martedì 25 agosto 2009

Amico Abbecedario

(L'ho trovato. Il primo titolo stagionale sul caroscuola. E dal momento che gli editori scolastici non hanno difficoltà a rivendervi gli stessi libri dell'anno scorso, giusto con qualche errorino in più o in meno per far vedere che sono "aggiornati"; e che i giornalisti non hanno problemi a riscrivervi più o meno lo stesso pezzo di dodici mesi fa... beh, anch'io posso benissimo copiare di pacca il post dell'anno scorso. Per quel che mi pagano).

Settembre ha il profumo dei quaderni nuovi

Io non pretendo certo che abbiate letto gli articoli di quest'anno sul caroscuola, identici in tutto e per tutto a quelli dell'anno scorso. Del resto, cosa c'è da dire? Purtroppo i prezzi aumentano, e aumenterebbero anche se l'editoria scolastica non fosse quella turpe banda di parassiti e grassatori che è sempre stata e sempre sarà almeno finché non riuscirò a lavorare per loro e smetterò di dirlo ad alta voce.

Nel frattempo vorrei soltanto lanciare un appello a chi si trova nella spiacevole situazione di aver figliato qualche anno fa: sembrava che il bambolotto vi sarebbe rimasto appeso al collo per sempre e invece eccolo qua! cammina parla e ora pretende di andare a scuola e bisogna anche svenarsi per corredarlo di libri e quaderni. Così siete appena tornati dalle vacanze, neanche il tempo per leggere il tradizionale articolo sul caroscuola, e via! In fretta, prima che arrivi l'estratto conto con tutti i vostri bagordi agostani dettagliati voce per voce, via, all'ipermercato più vicino! Perché ho sentito dire che c'è lo sconto sui quaderni.

Ecco, per l'amor di Dio e vostro, non fatelo. Non comprate quaderni al buio. È carta sprecata, fidatevi.
Perché vedrete che poi si arriva al 15 settembre, e si scopre che il/la maestro/a o professore/ssa è uno di quei biechi individui a cui non va bene niente, mai! Il quadernino piccolo è troppo piccolo, quello A4 è troppo grande! La spirale no, le anelle solo a distanza continentale (gli anglosassoni usano un formato diverso), i quadretti di 0,5 cm. mentre voi avete fatto una scorta da 0,4 da qui all'università – sul serio, non buttate via i vostri soldi, aspettate.

Se poi vi considerate tipi sensibili, potete anche esercitarvi a comprendere l'insegnante. Magari è uno/a che ha la pretesa antistorica di controllare i compiti a casa, e come fa? Ritira i quaderni. A cinque o sei persone alla volta? Andrà a finire che quei cinque o sei no lavoreranno più per un mese, tanto la prof mi ha già beccato. Eh, no, meglio controllarli tutti e 25. Certo, e andare in giro per i corridoi con 25 quaderni sottobraccio, è in questo modo che il docente difende la sua dignità. Oppure presentarsi in classe col carrello. O ancora introdurre il concetto di quaderno ad anelli con fogli staccabili, ma è già settembre inoltrato, e la famiglia previdente aveva riempito la cantina di quadernoni e quadernini a fogli non staccabili che nessuno correggerà mai.

Generalizzo, certo. Ma ho ancora nel cuore il mio primo giorno di scuola alle elementari, i miei bellissimi quaderni di Superman e di Batman (eroi in calzamaglia che andavano molto in voga a quei tempi), e la maestra che mi raggela dicendomi: questi non si possono usare. Insomma, è una storia antica. La grande distribuzione lo sa, e ne approfitta. Vi vende la sensazione di essere genitori previdenti scaricandovi pacchi di carta che v'ingombreranno la mensola alta del garage fino alla consumazione dei giorni. Non cascateci. Il vero risparmio è comprare all'ultimo momento solo quello che l'insegnante vuole. Si salva pure un po' di foresta.

