Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: forever young, reprise

lunedì 11 giugno 2007

forever young, reprise

Quando non so a cosa pensare, penso a Rutelli.

Qualche tempo fa la Repubblica ha fatto un sondaggio sul leader del Partito Democratico – ho perso il link, ma fidatevi. Veltroni ha preso il 30% e rotti. Il secondo mi pareva fosse Bersani – poi tutta una pletora di personaggi al cinque, al tre, al due. E in fondo, al termine di una coda lunga di uno virgola, Rutelli. Forse perché, alfabeticamente, Rutelli è un po' svantaggiato. Già. Sarà l'alfabeto.

Quando penso a Rutelli, non so bene a cosa pensare.
Di trasformisti ne ho conosciuti, li ho studiati: ai tempi della guerra di Libia Mussolini andava a fermare i treni, Bocca era nel GUF, Ferrara uscì dal PCI dopo una rissa da filopalestinese intransigente. E via e via. Ma Rutelli, ancora relativamente giovane, chissà come mi stupisce di più: veramente uno si chiede cosa si potrà inventare ancora. L'unica ideologia che non ha ancora vagamente costeggiato è il fascismo, e la cosa gli fa onore – ma aspettiamo, non si sa mai.

Badate bene: il trasformismo, in sé, non è un problema. Una persona può cambiare idea. Solo i cretini non le cambiano mai. Il punto è che Rutelli, tutte queste idee, non le veste proprio. Ve lo immaginate, Rutelli verde? Rutelli ai convegni ecologisti? È stato segretario nazionale dei Verdi Arcobaleno. E Rutelli che si fa le canne? Nel periodo radicale fu incarcerato per essersi fatto una canna in corteo. E Rutelli cattolico? Rutelli che va in Chiesa, s'inginocchia, si segna, si batte il cuore al Mea Culpa, ve lo immaginate Rutelli che intona il Gloria? Ecco, appunto. Il physique c'è, ma non è il physique du rôle. Volete mettere, per dire, con un Ferrara? Se una mattina Ferrara si sveglia teocon, come prima cosa si mette a compulsare le encicliche. Si documenta, e poi si atteggia – in fondo è un guitto, il basso del melodramma. Rutelli invece è manichino, alla gente non va giù.

Altrimenti non si spiega questo mistero: dai radicali, con tutte le loro eroiche battaglie, ai teodemocratici, con tutta la loro fede incrollabile nella Vita e in Cristo, passando dai Verdi (che sono quelli che dovrebbero salvare il mondo) e dal Municipio di Roma (che ha amministrato neanche male), Rutelli dovrebbe avere collezionato qualche umana simpatia, o no? E invece no! non lo sopporta nessuno. Ormai è un uomo d'apparato, lui che andava in giro coi cartelli davanti a Montecitorio, lui che augurava il rancio di San Vittore a Bettino Craxi, lui! ormai parla solo a nome dei quadri di partito. Se chiedi all'uomo della strada un leader del PD, a quello gli verrà in mente prima un paio di pelati, come Bersani o Letta, o di donne, come la Finocchiaro e… la Bindi! Persino la Bindi è più popolare di Rutelli. Su un altro sondaggio, di Excite, lo ha sorpassato Scalfarotto, un gay con le orecchie a sventola. Se ci pensate è incredibile. Rutelli in teoria dovrebbe essere quello col fascino.

Quando vi lamentate che ci sono pochi giovani tra gli aspiranti leader del PD, mi viene in mente Rutelli. Cioè niente.
Ma voi c'eravate, nel 2001? Perché io c'ero, e mi ricordo che l'Ulivo schierava contro Berlusconi un leader giovane, fascinoso, carismatico: Rutelli. E perse. Difendendosi bene, però. Ricordo che a quel tempo si parlava di "effetto Rutelli", che aveva avvantaggiato la Margherita rispetto agli altri partiti della coalizione. Si diceva che gli elettori di sinistra fossero già molto più uninominalisti dei loro rappresentanti. Non votavano più per un partito o per una coalizione di partiti, ma per un leader, per una faccia: e magari proprio quella faccia lì, a metà tra Kennedy e Albertone.

