martedì 14 gennaio 2014

La democrazia dalle 10 alle 17.


Oggi i senatori a 5 stelle voteranno in aula a favore dell'abrogazione del reato di clandestinità. È una scelta abbastanza coraggiosa e sorprendente (anche se l'emendamento lo avevano presentato proprio due di loro: ma Grillo non era stato molto contento). Per quel che mi riguarda, è anche la scelta giusta. E tuttavia il mio pensiero va agli iscritti del movimento a tutto il 30 giugno 2013, che ieri sera rincasando dal lavoro hanno dato un'occhiata al mondo su internet e in pochi secondi hanno scoperto che:

1. Il loro MoVimento aveva indetto una "votazione online sul reato di clandestinità", aperta anche a loro, proprio per decidere cosa far votare ai senatori m5s oggi. Chi l'aveva decisa? Grillo? Casaleggio? L'intelligenza collettiva del portale? Mistero.
2. La votazione era già conclusa. Si era potuto votare dalle dieci del mattino alle cinque della sera. Chi è arrivato tardi (il 69% degli aventi diritto) è da considerarsi astenuto.
3. Avevano vinto gli abrogazionisti, con il 31% dei voti degli aventi diritto (24.932 su 80.383). I favorevoli al mantenimento del reato di clandestinità che sono riusciti a votare entro le cinque sono appena 9.093 (l'11%).

Per ora insomma si tratta di una democrazia diretta con orari d'ufficio, (continua sull'Unita.it) che per mesi interi non ti consulta su nulla e poi nel giro di poche ore ti chiede un parere, e se in quel momento non sei connesso, ciao. Vi accederà più facilmente chi lavora davanti a un terminale connesso alla rete: più impiegati che artigiani. Questo potrebbe anche aver determinato l’esito sorprendente della consultazione. Come ricorda Carlo Gubitosa, Grillo qualche mese fa raccontava che l’80% degli elettori m5s era favorevole al mantenimento del reato, che lui e Casaleggio avevano fatto dei “sondaggi” (a che titolo? con che soldi? Non si sa). Vale la pena di ricordare che elettori e iscritti non sono proprio la stessa cosa: il rapporto è ancora di uno a cento. Otto milioni di persone hanno votato per il M5S, ottantamila hanno il diritto di esprimere il loro parere se Grillo glielo chiede sul portale. Di questi hanno votato soltanto venticinquemila: gli altri non erano interessati al quesito, o non se ne sono accorti in tempo.

In futuro magari si potrà sviluppare un’app che, quando Grillo ti chiede un parere, ti manda una scossa sul cellulare – tanto quello ormai al lavoro lo teniamo acceso tutti. Ci abitueremo prestissimo: invece di una partita a candycrush o di una foto al piatto di portata, voteremo per l’abrogazione di questo e l’introduzione di quello. Ti stai facendo la doccia, senti un bip – è Grillo che ti chiede di votare per l’inasprimento delle pene riguardanti l’abigeato. Un occhio a wikipedia, un clic veloce, fatto. La banda naturalmente la deve offrire lo Stato. http://leonardo.blogspot.com


23 commenti:

  1. Agli elettori che hanno votato il PD per liberarsi di Berlusconi e si ritrovano compagni di merende di Al Fano ci pensi mai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quelli che volevano mandare tutti a casa tutti a casa e che adesso, che a casa non ci è andato nessuno, si trovano all'opposizione insieme a Berlusconi e Bossi ci hai già pensato tu ?

      Elimina
  2. Beh, è un inizio! Ed è meglio iniziare ad abituarsi a piccole dosi per non incorrere in traumi dopo la dittatura morbida del ventennio pdl- pd-l

    RispondiElimina
  3. Qual è e la quale era la linea di grillo?
    Quale linea ha prevalso?
    Vogliamo ancora sostenere che è un partito padronale?

    RispondiElimina
  4. l'importante è NON discutere e confrontarsi né (dionescampi) discutere con gli altri partiti o parlamentari: si presenta una proposta in parlamento e ciccia!
    se va bene va bene sennò 'sti cazzi!
    qual è il prossimo problema da non risolvere?
    ma soprattutto: chi scrive le domande e chi decide l'orario di votazione?
    chi ha contato i voti?
    era prevista una forma di controllo?
    è prevista una forma di contestazione se qualcuno del m5strilli volesse contestare i risultati?

    RispondiElimina
  5. "Sono stanco di andare in parlamento per alzare la mano a comando".

    Chi si è espresso in questi termini?
    Un deputato grillino pentito? Una olgettina annoiata?

    Con la risposta alla domanda avrete il Modello di democrazia h24.

