Pages - Menu

martedì 8 aprile 2008

Un voto non dannoso

Ok, dichiarazione di voto.

Salvo ripensamenti dell'ultima ora dovuti ad accadimenti improbabili (ad es. Berlusconi che promette di triplicare lo stipendio degli insegnanti o Veltroni che mostra le chiappe in pubblico, ecc.) la redazione di Leonardo voterà PD alla Camera e Sinistra L'Arcobaleno al Senato, e invita i lettori elettori dell'Emilia Romagna a fare altrettanto.

Un voto del genere ha poco a che vedere con la qualità degli argomenti espressi da questi due partiti in campagna elettorale; in particolare la mia antipatia per il candidato presidente dell'Arcobaleno rimane piuttosto forte. Direi che la decisione finale è stata presa consultando questo pezzo di NoiseFromAmerika sul voto utile, e ponendomi la domanda: quale tipo di voto può portare più danni al Popolo della Libertà? Ebbene sì: a 14 anni dal 1994 io continuo a considerare la sconfitta di Berlusconi come un valore in sé (esattamente come diceva due anni fa quel candidato antipatico di cui sopra).

Forse B. non sarà l'unico responsabile dell'imbarbarimento della classe politica, imprenditoriale, e ahimè, lavoratrice, ma sicuramente ne è la migliore incarnazione. Farlo fuori una volta per tutte, elettoralmente, non è certo la soluzione finale, ma sarebbe un buon inizio. Purtroppo non ci credo più come due anni fa: l'uomo ha dimostrato di essere molto più vitale dei suoi avversari. Certo, è più facile mostrare vitalità quando si fa appello agli istinti più bassi del proprio corpo elettorale: l'avidità, il successo individuale, ecc. Ho sempre fatto fatica a non confondere la lotta degli italiani contro Berlusconi in una lotta tra il Bene e il Male, in un mondo dove il primo fa buchi da tutte le parti e non ci sono trucchi, anellini o spade laser che tengano. Mi dispiace per chi si aspettava un'analisi più sofisticata, io davvero arrivo solo fin qui.

Come forze del Bene forse mi trovavo più a mio agio nell'armata Brancaleone di Prodi che nel Pd di Veltroni, per una questione di gusti che è inutile disputare. Io non sono tra quelli che credono in un accordo pre-elettorale tra Berlusconi e V: forse entrambi lo hanno previsto come Piano B, ma a nessuno dei due conviene veramente. Quel che temo sia successo è che Veltroni, consapevole di non avere chances, abbia chiesto e ottenuto di perdere bene, in modo da far fuori gli altri partiti di sinistra. Questi ultimi non sono certo immuni da colpe, ma nei due anni del governo Prodi si sono dimostrati un partner di governo più affidabile del previsto. Non meritavano di essere emarginati in questo modo. Ma è una polemica vecchia: Veltroni ha tratto il dado. Vediamo come andrà.

Se andasse bene, se cioè Veltroni riuscisse a vincere o anche solo a pareggiare, è possibile che io cancelli alcuni pezzi degli ultimi mesi e mi vanti persino di aver capito prima degli altri che era in grado di farcela, grandissimo Valter, come Paolo Rossi nell'82, o Dossena nell'83, o gli Abbagnale nell'84, eccetera eccetera. Non vogliatemene, tengo famiglia, e poi chi siete voi per giudicare, ah?

38 commenti:

  1. Io ho gia' votato tre giorni fa, gne' gne'. Ho "ribaltato" la disgiunzione tra Camera e Senato, per motivi puramente tattici (come te, del resto), visto che i senatori "esteri" abbiam visto che possono essere decisivi, quindi ogni voto conta. Alla camera e' piu' semplice, e quindi ognuno per se.
    Tra l'altro, sarebbe anche ora di cambiarlo, 'sto bicameralismo "perfettibile"; tra tutte le minchiate sparate dalla Lega, l'idea di rimpiazzare una delle assemblee con una rappresentanza territoriale era pure condivisibile.

    RispondiElimina
  2. Sono Salernitana...Spero che il successo di Berlusconi parta proprio dalla Campania.
    Sarebbe una grande vittoria nei confronti di questa sinistra che ci guida da 10 anni; un cancro che ormai ci ha logorato.
    Io non ne posso proprio più.

    RispondiElimina
  3. "Questi ultimi (i partiti della sx) non sono certo immuni da colpe, ma nei due anni del governo Prodi si sono dimostrati un partner di governo più affidabile del previsto."

