Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: Croce e delizia

mercoledì 4 novembre 2009

Croce e delizia

Il Calvario quotidiano

Io un crocefisso l'ho già tolto.
Due settimane fa, nell'intervallo. Stavo dando un'occhiata ai traffici loschi in zona distributore di merendine, quando vengono in due a dirmi che in Seconda è caduto Gesù. Mi reco immediatamente sul luogo del misfatto e interrogo i testimoni oculari. Chi è stato? Silenzio. Proiettili, elastici, palline di carta? Negano tutti, del resto non mi pare l'abbiano mai considerato un bersaglio; hanno una certa soggezione. Forse una vibrazione del pavimento, qualcuno che saltella o che va a sbattere contro la parete, una porta chiusa di scatto: sia come sia, sembra caduto da solo. Ne traggo auspici non buoni.
Ma in quanto insegnante ostento razionalità e pragmatismo. Do un'occhiata al Cristo in questione: è caduto per l'ultima volta. Frattura completa del polso sinistro, il destro era già partito mesi fa. O anni fa. Anche il chiodino sotto i piedi è sparito da molto. A questo punto mi spiace, ma finché qualcuno (chi?) non stanzia nuovi fondi, il crocefisso se ne resta nel cassetto in fondo.

Oggi l'ho rivisto in corridoio, però a grandezza naturale. Sanguinava copioso. Subito ho pensato a una rissa in IIC, poi mi sono accorto della corona di spine e della croce che portava in spalla, quindi, insomma, era Lui.
“Domine, quo vadis?”
“E non parlare latino, che tu sappia io ho mai saputo il latino?”
“No, che io sappia no”.
“Mi dà anche un po' ai nervi”.
“In effetti è comprensibile. Ma insomma, Signore, dove vai?”
“Dove vado, dove vuoi che vada. A farmi crocifiggere un'altra volta, vado”.
“Ma no, dai, Maestro...”
“...visto che la prima non è bastata”.
“Non te la prendere, ti prego. A scuola succede, le cose cadono, si rompono... ho dovuto metterti nel cassetto, ma ti giuro che...”
“Ma non ce l'ho con te, cosa c'entri te. Sei anche tu un povero cristo”.
“Grazie, Maestro”.
“Ce l'ho con i farisei, per prima cosa”.
“Aaah, i farisei”.
“Hai capito, no?”
“Beh, magari un aiutino...”
“Quelli che mi hanno preso per un simbolo della cultura, della tradizione. Una bandierina, praticamente. Aho', ma stiamo a scherzare?”
“Però anche la tradizione ha la sua importanza...”
“Cioè secondo voi io mi sono fatto inchiodare mani e piedi per rappresentare una tradizione? Cioè, siamo a questo? Babbo Natale, la Befana e Cristo in Croce? Magari vi aspettate che vi porti anche i regali?”
“Ma no, non dico questo, però...”
“Però niente. Li vedi questi chiodi qua? Li vedi?”
“Ehm, sì”.
“Sono autentici, va bene? Non sono un simbolo, sono una rappresentazione realistica. Duemila anni fa i ribelli li uccidevano così. Li esponevano su un trespolo finché non morivano soffocati. Perché fossero da esempio. Tutto molto razionale, ma anche molto teatrale, ma anche violentissimo, Dio Me! Io rappresento questo, va bene? Rappresento un supplizio capitale! Rappresento la crudeltà dell'uomo e la ribellione dell'uomo! Rappresento la Morte! Rappresento il...”
“Ehm, Maestro... forse sarebbe meglio abbassare un po' la voce”.
Il Martirio!
Ssssssssssssh!
“Cos'è, hai paura?”