    RispondiElimina
  6. veramente sei cosi ignorante che non ti sei accorto che " l'app" che già

    in primis ti arriva una mail che ti avvisa della votazione
    secondo c'è l'app che comunicava l'apertura del voto http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/app-parlamento-5-stelle-android.html

    terzo... te la prendi che pochi hanno votato ... ma ti ricordo che anche molti hanno votato per dire si all'acqua pubblica ma il referendum e nel cassetto
    anche che i contributi pubblici ai partiti >( rimborsi elettorali chiamali come vuoi) sarebbero stati abrogati nel 93 ....

    RispondiElimina
  7. a proposito:
    quand'è stata (e con che risultato) la votazione che autorizza/delega grillo a chiedere l'impeachment di napolitano?
    quand'è stata (e con che risultato) la votazione che autorizza/delega grillo a non presentare liste del m5strilli in sardegna?
    ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sono stanco di andare in parlamento per alzare la mano a comando".

      Chi è?

      Elimina
    2. Ti dico solo che è uno molto ma molto importante di un partito che si definisce democratico.
      Ora lo cogli il paradosso?

      Elimina
    3. Sviluppa meglio il paradosso: sei a favore del vincolo di mandato? Sei contro?
      È meglio prendere ordini da Beppe o dai primi ventimila che sono riusciti ad attaccarsi al server, e che per una pura coincidenza potrebbero persino rappresentare le opinioni di otto milioni di elettori?

      Elimina
    4. Non costa meno, non è più rispettoso tirare una monetina?

      Elimina
    5. “Se noi vogliamo essere ancora presenti, ebbene dobbiamo essere per le cose che nascono, anche se hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime.” (Aldo Moro)

      Elimina
  8. ti arriva una mail ogni volta che devi votare su qualcosa

    RispondiElimina
  9. chi decide su cosa e quando si vota?
    chi conta i voti?
    chi controlla quello che conta i voti?
    e soprattutto:
    la maggioranza di cosa renderebbe obbligatorio rispettare quel voto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marcello, tempo al tempo, per m5s il pd è un modello a cui tendere.
      In soli tre anni è però impensabile raggiungere tali livelli di perfezione.

      Il pd interpella sempre la sua base su cosa si vota e su quando si vota.
      Il pd mai non ha rispettato gli impegni presi con i suoi elettori.
      Mai una truppa cammellata per i tesseramenti. Mai alle primarie che qualcuno possa votare più volte....

      Elimina
  10. Mio caro Lei, l'app del movimento ce' gia', come la discussione di tutte le proposte di legge presentate dal M5S, e a riguardo degli "orari d'ufficio", gli smartphon sono oramai in possesso di tutti, quindi tutti in pausa pranzo possono connettersi (se ancora non hanno scaricato l'app) e partecipare, Voi invece che avete? (apparte le mani legate e la coscienza deontologica sporca)? Best Regards.

    RispondiElimina
  11. hai ragione: truccare elezioni primarie per il segretario pd è possibile, magari sarà faticoso con milioni di elettori, migliaia di seggi, scrutatori, volontari, ecc.
    commissioni di controllo, candidati contrapposti...

    pensa a come dev'essere difficile invece quando non si sa chi vota, chi conta i voti e chi eventualmente controlla chi conta i voti... sarà difficilissimo e democratico
    comunque - spero tu non resti traumatizzato - i militanti del pd (io non sono tra questi) possono partecipare a tutte le assemblee, i congressi di sezioni e tutto quel che prevede la vita di un partito (la maggior parte di questi momenti sono aperti ai non iscritti, certo, bisognerà alza' le mani dalla tastiera)
    se pensano che qualcuno imbrogli possono rivolgersi a vari organismi di garanzia, ecc.

    ma spe'
    sbaglio o non ho letto nella tua replica chi decide su cosa e quando si vota?
    chi conta i voti?
    chi controlla quello che conta i voti?
    e soprattutto:
    la maggioranza di cosa renderebbe obbligatorio per i parlamentari m5strilli rispettare quel voto?
    le procedure stanno scritte da qualche parte sul non statuto oppure le regole se le inventa beppe strillo alla bisogna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le regole stanno scritte, vai a leggerle ignorante!

      Elimina
  12. Dividi et Impera.....hahahahahaha....

    RispondiElimina
  13. Solito disco!
    Piddini che dicono che sono belli e bravi solo loro...e guai a fargli notare le contraddizioni altrimenti si innervosiscono.
    Leo, giusto per cambiare un po', perché non scrivi un pezzo dei tuoi in difesa della Nunzia Boccia?

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).