martedì 27 gennaio 2009

Attende i suoi lettori all'ingresso

Gentili lettori, un saluto dal piccolo blog Leonardo che l'altro giorno ha compiuto otto anni e nessuno di voi se n'è accorto.
Ma lui vi vuole bene lo stesso, perché anche se è uno dei blog più vecchi in giro, è pur sempre un bimbo di otto anni che ha bisogno sopra ogni cosa di affetto e considerazione.
E veniamo al tradizionale giochino: qual è stato il pezzo migliore del 2008? Non cercate d'essere originali a ogni costo, scegliete il primo che vi viene in mente. Se non ricordate nulla (i blog fanno questo effetto) ecco alcuni candidati:

* Il futuro di chi ha memoria (e con la Giornata della Memoria anche quest'anno siamo a posto).

* è un Mercato Pazzerello
Sì, ma un colpo solo mica basta. Nella cassaforte di una filiale, quanto ci sarà? Centomila? Va bene, si tira un po’ il fiato, e poi? Ci vuole un reddito. Potrei fare il corriere. In effetti sarei un buon corriere. Le autostrade le so tutte e mi piace girarle, fermarmi agli autogrill e non pensare a niente.

* Beware de negher
“Di marocchini ce n'è uno al civico 12, e basta. Creda a me che faccio il postino”.
“Massì, se non sono marocchini saranno extra... albanesi, zingari... tutti uguali...”
“Rumeni. Rumeni ce ne sono tre famiglie all'angolo. Sembra gente tranquilla, eh. Però è vero che i ragazzini son sempre in giro”.
“E fanno una paura...”

* Incubo di una notte di mezza estate
C'è il Presidente Napolitano che entra in una banca con un sacchetto in mano, e dice: “Buongiorno”...
(Questo forse non l'avrei inserito, ma si è classificato secondo alla Blogfest, senza che io l'avessi nemmeno indicato: insomma a qualcuno è piaciuto).

* Fiori per Algernon
Come vedi la nostra discussione prosegue ancora intorno allo stesso problema, che credo di poter sintetizzare così: in questi anni di volgarizzazione indotta delle masse pilotata dallo strapotere mass-mediatico, in che misura noi intellettuali possiamo rompere il “guscio” accademico e tornare a parlare a quelli che non si sentono coinvolti dai nostri discorsi, la cosiddetta (perdonami il termine vago), “gente”?

* Mangia la metafora
“Ti dà più fastidio un pompino reale che un pompino metaforico”.
“Probabilmente sì. Sbaglio?”
“Certo che sbagli. Reali o metaforici, i pompini sono tutti uguali. Anzi...”
“Magari salta fuori che la realtà è meglio della metafora”.
“Beh, sì. Viva la sincerità”.

* Apocalipstick
Quasi un meme.


* La scuola di Pippo (come diventare razzisti, I)
Per un attimo, un attimo solo, Pipino vorrebbe essere anche lui un nero scaraventato sulle spiagge di Lampedusa da una carretta del mare, solo per il gusto di esprimere con la stessa rozzezza i propri sentimenti, cazzo, mi hanno fregato di nuovo. Uno si sbatte per tutta la vita, mette al mondo un figlio, gli insegna l'educazione, e poi vlam! Te lo prendono e te lo sbattono nel ghetto con i figli dei neri.

* 21st Century Schizoid Anchormen
Oggi pare che l'Imputata Bionda abbia scambiato uno sguardo con l'Imputato Scuro. Forse era uno Sguardo d'Intesa, ma potrebbe anche essere uno Sguardo di Disapprovazione, in effetti l'unica sarebbe fartelo vedere, ma in quel momento il cameraman s'era distratto, comunque fidati. È tutto? Sì, perché le deposizioni erano noiosissime e noi non vogliamo farti cambiare canale, soprattutto adesso che tra tre minuti c'è la pubblicità. E quindi... beh, abbiamo pensato di approfondire mostrandoti la fila di gente che c'è fuori! Una fila di gente che vorrebbe entrare a vedere l'Orribile Processo, non lo trovi morboso?

Questi sono i pezzi che sono più piaciuti a me; ma quali saranno piaciuti ai lettori?
Ci sono vari parametri: uno è il numero di commenti (purché non siano il risultato di un botta e riposta tra due commentatori incarogniti, di cui uno sono sempre io); un altro è il picco di accessi (che però può anche dipendere da un solo blog importante che mi ha lincato); un altro ancora è il conteggio dei link. Questo lo rileva in automatico Blogbabel. Quest'anno i tre parametri concordano nell'incoronare post dell'anno questa antipatica chiosa a un pezzo di Facci. Mah.