“Maestro, in effetti sì. Siamo nel 2009, è pieno di bambini musulmani qui, e quella parola...”
“Quella parola è italiana, ha radici nel latino che ti piace tanto, è il fondamento della tua cosiddetta tradizione, sepolcro imbiancato che non sei altro”.
“Sì, sì, Maestro, è vero... d'altronde...”
“D'altronde?”
“Non puoi negare che suoni po', come dire... scandalosa”.
“E che m'interessa a me? Guarda che io non sono mica un santone indiano peace and love! Io non sono venuto a portare la pace, ma la spada”.
“Matteo Dieci Trentaquattro”.
“Appunto. Io sono lo Scandalo! Sono pornografia, non so se è chiaro! Un uomo trafitto da chiodi che grida dai vostri muri, che chiama al combattimento per la salvezza! Io sono questo, mica l'albero di Natale”.
“Ecco, Maestro, in effetti, se mi ci fai pensare, sì. Tu sei molto scandaloso. Molto più di quanto io quotidianamente possa sopportare”.
“Tuo problema, non mio”.
“Però succede un po' come con tutti gli spettacoli disgustosi... all'inizio non riesci a guardarli, ma se ti abitui a darci un'occhiata tutti i giorni, dopo un po' non ci fai più caso... diventi parte di uno sfondo familiare”.
“Ah, dici che è così? Va bene, allora toglietemi immediatamente”.
“Ma poi i Vescovi...”
“Tiratemi fuori solo ogni tanto, quando i fedeli meno se lo aspettano. Io non voglio passare sullo sfondo, io voglio spaventarvi”.
“Se la metti così...”
“E aggiungo una cosa. È proprio sulla mia consistenza di carne e sangue e ossa e chiodi che è fondato il realismo europeo, è chiaro? Se avete avuto Giotto Caravaggio e Mapplethorpe lo dovete solo a me! Esclusivamente a me!”
“Adesso, Mapplethorpe...”
“Adesso niente. Rileggiti Auerbach. Che se era per gli ebrei o per Maometto, con le loro menate filosofiche sulla non rappresentabilità del divino, a quest'ora eravate ancora lì a eccitarvi sui triangoli e gli ottagoni. Dario Argento deve tutto a me. Che dico. Tinto Brass...”
“Piano, Gesù, piano!”
“E adesso salta fuori che sono solo una tradizione. Il mandolino è una tradizione. La pizza è una tradizione. Appendete i mandolini e non rompete, io sono Gesù Cristo morto in croce, non ci credi?, vuoi toccare?”
“No, no, no, mi fido”.
“No, ma guarda, tocca”.
“Maestro, sul serio, io...”
“No, tu adesso tocchi. Il cristianesimo si tocca, va bene? Non è una menata filosofica: è carne e sangue, pane e vino. E i farisei lo sai che fine fanno. Finiscono in vomito”.
“Apocalisse Tre Quindici”.
“Precisamente. E poi ce l'ho anche coi Sadducei”.
“I sadducei”.
“Hai capito, no?”
“Ehm”.
“Ma perché perdo tempo con te. Matteo Ventidue Ventitré”.
“Quelli che non credono nella resurrezione”.
“Ecco. Non ci vogliono credere? Va bene. Che problema c'è? Nessun problema. Voi non ci credete, io non vi risorgo. Non esisto nemmeno, per voi. Facciamo che sono un pezzo di legno”.
“Quindi?”
“Quindi cos'è questa storia che mi denunciate a Strasburgo? Cosa posso aver fatto, se sono un pezzo di legno?”
“Dunque, se ho ben capito la sentenza, la tua presenza sul muro, in quanto pezzo di legno... impedirebbe ai loro figli di crescere secondo i principi dei genitori”.
“Vabbè, siamo alle comiche. Ma che principi hanno questi genitori, si può sapere?”
