martedì 7 novembre 2006

- compra Leonardo compra Leonardo compra

Tra le nuove uscite della collana ScrittoMisto spicca "La storia d'Italia a rovescio" di Leonardo, uno dei blogger più acuti, riflessivi e longevi della blogosfera italiana (Pandemia)

Soprattutto soprammobile

La gente vuole scrivere i libri.
Uno può scrivere dieci cartelle al giorno, ma finché non hai scritto un libro non sei nessuno. Sei un giornalista, orrore, un pubblicista, pfui, o ancor peggio, un blogger. Quanti lettori hai? Due, tre, venticinque? Ah, ne hai trecento? Al giorno? Ma non importa. Non sei nessuno, perché non hai scritto un libro.

La gente vuole scrivere i libri. Se ci pensate, è curioso. È un’esigenza che sfida le leggi più elementari dell’economia, perché la maggior parte degli aspiranti scrittori non solo non si fa illusioni sui guadagni, ma per pubblicare è disposta a pagare.
Questo, almeno fino a dieci anni fa era comprensibile. E se non avessi appunto perso Il pendolo di Foucault (quel polpettone erudito che anticipava e dava una descrizione sociologica del fenomeno Codice-da-Vinci prima ancora del fenomeno medesimo) potrei adesso qui incollarvi una di quelle folgoranti paginette sugli Scrittori a Proprie Spese che per riscattare la propria mediocrità vengono risucchiati da editori senza scrupoli in un gorgo di acquisti d’invenduti. È una storia triste, ma almeno dovrebbe essere una storia vecchia. Adesso c’è Internet! Ci sono i blog, che ti riscattano la mediocrità gratis!

E invece no. Non possiedo statistiche sull’editoria italiana, ma a occhio mi pare che le tipografie continuino a stampare tonnellate d’invenduto. La gente non vuole scrivere i blog, quella è roba per adolescenti in foia, o trentenni in foia, o al limite politici. La gente vuole scrivere i libri, sono i libri che ti fanno scrittore. Perché?

Perché il libro, in sé, è un’invenzione geniale. Lasciate perdere la scrittura, quella c’era da prima (si scorreva sui rotoli di pergamena) e ci sarà anche dopo (si scrolla su Internet). Ma il libro. Internet non ucciderà il libro, rassicuratevi. Il libro vivrà in eterno, o almeno finché vivranno uomini e donne desiderosi di circondarsi di soprammobili: e vivrà precisamente perché non c'è soprammobile più elegante di un libro. Un libro è eloquente (quante parole contiene); allo stesso tempo è allusivo (quanti parole non dice, a lasciarlo in scaffale), e si aggiunga che come soprammobile è anche estremamente comodo: un parallelepipedo si impila e si spolvera con una relativa facilità.

Un oggetto compatto, e allo stesso tempo friabile. Si apre in centinaia di punti diversi, non esiste nulla di così sorprendente in natura. In fondo ogni libro è un pop-up, ogni pagina è una finestra su un mondo un po’ diverso. L'inventore di sottilissimi fogli rettangolari di carta fissati da un solo lato è un genio assoluto, paragonabile soltanto all'inventore della ruota: per quanto le innovazioni tecnologiche la possano rendere più resistente o più morbida, nessuna invenzione renderà la ruota più rotonda di quello che è: allo stesso modo nessuna rivoluzione tecnologica può rendere il libro più eloquente, più allusivo, più comodo.

E soprattutto: su nessun altro soprammobile di casa vostra starebbe bene il nome vostro – o d’un vostro amico – in caratteri cubitali. E invece sul dorso d’un libro un nome ci sta proprio bene, e più sta in grande meglio è. La gente scrive i libri perché sul dorso ci può mettere il nome. Non è che voglia venderti un soprammobile col suo nome – se non ce la fa, al massimo te lo regala.

Io però non te lo regalo mica, caro lettore, il libro con il mio nome sulla copertina. E non voglio neanche chiederti se per favore me lo compri. Poche cerimonie tra noi due: da quanto mi leggi? Due mesi? Sei? Tre anni? Cinque? Per tutto questo tempo mi hai letto gratis.