    Caro leonardo, bellissimo post ma sull'idea di cui sopra io non ero assolutamente d'accordo (ne scrissi qui) e ora mi dà man forte Prodi in persona: non Mastella è stato il responsabile POLITICO della sua caduta bensì la sx.
    La quale sx nelle persone dei suoi dirigenti ha reagito indignata:"Ingrato! Lo abbiamo votato sempre!"
    Il che è vero come hai scritto anche te alcune volte, infatti quello che lo ha tradito politicamente è stato il popolo della sinistra.
    Dice Giordano:"L'errore è stato di voler fare prima il risanamento e poi una redisribuzione che non veniva mai.."
    Vero, ma un po' di pazienza no? Sapendo che l'impazienza ci ributtava immancabilmente nelle braccia di Berlusconi?
    E poi storie, non eran passati due mesi di governo che già rompivano i coglioni con l'irak e con i dico, per tacer della biagi.
    Se tutta la sx è fatta di questi piagnoni (ueh ueeh, voglio Zapaterooo...) invece di reggere virilmente botta, se si azzera a livelli folkloristici forse non è male.

    RispondiElimina
  4. Alle 19.30 di oggi medito di votare Sinistra Arcobaleno al Senato e di annullare la scheda della Camera. In caso di crisi di coscienza, non escludo un doppio voto al Pd, ché tanto in Toscana Fausto dovrebbe passare l'8% a prescindere dalla mia scheda.

    RispondiElimina
  5. "questa sinistra che ci guida da 10 anni"... di cui 5 governati persino da Berlusconi, quel comunistaccio.
    "La quale sx nelle persone dei suoi dirigenti ha reagito indignata:'Ingrato! Lo abbiamo votato sempre!' Il che è vero"... ma non lasciamoci distrarre dai fatti! Let's make shit up! Party like it's 1999!

    Ahh, bei tempi quando uno poteva votare tranquillo, sapendo di vincere o sapendo di perdere.

    RispondiElimina
  6. Ah scusa rossella, tu intendi "la Campania" governata da 10 anni... Peccato qua si parli di politiche nazionali, del futuro dell'Italia.

    RispondiElimina
  7. Ho parlato del caso specifico della Campania..perchè in caso di vittoria di B. ,il primo consiglio dei ministri si terrà proprio a Napoli..e la situazione rimmarrà tale finchè non verrà sbloccato il problema dei rifiuti.
    la cosa mi alletta non poco...in caso di vittoria voglio proprio vedere le conseguenze che subiranno BAssolino & company...
    è solo una delle sue tante promesse??
    io da campana che vivo nella "monnezza" da 10 anni voglio crederci.
    Veltroni addirittura me lo difende Bassolino..ahhahahahahah

    RispondiElimina
  8. Rossella, solo a napoli ci sono i problemi, sì sì.
    Essere così cechi e insensibili verso anche gli altri italiani è solo un sintomo di ciò che noi tutti siamo.

    RispondiElimina
  9. "...perchè in caso di vittoria di B. ,il primo consiglio dei ministri si terrà proprio a Napoli"

    UUUUUUUUHAHAHAHAHAHA!

    RispondiElimina
  10. Bah, posso dire che l'appelo al voto utile è un pò come invitare i vacanzieri a fare "le partenze intelligenti"?. Nel senso che, se tutti lo facessero veramente il PD non passerebbe al Senato e la SA sarebbe il secondo partito nazionale.

    RispondiElimina
  11. Ehm... sì. Ammesso e non concesso che si facciano i consigli dei ministri nella monnezza, sono sicuro che il problema verrà risolto. Sicuro!
    Mi fa veramente tristezza, ma anche un po' tenerezza pensare che ci siano ancora anime candide che credono ancora alle promesse elettorali di berlusconi. è più che mai evidente che tutti questi anni non sono bastati, ne vogliono ancora e a quanto pare lo avranno. buon per loro.

    RispondiElimina
  12. Primo Consiglio dei Ministri a Napoli? Sai che utilità per l'Italia e per i napoletani, una vacanza dell'esecutivo a spese del contribuente...

