Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: There's nothing like a catholic girl

Pages - Menu

lunedì 14 luglio 2008

There's nothing like a catholic girl

Mangia la metafora

“Aureliana”
“Sì papà”.
“Lo sai che in fondo io sono uno di sinistra”.
“Come no, papà”.
“E quindi te lo devo dire. Con questa storia dei pompini ministeriali vi siete veramente tirati la zappa sui piedi”.
“Ma papà”.
“Come se alla gente interessassero i pompini. Ma non capisci che non gliene frega niente...”
“E io che invece avevo sempre pensato...”
“Sai cosa interessa, invece? La benzina a uno e ottanta al litro, questo interessa! Il pane a quattro euro al chilo! Questi sono problemi! E voi, invece di parlare dei veri problemi, vi attaccate al gossip. Più berlusconiani di Berlusconi”.
“Papà, ma cosa c'entra il gossip? Qui il problema non è mica se Berlusconi si fa fare un pompino”.
“Ecco, infatti”.
“E libero di farsene fare da chi gli pare e a me non interesserebbe niente”.
“E allora?”
“Però se in cambio di un pompino comincia a cedere poltrone ministeriali, diventa uno scandalo, capisci papà? Uno scandalo. Roba che neanche in Sudamerica...”
“Ma che Sudamerica e sudamerica, tra l'altro quelli erano tutti generali un po' repressi che non sapevano godersi la vita, invece Berlusconi è un po' così....”
“Papà, non fare il galletto”.
“Interpreta genialmente un certo tipo di italiano”.
“Il padrone della fabbrichetta che si fa la segretaria. Sì, papà, però la segretaria resta segretaria. Non diventa amministratrice delegata”.
“Povera figlia mia...”
“Oppure sì, diventa amministratrice delegata, e il risultato è che dopo qualche anno la fabbrichetta va allo scatafascio, e questo spiegherebbe qualcosa della crisi del nord-nordest”.
“Così giovane e già così ingenua”.
“Ma insomma, che al governo vengano eletti dei perfetti incapaci, a te non interessa, non vale neanche la pena di protestare?”
“Protestare per cosa? Perché ci sono degli incompetenti al governo? Sai la novità”.
“Non sarà una novità, però magari è una vergogna”.
“Perché, scusa, Bondi alla cultura? Schifani al senato? Maroni agli interni? E Castelli alla giustizia, l'altra volta? Perché non avete fatto un corteo contro Castelli? Te lo dico io...”
“Veramente lo abbiamo fatto”.
“...perché quello che vi dà veramente fastidio non è l'incompetenza, ma il pompino in sé. Siete delle bacchettone. Ma prendi Bondi. Non è un pompinaro anche lui, alla fin fine? Però un pompinaro metaforico”.
“Papà, ma che c-
“Ma se una bella ragazza un bel giorno decide di non accontentarsi della metafora, e di dare alla parola il suo vero e pieno significato, ecco che vi rizzate come un sol uomo, anzi una sola donna, contro la traditrice del vostro sesso. Non è così?”
“Va bene, forse è così”.
“Ti dà più fastidio un pompino reale che un pompino metaforico”.
“Probabilmente sì. Sbaglio?”
“Certo che sbagli. Reali o metaforici, i pompini sono tutti uguali. Anzi...”
“Magari salta fuori che la realtà è meglio della metafora”.
“Beh, sì. Viva la sincerità”.
“Quindi dovrei essere contenta perché finalmente una donna in politica viene premiata per azioni reali e non metaforiche”.
“Sì. Ma senti, cambiando argomento, in casa come va?”
“Stiamo impazzendo. Non sappiamo più dove appoggiare i libri”.
“Ma ne state cercando una più grande, o no?”
“Papà, sì, è da sei mesi che cerchiamo. Ma i prezzi sono quelli che sono. Però forse ho trovato un'occasione, in centro”.
“Un'occasione? Che tipo di occasione?”.
“Attico con ascensore, tre camere vista parco, riscaldamento autonomo, garage...”
“Ehilà, ti stai un po' allargando. A quanto te lo fanno?”
“A me, centocinquantamila...”
“E' molto buono!”
“...senza preservativo e con ingoio, una volta la settimana. Io ho detto che ci penso, ma Gianni non ne vuole sapere. Se vuoi metterci una parola tu... Con questo discorso del reale e del metaforico, magari lo convinci”.
“...”
“Papà, scherzavo”.
“...”
“Papà?”