È chiara la situazione? Quel che ti chiedo di riscattare non è la mia mediocrità (mediocrità?), ma un tuo debito. In questi anni hai comprato tanti libri e giornali che non hai nemmeno letto. Hai pagato il canone Rai. Hai pagato per tante cose molto meno interessanti, meno divertenti e meno riuscite. Ma per Leonardo non hai mai pagato un soldo, mai. Da molto tempo in qua non ti sorbisci nemmeno più il piccolo banner pubblicitario. Come l’aria, il sole, l’amore, così anche Leonardo l’hai avuto gratis et amore dei, e soprattutto perché nessuno è riuscito ancora a fartelo pagare. Ma finalmente, grazie alla favolosa équipe di Scrittomisto, le cose stanno per cambiare. La Storia d’Italia a rovescio sta per uscire, anzi è già uscita, addirittura Rillo l’ha già comprata, e tu che fai? Vuoi arrivare per ultimo?

Del libro cosa c’è da dire. Come tutti i libri di Scrittomisto (mi pare) è nato da un blog, ma cerca finché può di sembrare un libro vero (la parola b*** è quasi bandita). Il materiale è effettivamente già comparso su questo sito negli ultimi cinque anni – ma siete sicuri di averci fatto caso? Ne ho scritto di roba, qui, e più crusca che farina, diciamolo.

L’idea era quella di raccontare la storia recente a rovescio: dalle elezioni del 2006 a quelle del 2001, proprio come se la stessi raccontando a un lettore di blog, che capita su leonardo per caso leggendo il pezzo più recente e poi si mette a scorrere l’archivio. Non è un best of, che non sarei proprio in grado di fare. Non è, ahimè, nemmeno una vera Storia d’Italia: i buchi sono tanti, e si vedono (ma in cento pagine provateci voi). È un libro, un soprammobile elegante, un’idea regalo per le festività natalizie che incombono, ormai. Comprarlo non mi renderà ricco (io sono già ricco dentro) ma vi farà sentire un po’ meno scrocconi nei miei confronti.

Se poi lo ficcate in doppia fila interna sullo scaffale più in alto non mi offendo. Tanto la bottega, qui, è sempre aperta. E prima o poi ripasserete.
E' più forte di voi.

30 commenti:

  1. e poi ha quei colori che faranno tendenza nella prossima primavera

    RispondiElimina
  2. geniale. posso copiare & collare le tue parole sul blog mio? avrei, euh... un libro da promuovere :-) Essendo come tutti i blogger povera (fuori eh, è solo apparenza) non posso proporti di pagare i diritti. Invece se vuoi ti pago in libri col mio nome sulla copertina. Ti piace l'idea? ;-)

    RispondiElimina
  3. La copertina è strana. Brutta, ma ricorda molto vagamente il libro sull'Antartide che leggevo da piccolo. Non fosse per i colori Giamaica/free love/passa il giunto, ché non se ne può più, lo comprerei.

    RispondiElimina
  4. è fatto divieto di giudicare un libro dalla copertina

    RispondiElimina
  5. E infatti mi pareva troppo bello, tutto 'sto bendiddio a gratis!

    RispondiElimina
  6. Ne deduco che anche tu non sei soddisfattissimo della scelta grafica.

    RispondiElimina
  7. Non appena ricapito in libreria.
    GePs

    RispondiElimina
  8. ha ragione il tizio a dire che sei "uno dei blogger più acuti, riflessivi e longevi della blogosfera italiana" (a parte l'esser longevo, che, naturalmente, ti auguro ma è presto per esprimersi...)
    hai fatto leva sull'unico argomento che potrebbe spingermi a comprare questo libro
    di solito non compro libri con meno di due-trecento pagine, difficilmente ci trovo qualcosa che m'interessi (se l'autore non ritiene di perder tempo a scrivere qualcosa di compiuto figurati che mi frega di leggerlo.
    però (d'altra parte) non leggo niente che riguardi blog (a parte i blog stessi): mi ha traumatizzato "la notte dei blogger" e (posso dirlo) la sbirciatina al libro di pulsatilla (fatta al supermercato)...
    ma sono d'accordo con te su un sacco di cose (il che non è un grande argomento) ma sono in disaccordo con (tante?) altre...
    e insomma... spero che sia ben distribuito perché magari la stima e il rispetto per quel che leggo qui magari mi spingerà ad allungare le mie braccine (ultimamente un po' corte) e comprarlo, ma temo di rimanere deluso...
    d'altra parte se rimango deluso da te non m'azzarderò a comprare nessun libro che avrà anche lontanamente a che fare con la blogsfera (ci rimetterà magari chinaski...)

    ma forse lo compro (se ti sei letto tutto il commento te lo meriti!)