A quel punto cos'è successo? Da qualche parte qualcuno avrà spiegato come Rutelli dilapidò il suo capitale di leader dell'opposizione. Io non ricordo bene. Ma mi sembra che al termine dell'investimento emotivo della campagna elettorale, Rutelli smise per sempre di essermi in qualche modo simpatico. Tra Prodi e lui, nessun dubbio. Ne è prova che nessuno valutò mai seriamente una sua candidatura alle Primarie.

Ne è prova l'enorme credito che diamo a Veltroni, un politico che coi DS non ha poi dimostrato tutte queste meraviglie. Porta in dote l'amministrazione del Municipio di Roma, dove non mi pare abbia fatto molto meglio del suo predecessore. E allora cos'è che lo rende così popolare?
Potrò sbagliare, ma secondo me il segreto del successo di Veltroni è il gran vuoto che c'è intorno. Gli elettori volentieri eleggerebbero un leader relativamente giovane, con idee nuove e una cultura del Fare, e siccome non c'è, si arrangiano con Veltroni. Ma in teoria doveva esserci. In teoria doveva essere Rutelli. Più smarcato dai partiti tradizionali, più giovane, più bello. Ma nessuno lo considera più. Che ha combinato?

Qui, se ci riflettete, c'è un errore. Forse noi viviamo in un universo parallelo. Nell'universo in cui le cose vanno secondo logica, l'anziano e rassicurante Prodi è diventato il segretario del rassicurante partito della Margherita, mentre l'ex candidato della coalizione, giovane e rampante, ha continuato a fare il capo della coalizione, forte del suo carisma trasversale. Doveva andare così. Perché non è andata così?

Forse perché Prodi, con quell'aria di fessacchiotto, s'è letteralmente mangiato Rutelli? Nel lungo confronto ai vertici lo ha fiaccato, l'ha svuotato di tutto il suo fascino e l'ha trasformato in un'ameba reazionaria. E Rutelli è stato al gioco. S'è fatto svuotare. Perché? Forse non era abbastanza furbo. Bravo abbastanza per fare carriera coi radicali (capirai). Bravo abbastanza per vincere a Roma. Ma Prodi è su un altro livello.

Questa è dura da mandare giù, lo so. Mi rendo conto che Prodi non ha l'aria di un grande stratega, che sembrava e sembra uno scartino della Prima Repubblica. Tuttavia lo scartino della Prima Repubblica alla fine ha fatto fuori il giovane rampante. Il popolo che premiò la Margherita di Rutelli nel 2001 è solo una parte di quello che plebiscitò Prodi alle primarie del 2005. È un popolo che ha voglia di un leader, questo è sicuro. Se gliene proponi uno, anche usato, lo incorona di buon grado. E l'età non è un fattore importante. Mi dispiace. Non fu decisiva quando Rutelli sfidò Berlusconi, non lo è nemmeno oggi.

***

Quando vi lamentate dei pochi giovani in politica, e mi proponete una lista di giovani in politica, io penso a Diaco. Cioè a poco.
Perché lo conosco poco, davvero, di solito quando arriva cambio stazione o canale. In fondo non ho nulla contro di lui, tranne un'epidermica antipatia, ma nemmeno capisco perché debba dirigere il mio partito.
Qualche sera fa l'ho visto un attimo da Chiambretti: se non sbaglio è riuscito in pochi minuti a esprimere simpatia per Papa Ratzinger ("che non piace a nessuno") e a fare un coming out bisessuale. Cioè, capite, a lui non basta stare simpatico ai gay: deve stare simpatico simultaneamente a donne e uomini, gay ed etero, ma anche al Papa, "che non piace a nessuno"! come no, il problema del Papa è appunto che nessuno lo ascolta, nessuno gli vuole bene. E a quel punto ho cambiato canale, altrimenti faceva in tempo a esprimere ammirazione anche per Bin Laden. Lui stesso avverte che essendo cresciuto senza padre tende a cercarlo dappertutto: va bene, capisco, ma cercane almeno uno alla volta. Non puoi fare il bisessuale e il papaboy simultaneamente, non è serio, e anche se tu ci credi ugualmente non ti crederà nessuno.

