Pages - Menu

venerdì 30 novembre 2012

Renzi e il Partito nella Nuvola

Finché un bel momento si accorge che la polemica sulle regole gli è scappata di mano, e che averla trascinata fino a questo punto sarà controproducente anche per lui, sia che vinca sia che (più probabilmente) perda. Così a due giorni dal voto registra un messaggio pregando, "implorando" i suoi sostenitori di parlar d'altro, "di politica, del futuro del Paese". A parte rimarcare la faccia tosta, quasi ammirevole, di chi avendo esaurito i sassi da gettare s'ingegna all'ultimo momento a nascondere la mano, io vorrei qui provare a spiegare senza troppa polemica perché Renzi non può fare così: non può pretendere che i ragni non pizzichino, che le cicale non cicalino, che i suoi sostenitori non polemizzino sulle regole. La polemica sulle regole non è una cosa semplicemente strumentale, un trucco per attirare l'attenzione. La polemica sulle regole è ormai diventata il messaggio, e riflettendoci un poco non poteva che andare a finire così.

La rissa sulle giustificazioni scritte, sui certificati, sui documenti, non è un incidente che ci ha coinvolti per sbaglio. È il modo in cui si è espressa la vera identità del movimento renziano, che non è la bozza Ichino o la vocazione maggioritaria o la mano tesa agli elettori di centrodestra. Il renzismo è, prima di tutte queste cose, un movimento generazionale, che interpreta la frustrazione di una categoria abbastanza precisa di persone. Hanno quasi tutti meno di 45 anni; alcuni sono professionisti, altri sono precari, ma in ogni caso lavorano tutti. E sul luogo di lavoro si scontrano, tutti i giorni, con gli over 50: che mantengono posizioni di potere, che hanno sempre la maggioranza, che sono troppi, si autolegittimano ma spesso non sanno come si accende il tablet che hanno appena comprato, che non si rassegnano a essere rottamati. Lo zoccolo duro di Renzi è questo, e per quanto cerchi di allargarlo alla fine i suoi ultras sono fatti così; non è un caso il fatto che litighino sulle regole, che vivano la giustificazione scritta come un'umiliazione, che non capiscano come mai l'iscrizione ai registri non si può fare on line. Non è un dettaglio. È qui che passa il fronte della guerra generazionale: carta contro iPad, giustificazione scritta contro moduli on line, file nei seggi contro clic e tag, sedi di partito vecchia maniera contro social network: burocrazia contro internet.

Sono i quasi-nativi digitali. Fin qui internet è stato l'unico ambito che ha dato loro soddisfazioni e riconoscimenti: le rare volte che sono riusciti a convincere i colleghi a snellire una procedura passando dalla carta alla cloud, oppure quella volta che il direttore ha chiesto di loro per risistemare un sito o una banca dati. Internet è l'unico territorio amico, l'unico luogo in cui si sentono più sicuri dei loro avversari: è normale che cerchino di trasferire la battaglia lì, che a tre giorni dalla fine di tutto aprano un sito internet allo scopo di attingere a un enorme bacino di potenziali elettori di Renzi. Non ha importanza che questo bacino esista o no: ricorrere a internet è una reazione istintiva, un riflesso involontario: non c'è problema che la Nuvola non possa risolvere.

La carta, invece, è il nemico. Le code sono sempre lunghissime, estenuanti, retaggi di una civiltà analogica che dev'essere smantellata al più presto e sostituita da qualche software o app altri nomi a caso che ogni tanto effettivamente Renzi pronuncia. Il renzismo non è un'ideologia, è una frustrazione: noi siamo nel 2.0 e ci tocca prendere ordini da gente che va in crisi se la fotocopiatrice è in standby? E adesso cosa vogliono, la giustifica come a scuola? Dobbiamo scrivere? Su dei pezzi di carta?  Douglas Coupland si preoccupava che fosse la prima generazione senza Dio; per adesso questo più di tanto non si nota, almeno da noi; si nota più il fatto che sia stata la prima generazione a diventare adulta senza abituarsi a timbrare un cartellino. Mettersi in coda non è semplicemente una rottura: è umiliante.