    RispondiElimina
  9. Cercherò nelle librerie di carpi. Alcyone esclusa, s'intenda.

    Buone Cose

    Many

    RispondiElimina
  10. Interessante.
    (interessante perché tu hai da dire cose interessanti).
    Credo che lo comprerò.
    In bocca al lupo.
    [Ste]

    RispondiElimina
  11. Uno sarà mio, ma prima o poi l'autografo mi ce lo metti!

    RispondiElimina
  12. io ti leggo su base stabile da pochi mesi, prima al massimo qualche post qua e là, ho scroccato poco. mi fai uno sconticino?
    lo merito, direi

    RispondiElimina
  13. ma dai, costa pochissimo.

    Ve lo firmo e vi faccio pure l'errata corrige.

    Non è avidità di guadagno, la mia, ma soffro a sprecare l'Amazzonia nel mio piccolo.

    RispondiElimina
  14. E pensare che ero entrato da Mondadori Informatica per comprarmi un Apple.
    L'ho fatto leggere a una mia cliente che ha detto che sei, cito, "Divertente, davvero. Certo, Travaglio è più caustico ma anche lui...". Ho sorriso maledicendo di non avere un voice recorder con me. Ciao, sei un grande da sempre.

    RispondiElimina
  15. Travaglio è più caustico, ma io costo assai meno.

    RispondiElimina
  16. Basta che non fai come quello zozzone di zitti al cinema, che scritto il libro, ha chiuso tutto.

    Ciao!

    RispondiElimina
  17. Il fallimento della nostra generazione (quelli nati tra il 75 e l'85) è palese. Queste uscite editoriali, nonostante l'encomiabile sforzo dei ragazzi RGB, rivelano un fallimento nostro, un fallimento dei nostri padri e del contesto culturale italico che solo Pasolini aveva intuito.
    Abbiamo perso. Pesantemente.

    RispondiElimina
  18. Autori a proprie spese.
    Se può servire questo dato (anno 1994), ripreso da un'intervista di Beniamino Placido a Indro Montanelli. In Italia all'epoca c'erano 5 milioni di persone che in un anno pubblicavano libri con tiratura inferiore a 1000 esemplari!
    Il numero di "scrittori", all'apparenza esorbitante, fu ripetuto più volte, io lo appuntai su una vecchia agenda e ne riferisco qui

    RispondiElimina
  19. Medo, mi dispiace per la tua generazione, alla quale anagraficamente non appartengo.

    Non so neanche esattamente in che senso sareste falliti: quali obiettivi vi eravate posti?

    Se posso parlare per me, non mi considero un fallito - e di certo non mi considero un fallito perché a un certo punto ho preso un po' di post scritti in cinque anni e li ho pubblicati in un volume a sei euro. Nessuno mi ha mai avvertito che la pubblicazione dei miei post era un indizio di fallimento.

    Se posso parlare per la mia generazione, quella prima della tua, mah, mi sono stati sul cazzo sin dalle scuole elementari, per cui se anche falliscono pazienza. Io rimango un trentenne interessante.

    RispondiElimina
  20. fico questo blog....senti,ho bisogno di un favorone....mi potresti linkare così io farò altrettanto, per favore? ho iniziato ora e non ho visitatori....te ne sarei grato.fammi saper ciao...
    http://newsgiochi.blogspot.com/

    RispondiElimina
  21. Mi dispiace, non posso. Non linco nemmeno i parenti. Però compra il mio libro, è divertente.

    RispondiElimina
  22. e si che lo compro, manco chiedo il prezzo (farò pure il brillante...), alla Feltrinelli l'avranno?

    RispondiElimina
  23. Lo comprai e ne scrissi (http://blog.dimensioni-interni.it/2006/11/la_trasposizione.html), senza averlo letto. Cioé: già l'ho letto, solo che non lo sapevo prima di comprarlo in rete. Poco male: ti sono sempre debitore, almeno intellettivamente.
    Mi devi una birra.

    RispondiElimina
  24. Van bene tutti e due. Grazie mille!

    (Ma la birra te la devo in un happy hour, sennò ci rimetto).

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).