Neanche Rutelli era arrivato a quel punto. Forse non ci aveva pensato, forse si sta mordendo le mani dal dispetto. So anche che in seguito Diaco è stato da Biagi a parlare della droga; sono sicuro che ne avrà parlato male, e tuttavia a questo punto non mi fido: secondo me vuole stare simpatico sia a chi si droga, sia a chi ha smesso, sia a chi non si drogherà mai; oltre naturalmente agli omosessuali, agli eterosessuali, ai bisessuali e al Papa. In teoria ormai Diaco dovrebbe essere simpatico a chiunque, in Italia; in realtà non lo regge nessuno. Come si spiega? Credo che sia l'effetto Rutelli: il giovane piacione in Italia non funziona. Tutti questi giovani rampanti che si credono Tony Blair, più in là di tanto non vanno. Se hanno costanza e un po' di fortuna possono anche metter radici in Parlamento, ma il cuore degli italiani è un'altra cosa.

L'obiezione la conosco: anche Berlusconi è un piacione. Come no. Ma lui conosce i suoi limiti. C'è gente che non lo amerà mai, e lui lo sa: li chiama comunisti, li considera coglioni, li disprezza e li provoca. Questo gli italiani lo capiscono, e lo apprezzano. Un politico che ti dà del coglione è la fantasia proibita di ogni democratico: stimola e divide. Rutelli e i simil-rutelli vorrebbero invece piacere a tutti. Appena si apre una nuova categoria sociale, una nuova idea politica, un nuovo genere sessuale, una novità su internet, ci si fiondano, e si mettono a stringere le mani. Ma l'italiano non abbocca. Stringere le mani in Italia non basta. Bisogna anche far gestacci all'avversario. Berlusconi è credibile, perché fa le corna. Prodi già un po' meno. Rutelli e simil-rutelli non s'azzarderebbero mai. Stanno ancora a cercare il padre, e gli anni passano. Datevi pace. Non potete piacere a tutti. In realtà per ora non piacete a nessuno.

21 commenti:

  1. Sinceramente mi sarei aspettato un post sulla manifestazione di ieri... ma va bene lo stesso. Sul "piacere a tutti per non piacere a nessuno" sono d'accordo, ed è certamente una strategia fallimentare: ma non sarà che anche nelle necessità leaderistiche della sinistra parlamentarista ci sarà la necessità di un grande padre bastonatore?

    RispondiElimina
  2. i miei due centesimi:

    1. la gestione Veltroni di Roma è stata migliore di quella Rutelli, già non disprezzabile. E' addirittura riuscito a portare a sinistra quartieri storicamente (e fortemente)fissi a destra, vorrà pur dire qualcosa.

    2. qualsiasi scarto della vecchia DC si mangia e si ricaca i politici "giovani" di oggi, purtroppo.

    Detto questo, a Ciccio Bello non farei ormai amministrare nemmeno il mio condominio...

    RispondiElimina
  3. Ma, dopo Ferrara, Diaco, i vari politici, i rampolli dell'alta borghesia e i vari adepti di Lele Mora e i fotomodelli e a quanto pare diversi calciatori di serie A (e a questo punto forse molti dei loro tifosi come fa notare Grillini) esiste ancora qualche uomo non bisessuale, cioè "solo" gay o "solo" non-gay? (lo chiedo giusto per curiosità statistica)

    RispondiElimina
  4. Considerazioni simili da Luttazzi:
    http://www.danieleluttazzi.it/?q=node/301

    Condivido e sottoscrivo.