Ne conosciamo tutti di tipi così. Per esempio io nel mio luogo di lavoro conosco un tizio che ha un problema col registro di carta: non riesce a gestirlo. Proprio non ce la fa, piuttosto di mettere i numerini con la penna nei quadratini si farebbe ore di riunioni, di lezioni, di qualunquecosa. Ce l'ha a morte con la Gelmini, con Profumo, con la Moratti, con tutti quelli che non gli hanno ancora dato il registro elettronico che a sentir lui sarebbe facilissimo da usare, praticamente si riempirebbe da solo. E in effetti lui ce l'ha già una specie di registro elettronico, se lo è fatto per i fatti suoi, lo ha messo nella Nuvola e ci si trova abbastanza bene, ma quello di carta non sa proprio più fisicamente come si riempie, è un'angoscia. Ecco, quel mio collega sotto sotto è un renziano - anche se su tutti i blog scrive in lungo e in largo il contrario.

26 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché hai cancellato? era bello.

      Elimina
    2. Uso questo spazio,perche' altrimenti non so' come possa farlo.Io sono una di quelle persone che usa un dito per scrivere sulla tastiera e sono completamente all'oscuro del significato delle sigle che ci sono in internet.Nonostante questo sento il bisogno di dire la mia opinione su quanto scritto nell'orticolo di Leonardo,che penso sia una persona.La tesi trattata e' molto interessante e la trovo molto vicina a quello che e' il mio pensiero.Ho un nipotino di quattro anni,che usa il compiuter molto meglio di quanto sappia fare io,ma se non sbaglio il compiuter e' stato congegnato con un linguaggio comprensibile ai bambini e non agli anziani come sono io.Io pero' penso al danno in cui vanno incontro le nuove generazioni,quando pensano che si risolvono i problemi,quando si vuole rottamare la cultura delle vecchie generazioni.Parlo della cultura del lavoro fatto con le mani,al lavoro dei contadini,dei metalmeccanici,degli elettricisti,di tutte quelle persone che tra poco non ci saranno piu'.Allora con tristezza penso a quando non ci sara' piu' l'energia sufficente a far funzionare i compiuter,cosa faranno i nostri eredi che non sanno fare altro?

      Elimina
  2. Oddio messa così fai quasi venire voglia di votare renzi

    RispondiElimina
  3. Se posso aggiungere i miei 2 cents ad Unknown, consiglierei anche di buttare un occhio al regolamento ed uno alla delibera attuativa. Giusto per vedere l'effetto che fa.

    Da "chi non ha potuto registrarsi prima può farlo il 29 ed il 30" a "chi sostiene di non aver potuto registrarsi prima può richiedere che il suo triste caso venga esaminato, convinca all'unanimità una commissione, e se per caso la commissione non fa in tempo ad esaminare la sua pratica la consideri respinta". Sono ancora le regole votate. Dopo che qualcuno ha mangiato pesante prima di andare a dormire.

    RispondiElimina
  4. Io ho l'impressione che siano tutte scuse da parte di Renzi, che non è capace di perdere; a me pare che Renzi sia solamente un bluff (riferito alle sue capacità politiche-partitiche, ecc.).

    RispondiElimina
  5. Questo renzi e il renzismo,sono come le grandi potenze che per arrivare dove sono arrivate hanno fatto le più criminali guerre anche atomiche.Arrivate al massimo vertice di potenza mondiale vogliono impedire ad altri di armarsi per fare la stessa cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renzi è la personificazione dell'arrivismo rampante... quello che per arrivare è disposto a passare su tutto e tutti, a non rispettare regole o a modificarla a seconda della necessità momentanea. Non mi pare un esempio utile per la presidenza del consiglio anzi proprio deleterio.

      Elimina
  6. Non dimentichiamo che Renzi è arrivato tanto in alto solo ed esclusivamente pe merito di chi ha votatoil PD,tanta sinistra pochissimo centro.