Ultimo ma primo, vorrei segnalare Soffrire per uno scopo, che è uno dei più assurdi che ho scritto, ma per me sintetizza in modo efficace quello che volevo fare nel 2008: chiudere coi pipponi politici e scrivere storielline divertenti. Non è proprio andato così, e poi in realtà anche le storielline alla lunga stancano. In generale la lista del 2008 mi sembra inferiore a quella dell'anno prima, anche se nell'ultimo anno mi sembrava di essere più in palla. Forse però ho rischiato meno; del resto tra i pezzi che vi erano più piaciuti nel 2007 c'erano cose piuttosto impegnative, come Storia di Mària, che oggi probabilmente non avrei tempo né voglia di fare.

A proposito, quale sarà stato il pezzo peggiore dell'anno? Dite voi, io non saprei. Quelli che mi sembrano brutti evito di rileggerli. Il più inutile, sulla distanza, mi sembra questo, ma è facile dirlo col senno del poi.

La principale novità del 2008 sono state le vignette: non ne ho fatte molte, ma erano veramente le prime che facevo. Imparare qualcosa di nuovo alla mia età è commovente. In cima a questo pezzo c'è quella che è piaciuta di più (ispirata a un documento autentico). In effetti fa ancora una certa impressione. Ma la presenza del correttore automatico resta inspiegabile.

Il 2008 se n'è già finito nell'ultimo cassetto di quell'archivio in cui credo sempre di custodire ingenti tesori (e invece ogni tanto vado a controllare e pesco ragnatele e poco altro). Come sarà il 2009? Beh, non ne ho la minima idea. Sul serio, questo è un blog che va per i fatti suoi e non si riesce a programmare. Pensate che a inizio anno pensavo di scrivere solo cose leggere e divertenti.

Un discorso a parte meriterebbero quelli che stanno per dirmi che una volta ero meglio, che ultimamente sto esagerando in questa o quell'altra cosa, oppure mi sto ripetendo, ecc. ecc. Non perché non abbiano ragione: di sicuro c'è stato un momento in cui scrivevo meglio di adesso. Ma guardiamoci negli occhi, io sto buttando roba qua dentro da otto anni, come faccio a non ripetermi mai? La risposta è semplice: non ce la faccio. Mi ripeto spesso e volentieri, e molte cose che vi fanno incazzare nel 2009 le ho riprese da pezzi del 2006, o del 2001, per tacere di tutte le volte che mi ripeto senza accorgermene come vostro nonno. Io ho i miei alti e i miei bassi, come tutti, ma alla fine della fiera sono sempre io, e c'è un numero finito di cose che so e di cose in cui credo. Insomma se da un po' di tempo in qua vi piaccio meno, può darsi che stiate cambiando voi.

Come quel gruppo che tre anni fa vi sembrava il massimo e l'ultimo cd non l'avete nemmeno scaricato, perché, boh, non v'interessa più.
Come quella radio che ascoltavate sempre come se non si potesse farne a meno, finché un giorno ne avete fatto a meno, e adesso v'infastidisce anche solo captarla di sfuggita.
Come quelli che si lamentano perché la Gialappa non fa più ridere: ma vi siete visti? Avete trentacinque anni, è chiaro che non può più farvi ridere. Sarebbe ben triste il contrario. E' ora di lasciar spazio ai ragazzini, se ce n'è. E se non ce n'è, tanti saluti e buonanotte. E' stato molto divertente.

34 commenti:

  1. Auguri al piccolo blog allora ... io voto per 'Fiori per Alghernon', in attesa di leggermi il racconto ordinato in libreria.

    RispondiElimina
  2. Fiori per Algernon. Sarà anche un riciclo fantascientifico, ma il Comic Sans è il Comic Sans è il Comic Sans.

    RispondiElimina
  3. (e comunque non sta bene festeggiare i compleanni del blog)

    RispondiElimina
  4. Sporcdrughé live in Maranello. Magistrale.

    Roberta

    RispondiElimina
  5. fiori per algernon senza dubbio; ogni tanto lo rileggo.

    giorgian

    RispondiElimina
  6. E' come Dr. House e Grey's Anatomy prima serie che non perdevi una puntata. E adesso non sai neanche in che giorno sono programmati.

    Forever Jung

    RispondiElimina
  7. Fiori per Algernon.

    (se il 2009 continua come il 2008 a me va bene. Così, tanto per dire…)

    RispondiElimina
  8. Beware de negher, senza ombra di dubbio: è una sceneggiatura bella pronta per uno spettacolo teatrale.

    Pensaci Leo.

    E buon compleanno al blog ottenne.

    RispondiElimina
  9. Io voto per
    Incubo di una notte di mezza estate
    E' semplicemente geniale !

    RispondiElimina
  10. Le autocelebrazioni sono sempre un po' fastidiose, ma se è l'occasione per ripescare le tue cose migliori di quando non ti avevo ancora scoperto, ci posso stare. Comunque sì, Fiori per Algernon è un capolavoro.