Detto questo, i prezzi aumentano. Aumenta tutto, a partire dalle materie prime: aumenterebbe anche se possedessimo la bacchetta magica per eliminare quelle tenie didattiche degli editori scolastici, con le loro pregiate ristampe patinate e colorate, in cui si cambia tutto purché restino gli errori di stampa dell'anno prima. In effetti la bacchetta magica ce l'avremmo: coi soldi che una famiglia spende in libri ci si potrebbe comprare un laptop, installare il wifi a scuola e lavorare direttamente su wiki. In qualche scuola già succede, e forse, chissà, un giorno anche in quella dei vostri figli (dipende anche da voi! Andate alle riunioni!) Certo, i laptop dopo un po' si scassano, ma se per questo anche i libri: già da oggi, se un ragazzino riuscisse a conservare un laptop per almeno tre anni, la convenienza ci sarebbe eccome. Anche la diffidenza di una classe insegnante un po' attempata è destinata a squagliarsi al sole di fronte alla possibilità di somministrare verifiche on line che si correggono da sole (tutta roba che esiste già, eh? Non sto inventando niente).

6 commenti:

  1. Coloro che commentarono questo post lo scorso anno dovrebbero ripostare, "di pacca", i medesimi commenti...

    RispondiElimina
  2. Concordo, sull'utilità di attendere le richieste dei singoli insegnanti, prima di rischiare di sprecare le limitate disponibilità di tante famiglie, in acquisti che potrebbero rivelarsi inutilizzabili. Per gli inaccettabili e consistenti aumenti dei prezzi, ci chiediamo, dove sono i controlli?
    Probabilmente, la soluzione è di individuare e sostenere, persone oneste, competenti, che si impegnino per il bene comune.

    http://www.giovannivolpe.it

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Lo leggo per la prima volta. Ho tre figli,
    sono presidente del consiglio di istituto (ora solo due materne due elementari due medie...in passato era tutto per tre...) non ho mai capito perché i libri aumentano, perché si cambiano così in fretta (fra la mia filgia 'grande' la 'media' ci sono 4 anni, ho dovuto cambiare tutti i libri, sempre). Non capisco perché venga sempre 'sforato' il tetto di spesa ministeriale e ci devono essere libri non in lista ma acquistabili 'a parte' dai genitori.

    Però sui quadernoni una cosa te la dico:
    le mamme che ne fanno scorte considerevoli senza mai prima chiedere all'insegnante poi vengono a tutte le riunioni cercando di imporre all'insegnante le loro scelte! Penso che per te (ormai navigato) non sia così assurdo, ti garantisco che, almeno
    nella nostra scuola, è succsso più di una volta...e gli insegnanti? abbozzano...

    La scuola di oggi o almeno quella dalla materna alle medie, non la fanno gli insegnanti e gli alunni, la fanno le mamme!!! Scelgono le futurre classi, discutono per mesi su quanti e quali compiti dare (di solito nulla perché i pargolo è troppo sfruttato: loro lo mandano -oltre che a scuola- a calcio, ballo, ginnastica, musica, tennis, piscina, nonni, zii, tv, nintendo e mcdonald...).

    ti saluto

    RA

    RispondiElimina
  5. Laptop e wifi per tutti ! AHAH ahah Leonardo sei troppo forte ? Ma tu credi ancora che ci saranno sempre più computer e la società sarà sempre più informatizzata ?
    Studiati ed analizza le teorie del "Peak Everything" : tra una cinquantina d'anni non solo il wi-fi sarà un ricordo , ma pure trovare una penna ed un quaderno sarà un problema per molti studenti italiani (che poi ci saranno il 50% di insegnanti in meno , già ora un 10% ha gli stipendi razionati un mese si' ed uno no).

    RispondiElimina
  6. In 12 mesi in Italia il NUMERO di disoccupati è aumentato del 13% ed il TASSO di disoccupazione dell'1%. Mentre la produzione mondiale di petrolio è calata di circa il 7% , ma gli stock sono a capacità del 95% (non vuol dire molto : sono un "cuscinetto" di consumi equivalente i 60 ed i 120 giorni), il consumo nazionale petrolifero calato dell'8% e tutti stanno cercando , librai ed editori compresi , di SALVARSI IL C. mettendolo nel C. agli altri (per alcuni sarà l'ultima volta a metterlo e a prenderlo).

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.