“Beh, presumo che si tratti dell'illuminismo, del razionalismo...”
“Non conosco, ma dev'essere un pensiero molto debole, se si cancella appena fissi un pezzo di legno. Cos'è, sono un totem, adesso? Se mi fissi ti faccio dimenticare la lezione? Mi volto un attimo e mi tornate all'età della pietra?”
“Maestro, ci vuole tolleranza...”
“Ma tolleranza di che. È come quelli che si sbattezzano. In teoria non credono nel battesimo. In pratica però hanno paura di restare segnati per sempre da uno schizzo d'acqua. Va bene, allora a questo punto chiamiamo Wanna Marchi che vi fa le carte e vi vende i numeri del lotto, a proposito, di che segno sei?”
“Maestro, ci vuole rispetto...”.
“Che poi, spiegami. Il genitore ha il diritto che il figlio sia educato secondo i suoi principi? Non suona un po' totalitario? E quindi ti cresci un piccolo a tua immagine e somiglianza, che creda solamente nelle cose in cui credi in te, e poi la prima volta che lo lasci libero nel mondo, lui vede due legnetti appesi al muro che non corrispondono al suo sistema di credenze e va in confusione? Corte dei diritti dell'uomo, intervieni immediatamente! Il pezzetto di legno sta fissando il mio bambino! Ma come li tirate su questi ragazzi?”
“Facciamo quel che possiamo”.
“Il mondo è pieno di cose. Per dire, ci sono i semafori e non sempre segnano verde. I bambini lo devono sapere. Ci sono persone nel parco che offrono caramelle e non sono tutti buoni. Poi ci sono i pezzetti di legno e non tutti corrispondono alle cose a cui crede mamma o papà. Vogliamo abolirli a scuola? E quando li incontreranno nella vita, come si comporteranno?”
“Quindi Maestro, in conclusione, dobbiamo riappenderti o no?”
“Ma fate quel che vi pare, tanto comunque sia non avete capito. Mi sembra tutto così poco serio. Il fariseo che mi pianta come una bandierina, il sadduceo che vede la bandierina e si sente leso nei suoi diritti umani, è l'umanità? Sembra un pollaio. Non ci sono cose più serie? A scuola, poi. Che io nelle scuole ci vado, lo so quali sono i veri problemi”.
“Eh, immagino”.
“No, non puoi neanche immaginare, fidati. Sai quante non sono a norma? Sai quante non rispettano la 626? Sai quanto costerebbe metterle tutte in sicurezza?”
“Ecco, Maestro, questi sono effettivamente problemi seri...”
“Sai che mancano i sostegni? I corsi di recupero? Sai che la scuola assomiglia sempre meno un luogo educativo e sempre più a una casa di detenzione? Parliamo di questo!”
“No, Maestro, appunto. Proprio perché sono problemi seri, è meglio non parlarne”.
“E perché?”
“Perché, perché... perché a parlarne non si risolvono, e allora ci si deprime soltanto. Siamo in crisi, tutti vorrebbero scuole più belle, ma votano il primo che gli promette una tassa in meno, quindi...”
“Vi consolate chiacchierando di bandierine”.
“Sì. I problemi veri sono deprimenti. I problemi identitari invece, come dire, sono sexy. Tutti possono dire la loro senza impegno... ieri le bandierine, domani i dialetti...”
“Oggi i Cristi in croce...”
“Maestro, sì. Ma non devi prendertela”.
“No, no, non me la prendo. Adesso però vado. Mi aspettano in sala mensa”.

