo ufficio stampa e portavoce del gruppo regionale del Partito democratico). Si trattava, secondo il sito casaleggiano TzeTzè, di un "party trash con ragazze seminude". Wow. Ce le fa vedere? La tizia sgranata nella foto è forse un assaggio? No. Se clicchi sulla notizia, parte un video sulla Minetti. Giuro. Non è neanche un video in senso stretto, è una famosa intercettazione della Minetti con un fermo immagine della Minetti - seminuda, almeno? No, neanche. Ovviamente la Minetti non è del Pd, non parla né di Scampia né del People Party, insomma "i dettagli" un par di ciufoli. Ché io in linea di massima in questi giorni di vacche magrissime potrei anche capire la necessità di intercettare sempre di più il target dei guardoni annoiati da youporn, e tuttavia mi domando fino a che punto una strategia del genere funzioni: cioè quante volte lo puoi fregare un guardone cliccatore compulsivo? Quante volte gli puoi permettere "ragazze seminude e non solo" e poi mostrargli uno scatto stravisto della Minetti vestita? Quante, prima che ti mandi nel luogo tanto caro ai 5Stelle, Fanculo? Poi sicuramente Casaleggio è un genio della comunicazione e ha capito cose che io no; e tuttavia, boh.


Nei momenti di stanca, quando gli streaming non vanno esattamente come dovrebbero andare, alla Casaleggio la buttano sull'alimentazione. Il modo migliore di curare la tosse è mangiare l'ananas. Cinque volte più efficace. Chi lo dice? Degli studi. Quali studi? Non lo dice. C'è solo il nome di un sito web, molto in fondo, che dice che l'ananas è una fonte di vitamina C: l'avreste mai detto? Vi passo comunque la ricetta che, secondo "gli studi", aiuta a sciogliere il muco nei polmoni: ananas, miele, pepe di cayenna e sale. Sappiatemi dire. (Continua sull'Unita.it, H1t#237). 


Di questo avete probabilmente sentito parlare. L’ostilità di Beppe Grillo ai POS è di vecchia data: due anni fa organizzò persino un sondaggio on line sull’argomento. Vinsero, neanche a farlo apposta, i difensori del contante. “Studiosi e dirigenti della banca centrale tedesca“, scrisse al tempo “dimostrano in modo inconfutabile che, rispetto ai pagamenti elettronici, il contante è: più comodo, più veloce, più accettato, più rispettoso della privacy, più economico, più trasparente“. Ah, se lo dice la Banca Centrale Tedesca…

Come nel caso delle donne seminude, anche stavolta cliccando non arrivi in nessun circo. Non sapremo nemmeno mai da dove è tratta l’immagine in questione. L’articolo di Tzetzè a cui rimanda il link spiega che gli elefanti vengono addestrati con un uncino metallico che fa parecchio male. C’è anche un video dove si vedono – da lontano – elefanti pungolati, ma mai al circo.

Vi può venire il cancro. Maddai. Beh, almeno stavolta nel pezzo di lafucina.it (l’altro sito casaleggiano a cui puntano i link di beppegrillo) c’è la fonte: Cesare Gridelli, oncologo presso l’Ospedale San Giovanni Moscati di Avellino. Ha scritto un libro in cui si spiega che carne e pesce alla brace aumentano il rischio di tumori. Però se mangi frutta e verdura gli antiossidanti riducono l’assimilazione di sostanze tossiche. E vai.

Perché non li chiamano – no, scherzo – ma fino a un certo punto, visto che su Tzetzé la deputata Giulia Sarti ammette “è vero non ci sono arrivati molti inviti“. Ma voi ve n’eravate accorti che avevano smesso di andarci? Io non saprei, non guardo un talk più o meno da quando è cominciato il mondiale. Magari succede anche ai 5stelle, e questo spiegherebbe il mistero.
Anche se in realtà non c’è nessun mistero. Non hanno smesso di andare in tv. Hanno soltanto diradato le presenze perché sono stanchi. “Abbiamo avuto talmente tanto lavoro tra ballottaggi, tra organizzazione di azioni in Parlamento, mille cose [...] Mentre negli altri partiti ci sono persone che fanno esclusivamente quello, magari non vengono in aula tant’è che sono state pure richiamate certe deputate del PD perché andavano sempre in televisione poi al momento del voto in aula non c’erano. Noi facciamo tutto”. Va bene. Nel frattempo mi giunge notizia che a Bruxelles i 17 eurodeputati si porteranno un “gruppo di comunicazione” di 24 elementi, tra cui qualche dipendente della Casaleggio. Chi li pagherà? Non sono un po’ tanti? Ma parliamo piuttosto di cibi velenosi.