    RispondiElimina
  13. io farò di più e meglio: voterò piddì (nel lazio) alla camera, al senato e pure alla provincia!
    quando veltroni ha detto: corro da solo. ho pensato: ganzo, allora lo voto.
    io schiumavo tutte le volte che c'era un consiglio dei ministri ed era tutto un sì, ma, però... tuttavia, invece, ecc.
    dio che palle! per tutto. avevano scritto un cazzo di programma da 300 pagine e si discuteva su tutto, allo sfinimento.
    personalmente sai cosa vorrei: piddì vince camera e senato e va strasotto in campania (insieme a tutto il centro sinistra).
    io contesto il metodo sindacale in politica: si va per rapporti di forza. non si va al compromesso (se proprio non si può una sintesi) si va alla coercizione: se non si può fare come dico io (che magari ho l'uno o il due o il cinque per cento)spacco tutto e 'sti cazzi, tanto berlusconi e prodi so' la stessa cosa...
    è possibile che berlusconi vinca abbondantemente alla camera e al senato. non è difficile, basta che (p. esempio) la sinistra l'arcobaleno abbia un successo straordinario. però lo dico subito: se la sinistra l'arcobaleno supera il settottonove per cento e bertinotti stappa lo spumante dicendo che ha vinto e il piddì ha perso prendendo solo il quadruplo o il quintuplo dei voti della sinistra l'arcobaleno io gli sputo!
    oppure sinistra critica che arriva all'uno o (tiè mi voglio rovinare) arriva al due per cento sfotte bertinotti perché magari ha preso solo il triplo o il quadruplo dei voti di sinistra critica e dice (sinistra critica) che è ora di fare questo e non fare quello gli sputo!
    insomma quando diremo che il 55% degli italiani non ha votato berlusconi ci ricorderemo (anche) che il 90epassa% non avrà votato la sinistra l'arcobaleno e il 99% non avrà votato sinistra critica.
    peronalmente sarò contento se nel prossimo governo di centrosinistra non ci sarà mastella, dini, pecoraro scanio, mussi, ecc.
    invece mi piace padoa schioppa: è stato uno dei pochi a mantenere una certa coerenza per tutta la durata del governo.

    RispondiElimina
  14. Sì, Zoidberg, se tutti seguissero i miei consigli sarebbe un disastro. Ma io i consigli li do proprio perché sono sicuro di poter spostare un massimo di 3 voti, se m'impegno (e non è questo il caso).
    Comunque un Parlamento con il Pd al 90% alla Camera e la SA al 90% in Senato aprirebbe scenari interessanti.

    Rossella, premesso che il disastro dei rifiuti è una delle emergenze nazionali: hai fatto l'esempio di una promessa elettorale che non significa niente. Hanno forse spiegato come intendono risolvere il problema? No, Berlusconi vi ha solo spiegato che vi vengono a trovare. Capirai. A parte che Maroni ha già spiegato che il secondo Consiglio dei Ministri va fatto a Malpensa, davvero ti basta così poco per orientare un voto?

    RispondiElimina
  15. Scusa Leo, ma Dossena nel 1983 che ha combinato di tanto straordinario?
    Poi, di sfuggita, la frase sull'Armata Brancaleone ha una preposizione inadatta.

    RispondiElimina
  16. Leo, mi stai dicendo che devo andare da un notaio con un CD dove ho salvato alcuni dei tuoi articoli?

    RispondiElimina
  17. "Rossella, solo a napoli ci sono i problemi, sì sì.
    Essere così cechi e insensibili verso anche gli altri italiani è solo un sintomo di ciò che noi tutti siamo"

    Questo invece è sintomo della cattiva abitudine di noi italiani a riprendere dichiarazioni di altre persone e farci la peggiore delle interpretazioni.

    Non ti preoccupare non penso solo al mio di "orticello"...però io, rispetto ad altri italiani, ho una motivazione in più per votare il centrodestra...

    RispondiElimina
  18. Dopo questo (http://leonardo.blogspot.com/2007/04/il-bonsai-un-baobab-al-confronto.html) articolo ero convinto che avresti votato Boselli. Avevi quasi convinto pure me.

    RispondiElimina
  19. Rossella, dici che il problema della monnezza a Napoli c'è da 10 anni. Non discuto le colpe del governo locale, ma ti ricordo che in questo periodo abbiamo avuto 5 anni di governo Berlusconi. Nei quali il problema non è stato né risolto né affrontato.
    Credi che fare a Napoli il primo consiglio dei ministri (con Tremonti, Bossi, Magari anche Fini, Gasparri e Calderoli, monnezza su monnezza) possa veramente portare ad una soluzione?
    Poi ognuno è libero di votare come vuole e per le ragioni che preferisce, ma un briciolo di memoria non guasta.

    RispondiElimina
  20. L'odio per Berlusconi è il suo miglior iodio...

    Vincerà solo per questo.

    Che palle!

    RispondiElimina
  21. Il problema dei rifiuti ha avuto risalto nazionale solo da pochi mesi...non escludo che nè il governo Berlusconi,nè quello Prodi avessero capito la gravità della situazione...semplicemente perchè si mettevano a tacere le acque!!!!
    Indovina chi era l'artefice di questo silenzio????
    Poi ringraziando Dio siamo arrivati allo stato di emergenza..l'unico modo per avere la giusta attenzione.