115 commenti:

  1. Quel "mi aspettano in sala mensa" è un tributo cinematografico o sbaglio?

    Gran pezzo, che Cristo dicesse "Ahò" non me l'aspettavo.

    RispondiElimina
  2. 1900 anni a Roma possono lasciare qualche segno.

    RispondiElimina
  3. non ho colto la citazione di "mi aspettano in sala mensa"..da dove arriva? Io comunque questo me lo segno questo post. Posso citarti come intellettuale di riferimento?

    RispondiElimina
  4. Bello, propio bello, questo pezzo.
    Io per la cronaca sto coi sadducei, però non credo che sia una questione di libertà di fede, quanto di eguaglianza di fedi dinanzi allo Stato (si dirà così?).

    Insomma, la scuola non dovrebbe avere segni di una fede piuttosto che un'altra. Si saranno espressi male ma sono convinto che intendessero questo (genitori ricorrenti e giudici giudicanti).

    Se no perchè non appendere una spada Jedi al muro? Hanno fondato pure la religione Jedi, da qualche parte in America, o Scientology, perchè no.

    E allora o appendiamo un pò tutti i simboli religiosi o, meglio, non ne appendiamo nessuno, così facciamo contenti non solo tutti i religiosi, ma pure gli atei.

    As simple (and cheap) as that
    Andrea

    RispondiElimina
  5. Io vorrei sapere se l'esposizione di crocefissi D&G in strass su petti di tronisti è da considerarsi anch'essa una valida difesa delle radici cristiane dell'occidente

    RispondiElimina
  6. per rimanere nella tua citazione, 92 minuti di applausi

    RispondiElimina
  7. Bello come sempre. Il tuo tentativo di far passare noi razionalisti come i veri superstiziosi è davvero esilarante. Ma visto che adorate i cadaveri, non sarebbe il caso di aggiungere anche una di quelle teste rimpicciolite che adorano certe tribù, magari quella di Bertone (in forma di zucca!) o della Gelmini?

    RispondiElimina
  8. Cioè, fammi capire, hai incontrato il Cristo e non gli hai chiesto "Quid est veritas"?
    Un Cristo che non conosce l'illuminismo ma è al corrente della 626, Dio Cristo che bel post! (lo invio via fax a Ratzy)

    RispondiElimina
  9. forse non è bene escutere le metafore, mi chiedo però se la dicotomia tra sadducei e farisei esprima tutte le categorie del caso. separare le persone in questi gruppi è possibile assumendo il punto di vista del protagonista del dialogo, cioè di gesù cristo. che per tanti motivi non può essere il mio.
    non mi convince che chiunque abbia da obiettare sul crocifisso in aula debba essere un sadduceo terrorizzato da pezzi di legno. per dire: non ripristinerei la preghiera a scuola prima della lezione, anche se in passato era un'abitudine diffusa che non ha ucciso nessuno. preferirei l'ora di religioni comparate, anche se quella di religione cattolica non mi ha ucciso e non mi faceva paura. trovo deboli gli esempi che cristo nel dialogo presenta per motivare il suo astio contro i genitori isterici. "ci sono persone che offrono caramelle nel parco". gesù, prova a sostituire con: "ci sono persone nelle aule di scuole e tribunali che offrono caramelle", così almeno ci capiamo.
    “vogliamo abolirli a scuola (i pezzetti di legno)? E quando li incontreranno nella vita, come si comporteranno?”. magari faranno meno fatica a rifiutare di riconoscere il card. bagnasco come un’autorità morale e come una legittima presenza nello scacchiere politico, o non si scappelleranno quando muore un vescovo. niente di rivoluzionario, giusto un’educazione un po’ più europea.
    anche lo sbattesimo: è fuorviante sostenere che chi si sbattezza lo faccia per superstizione. si tratta di trovare una procedura formale analoga al battesimo per rendere -pubblico- il distacco dalla chiesa cattolica romana (la fede non c'entra niente). si può obiettare che il valore formale della procedura è debole, ma paragonare chi ci pensa a uno che crede alla sfiga è ingiusto. non condivido lo sforzo per connotare tutte le posizioni di fronte alla sentenza sul crocifisso come forme di isteria uguali e contrarie. lo strepito proviene da una parte sola. stasera ho acceso la televisione e c'era larussa che inveiva contro il solito odifreddi. "sono incazzato. possa morire, lui e quelli come lui", diceva il ministro della difesa.
    elmyr

    RispondiElimina
  10. Siamo sempre lì: perché occorre trovare una procedura formale che renda pubblico il distacco? Non ci credi? Ti hanno bagnato la testa da bambino, fine.

