lunedì 25 novembre 2002

Autodafé

Signori lettori, signori della giuria:
dopo un breve esame di coscienza, sono giunto alle seguenti conclusioni:

1. Se le cose stanno così, non posso non essere solidale col senatore Lino Jannuzzi, condannato a due anni e mezzo di reclusione per aver divulgato informazioni inesatte sul direttore di un giornale, su un giudice (poi avvocato) e su un farmacista.

2. E se nemmeno un Senatore della Repubblica è al di sopra della legge, come posso pretendere di esserlo io, dopo tutte le informazioni inesatte o imprecise, sballate o addirittura inventate, che ho divulgato sul mio umile sito? Altro che due anni. Ce n'è abbastanza per venirmi a prendere alle cinque di domattina, chiudermi in cella e buttare via la chiave.

3. Ciononostante io ho fiducia, anzi, fede nella magistratura, e nel momento della disgrazia spero ardentemente di trovarmi davanti a un gip saggio, buono e premuroso come Nadia Plastina. Davanti a lui/lei il mio cuore indurito dalla menzogna e dalla violenza si aprirà alla Verità, e io non dovrò dire altro che: "Abiuro la violenza e la menzogna, e rinuncio a Satana, fonte di ogni male". E sarò libero, mondo da ogni peccato, libero da ogni tentazione, disponibile a infamare qualche compagno qualora se ne presenti la necessità.

4. Siccome però ho un po' fretta , e non posso pretendere che gli inquirenti si mettano a leggere i miei archivi, per anticipare i tempi della mia conversione ho pensato di autodenunciarmi, come Torquato Tasso. Così ho dato una rapida occhiata agli ultimi 12 mesi del mio blog e di cazzate passabili di querela ne ho trovate veramente tante. Ecco una breve antologia di notizie false, inventate, non verificate, e, soprattutto, totalmente gratuite.

Lunedì 10 dicembre: Il creativo che ha creato lo spot del pandoro Melegatti è cocainomane.
Lunedì 24 dicembre: Rillo mangia i bambini
Martedì 5 febbraio: Casarini, ubriaco, balla malissimo
Martedì 11 febbraio: Fazio non sa contare i computer
Mercoledì 28 febbraio; la moglie di Scajola lo tradisce col cuoco
Mercoledì 22 maggio: il consiglio comunale (di Modena) è un cafone
Martedì 28 maggio: Berlusconi da piccolo buttava via i santini (e anche Putin)
Mercoledì 17 luglio: C'è gente che è morta da dieci anni e ancora continua a firmare per i referendum.
Venerdì 13 settembre: Galimberti in casa sua non lo ascolta nessuno.
Mercoledì 16 ottobre: Mirko Tremaglia non ha capito nulla dell'America.
Lunedì 18 novembre: la Fallaci è un'anziana signora malata.

Sapendo di poter sempre contare sulla vostra illuminata misericordia, vi saluto e mi firmo sempre vostro

Nessun commento:

Posta un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).