venerdì 27 gennaio 2006

- help i'm a rock #357

Io, in realtà, non volevo. Ha insistito lui:
la prossima volta che l'orrido sito dice che qui si scrivono "cazzate", faccia degli esempi. Dove? Come? Quando?
E va bene. Hai scritto una cazzata, Camillo.
Quando?
Ieri, 26 gennaio.
Dove?
Ma sul Foglio, naturalmente, la prestigiosa joint venture tra Veronica Lario e noi umili contribuenti.
Come?
Diciamo che ti sei lasciato un po' trasportare. Succede agli ideologi, e tu, volente o nolente, quello sei. Quando la realtà ti delude, te ne fai un'altra su misura.
Per esempio, in questo pezzo hai scritto che i palestinesi hanno votato a Gaza. Proprio così. L'ho letto e l'ho riletto, e mi sembra proprio che di Cisgiordania non parli. Se abitassi in cima al mondo, e il mio unico contatto con i miei simili fosse il quotidiano mio e di Veronica (e se fossi uno che si fida di quel che scrivi), dovrei dedurne che l'altro ieri i palestinesi hanno votato solo a Gaza.
Ora, io non sottovaluto affatto l'importanza di Gaza: in quella strisciolina di costa un tempo ridente vive più di un milione di palestinesi. Però la maggioranza sta altrove: in Cisgiordania. E a Gerusalemme est. E hanno votato pure loro. L'hanno detto tutti i telegiornali, e tu li guardi i telegiornali, sì? No? L'avrà detto anche la Gazzetta di Los Angeles e il Corriere di Tulsa, Oklahoma. Insomma, è una notizia di dominio pubblico. Ma tu nel tuo articolo parli solo di Gaza. E io mi sono chiesto il perché. Cos'ha Gaza che, per dire, Hebron non ha? O Gerico ? O Gerusalemme est?
L'unica differenza che mi è venuta in mente è che Gaza è stata sgomberata dai coloni, e il resto dei Territori no. Come se tu volessi istituire un rapporto di causa-effetto tra le due cose – ah, furbetto!
L’ultimo rifugio di quelli che dall’11 settembre 2001 a oggi non-ne-hanno-azzeccata-una è un nostalgico “si stava meglio quando si stava peggio”. I palestinesi votano a Gaza? Un disastro, signora mia. La democrazia per gli arabi? Una pia illusione di quei pasticcioni degli americani. Trattandosi di ex territorio occupato da Israele, i nostalgici che scrivono sui giornali non arrivano a rimpiangere i carri armati con la stella di David. Restano però più che scettici sul futuro democratico dei popoli arabi, quasi fossero “unfit”, incapaci di vivere senza un bel dittatorone coi baffi che li educhi e li bastoni per benino.
Chissà chi saranno poi questi signori "non-ne-azzecco-una". Di sicuro è gente poco informata. Visto che i palestinesi stanno facendo elezioni democratiche da dieci anni. Dieci, esatto. Le prime elezioni presidenziali e legislative dell'autorità palestinese ebbero luogo il 20 gennaio 1996. È vero che furono boicottate da Hamas, dalla Jihad e da gruppi meno importanti ma storici, come il FPLP e il FDLP. Ma è anche vero che la partecipazione fu massiccia per gli standard medio-orientali: il 73% in Cisgiordania e l'86% nella Striscia di Gaza. Ci furono brogli? No, secondo i 650 osservatori internazionali sotto la responsabilità dell'Unione europea (c'era anche Jimmy Carter). È probabile che Camillo non si fidi di loro.
È probabile che si trovi più d'accordo con Joel Mowbray del National Review, secondo cui Arafat vinse le elezioni presidenziali del 1996 troncando il dibattito interno nella sua coalizione (rifiutò i risultati delle primarie dell'OLP), e occupando massicciamente i media. Ma è davvero il caso di fare così gli schizzinosi? Dobbiamo escludere dal mondo democratico tutti i paesi in cui un leader di coalizione blocca il dibattito interno e occupa massicciamente i media? Meglio di no, per ora, eh? Se ne riparla in aprile.