    RispondiElimina
  22. Anch'io sono ingrippato con sta storia del voto disgiunto PD-SA.. se mi assicuri che il tuo blog lo legge poca gente allora mi attivo, ma se finisce che muoviamo mezzo mondo e in Emilia vince Berlusca, mi eviro in Piazza Maggiore! Sei il primo che la pensa esattamente (ma proprio esattamente) come me.. o siam due fenomeni o due gran coglioni!

    RispondiElimina
  23. Io penso che il futuro governo "Veltrusconi" non esista..... è una cosa di cui parlano in tanti ma io non ci credo. Maria

    RispondiElimina
  24. andrea99boban.splinder.commercoledì 9 aprile 2008 15:11:00 CEST

    Chi andrebbe a messa se il diavolo non esistesse? Secondo me il B. serve a tutti i suoi oppositori per legittimarsi. Non lo elimineranno mai. Ma avere delle buone illusioni fa vivere meglio.
    Cordiali s.

    RispondiElimina
  25. Il B. è soltanto la dimostrazione di quanti italiani siano ignoranti, in malafede, meschini, intontiti dalla televisione. No, non tutti hanno tutte le caratteristiche elencate, molti ne hanno più d'una e qualche altra che ora non mi viene in mente.
    Che poi ci sia qualcuno che dichiara addirittura di credere alle sue promesse, beh, mi pare fantascienza. Auguri a Napoli, con la Lega Nord al governo, ne avrà bisogno.

    RispondiElimina
  26. Io voto Sinistra Arcobaleno dappertutto perché A ME MI PIACE (sic). Veltroni è un buffone filoamericano, ho il terrore che il 15 aprile ci si risvegli nella grande mela e mi chiedo come fate a non rendervene conto. La sinistra su Prodi non ha proprio nessuna responsabilità; al massimo quella di essere stata troppo fedele quando si votavano missioni di guerra, si aumentavano a dismisura i finanziamenti alle imprese e le spese militari. Mai votato contro, mai scesi in piazza. Certa gente vive in un mondo parallelo creato dai quotidiani pro PD.

    RispondiElimina
  27. a me berlusconi fa molta più paura di veltroni, perchè ritengo che sia molto più potente. ricordiamoci che si accusa berlusconi di comprarsi la sinistra e non veltroni di comprarsi la destra. ritenere il secondo più dannoso del primo mi sembra sottovalutare il tizio che ha fattoi padrone d'italia per 15 anni (e non parlo di veltroni).

    ho fatto questo cartone animato autoprodotto per ribadire il concetto in circa un minuto.

    RispondiElimina
  28. Rossellaaaaaaaaaaa!!!

    Il primo Consiglio dei Ministri lo faranno a Napoli.

    Il secondo a Malpensa.

    Il terzo a Sing Sing (unica eccezione: Dell'Utri, momentaneamente all'Ucciardone...)

    RispondiElimina
  29. Dossena nell'83 nulla di speciale, a parte giocare col Toro e segnare in un derby che la Juventus vinceva 2-0 e che riuscì a perdere 3-2. Fu la stessa domenica del fattaccio di Genoa-Inter, il cui 2-2 combinato per motivi di totonero fu fatto saltare da un interista (Bagni) che era all'oscuro, segnò, e fu contestualmente gonfiato di botte in spogliatoio.

    RispondiElimina
  30. Ragazzi attenti col voto utile!
    Io nel mio blog ho fatto un post col voto utile regione per regione.
    Ma quando si dice che in Emilia è conveniente che SA superi l'8%, significa che la possono votare al Senato quelli che votavano i partiti che ora ne fanno parte, non anche tutti gli altri.
    Alla Camera il discorso non si pone, bisogna votare in massa PD se si vuole debellare il cancro politico che ci tiriamo dietro da 15 anni.
    ciao a tutti.

    RispondiElimina
  31. Torino-Juventus 3 a 2 con rimonta di tre goal in tre minuti, scusate se è poco.

    Fiaccola, sta tranquilla, non ho nessuna possibilità di spostare una percentuale di voti rilevanti.

    Considera che in Emilia-Romagna siamo 4 milioni; facciamo 3 milioni di votanti al Senato. Fingiamo che i 700 accessi quotidiani di questo blog siano 700 persone diverse che lo leggono veramente, tutte d'accordo con me, che fanno tutto quello dico, e vivono tutte nelle mia regione.

    Insomma, fingiamo che io riesca a spostare 700 voti al Senato, anche se è un'esagerazione. Su tre milioni di persone che votano nella stessa regione. Si tratta dello 0,023%.