    RispondiElimina
  11. per me "Incubo di una notte di mezza estate", ma in realtà anche altri.
    non credo siano peggiorati i post, anzi. quel che trovo di "sbagliato" è l'eccessiva lunghezza di alcuni. no, spe'. non sono lunghi in assoluto, ci mancherebbe: trovo che a volte (forse nel tentativo di spiegarti meglio, di non creare equivoci o robe del genere) usi troppe parole.
    alle volte leggo un post e penso: cazzarola è bello, ma ora riscrivilo con metà parole!
    sì, certo gli argomenti, a volte, sono complicati (la vita lo è) ed è bene non banalizzare la complessità. giusto. però a volte ho quest'impressione.
    ochei, è vero: a volte ho pensato "cazzarola è già finito..."

    RispondiElimina
  12. Io voto "La scuola di Pippo", anche se molti altri pezzi meritano.
    Saluti e complimenti da un affezionato lettore
    p.s. Credo ci sia un problema nel link di "21st Century Schizoid Anchormen".

    RispondiElimina
  13. io voto per 'Fiori per Alghernon'

    RispondiElimina
  14. Uhm, io ne ho 36 e la Gialappa mi fa ancora ridacchiare. Dottore, è grave? :)

    RispondiElimina
  15. io voto un fuori lista:meglio tardi che ancora più tardi

    fatto talmente bene che fino a circa metà credevo fosse cronaca vera

    RispondiElimina
  16. I pezzi che meritano sono parecchi, ma un criterio possibile è quanto mi è venuto di raccontarli a giro, e quest'anno quello che ho riraccontato di più a destra e a manca è l'Incubo di una notte di mezza estate.

    RispondiElimina
  17. Soffrire per uno scopo

    Se avessi dovuto scegliere da un punto di vista letterario o politico, probabilmente ne avrei scelto un altro, forse questo questo.

    Ma l'incrocio tra pubblico e privato che hai rappresentato qui è assolutamente fondamentale.

    Coltiviamo il nostro privato, se vogliamo poter sperare in un pubblico decente.

    RispondiElimina
  18. Fiori per algernon!
    E comunque l'immagine della bozza dei candidati è fantastica :)

    RispondiElimina
  19. Ti seguo da poco e devo ammettere che "Meglio tardi che ancora più tardi" mi e' piaciuto piu' di tutti gil altri.

    Andrea

    RispondiElimina
  20. Fiori per Algernon. Ironico, tagliente, maledettamente reale... anche io ogni tanto torno a rileggerlo. :)

    Gianni P

    RispondiElimina
  21. Per quello che mi riguarda, spero proprio che non smetterai mai di scrivere. Un ringraziamento e un saluto sincero.

    RispondiElimina
  22. Io non riesco a guardare un Europeo/Mondiale di calcio senza la radiocronaca della Gialappa. Anche perche' il calcio fondamentalmente non mi interessa e loro spesso parlano di tutt'altro durante la partita.

    Fiori per Algernon, ma anche quello della Trinita' Veltroniana.

    RispondiElimina
  23. 21st century schizoid anchormen su tutti
    (e siccom ti seguo ma sempre in silenzio fammi dire: 'azzo che blog!)

    RispondiElimina
  24. Caro Leo, troppo difficile decidere: questo o quello?
    Quello che mi ha fatto più ridere o quello che..difficile e anche inutile perchè io di quà è difficile che passi per caso o - orrore..orrore - per noia; sei così prezioso che mi scelgo persino i momenti giusti per potermeli godere meglio i tuoi post; no,non la voglio fare la selezione ..il mio è amore incondizionato!
    Piuttosto un bel brindisi, di lunga vita al blog e di tanta buona fortuna a te, caro Leo!

    RispondiElimina
  25. Fiori per Algernon, che quasi piangevo.
    Peraltro, oh, io se voglio un commentino sarcastico e basta lo cerco su twitter. Che i tuoi post siano lunghi non mi sembra affatto un difetto, lo sono in un po' tutti i blog che seguo.

    RispondiElimina
  26. I Gialappi non sono più quelli, che c'entra.

    RispondiElimina
  27. Ma se piangete per il mio raccontino, per l'originale cosa farete?

    RispondiElimina
  28. porca misera, sinceramente io non saprei scegliere. Perché? Perché non so scegliere.

    RispondiElimina
  29. L'originale nun lo lessi, e in effetti pensai di comprarlo dopo aver letto il tuo post. Riparo oggi. In ogni caso, oh, sei bravo a scrivere: fattene una ragione.

    RispondiElimina
  30. Io non ho mai "postato" nessun commento fino ad ora e, detta proprio così, sono una vera novellina anche del blog in mezzo a molti affezionati..ma va bene, inizio ora e ne approfitto per rifarmi su una serie di post persi, anzi tra i migliori a quanto pare, ripromettendomi costanza..perchè mi piace in effetti. Quindi pazienza per questo giro, la prossima volta saprò esprimere una preferenza. Buoni otto anni.

    RispondiElimina
  31. io voto per "Se anche questa sera voglio stare a casa" del 14 novembre.
    lo cito anche spesso, molto spesso

    rose

    RispondiElimina
  32. 21st Century Schizoid Anchormen
    Giulia

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).