    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Analisi molto lucida ed intelligente, Leo, mi trovo perfettamente d'accordo con te. Aggiungo qualche mio pensiero..
    Rutelli secondo me non ha fatto granche' bene per Roma, in questo basta che pensi al nuovo monumento dell'Ara Pacis, un obrobrio fortemente voluto da lui e che ha creato un danno irreparabile ad uno dei posti piu' spettacolari di Roma.
    Entrando nello specifico dell'analisi politica, ritengo che Rutelli in realta' nel 2001 non era li' per vincere. Doveva solo tenere calda la poltrona per Prodi, per quando sarebbe tornato dalla Commissione europea. Non credo di sbagliarmi, viste poi come sono andate le cose.
    In ultimo, quel "Berlusconi è credibile, perché fa le corna" mi fa pensare che proprio quello stesso problema che si nota nella sinistra (mancanza di un leader) si nota nella destra, specularmente, (leader troppo ignorante).

    RispondiElimina
  6. Controlla qui quanto vale il tuo blog!!!

    http://valoreblog.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. Non ricordo chi lo disse: se nel 2001 Berlusconi si fosse candidato da solo, avrebbe perso.

    RispondiElimina
  8. So di essere impopolare a dire quello che sto per dire, ma secondo me Rutelli, da sindaco, ha fatto molto ma molto più di Veltroni: Luciano si lamenta dell'Ara Pacis (de gustibus, il vecchio cubo di vetro era meglio?), ma il bellissimo - ed usatissimo - Auditorium chi l'ha voluto? le Ferrovie metropolitane chi le ha rimesse in uso? l'apertura festiva dei Musei? la Galleria Borghese?
    Qualcuno mi sa dire cosa ha fatto Veltroni in questi anni, che non sia il concerto "gratuito" pagato da Telecom?
    Sia chiaro, il Rutelli post-2001 è un soggetto indifendibile (tra l'altro, parla come se avesse davanti dei deficienti, con una lentezza esasperante e scandendo le parole come una mastra dell'asilo), ma questo non gli toglie i meriti di una buona amministrazione comunale, che francamente il sindaco attuale non ha mai dimostrato.
    p.s. ieri facevo fatica a passare sul Lungotevere, praticamente invaso dai pullman turistici, e mi sono ricordato che Rutelli ne aveva vietato l'ingresso all'interno del centro, mentre il sindaco attuale, in omaggio al Vaticano, li ha trionfalmente riammessi ad inquinare e a paralizzare il traffico. Un grande! Ecco il futuro leader del Partito Democratico a furor di popolo!

    RispondiElimina
  9. Potrò sbagliare, ma secondo me il segreto del successo di Veltroni è il gran vuoto che c'è intorno

    Un buco col vuoto attorno potrebbe essere il suo stemma.
    Far risaltare persino il nulla, il segreto della sua vittoria.

    RispondiElimina
  10. Pensa che quando Rutelli si candidò contro Fini a Roma, nel 1993, circolava questa battuta: "Rutelli è come un cocomero: verde fuori e rosso dentro". Poi ha iniziato a vendere pezzi di città (e credibilità) al vaticano (do you remember giubileo?) e il suo secondo mandato come sindaco è stato un continuo entrare e uscire da piazza san pietro. COsì si e' pensato che avrebbe potuto aiutare il centrosinistra a vincere le elezioni. Ma in vaticano, sono molto più seri, e mica si affidano a un pupazzo come ciccio...

    RispondiElimina
  11. http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=184890

    RispondiElimina
  12. Pienamente d'accordo, ma mi faccio e ti faccio una domanda.
    Da una parte dici che Veltroni ha 'sto gran successo a causa del nulla che si ritrova attorno (cosa sicuramente vera); dall'altra dici che a forza di cercare di piacere a tutti si finisce per non piacere a nessuno (cosa altrettanto vera: credo che il più grande problema della comunicazione del centrosinistra sia la sua schiavitù verso il politicamente corretto).

    Ora, date per vere queste due cose, come si spiega il fenomeno Veltroni? Uolter avrà pure il vantaggio dell'inesistente concorrenza, ma la sua strategia comunicativa è il non plus ultra del politicamente corretto e lui è indiscutibilmente il maestro del "piaccio a tutti", dai No Global all'Opus Dei. Tutto frutto della sua abile quanto retorica ars oratoria, anni luce superiore a quella di Rutelli o Diaco, o qualcosa in più?

