Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: non è un pranzo di gala, ma quasi

domenica 12 agosto 2007

non è un pranzo di gala, ma quasi

Dipingere chiese vuote

Adesso sono a Rotterdam, in un albergo a 4 stelle che su booking.com non costava quasi nulla, e questa mi sembra che sia la risposta migliore sia per Pierangelo Buttafuoco che per Elton John.
Sì, perché rileggendo Mantellini ho scoperto che se fosse per il grande pianista e la giovane promessa del giornalismo italiano internet si potrebbe anche chiudere domani, ed effettivamente non fa una grinza. Perché se domani e dopodomani internet resta aperta, non solo nessuno sentirà più la discutibile esigenza di comprarsi il Foglio o l’ennesimo Greatest Hits, ma va a finire che in vacanza Elton o Buttafuoco si ritrovano nello stesso albergo dove sto io, pagando il triplo; e tutto perché non riescono a usare nemmeno un sito come booking com, che non è neanche internet 2.0, al limite sarà 1.5 o boh, non è che me ne intenda tanto neanche io. Posso capire la loro stizza. Però non c’è niente da fare.

Basta chiudere gli occhi e immaginare: dove sarei io, oggi, senza internet? In coda sull'adriatica, presumibilmente.

Questo non è un pezzo in difesa di internet o dei blog, non c’è più niente da difendere. Non c’è neanche da dire “abbiamo vinto”, perché in effetti non c’era niente da vincere, nemmeno una bambolina. C’è stata una rivoluzione e c’eravamo noi, fine. Magari ve l’aspettavate più drammatica, la rivoluzione. O più divertente. Ma le rivoluzioni sono fenomeni imprevisti, per definizione. Non sai mai cosa potrà accadere, finché accade.

Il modo migliore di entrare in Olanda è passare dal Belgio, una vera anticamera. A un certo punto non sono più francesi, ma continuano a parlare francese e a decorare le chiese. A Gand smettono di parlare francese, ma hanno ancora chiese molto decorate. A Breda cominciano a farti pagare il biglietto, poi quando entri ti viene da chiedere i soldi indietro, perché non c’è niente! I protestanti hanno dato il bianco su tutto, maledetti! Il custode stringe le spalle: “Questo non è un edificio di culto, è un museo. La chiesa cattolica è in un altro quartiere”.

In Francia nel 1789 decapitarono le statue. Non esistevano più Santi, non esistevano più eroi, basta: rivoluzione. Potete immaginare qualcosa di più rivoluzionario di segar via la testa alla statua di un Santo che è rimasto lì per mille anni? Ma in Olanda c’erano arrivati già nel Cinquecento: via tutte le immagini dalle chiese, e impariamo a leggere. La cosa interessante è che i pittori a quel punto si convertirono tutti al mercato laico, buttandosi sul realismo più sfrenato, e fecero il botto. È curioso perché con l’Islam, che era ugualmente iconoclasta, non successe la stessa cosa. Lì invece i pittori si diedero all’astrattismo, e divennero decoratori e inventori di geometrie incredibilmente raffinate. Per dire che nessuno sa, esattamente, dove può portare una rivoluzione. Lo stesso comandamento (“Non ti farai effigi del tuo Dio!”) può portare un artista islamico a dipingere solo arabeschi e un artista fiammingo a dipingere quarti di bue.

La Riforma l’ha fatta Gutenberg. Se possiamo stampare Bibbie a ripetizione, se diamo una Bibbia a tutti i contadini, non avranno più bisogno di venire in chiesa a imparare la Genesi sui muri, è chiaro? Ma non è la fine della pittura, anzi, il contadino che studia l’alfabeto e legge la Bibbia prima o poi metterà da parte qualche soldo per appendere un quadro al muro. Nel quadro cosa vorrà vedere? Un quarto di bue, un paesaggio, un ritratto di papà, oppure anche l’interno della chiesa più grande della città. Ecco, questo è curioso: una specialità dei pittori fiamminghi, dopo la Riforma, erano gli interni delle chiese. Interni vuoti, perché le chiese non avevano più immagini. Invece la chiesa vuota, la chiesa bianca, era un’immagine apprezzata. Le rivoluzioni non cancellano necessariamente il passato, ma lo pervertono. Lo trasformano in qualcosa di diverso. Un secondo dopo la rivoluzione la chiesa non è già più chiesa, è solo un museo. Così strano, così inutile, così bello da vedere. Lo si può dire anche di Buttafuoco, presumo.

Sono per la calma e mi piacciono gli odori, i sapori, vedere e toccare quel che mi serve. Tutte queste diavolerie impoveriscono i sensi.