    RispondiElimina
  7. il Renzismo mi ricorda tanto il bullismo, l'arrogante pretesa di farsi le regole man mano in base alle convenienze. E' figlio legittimo del Berlusconismo, il frutto avvelenato del pifferaio di Arcore. C'è un tipo umano che è stato sdoganato da Silvio, ed è quello che viola sistematicamente le regole per imporre i suoi desideri, la sua volontà. Può essere l'evasore, chi assume lavoratori in nero, chi spreca il denaro di noi contribuenti, per finalità private(Fiorito), ma anche chi antropologicamente non sa rispettare l'asticella che è stata fissata dalla comunità a cui si appartiene. Cosa c'è dietro? Un enorme egocentrismo, una boria da caporale, una sub-cultura travestita da modernismo.
    Sarà il caso che si sia una regolata, questo giamburrasca che vuole rottamare anche i valori nei quali si sostanzia la Sinistra: l'uguaglianza e la lealtà prima di tutto!

    RispondiElimina
  8. Un capolavoro di confessione che nemmeno Dostoievski. Chapeau.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora mi sa che sei l'unico ad aver colto.
      Qui sono tutti troppo presi a disputare se siamo tra il primo ed il secondo tempo, o tra i supplementari ed i rigori.

      Elimina
  9. Leonardo ha centrato in pieno la questione. Bravo.

    RispondiElimina
  10. Questo è il "renzismo" ma Renzi è una cosa diversa, è un personaggio che si è costruito per questo seguito e con ben più alte ambizioni.
    Oppure pensiamo che i contatti con l'alta finanza e i corposi finanziamenti sono arrivati solo per simpatia ...

    RispondiElimina
  11. Caspita Leonardo sono impressionato! Su Renzi hai detto un sacco di cose che non condivido, alcune anche antipatiche, ma alla fine (e da qui si vede che sei uno che ragiona) hai colto perfettamente nel segno. Non siamo né fascisti, né infiltrati berlusconiani, né liberisti: semplicemente sappiamo fare il nostro mestiere con le tecnologie che oggi ci consentono di farlo al quadruplo (o al decuplo) della velocità e della qualità con cui lo fanno i nostri capi (o i nostri colleghi che andranno in pensione prima e meglio di noi). E lo facciamo per la metà (se va bene) dei soldi e beccandoci il totale dei rischi esistenti nel sistema (cioè se qualcuno perde il lavoro lo perdiamo noi, a prescindere da quello che sappiamo fare o, peggio ancora, che produciamo).
    Abbiamo le chiavi per competere (dire la nostra, via) sul mercato globale e siamo otturati e oppressi da una generazione che interagisce con la tastiera del PC solo con l'indice. Se va bene con due. E che ritiene una bieca aggressione del padronato al suo diritto al lavoro se quello che due di loro fanno in una giornata io lo faccio in un quarto d'ora. E quindi io divento una specie di espressione del capitalismo mondiale, perché so usare (ohh...) EXCEL!
    Poi questo si declina in Ichino, in progetti, idee, più o meno convincenti. Ma il sentimento, la molla emotiva è questa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Delle eccellenti capacità sul mercato globale che impediscono però di venire a capo in maniera matura del regolamento delle primarie del pd.
      E Renzi primo ministro alle prese con le regole bizantine e frustranti dei rapporti internazionali cosa fa? Compra le pagine dell'economist (pagine di carta!!) per lamentarsi del fatto che la merkel non lo retwitta?

      Elimina
  12. E' divertente vedere come i renziani hanno preso il post come un complimento; e i bersaniani come l'ennesima critica.

    E' un'analisi sociologica che probabilmente centra la minoranza più attiva dei simpatizzanti di Renzi (non certo mia mamma, però, insegnante in pensione che usa facebook ma con enorme fatica e va molto poco oltre quello).