    RispondiElimina
  11. @ elmyr

    Il protagonista del dialogo è lo stesso di tutta la vicenda reale e penso che Leonardo abbia voluto porlo come una sorta di "mediatore" tra la dicotomia farisei-sadducei. La via di mezzo esiste? Se è la tua forse dovresti spiegarla meglio perchè non l'ho colta (non te ne faccio una colpa dato che potrebbe essere mia).
    Se per "non ha ucciso nessuno" intendi che non ha fatto alcun danno sono d'accordo ma forse bisogna chiedersi se si poteva fare di meglio. Ad esempio, in altri paesi insegnano "Etica" invece di "Religione cattolica" e, psicologicamente parlando, un bambino ha bisogno di una trascendenza molto più vicina rispetto a quella di un Dio, di tipo orizzontale (con le persone che gli stanno accanto) e non verticale (con Dio), del puro e semplice comunicare con l'altro che è poi, aristotelicamente parlando, "l'altro me stesso".
    Un saluto

    p.s. Leo, hai dimenticato di Bronzi di Riace...

    RispondiElimina
  12. leonardo, assomigli sempre più a don camillo.

    guido

    RispondiElimina
  13. lo so che mi hanno bagnato la testa da bambino. la procedura servirebbe a manifestare questa convinzione anche alla collettività e di fronte alla chiesa romana, che formalmente pretende ancora di allegarmi ai cattolici. sarebbe un gesto politico. magari poco efficace, o non così importante. ho detto anche io che è un gesto di valore discutibile, ma non perché superstizioso. preferirei un atto pubblico diverso dallo sbattesimo e rivolto più che altro alle istituzioni del mio paese, o preferirei che in ogni ambito della vita pubblica mi fosse concesso di evitare che la chiesa cattolica gestisca qualcosa che mi riguarda, compresa l'istruzione dei miei figli, o le modalità di idratazione del bisnonno in coma.
    se sono su un letto d'ospedale, vorrei che un atto pubblico impedisse a una suora di venire a pregare e a somministrarmi l'eucarestia: magari non ho voce e coscienza per rifiutarla da solo(l'ho visto succedere).
    non ho tutta questa voglia di costringere un parroco ad andare a scartabellare faldoni alla ricerca del mio documento.

    @ phil.
    non so se la mia posizione vuol essere terza. non mi vedo come un sadduceo perché non sono gesù cristo. non credo di essere ossessionato dalla croce e non sono neanche pronto a fare le barricate per questa sentenza, che saluto con un pacato assenso. non so se chi ha presentato davanti al tribunale il caso del crocifisso sia ossessionato, l'associazione mi sembra carica di pregiudizio e troppo orientata a cercare simmetrie. anche questo è un gesto politico. magari anche questo può essere giudicato poco significativo: non per forza come una forma di fanatismo, che peraltro, anche se glissiamo sull'aspetto, dà ragione al querelante. le reazioni scomposte alla sentenza però hanno un solo segno, e mostrano che c'è un merito della faccenda dietro al punto simbolico, che con la fede ha poco a che vedere, e molto con la cooptazione di masse di vecchiette. la croce in questione non è il simbolo di cristo, ma il brand di santa romana chiesa, e questo leonardo nel dialogo lo ha pure riconosciuto, credo. in meno di 24 ore berlusconi è apparso con un crocione in mano che neanche l'esorciccio. se c'è ancora qualcosa di sacro nella vicenda, fatemi mettere un dito nel costato di berlusconi o di buttiglione e crederò.
    dall'altra parte non vedo cori da stadio e happening iconoclasti, vedo solo odifreddi, come al solito pronto a recitare la parte del pupazzo inerte che tutti prendono a sberle.
    elmyr

    RispondiElimina
  14. Ok, al caso dell'ostia non avevo pensato.
    Ma anche lì, in fondo, è una cialda. Molto peggio il sondino nasogastrico, ma quello vogliono ficcartelo anche se non sei battezzato, quindi a che pro.

    Fantozzi e Guareschi li avete trovati subito, ma Pazienza no, una volta avevo lettori più ganzi.

