sabato 28 giugno 2014

Un calcio ai mutanti

X-Men: giorni di un futuro passato (2014, Bryan Singer)

Tra dieci anni non esisteranno più mutanti. Per la verità non esistono anche adesso, fuori dai cinema. Dentro invece cominciano a essercene troppi, e a fare paura alla concorrenza: dinosauri, robottoni, divi in pensione che giocano a fare le spie, eccetera. Alla fine è pura lotta per la sopravvivenza, come diceva il mio bis-bis-bis-bisnonno mentre spaccava il cranio a un Neanderthal con la sua clava. O noi o loro, e loro sono molto cattivi, meglio togliersi il pensiero. Tra dieci anni non esisteranno più mutanti, il pubblico non ne potrà più di loro. Troppi errori di continuity, troppi supereroi morti e poi resuscitati perché la gente vuole il sangue ma anche il lieto fine. Come dice veramente il professor Xavier in una storia che non ricordo, la vita e la morte per gli X-Men hanno le porte girevoli. Contate soltanto quante volte tra fumetto e cinema avranno resuscitato la povera Jean Grey - alla quinta o sesta quale spettatore non si sentirebbe preso in giro? Tutto questo, in un futuro molto prossimo, causerà l'estinzione dei film di supereroi mutanti. A meno che.

A meno che i pochi superstiti del futuro non decidano di mandare uno di loro nel passato per -
"No scusa questa no, eddai".
Chi ha parlato?
"Sono la voce della coscienza di qualsiasi sceneggiatore, cioè io capisco che la Fox debba continuare a fare più o meno un X-Men all'anno sennò i diritti tornano alla Marvel, ma non è che puoi riciclare Terminator 1 così".
Ah no?
"No, è proprio il fondo del barile, capisci".
Il solito ignorante. Di che anno è Terminator 1?
"Primi Ottanta, e allora?"

Lui è Quicksilver ma non si può chiamare così perché i diritti del nome, da quel che ho capito, ce li ha la Marvel. La scena più divertente è la sua, poi decidono di non usarlo perché ruberebbe la scena ai senatori, manco fosse la nazionale italiana.

1984. "Giorni di un futuro passato", la saga originale di Claremont e Byrne è del 1981. È Cameron che ha copiato. Mai raschiatura dal barile fu più filologica. E dunque - dov'ero rimasto? I pochi superstiti del futuro decidono di mandare uno di loro nel passato per contattare Bryan Singer, che finalmente ha finito di pagare quel mutuo o quegli alimenti o quel ricatto, e sta lavorando a un sequel dell'Allievo, o a un noir come i Soliti sospetti, insomma vuole rimettersi a fare il regista e recuperare il tempo perso a riprendere tizi in calzamaglia, giganti e altre puttanate. Quand'ecco che riceve una visita di Wolverine. Salvaci Bryan, nel futuro prossimo stiamo per estinguerci. I buchi di sceneggiatura prenderanno il sopravvento e ci inghiottiranno tutti. Cazzi vostri, risponde educato Bryan. Eh no, dice Wolverine, tu ci hai creati come esseri di celluloide, e ora spetta a te salvarci. Solo tu puoi darci il reboot che meritiamo. Sai dove te lo metterei? Non scherzare Byan, non è il momento.

Il reboot - per chi non s'intende di saghe - è il Calcio di riavvio. Quando una saga è consumata, frusta; quando tutti gli eroi sono morti e resuscitati più di una volta, non prima di essersi fidanzati e lasciati un paio di volte, come in certe compagnie d'amici di provincia, c'è una sola cosa che puoi fare prima di diventare il Posto al Sole, ed è premere il supremo pulsante del Reboot. Fino a qualche anno fa il Reboot era molto semplice: spegnevi tutto e poi ripartivi da capo: nuovi attori, storia un po' diversa, amen. Prendi il nuovo Uomo Ragno: la trilogia di Sam Raimi è stata semplicemente azzerata. Un po' troppo presto, secondo alcuni - ma il motivo è il solito: se non fai lavorare il personaggio, la Marvel può reclamarlo indietro. La minaccia è più reale che mai, ora che la Marvel ha dimostrato di saper fare film di supereroi meglio di tutti, ed è stata rilevata dalla Disney. Anche gli X-Men andavano quindi presi a calci e riavviati il prima possibile. E d'altro canto come si fa a ripartire sempre dalla stessa lagna, il professore in carrozzella, i giovani mutanti, Logan che ama Jean che sta con Scott che BASTA PER PIETÀ BASTA.

Siamo negli anni '70 e la Lawrence rischia di incontrare la sé stessa di American Hustle. (Se ci andate per lei ci restate male, tolte le scene in cui è incatramata blu restano due o tre minuti, ma sempre meglio di Halle Berry).
Siamo entrati così nella fase manierista del Reboot. Da elemento di rottura, il reboot è stato per così dire armonizzato nella trama stessa della saga. È come se la continuity se lo fosse mangiato. Il probabile responsabile di questa novità è il controverso J. J. Abrams, che col suo Star Trek del 2009 ha mostrato come il reboot possa diventare una figura narrativa, grazie all'altro fondamentale tropo che è il viaggio nel tempo. Un personaggio della saga vecchia e frusta torna indietro nel tempo e combina qualche cazzata che cambia per sempre la storia: et voilà, ora i vecchi personaggi si muoveranno in uno spazio vuoto. Possono rimettersi ad ammazzarsi e fidanzarsi e resuscitare come se niente fosse successo. Poi tra vent'anni rimandano qualcuno indietro nel tempo e si riparte. Giorni di un futuro passato è tutto qui.