Badate bene: non è che Camillo contesti le elezioni del 1996; non ne parla proprio. Sembra che non siano mai esistite. Del resto Israele è "l'unica democrazia del Medio Oriente", no? La Palestina non conta, la Palestina non è neanche uno Stato.
Scorriamo il suo pezzo ancora un poco.
Quando, mannaggia a Bush e a Sharon, si è formata una nuova leadership palestinese, Israele si è ritirata dai territori, si è cominciato a parlare concretamente di Stato palestinese e a Kabul, Baghdad e Gaza si è votato veramente, gli editorialisti accigliati hanno convenuto che nella regione si sarebbero aperti foschi scenari teocratici.
Così giovane, e già così revisionista. La "nuova leadership palestinese" si sarebbe formata grazie a Bush e a Sharon. Camillo probabilmente allude a quella fase farsesca della roadmap in cui Bush decretò che Arafat era corrotto e che quindi doveva nominare un Primo Ministro, e che quel primo ministro doveva essere Abu Mazen. Forse che chiese d'indire le elezioni, Bush? No. Non c'era bisogno di elezioni, era sufficiente che il corrotto Arafat nominasse l'immacolato Abu Mazen. Si esporta così, la democrazia: a colpi di diktat. Funzionò?
Funzionò quattro mesi: isolato da Hamas, Jihad e dallo stesso Arafat, si dimise in ottobre (si era insediato in marzo), accusando Israele e gli USA di non avergli dato quel sostegno che si aspettava almeno da loro. Questo fu il concreto contributo di Sharon e Bush alla creazione della "nuova leadership palestinese" (tra parentesi, Abu Mazen è una degnissima persona, ma di "nuovo" non ha poi molto: è del '35 ed è stato uno dei padri fondatori di Al Fatah nel '57).

Però alla fine è chiaro quel che Camillo intende, no? La democrazia in Medio Oriente si può fare, a patto che lo voglia Bush. A patto che lo sottoscriva Sharon. Insomma, purché sia d'esportazione! La democrazia fatta in casa non ci piace. Al punto che se i palestinesi votano, per la terza volta in dieci anni (l'anno scorso ci sono state le presidenziali e le ha vinte proprio Abu Mazen), lui si trova a dover fingere che la vera novità siano le elezioni a Gaza. E perché solo a Gaza? Ma perché è l'unica strisciolina di terra da cui Sharon ha avuto la buona creanza di ritirarsi. Un ritiro unilaterale, senza nessun progetto comprensibile dietro. Ma per Camillo tutto ha un senso: muore Arafat, Sharon si ritira, e i palestinesi possono finalmente votare. Tutto sta andando per il meglio, nel migliore dei mondi eccetera.
Ma ora le forze democratiche mediorientali hanno l’opportunità di avere un impatto reale nel futuro dei loro paesi, un’eventualità che non avrebbero mai avuto se Saddam, Arafat e il mullah Omar fossero rimasti al potere.
In definitiva sì, credo sia il caso di dirlo: stai scrivendo cazzate, Camillo. Io non ho mai nutrito eccessiva simpatia per Arafat; ma infilarlo in un elenco tra Saddam Hussein e il mullah Omar è fare violenza alla complessità delle cose. Non era Arafat a impedire lo sviluppo democratico della Palestina. Era una cosa che si chiama occupazione. Militare. Dei territori occupati. Dura da quarant'anni, ormai, e rende oggettivamente difficile qualsiasi transizione verso la democrazia. Ieri spingeva i palestinesi tra le braccia di un rais corrotto. Oggi li porta ad abbracciare il credo di Hamas. Quella che poteva essere la culla del laicismo arabo è diventata la prima regione del Medio Oriente dove i Fratelli Musulmani vanno al potere con elezioni regolari. Che bel risultato, per Bush.
Secondo solo a quanto avvenuto in Iraq: tre anni di guerra e guerriglia per mandare al potere gli ayatollah. Ora, in franchezza, sei assolutamente sicuro che Bush stia esportando la democrazia, Camillo? Non è che stia piuttosto contribuendo a seminare un bel po' di fondamentalismo religioso? Una cosa di cui si sentiva il bisogno.

E tu ti congratuli. Si congratula anche Mahmoud Ahmadinejad. Avrete qualcosa in comune.
Sì, ma cosa? Beh, una certa impostazione ideologica, forse. Quando la realtà non vi piace, la cambiate. Certo, è peggio lui che pasticcia con l'uranio. Tu in fondo le spari solo grosse su un giornale. Che però è anche il mio giornale, ricorda (e di Veronica).
Forse dovresti trattarci con più rispetto.

(E a tal proposito: ma i permalink, ci fanno proprio così schifo?)

10 commenti:

  1. Le prime elezioni presidenziali e legislative dell'autorità palestinese ebbero luogo il 20 gennaio 1996.

    Verissimo. Le seconde?

    RispondiElimina
  2. I continui aggiustamenti di Camillo oramai li conosciamo ahimè, così come le sue debolezze, in fondo è da bambini definire Macchianera l'orrido sito.