    RispondiElimina
  15. Chi ha presentato davanti al tribunale il caso del crocifisso, da quel che ho letto, faceva parte dell'uarr. Quindi si, ossessione :P

    RispondiElimina
  16. Elmyr, hai ragione, ma probabilmente Leonardo non crede alla funzione di certe procedure (a meno che lui stesso non sia cattolico, e allora il discorso cambierebbe).

    Basterebbe questa motivazione: "per la voglia di far crescere il numero degli sbattezzati, contrapponendolo alla rivendicazione cattolica di rappresentare il 96% della popolazione italiana".
    Ma magari sono banalità che non portano a niente.

    RispondiElimina
  17. Perchè una volta eri più ganzo tu.

    guido

    Ps. c'erano modi migliori di essere in linea con bersani. hai toppato secondo me. a volte sembra che non ti accorgi che, per quanto possano sembrare gente "normale" e anche mediocre (io mi metto tranquillamente tra i mediocri senza falsa modestia) i tuoi lettori, in italia, sono l'Avanguardia: non stai parlando al Paese (so che lo sai. è che te ne dimentichi, credo.)
    e l'Avanguardia va valorizzata e anche un po' coccolata. non gli si può rimproverare ogni santo giorno la sua avanguardietà.

    guido

    RispondiElimina
  18. In fondo è vero: al Cristianesimo di oggi non mancano i sepolcri imbiancati, ma quelli ci sono sempre stati. Quello che manca sono i Francesco, gli eretici, i Savonarola, quelli che ci mettono il corpo e non l'immagine televisiva, quelli che ci credono fino al punto da darsi completamente. Il Cristianesimo non accende più, è bolso. E devo dire che anche l'Islam mi fa lo stesso effetto. L'orgoglio islamista di al-Qaeda non è molto diverso da quello padano della Lega. E' artificiale. E' sete di potere e poco altro, desiderio di emergere un pochettino. Il Gesù che tu tratteggi è nostalgia di qualcosa che il Decadentismo ha spazzato via per sempre dal mondo. (E qui ci starebbe una collegamento con la morte di Levi Strauss, i tropici che sono anch'essi tristi...)

    RispondiElimina
  19. Bah.
    sembra una sceneggiatura per un film ispirato ai personaggi di Guareschi...
    Retorico

    RispondiElimina
  20. Bel post. Avevo letto, riportata altrove, solo la parte dei sadducei, e non l'avevo apprezzata. Qui invece, insieme al resto, ha un senso.

    Pero'.

    Pero', pure se sentirsi offesi dal crocefisso in classe e' una forzatura (ma pensandoci, fossi credente, a me un po' darebbe fastidio) e' anche vero che su quel muro proprio non c'entra nulla. Soprattutto perche' e' li' soltanto come residuo di quando il cattolicesimo era religione di stato. Motivazione che non esiste piu', mi sembra. E le reazioni della gerarchia cattolica mi fanno pensare che tirarlo giu' non e' proprio un fatto del tutto senza importanza.

    Poi, per carita', hai ragione tu: i veri problemi sono altri, e non varrebbe neppure la pena di parlarne. Faccio ammenda (anche se il tuo post e' molto piu' lungo del mio commento). ;-)

    P.S.: Ah, lo sbattezzo. Io non l'ho fatto, credo piu' per pigrizia che per altro. Non mando neppure la disdetta alle mailing list delle riviste di cucito, per dire. Ma finche' in Italia si sara' considerati cattolici (nelle statistiche ma non solo) soltanto perche' si e' ricevuta un po' di acqua in testa da piccoli, beh, una ragione razionaleper sbattezzarsi (piccola quanto vuoi) ci sara'.