Veramente tutto qui. È un film molto al di sopra della media degli X-Men, probabilmente grazie alla mano di Singer. Combattimenti ben coreografati e non troppo lunghi, grande equilibrio tra azione e spieghe, buon uso dei personaggi - compreso il Wolverine di Hugh Jackman, benché come sempre distantissimo dall'uomo-bestia dei vecchi fumetti di Miller: un damerino palestrato che continua a fumare sigari nei posti sbagliati, ma che alla fine usa più la voce che gli artigli. La sua missione è rimettere un giovane Xavier sulla retta via, una cosa abbastanza incongrua ma si può trovare una giustificazione narrativa anche per questo. Si può trovare una giustificazione narrativa a tutto. Ma il punto forse è proprio questo: al termine di due ore di intrattenimento di buon livello, con attori di prima classe (Fassbender, la Lawrence) la sensazione che rimane è quella di aver assistito soltanto a un lunghissimo reboot. Come se la principale preoccupazione degli sceneggiatori fosse spiegare perché tutto quasi tutto quello che è successo fin qui è come se non fosse successo, e dal prossimo film cambieranno tutti gli attori (tranne probabilmente Jackman). Come se non ce li fossimo già scordati alla grande, tutti i precedenti X-Men.

Giorni di un futuro passato è in giro da un mese, più o meno; ma non è che a Cuneo e dintorni ci sia molto di meglio, eh? Il film è ancora in sala al Cinelandia di Borgo S. Dalmazzo, sabato e domenica alle 22:40 e martedì alle 21, in 2d. 

14 commenti:

  1. di orsoni proprio non vogliamo scrivere una riga eh
    habbiamo paura di sprecare l'inchiostro?

    RispondiElimina
  2. profumo di misery
    (bello "habbiamo" - fa un sacco machiavelli; +1)

    RispondiElimina
  3. che palle 'sti anonimi, essendo sempre ot mi tocca di sta' in argomento
    argomento - inteso come film sugli x-men - che sta appena sopra "dove va in vacanza belen", ne posso approfittare per dire che ultimamente tendo ad apprezzare i film che non abbiamo:
    - angeli, fantasmi, vampiri e altri esseri strani
    - sparatorie e combattimenti prolungati (per dire: "gran torino" sarebbe quasi da eliminare)
    - supereroi (di origine umana o extraterrestre) e alieni in genere
    - asia argento, sergio rubini, sergio castellitto, giovanna mezzogiorno, (mi fermo qui perché mi verrebbe fuori un elenco un po' lungo)
    - qualunque personaggio da cartone animato fuori da un cartone animato

    quindi è possibile che io non veda mai questo film...
    ieri su qualche canale davano "godzilla", quello americano... che tristezza, dopo 5 minuti ho cambiato canale

    comunque ni sa che ha ragione riccoespietato: guardati intorno che potresti essere oggetto di attenzioni tipo "misery non deve morire"

    RispondiElimina
  4. ma ma era passato anche il rabbi matto, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dopo essere passato dal blog di m_arcello arrivo ora dal blog di bruno
      bazzica questo blog il maestrino di vigevano che vuole vomitare in faccia agli anonimi che vogliono sapere di orsoni?

      Elimina
    2. Io, presunto amico e stimatore di Leonardo, propongo di esportare tutti gli anonimi che scrivono in Israele.
      Una punizione divina!

      Ps scusa Leonardo

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. e magari ci sei pure tu quarantenne in crisi,
      contadino triste

      Elimina
    5. Rabbi Zanardo, abbi pazienza se ti cancello un po', ma sei la tristezza incarnata.

      Sono contento se stai riuscendo a trovare nuovi modi per sfogare le tue pulsioni; purtroppo a monte di tutto io continuo solo a vedere una persona triste che si aggrappa a cose che non esistono nella speranza di ottenere qualche privilegio.

      L'involuzione degli ultimi anni consiste in questo: hai smesso di cercare di convincere chicchessia delle tue ragioni (evidentemente non ne hai) e ti stai concentrando nel combinare dispettucci a chi ti dà torto.

      È una cosa patologica? Non lo so. Senz'altro sei abbastanza furbetto da prendertela con la gente meno vendicativa in assoluto: i morti o i tizi tranquilli come me.

      Ti direi: pace, ma non risolverebbe niente. Mi dispiace davvero per te e per chi ti sta vicino.

      Elimina
    6. ...il più furbetto qui sei tu che sei riuscito a prendertela con gli imprenditori suicidi...non mi risulta che siano tendenzialmente vendicativi...ma potrei anche sbagliarmi...

      Elimina
  5. Anonimo delle 14:51

    paga ed avrai cio' che pretendi (forse)!

    RispondiElimina
  6. prima i morti di Bruxelles, poi questi nella West Bank.
    La pace si avvicina!
    STEI IUMANNE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che come rabbino ci metti poco tempo a elaborare il lutto eh. sei già qui che sghignazzi.
      Sono morti tre ragazzi cosa ci sarà di divertente.

      Elimina
    2. È Zanardo. Si diverte così.

      Elimina

Puoi scrivere quello che vuoi. Se è una sciocchezza posso cancellarla.