    Io però voglio porti una domanda (perchè mi interessa davvero la tua risposta): secondo te è giusta questa cosa della giustificazione e del silenzio dissenso? secondo te è giusto impedire la partecipazione a gente che per qualsiasi motivo non ha partecipato al primo turno e che è oggi è disposta a impegnarsi (simbolicamente, certo) a votare PD alle politiche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace che t'interessi la risposta, perché temo di non averne una particolarmente interessante.
      Credo che si stiano scontrando due concezioni di partito che non si capiscono, e che in sostanza sono due partiti diversi. Nel delirio delle regole non entro, ma ho la sensazione che il comitato super partes sia stato disertato da una pars che riteneva tatticamente più interessante lamentarsi tutto il tempo. Se l'obiettivo è spaccare tutto, la tattica ha un senso.

      Elimina
    2. Ma non voglio parlare di Bersani vs Renzi, so da che parte stai e mi spiace che in queste settimane tu non abbia prestato maggiore ascolto al tuo sano scetticismo e ti sia lanciato in un "post bombing" di endorsement.

      Mi piacerebbe mettere da parte la disputa tra candidati. Vorrei capire se per te ha senso che una volta che si decide di fare primarie aperte, e si presentano 10 mila o 100 mila nuovi elettori al secondo turno - gente che dice "sono del PD" oppure "sono un ex astenuto che ora vuole votare il PD" oppure "sono un ex pidiellino che ora vuole votare PD" - gli si possa dire "tornatevene a casa".

      Facciamo finta che le regole le stanno discutendo ora e ancora non le hanno emanate. Qual è la regola giusta, secondo te, per un partito che ha deciso di selezionare il proprio candidato premier con primarie aperte?

      Elimina
  13. se fosse così semplice dividere il renzismo dal non renzismo, allora cancellerei il mio account dropbox,
    giusto per non correre il rischio di essere messo nella lista sbagliata!

    RispondiElimina
  14. questo post è di un'idiozia che davvero è un insulto a tutte le cose intelligenti che hai scritto negli anni, leonardo

    RispondiElimina
  15. io ho trovato il post divertente e condivisibile (non nei dettagli, ma nel punto di vista).
    secondo me ha centrato bene il punto. poi certo se uno ci scrive sopra 200 pagine farà una disamina più approfondita (meno divertente)
    la parte divertente del post è senz'altro "sia stata la prima generazione a diventare adulta senza abituarsi a timbrare un cartellino"
    sono molte le attività noiose, come appunto lavorare tutti i giorni, scrivere (fa nulla con quante dita) o leggere testi più lunghi di una slide powerpoint, parlare con qualcuno e convincerlo anziché insultarlo, ecc.
    poi gli si può spiegare che non per tutti i lavori vale "se quello che due di loro fanno in una giornata io lo faccio in un quarto d'ora"
    o vabbe'...

    RispondiElimina
  16. Il tentativo lodevole di analizzare e descrivere l'atteggiamento del Renzi nei confronti delle regole e più in generale della "condivisione" potrebbe risultare più efficace senza troppi funambolismi sociologici :
    RENZI DA PICCOLO ERA UNO DI QUELLI CHE SE NON LO FACEVANO GIOCARE IN ATTACCO SI PORTAVA VIA IL PALLONE

    RispondiElimina
  17. Non so se hai proprio ragione. Alcune battute di Renzi non le avrebbe fatte neanche il Lorenzo di Corrado Guzzanti. E al Vernacoliere gli avrebbero garantito al massimo un posto in cucina.

    A me ad esempio è piaciuto tanto questo scambio verso la fine del faccia a faccia (cito a memoria, non ho rivisto il video, ma non l'ho inventato):

    B: "Sei andato a conteggiare quanti giorni sono stato ministro!" (tradotto: Ma hai pettinato la bambola ricciolina?)

    R: (mostrando lo smartphone) "C'è la funzione calcolatrice!"

    Per conto mio, Baldo sarà sempre meglio della Ruota della Fortuna di Mike. E Miguel Gotor sempre meglio di Gori, forever.

    Mafalda

    RispondiElimina
  18. "guerra generazionale"

    E' qui che io vedo il dramma: nell'ideologia che ha portato tanti giovani e meno giovani a negare il clivaggio di classe e di potere leggendolo come scontro generazionale o nord-sud.

    Mafalda

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.