14 commenti:

  1. vedo che non c'è ancora nessuno e penso che al primo post si potrà perdonare.
    Bhe ..finalmente te lo posso dire:
    SEI TROOOPPO BRAVO!!
    Grazie, abbi cura di te
    Nishanga

    RispondiElimina
  2. l'altra notte, in preda all'insonnia, facevo zapping dal letto. su la7, poco prima di chiudere gli occhi e sprofondare negli incubi, vedo passare la replica dell'intervista di elkann a carlo rossella, che ufficialmente è lì per promuovere il suo romanzo "vodka". sembrano entrambi in effetti alticci, parlano piano e hanno le palpebre a mezz'asta. il dialogo molla presto il romanzo e si diffonde invece su piazza navona e sulle intercettazioni. rossella coglie l'occasione per sostenere che la raccomandazione, a livelli apicali, è un eccellente sistema per scovare talenti. consuetudine nobilissima, che lui ha sempre praticato e che gli ha permesso di scoprire "autentiche perle".

    RispondiElimina
  3. la settimana scorsa, mentre apparecchiavo la tavola, ascoltavo distrattamente i panini di un tg della rai, sul tema delle intercettazioni. l'unico personaggio a cui presto attenzione è il senatore gianfranco rotondi: non c'è solo la sua faccina di repertorio e la solita velina ministeriale recitata dal cronista, ma una dichiarazione in presa diretta, una rara primizia. sostiene che la sinistra dell'indignazione non ha mai compreso il popolo di berlusconi come non comprese la vecchia DC, perché in sostanza non comprende l'italia. perché gli italiani al telefono amano gli scherzi e anche le battute piccanti. questo non è un segno di decadenza ma di vitalità, perché la domenica quell'italia che scherza diventa l'italia che va in chiesa.

    RispondiElimina
  4. Quando uscirono le prime tv private negli anni '80 più di qualche vecchietto è schiattato per infarto...Dovesse mai succedere a qualche ministro italiano sotto viagra o cocaina!

    RispondiElimina
  5. La situazione fa veramente piangere, ma il tuo post è meraviglioso

    RispondiElimina
  6. ma come fai a scrivere cosi'!
    che invidia...

    RispondiElimina
  7. LOL :-)
    Ciao e complimenti, prima volta che capito sul tuo blog ma tornerò con piacere!

    RispondiElimina
  8. Bravo! Finalmente qualcuno capace di inquadrare magistralmente una delle questioni fondamentali: l'incapacità della parte più sana (posso dirlo?) della popolazione di parlare con gli altri, i vari berlusconiani, leghisti, etc.
    Quale il motivo di questo distacco? Perchè non riusciamo a far comprendere agli elettori onesti di centro destra quanto di male questo governo può fare e fa al paese? E' solo la televisione il problema? Ancora, bravo!!!

    RispondiElimina
  9. E' solo la televisione il problema?
    al 95% a mio avviso.Prendi una trasmissione "apparentemente innocua" come Lucignolo ad esempio.

    RispondiElimina
  10. FAfume ha detto"Perchè non riusciamo a far comprendere agli elettori onesti di centro destra quanto di male questo governo può fare e fa al paese?" Parole sante ! il problema però è scoprire chi può far del bene al paese oggi come oggi, all'orizzonte non vedo nulla !!!
    Leo complimenti ho riso molto, bravo

    RispondiElimina
  11. Il post è bello; ciò che racconta è triste perchè vero, succede spesso sia il primo pompino (per farsi strada) che il secondo (per avere qualcosa che spetta di diritto).

    ps. ho sentito anche io la dichiarazioen del buffo(ne) Rotondi, bellissima anche quella perchè vera al 100% (e lui che è della NUOVA DC sa quel che dice)

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.