Io non dico che Buttafuoco scomparirà, lui e il suo giornalino piuttosto inutile. Buttafuoco è già qualcosa di diverso da quello che si crede d’essere (un giornalista). Se al giorno d’oggi qualcuno ha bisogno veramente di un’informazione, Buttafuoco è nell’ultimo posto dove la cercherà. Il giornalino in cui scrive è già un post-giornalino, che cerca di fare qualcosa d’altro perché al ritmo dell’informazione, sui giornali, non si riesce più a fare. Si fa opinione. Come a dire: si fa concorrenza ai blogger. Senza avere gli alibi dei blogger, la leggerezza dei blogger, e allo stesso tempo la ferrea dinamica dei blogger che si controllano a vicenda. Può funzionare? Può funzionare in qualche provincia remota e dimenticata dalla rivoluzione, come il centro Italia.

Nel resto del mondo l’informazione viaggia su internet, i giornalisti di opinione si trasformano in blogger senza grandi patemi, e Buttafuoco resta appeso al bianco muro di Google, come ritratto di giornalista quaquaraquà che nel 2007 sosteneva di consultare solo “archivi cartacei dei giornali”. Seh, come no. Mi sembra di vederlo, Pierangelo, che si stira al mattino con calma, sella il mulo, attacca il biroccio, e si reca in città per consultare l'archivio cartaceo del quotidiano. Mi sembra di sentire i rumori (cloppete cloppete), gli odori (ah, quegli stronzi di mulo calpestati di fresco), i sapori. Che odori, che sapori, che cosa pittoresca è l'Italia, vista da Rotterdam.

6 commenti:

  1. ciao tond, saluti dalla germania

    by castadiva

    RispondiElimina
  2. trovo curioso questo ridurre tutto ai minimi termini, con il massimo dell'approssimazione in malafede, con l'idea che se questo ha funzionato così quasi sicuramente quello funzionerà colà, in un balzano gioco di proporzioni.
    sta di fatto che (pur d'accordo sul fatto che la cazzata passatista e retrobottegaia del chiudere internet questo sia, e dimostri una inadeguatezza ai tempi che ha dell'imbarazzante) io questa rivoluzione non la vedo. l'unica nota positiva è l'accesso immediato all'informazione, e questo è un bene che la classe giornalistica per prima non ha saputo sfruttare (solo da poco tempo se ne è resa conto arrivandoci in modo goffo), ma sta di fatto che l'informazione va verificata e raccontata con una capacità di giudizio e di sintesi che la stragrande maggioranza di quegli sfigati dei blogger non hanno, buoni solo a copiare stili appresi in tarda età e a mimare un certo altezzoso umorismo convinti di avere un pubblico.
    a me pare spesso facciano parlare le loro frustrazioni, e ho come l'impressione che i post entusiasti sul mezzo che li rifornisce ne facciano parte.
    un saluto (stante che buttafuoco è surplus)

    RispondiElimina
  3. resta il fatto che tu vai a Rotterdam perchè hai un bagaglio culturale a monte (ovvero prima e al di fuori di internet) che ti permette di sapere già prima di cercare l'albergo che l'Olanda è un paese in cui ci sono cose belle da vedere. L'italiano medio (ricordiamocelo sempre, 3 italiani su 5 non sono andati oltre la terza media), la cui esistenza va sempre ricordata ai blogger (visto che chi ha la terza media su internet non ci va neanche), non ha la cultura minima per concepire una vacanza diversa da quella sulla riviera romagnola....
    per cui a te, che già hai una cultura a priscindere da internet, internet serve a risparmiare soldi su un viaggio, all'italiano medio non serve a niente, o al massimo a rimanere 2-3 giorni in più a Rimini coi soldi risparmiati, ma la sua testa quella rimane. Pertanto la rivoluzione di internet non esiste, perchè una rivoluzione è tale quando coinvolge tutti, e non quando dà a chi ha già di più (in termini culturali) ancora di più, mentre chi è povero culturalmente tale rimane.

    RispondiElimina
  4. Boh, a me il Web piace e ci f a c c i o c o s e che prima non facevo, v e d o g e n t e che non potevo vedere.

    ::--;;) un bel saltone di qualità, così ciò più cultura e sono anche un fine umorista convinto d'essere letto.
    sì sì, è una rivoluzione, dai.

    RispondiElimina
  5. dimenticavo.

    e a Castel San Pietro Terme, adesso, ci vado perchè ho il bagaglio culturale, prima no, c'andavo e basta.


    Ps:
    gli sconti poi, che bazza con il Web, adesso si che posso comprare di più, con meno.

    RispondiElimina
  6. bhe grazie al web conosco pure Buttafuoco che non cagavo di striscio neanche prima.
    Ma potevo commentare in due minuti su un giornale e usare il verbo CAGARE?
    ma anche pausdhfuasdf.
    O scrivere frasi del tipo:"
    La rivoluzione è nella rivalutazione e celebrazione dell'errore e del fallimento"


    grazie per il post

    ovviamente un anonimo

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.