sabato 8 agosto 2015

Qualcuno sta uccidendo tutte le mie ex

Il titolo è abbastanza illustrativo. Un tizio sconvolto arriva in questura e chiede di essere arrestato. Dice di essere il Maniaco di Reggio Emilia, e non solo. "Sono anche quello che ha investito una tizia di Savona due anni fa, e inoltre ho strangolato una madre di famiglia a Innsbruck e gettato nel canale un'assistente sociale di Utrecht".
"E perché avrebbe ucciso tutte queste donne?"
"Non lo so".
"È vittima di raptus?"
"Non lo so, non ricordo nemmeno di essere stato a Utrecht, e anche a Reggio ormai ci vado abbastanza di rado".
"Cioè lei non si ricorda di aver ucciso queste signore?"
"No, non ricordo niente. Ma non posso che essere stato io".
"Scusi, ma lei mi sembra un..."
"Un mitomane".
"No, volevo dire: un po' confuso".

(Questo pezzo partecipa alla Grande Gara degli Spunti! Se vuoi provare a capirci qualcosa, leggi qui).

"No no, ha ragione, sembro un mitomane. Vengo qua e mi autoaccuso di una decina di omicidi, e non ho prove né movente. Lo so. Ma sono anni che mi torturo. C'è una cosa che unisce tutte queste donne, e la conosco solo io".
"E questa cosa me la può dire? Così saremo in due".
"Sono tutte mie ex".
"Tutte?"
"Cioè, con alcune è stata una cosa brevissima, anche di una notte sola, però..."
"Tra loro non si conoscevano?"
"No. Cioè. Un paio di ex compagne di scuola. Basta. Mio dio, sono morte! Sono un mostro!"
"Ma lei non si ricorda".
"No. Quando è iniziata la storia del Maniaco di Reggio... colpiva solo persone che conoscevo... all'inizio pensai a un'orribile coincidenza. Ma poi è stata investita Simona..."
"La signora di Savona?"
"...si era trasferita cinque anni fa... eravamo rimasti amici... non poteva essere una coincidenza. Ho pensato che ci fosse una persona che ce l'aveva con me, per qualsiasi motivo... ma nessuno, nessuno sapeva la storia con Magdalene".
"Innsbruck?"
"Utrecht. Ma c'è di peggio. Ogni omicidio allude in qualche modo alla relazione che io ho avuto con la vittima. Simona è stata investita da un'automobile... è proprio a causa di un incidente stradale che ci incontrammo".
"E quindi la tizia soffocata con pallottole di carta..."
"Fu una relazione in gran parte epistolare".
"Ovvio".
"Lei non può immaginare che incubo sia questa storia per me... l'occasione di rivangare tutte queste storie, tutto il mio passato sentimentale che si imbratta di assurdo sangue..."
"Ma con qualcuna di loro si era lasciato male?"
"Più o meno con tutte".
"Ha mai fantasticato di ammazzarne almeno una?"
"Due o tre. Ma capita a tutti, no?"
"Veramente no".
"Ah no?"
"No. Ma è possibile che lei non abbia nessun alibi?"
"Ho controllato. Non sa quanto ho controllato. Vivo solo, la sera esco di rado".
"Se in quei giorni le è capitato almeno di rispondere al telefono, possiamo tracciare..."
"Ho controllato!"
"Nessuna chiamata?"
"Due o tre, lasciate senza risposta".
"Ah".
"È quello che farebbe un assassino, no? Lasciare a casa il telefono per non essere tracciato".
"Sì, ma potrebbe anche esserci un'altra spiegazione".
"È da anni che mi lambicco in cerca di un'altra spiegazione. Non c'è. Non posso che essere stato io.
La prego, mi arresti".
"Ma senta, le avrebbe uccise tutte?"
"Ne manca una. Ha tre figli. La prego".

Chi sta uccidendo le ex del tizio ormai convinto di avere ucciso quasi tutte le sue ex? Non lo saprete mai. A meno di non votare per Qualcuno sta uccidendo tutte le mie ex, uno spunto perversamente terapeutico che oggi se la gioca contro Chi ha rubato la marmellata. Potete cliccare sul tasto Mi Piace di Facebook, o linkare questo post su Twitter, o scrivere nei commenti che questo pezzo vi è piaciuto. Grazie per la collaborazione, e arrivederci al prossimo spunto.

20 commenti:

  1. Il thriller del perseguitato batte la fiction su un veltroni che governa. Voto questo

    RispondiElimina
  2. L'altro non lo leggo nemmeno e guai a te se non fai vincere questo :-))))

    RispondiElimina
  3. Bellissimo! Se esistesse inizierei a leggerlo stasera.

    RispondiElimina
  4. Porca vacca, comincia ad essere difficile scegliere... Sei proprio sicuro di volerne scrivere solo uno? Almeno un racconto da qualcuno!

    Comunque sono curiosissimo, lo voto!

    RispondiElimina
  5. No, va beh, ho votato l'altro ma voglio fortissimamente questo.

    RispondiElimina
  6. Ma è bellissimo! Gioco partita incontro, voglio leggere questa storia!

    RispondiElimina
  7. ecco questo sembra uno spunto per un thriller serio, lo voto
    MatteoZ

    RispondiElimina
  8. questo non solo LO VOTO, ma quasiquasi mi iscrivo a facebuq per dargli voto doppio.

    RispondiElimina
  9. È una bella lotta ma preferisco questo.

    RispondiElimina
  10. Letti sia la storia della marmellata che "Qualcuno sta uccidendo tutte le mie ex": il mio voto va a "Qualcuno sta uccidendo tutte le mie ex"

    Saluti

    RispondiElimina
  11. Forse la scelta più difficile finora, ma data la mia passione per i gialli non posso che votare questo. Potrebbe essere un thriller con una spruzzata di psichiatria.

    RispondiElimina
  12. Io non so com'è il fatto, ma alterni un giorno in cui i racconti mi piacciono entrambi a un giorno in cui entrambi mi lasciano freddina.
    Perciò, voto tutti e due quelli di oggi. E quelli di ieri no.

    RispondiElimina
  13. ...bella idea: voto di sicuro questo, mi piacerebbe vederlo crescere e strutturarsi... l'altro mi ha lasciato freddino, mi sembra più un esercizio... comunque bravo!

    RispondiElimina
  14. Io voto per questo, ma semplicemente perchè un romanzo su uno pseudo-Renzi non si può vedere...

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).