    RispondiElimina
  3. Questo mi ricorda in qualche modo uno sketch di Raimondo Vianello ai tempi di "Uno,due,tre" dove lui interpretava un deputato che a una conferenza stampa affermava che il suo partito era un modello di moralità, e all'obiezione di un giornalista che dissentiva affermando che gli risultavano parecchi corrotti tra i suoi compagni di partito, replicava "Vabbè, ma mi faccia un nome, dico, un nome e cognome"; e quello attaccava "Abate, Aracri, Aldovrandi, Ballocco..." e lui interloquiva "E, no, dico, le ho detto UN nome, qua li sta facendo tutti, insomma..."

    And now for something completely different (come a dire un breve OT) ho letto la tua notazione su it.wiki circa il mio eponimo, e concordo, quindi nell'ambito della completa ristrutturazione della sezione mitologia mesopotamica che ho intrapreso :) provvederò a ridurre ai minimi termini il riferimento a Star Trek.

    Cieli Sereni, e buon week-end

    RispondiElimina
  4. ma gli arabi da soli non sono capaci bisogna aiutarli, perchè non si fanno consigliare da noi italiani come si costruisce una democrazia...bisogna essere umili nella vita e noi occidentali lo siamo tantissimo...dai tempi delle crociate abbiamo esportato la nostra umiltà e il nostro rispetto...il nostro ammmore divino, la nostra democrazia è molto ma molto più evoluta della loro cazzo abbiamo addirittura un unto del signore che sta per liberalizzare le armi e poi magari ci propone la pena di morte, lui è un vero cattodemocristianfasciopiduista...e democratico, poi ci sono i suoi amichetti bush putin...lasciamoli lavorare...anche a casa degli altri ed avremo un mondo migliore

    RispondiElimina
  5. Falluja: Bush immortalato da uno scatto
    ora non può più negare.
    per saperne di più :http://intergiornale.blogspot.com

    :)

    RispondiElimina
  6. Gentile ........,
    vorrei segnalare un fatto che si può definire solo con una parola: SCANDALO!

    Mi riferisco alla travagliatissima cessione del Parma FC, il quale è in attesa di essere acquistato da ben 7 mesi, in un valzer continuo di proroghe, personaggi di dubbia serietà, silenzi, voci, smentite e quant'altro.

    Questa situazione ha messo in allerta anche il Comune di Parma, nella persona del Sindaco Ubaldi, il quale ha auspicato tempo fa che tale vicenda giungesse al termine, ovviamente rimanendo inascoltato.

    La squadra, com'è ovvio, risente di questa situazione di incertezze, è minata psicologicamente (e lo si nota nella prestazione durante la singola partita), si sente abbandonata, non conosce il proprio futuro.
    La tifoseria crociata, da sempre nota per la propria correttezza che la distingue da ben altre piazze, ha reagito con la consueta signorilità, limitandosi a civili proteste, cioè una manifestazione e cori durante le partite. Ma la situazione è diventata insostenibile per tutti noi.

    Ci siamo rivolti anche al Governo con un'interrogazione parlamentare al Ministro Scajola (presentata ieri, giovedì 26/01), il quale nemmeno si è presentato ma ha delegato qualcun'altro (una onorevole del ministero della pubblica istruzione...) che ovviamente non ci ha fornito ALCUNA risposta, dicendo solo che "hanno dato piena fiducia a Bondi".
    Essendo stati ignorati anche dal Governo, cosa dobbiamo fare? Le domande sono molte, così come i punti oscuri e il dubbio che ci sia sotto qualcosa di troppo grosso, qualcosa che va ben al di là della semplice cessione del Parma FC.

    Se non ci acquistano entro aprile, falliremo? Vogliono farci fallire per acquistarci a un prezzo minore? Qualcuno ha interesse a vederci in B, o magari in C1? Perchè Bondi non si pronuncia? Perchè queste continue proroghe? Chi trae vantaggio dal depauperamento e dal conseguente fallimento del Parma FC?

    Spero vogliate prendere in considerazione la nostra richiesta di aiuto. Non sappiamo più a chi rivolgerci, e siamo ormai in piena emergenza da quando questa tortura ha avuto inizio, due anni fa.

    Ringraziando anticipatamente per l'attenzione accordatami porgo distinti saluti.

    --------------------------
    ok?

    RispondiElimina
  7. Chi trae vantaggio dal depauperamento e dal conseguente fallimento del Parma FC?

    Io, per esempio.
    Se c'è modo, in seguito, di venire a spargere il sale sulle rovine dello stadio, sappiatemi dire.

    RispondiElimina
  8. (i permalink fanno schifo a Camillo quanto i feed rss fanno schifo a te?) :P

    RispondiElimina
  9. da newsalloy.com i feed funzionano tranquillamente (anche se non c'è un feed commenti, e ciò a volte è male).

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).