    RispondiElimina
  32. Non ho capito una cosa: il sito linkato da Leonardo dice, in pratica, alla Camera ognuno faccia il suo gioco.
    Un altro sito, nonchè il commento di Fiaccola, dice che alla Camera si deve votare PD.
    Tanto per capire, non vorrei che i piddini vogliano sottrare voti alla SA laddove non serve, per diventare l'unica opposizione degna di nota in questo paese.

    RispondiElimina
  33. Rossella ho 24anni quindi non mi ricordo oltre i 10 anni ki ha governato nella mia regione, cmq mi basta dirti che in Sicilia negli ultimi 10anni ha governato la destra, non solo ma anke nella mia città, Palermo, il sindaco è un idiota di forza italia che l'anno scorso ha ottenuto il secondo mandato (tra l'altro con brogli, accertati ma oscurati..e Berlusconi che accusa la sx...)..
    Dopo questo breve excursus politico sulla mia regione, ti risulta che i Siciliani o i Palermitani soltanto sguazzino nell'oro???
    Ma poi pensi che per risolvere il problema rifiuti in Campania sia necessario fare un consiglio dei ministri a Napoli? Da Roma non possono risolverlo lo stesso se davvero vogliono farlo?
    Cara mia, se credi ancora alle promesse di Berluscono sei veramente un'illusa..e me ne dispiaccio molto.

    Saluti, Giuseppe.

    RispondiElimina
  34. Ciao. Io credo che in questo momento storico occorre apprezzare la scelta di Veltroni. Il problemi dell'Italia ormai sono trasversali e interessano tutti. Quello che occorre è la stabilità, la possibilità di portare a termine qualche progetto di legge e di vederne i risultati per apprezzarli o correggerli. Credo che occorra forse "tapparsi il naso" e mettere una croce sul PD anche al Senato dove maggiore è la probabilità di instabilità. La Sinistra Arcobaleno, che rispetto, avrà mille idee bellissime, ma nessuna possibilità di applicarle.

    Ciao

    RispondiElimina
  35. Salve a tutti. Sono lettore un po' distratto di questo blog, nondimeno lo considero molto interessante e l'ho consigliato in giro.

    Interrompo il mio silenzio da lettore solo per rispondere ad un tono e a delle frasette polemiche contro la Sinistra e il suo candidato premier.
    In particolare, questo post lo accusa fra le righe di non essersi battuto fino in fondo per battere Berlusconi (come valore in sé per la democrazia), evidentemente non alleandosi con Veltroni.
    Sfugge la banale verità del fatto che è stato Veltroni, e il suo programma dichiaratamente ALTERNATIVO all'idea di qualsiasi sinistra, ad isolare i partiti, leali sostenitori di Prodi, che oggi formano l'arcobaleno.
    Cosa si doveva fare, di grazia? Chiudere bottega alla sinistra e andare nel Pd?

    La realtà è che l'elettorato progressita, tendenzialmente di sinistra, attento ai valori del lavoro, della solidarietà, della pace, in cui Leonardo sembra riconoscersi, hanno gradualmente abbandonato ogni ambizione e speranza di trasformazione, e oggi si riducono a votare Pd fidando soltanto (vedi Moretti oggi su Micromega) sul maggior senso dello stato e delle istituzioni della sua classe dirigente rispetto a quella di Berlusconi (come se ci volesse tanto).

    La politica è di più, la sinistra l'ha sempre cercato. Se abbandoniamo questa prospettiva, meglio restare a casa.

    Ciao

    RispondiElimina
  36. "In particolare, questo post lo accusa fra le righe di non essersi battuto fino in fondo per battere Berlusconi (come valore in sé per la democrazia), evidentemente non alleandosi con Veltroni."

    No.
    Mi sarò spiegato male (tra le righe).

    RispondiElimina
  37. E risorgerà da Napoli, l'unto "del" signore. Per l'immondizia? Ma andiamo. Nessuno si ricorda cosa fu Napoli per Berlusconi nel suo primo governo? una cosetta io la ricordo: gli arrivò un avviso di garanzia durante il G8. E oggi lui è ancora lì, plebiscitariamente. Un vero "segno", potrebbe dire uno che di segni se ne intendeva, se fosse ancora intero (purtroppo non lo è più). Con le solite "riforme" in giro, cui Veltroni non volta la schiena, chi avrà più il coraggio, se del caso, di fargli ripetere l'esperienza? Questa è la monnezza di cui si occuperà quel primo consiglio napoletano, cerchiamo di non rendere i nostri neuroni pateticamente succubi del populismo solo perché "la sx che sta lì da dieci anni" ci sta antipatica!
    La dama del lago

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.