    RispondiElimina
  13. Secondo me il fascino di Veltroni sta tutto nel fatto che è in panchina. Come Zola in nazionale: temo fortemente il momento in cui scenderà in campo, perché può anche darsi che non succeda niente.
    La sua abilità retorica, mah. In realtà non mi venderebbe una macchina. D'Alema sì, molti anni fa me l'avrebbe venduta. Forse non sono nel target veltroniano, ma mi lascia abbastanza indifferente.

    Comunque se si candida lo voto, spero solo che non lasci andare la nazione come andò il Partito quando era segretario lui.

    RispondiElimina
  14. Veramente bravo Leo. Anche se un po' retorico, concordo pienamente. E' sempre stato così per gli italiani. Quello in panca è il fenomeno. In fondo anche Rutelli, dopo Roma, fu osannato.

    In effetti l'unica cosa che da sempre mi trova senza parole è la schizofrenia dei romani. Questi (parlo delle verie giunte e aggiunte avute) non ne azzeccano una se senti il romano medio on the road, e vivendoci, posso confermare che mica hanno tutti i torti i cittadini. L'invivibilità della capitale è inquietante. Le boiate costosissime che continuano a sfornare sono paradossali. La città è in tilt da anni e peggiora.

    Poi come si va a votare. Il sindaco de roma uscente è la PRIMA SCELTA della campagna elettorale.
    Dall'altra parte il nano almeno vince le coppette dei campioni...
    Perchè non candidiamo Spalletti allora? Io lo voterei.

    RispondiElimina
  15. Nel sondaggio exite Rutello é sorpassato anche dalle Winx!!!

    RispondiElimina
  16. ma non si parlava, per il futuro, anche del Cinese di Bologna?
    Ce lo siamo già giocati?
    Possibile che tutti i futuri o futuribili leader debbano passare per la forca amministrativa, e da quella essere giudicati?

    RispondiElimina
  17. è la prima volta che approdo su questi lidi e mi levo tanto di cappello: gran bel post. a me non piace rutelli e neppure veltroni. ma io sono un'aliena. tant'è che non mi piace neppure il partito democratico (http://www.unduetrestella.splinder.com/post/11874334)

    RispondiElimina
  18. > ma non si parlava, per il futuro, anche del Cinese di Bologna?

    Nah, troppa smania di legalità. Non c'è posto per i giustizialisti nel grande partito democratico.

    RispondiElimina
  19. Non confonderei la voglia di legalità con il giustiialismo.

    La legalità difende il più debole.

    RispondiElimina
  20. Non sono tanto d'accordo. In quei sondaggi che citi si chiede di fare un nome solo. E Rutelli non è il primo nome che la gente farebbe, ma probabilmente è tra i primi. Io credo sia impopolare soprattutto tra chi ha una certa coscienza, quindi gente attiva che naviga, ecc. Invece, l'uomo medio (il "fesso" al quale si rivolge appunto parlando lentamente, scandendo le parole, ecc.) secondo me alla fine lo considera tra "i meno peggio". Nel 2001 andò bene come candidato, nonostante la sconfitta... ecco, la sconfitta è il motivo per il quale non viene indicato come leader gradito: a meno che non ti chiami Berlusconi, se perdi sei out per quella carica, almeno per un po' di tempo... del resto nessuno propone di ricandidare Gore, anche se ha preso più voti di Bush.

    RispondiElimina
  21. Berlusconi è ancora popolare, Rutelli no.
    Gore qualcuno lo propone, Rutelli no.

    Il problema è che dal 2001 in poi è come se nessuno lo avesse spolverato: adesso è più conservatore lui di Prodi.

    Se fosse così popolare presso "gli uomini medi", si candiderebbe. Non lo fa. E' a casa sua che si bacia i gomiti perché Veltroni lo ha tolto dai guai.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.