È il sale. Ma non faceva bene ai polmoni? Eh, ma fa male alle arterie. “Se assunto in quantità smodate” – grazie al Grillo, anche la tachipirina se ne prendi un chilo ti uccide, un giorno di questi mi aspetto il titolo STA NEL TUO CASSETTO DEI MEDICINALI MA È UN VELENO. Gli antichi greci avevano una parola per questa cosa, credo. E ora siete pronti per la tresca della settimana? Vai col momento Novella2000:

Beccati! In una riunione! Chissà che combinavano. E adesso? Se clicchi arrivi su un video che ti mostra quante auto blu erano parcheggiate su un marciapiede nei pressi di Palazzo Madama il giorno della fiducia, 24 febbraio. E che c’entra? Non si sa. Più in basso ci sono ampie citazioni da un pezzo di Carlo Tecce sul Fatto Quotidiano. Il succo è che Renzi sapeva che la proposta di riforma del Senato sarebbe passata con la reintroduzione dell’immunità. Interessante – ancorché ovvio – ma noi volevamo le foto di Renzi e della Boschi beccati. E invece niente. Per fortuna che la notizia successiva è una “verità”.

La “verità” di Di Maio consiste in un messaggio da lui pubblicato su facebook che coincide perfettamente con un post di Beppegrillo.it. Dunque, o Di Maio è un autore di Beppegrillo.it (non ci sarebbe niente di male), o è uso copiare pari pari i pezzi di Beppegrillo.it sulla sua bacheca facebook (e anche qui non c’è niente di male). Poi Beppegrillo riprende il pezzo copiato da Beppegrillo e lo chiama “verità di Di Maio”.

Si chiama Chiara Gagnarli e ha firmato un’interrogazione parlamentare per esortare il governo a diffondere l’iniziativa di alcuni supermercati inglesi che hanno tolto snack e caramelle dagli scaffali più vicini alle casse. Per ora la “battaglia” non è neanche una proposta di legge: è un invito a diffondere un’iniziativa. Sacrosanta, per carità. Ne approfitto per segnalare un fatto buffo: i link falsi. Per esempio, in fondo a questa notizia sul sito di Beppe si legge “www.linkiesta.it”: però se clicchi sopra la scritta www.linkiesta.it, non vai sull’inkiesta, bensì su Tzetzè. Si vede che la gente non è poi così entusiasta di cliccare su tzetzè: al punto che bisogna mascherarlo un po’.
Si chiama Marinaleda, è un comune dell’Andalusia di 2600 abitanti. Non è vero che l’affitto sia a 15 euro: con 15 euro al mese la casa è tua – ma devi costruirtela. Non è neanche esattamente vero che tutti guadagnino 47 euro al giorno “non importa quale sia la posizione”: 47 euro è il salario della  Coperativa Humar, che dà comunque lavoro alla maggior parte della popolazione. Fonte Wikipedia, e questo per stasera è tutto.
No, aspetta, c’è un post scriptum. Proprio mentre scrivevo questo pezzo, qualcuno su facebook mi ha segnalato un fotomontaggio di Renzi al volante che contratta con una prostituta (“ma allora é identico a Berlusconi 100%“). Il maldestro tizio che l’ha concepito e postato per ora non sembra essersi reso conto del guaio in cui si è cacciato (“solo gli stupidi come tè non hanno ancora capito che i miei fotomontaggi rispecchiano la realtà“, ecc.). Il suo account è pieno di orrendi fotomontaggi sullo stesso argomento: Renzi-diavolo, Renzi-killer, Renzi al cesso, ecc. ecc. Immagino che Grillo, se interpellato, prenderà le distanze. Ma la responsabilità di aver formato una sottoclasse di web-attivisti isterici, di averli svezzati a vaffanculi e photoshop, è tutta sua. 

21 commenti:

  1. ecco qua, puntuale come un orologio svizzero, l'ennesimo pezzo contro Grillo
    Ti possiamo chiamare Leonardo Travaglio?

    RispondiElimina
  2. Si vede e si sente che oramai questi pezzi li fai controvoglia...la sola spiegazione è che ti pagheranno piuttosto bene all'Unità....in ogni modo ti pago un caffè con paypal per l'abnegazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi secondo te postare un link a "sexy barbecue del PD" che in realtà porta ad un vecchio video della Minetti sarebbe cosa buona e giusta, mentre chi fa notare che la faccenda è ridicola starebbe agendo contro voglia?
      Se ti può consolare, anche secondo me quel pezzo del sexy barbecue che porta alla Minetti meritava solo di essere preso in giro.
      Secondo te, invece, era fatto bene? Anche tu avresti intitolato "sexy barbecue del PD" un video della Minetti? Cioè, parliamone...

      Elimina
  3. per anni, tante persone a modo che conosco hanno frequentato il blog di beppe strillo rilanciandone a volte le tematiche, lanciandone le tematiche, linkandolo a più non posso
    personalmente non m'è mai piaciuto, questo miscuglio tra frammenti di verità (magari fuori contesto) con gossip e puttanate vere e proprie condite da abbondante enfasi (come fa il fatto quotidiano, in modo solo appena più giornalistico, qualunque cosa voglia dire)
    quindi anch'io credo che tutto il sistema beppe strillo-casaleggio sia una fabbrica di click
    chiunque sia "cresciuto" frequentando il sito di beppe strillo (chiunque frequenta verissimo, pomeriggio cinque, novella 3000 o chi) può riportare danni seri, soprattutto se non hanno mai iniziato a leggere un quotidiano vero (sai, quelli che vanno sui blog a dire che i pezzi sono troppo lunghi...)
    comunque, lavorando come grafico pubblicitario, odio (sì, odio) questo genere di manipolazione (o tentata manipolazione) tipica delle televendite, oltretutto questi siti sembrano impaginati da scimmie addestrate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. marcello, illuminaci
      qual è un quotidiano vero?