    RispondiElimina
  21. @ leonardo:
    l'ostia in fondo è una cialda, ma posso desiderare di essere lasciato in pace dalla suora mentre agonizzo con un tubo che mi esce dal deretano, anche se in quel momento non ho un filo di voce per dirle che non voglio. non è che non sopporto il corpo di cristo in sé: l'ho assaggiato varie volte prima di rifiutarlo e non mi è mai andato di traverso. ma non voglio partecipare ad una cerimonia vudu mentre sto male; sono un adulto seminudo, in limine mortis, davanti a una suora che mi spupazza per sentirsi importante. il sondino è peggio, ca va sans dire. devo scegliere tra l'ostia, l'olio santo e il sondino?
    @ phil e leonardo: ammettiamo pure l'argomento così acuto degli opposti estremismi religiosi. ammettiamo che uno sia ossessionato dal crocifisso e non riesca più ad avere erezioni decenti perché quando ci prova pensa al don che gli bagna la fronte con l'acqua santa. allora, resta valida l'equidistanza istituzionale tra l'ossessione di chi crede e di chi miscrede.
    data l'equidistanza i casi sono due: o cristo ama i suoi farisei e anche i sadducei, e accetta serenamente la sentenza. oppure cristo chiama ghedini e si proclama primus super pares, rovesciando la sentenza.
    non vedo fanatismi più simpatici in quanto rappresentativi dell'identità nazionale, o delle radici dell'europa. vedo solo fanatismi più redditivi alle urne. siccome apprezzo sempre la pedagogia machiavelliana di leonardo, vorrei che senza convocare cristo e gli zebedei, mi confortasse su questo punto. poi se vuole può rimettersi a fare la fila per menare il pupazzo di odifreddi.
    elmyr

    RispondiElimina
  22. Pessimo pezzo, come sempre quando tocca la "croce-fissa"

    RispondiElimina
  23. "assaggia questa minestra, senti che schifo"

    RispondiElimina
  24. Mi unisco ad "anonimo" e a Roberto.
    Lo sbattezzo non è un gesto pubblico perché cerca una legittimazione nell'ostentazione, ma perché è la risposta, a un'ostentazione.

    Le statistiche sui cattolici in italia non vengono fatte da Mannheimer al telefono, ma contando i battezzati.
    Nemmeno si scende nel dettaglio della divisione tra credenti e praticanti, ché lì sarebbe davvero una tragedia, ma si resta nella comoda e strumentale conta dei battezzati.

    In un paese nel quale il battesimo è pratica più di "tradizione" che di reale appartenenza, quel numero assume un peso non indifferente se usato per legittimare scelte politiche sull'onda della rappresentanza collegata al numero stesso.

    Chi sceglie lo sbattezzo non lo fa (solo) per manifestare il proprio dissenso, ma lo fa soprattutto per dare il proprio contributo per far sì che quel conto si avvicini, anche solo di un'unità, alla realtà di quella rappresentanza e con questo, per far sì che certe posizioni di pura e semplice intolleranza che vengono spacciate per condivise quando non addirittura richieste da quel 96% di cui sopra, non trovino davanti a loro come oggi quella strada in discesa lastricata di una propaganda che mai verrà vista come tale finché potrà contare sull'anagrafe iniziale e non sul reale numero di chi vi si trova iscritto per reale appartenenza.

    E' un po' più di quel fare a chi ce l'ha più lungo che viene spesso usato per rappresentare la scelta dello sbattezzo.
    Più che mostrare quanto ce l'ha (più) lungo il primo, è un gesto per contribuire a rendere palese che il secondo ce l'ha più corto di quanto appaia quando si riempie i pantaloni di cotone.

    RispondiElimina
  25. http://cmiskp.echr.coe.int/tkp197/portal.asp?sessionSimilar=36564964&skin=hudoc-en&action=similar&portal=hbkm&Item=19&similar=frenchjudgement

    per quanti di voi ci tengono a sapere di cosa stanno parlando (e sanno leggere il francese).

    RispondiElimina
  26. C'è chi si spaventa vedendo il più con l'omino sopra a prendervi il sole, e chi crede in un dio che, declamata l'opportuna filastrocca, diventa un panino.

    Ad ognuno la sua croce.