      Elimina
    2. Bell'articolo Leonardo... e ti rendi conto del FALSO giornalismo anche semplicemente dallo stile tipicamente mimetico degli "articoli", sempre palesemente richiamanti a fatti diversi dall'oggetto del titolo (tecnica pubblicitaria ben conosciuta), esagerati, fuori tono, manipolatori, puerili, superficiali, raffazzonati, denigratori...
      Il cartaceo resta e rimarrà sempre un punto di riferimento circa la responsabilità giornalistica, non tanto e non solo penale, ma anche qualitativa, non fosse altro per il carattere "reale" del supporto e anche se la versione cartacea, depositata e registrata fosse solo una.
      Un augurio all'Unità di grande futuro.

      Elimina
  4. @sergio
    per me "quotidiano vero" nel senso di giornale su carta che esce tutti i giorni
    sai quelle robe noiose (con articoli lunghi) che trovi in edicola e paghi, però il giorno dopo puoi incartarci il pesce
    se poi la domanda è: quale sito di quotidiani è migliore di quello di beppe strillo?
    mm... tutti, o quasi
    trovo più equilibrati, meno sfacciatamente fregaroli perfino ilgiornale.it e liberoquotidiano.it, almeno quelli partono da notizie vere e poi le manipolano, su quello di beppe strillo per lo più ci sono non-notizie, come novella 3000 e chi

    RispondiElimina
  5. Comunque il discorso è sempre quello: a grillo viene controllato ogni singolo pelo dell'ascella più e più volte...a orsoni, che a giudicare dal nome di peli ne dovrebbe avere, nulla.
    La cosa buffa poi è sentire il Nostro fare ironia sulla faziosità dei vari altri giornali...quando qui....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo non è un giornale, ma il blog di un privato cittadino che tratta gli argomenti che gli pare (purché nei limiti imposti dalla legge).
      Il blog è però collegato al sito web dell'Unità dove guarda caso proprio oggi Toni Jop ha pubblicato un lungo articolo circa le irregolarità in sede MOSE & affini.
      Non posto il link in quanto il proprietario del Blog non ha molta simpatia che si usino i commenti per fare spam (anche qui il blog è suo e, come il corpo, se lo gestisce lui ;) ), ma credo che una volta saputo che c'è non sia difficile da trovarsi se si ha un minimo di buona volontà.

      Elimina
  6. Lo dice anche Pippo, ora ti è chiaro che il vecchio nostro pd è diventato un partito padronale come gli altri?

    http://www.unita.it/politica/da-matteo-una-gestione-br-al-limite-dell-autoritarismo-1.577869

    RispondiElimina
    Risposte
    1. partiti padronali sono quelli in cui il leader (il tuo Lord) non viene eletto all'interno del partito, ma è il fondatore stesso che si autoproclama capo del proprio partito per acclamazione implicita e inutilemente formalizzabile dei suoi fedeli o sodali (vedi statuto M5S)

      Elimina
  7. Certo dalla foto dell'ananas viene fuori l'annuncio dell'eliminazione del bisogno di una farmacia per curare la tosse, ma conoscendo il qi medio dello strillino d'ordinanza che in quanto tale è solito ripetere acriticamente ogni cosa gli arrivi dal sacro blog, saranno chilometriche le file di strillini che in farmacia ci dovranno comunque andare per garze e disinfettante per dita mozzate.

    Questo finché al prossimo giro di importanti "Non ci puoi credere clicca qui" non gli verrà spiegato che con una stampante 3D potranno farsi autonomamente quante dita vogliono, così da risolvere anche il problema della digitazione di migliaia di commenti al giorno vs la ridotta velocità di scrittura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero con una stampante 3D si possono fare le dita nuove?
      Ficata! E perché alla ASL non ce lo dicono?
      Mi sa che anche le ASL son tutte controllate dalla Ka$ta!

      Elimina
    2. Ci ringrazierete perché in 3d potrete fare anche le salsicce alla festa dell'unità

      Elimina
    3. Certo che si possono fare le dita nuove!
      La D indica proprio l'inventore noto per essersi amputato mentre cercava di aprire una scatoletta di tonno con una matita copiativa, da lì il soprannome Beppe 3Dita.

      Sulle zinne non so, mi pare ci abbia provato Woody Allen ma con risultati che gli sono sfuggiti di mano.

      Elimina
    4. ...e le truppe cammellate del pd? si potranno fare anche le truppe cammellate in un futuro prossimo?

      Elimina
    5. Buone notizie anche per Bruno!
      Pare che si possa a breve stampare anche lo spumantino con cui brindare alla prossima vittoria del bomba

      Elimina
  8. A quale parola greca ti riferivi, se non era una battuta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Pharmakos", in greco, significa sia "veleno" che "rimedio".

      Elimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).