    RispondiElimina
  27. La procédure devant le tribunal administratif reprit. Par un jugement du 17 mars 2005 no 1110, le tribunal administratif rejeta le recours de la requérante. Il estimait que le crucifix était à la fois le symbole de l'histoire et de la culture italiennes, et par conséquent de l'identité italienne, et le symbole des principes d'égalité, de liberté et de tolérance ainsi que de la laïcité de l'Etat.

    (il tar del veneto ha avuto il coraggio di dire nella sentenza che la croce è un simbolo della laicità dello stato.)

    RispondiElimina
  28. Scusa Gesù se mi intrometto nella conversazione, ma non posso lasciarmi sfuggire l'occasione. Volevo solo dirti che io non ce l'ho mica con te. Io penso che tu sia stato un uomo che ha detto e fatto cose su cui riflettere, e che hanno lasciato tracce profonde. E che è morto in modo doloroso (mi spiace per te, sai). Io ce l'ho con il mio Stato che usa la tua immagine e che in questo modo divide i suoi cittadini fra tuoi seguaci da una parte e tutti gli altri dall'altra. E si mette - lui, lo Stato - dalla parte dei primi. Non dico che opprime i secondi (non in questo momento, almeno), ma si mette dalla parte dei primi. E invece non dovrebbe stare dalla parte di nessuno ma dalla parte di tutti. Per questo penso proprio che lo Stato il tuo simbolo non dovrebbe usarlo proprio. Senza rancore eh. Ogni bene.

    RispondiElimina
  29. STANDING
    OVATION

    (Ok, adesso però mi siedo e smetto di applaudire, che sono in ufficio e i colleghi mi guardano male)

    RispondiElimina
  30. Lucidi e quotabilissimi i commenti di elmyr, broono, atlantropa.
    Il post, in sé, fa talmente cagare che potrebbe essere firmato "Ruini".
    Tral'altro: "Li vedi questi chiodi qua? Li vedi? [...] Sono autentici, va bene? Non sono un simbolo, sono una rappresentazione realistica. Duemila anni fa i ribelli li uccidevano così." Neanche questo hai imbroccato. I chiodi per i crocifissi sono un'invenzione piuttosto tarda (V secolo, sembra). E in quanto a simboli di sofferenza - storici, non di fantasia -, perché non appendere al muro anche l'immagine di Giordano Bruno al rogo, o di qualche eretico squartato dai tuoi confratelli tutti amore-tolleranza-porgo-altra-guancia.

    Mario

    RispondiElimina
  31. sbattezzo ed eliminazione del crocefisso dai luoghi pubblici, nei luoghi ove battesimo e presenza della croce sono pratiche maggioritarie, non sono evidentemente atti di superstizione ma atti politici: non mirano a preservare il singolo da influssi magici o pratici nefasti, ma - ugualmente a livello simbolico - a rendere autonoma la società da una presenza religiosa percepita come esorbitante. si può discutere la rilevanza o irrilevanza di quella battaglia politica, ma si fa con argomomenti pertinenti. metterla come se fosse superstizione e rivolgerle contro ovvie ironie è imho un trucco retorico debole (facilmente rovesciabile: se siete così saldi nella fede perché avete bisogno di pezzi di legno?) che non si occupa della realtà dei fatti, il che sempre succede quando ci troviamo a difendere una posizione cui siamo legati emotivamente ma che non ha carattere di universalità e non si può che farlo quindi in modo poco sincero e razionale. (volendo restare nell'ambito delle facezie, il punto di vista dell'eliminatore di crocefissi è un po', rovesciato, l'argomento del barbuto in un mondo di glabri: non sono io a dover spiegare perché me la faccio crescere, siete voi a dover spiegare perché ve la tagliate. I crocefissi non crescono sui muti, qualcuno ce li mette). Su tutto il resto concordo abbastanza. Tra l'altro non so se Cacciari ti legge o viceversa, ma più o meno ieri ha detto la stessa cosa: usare la croce come simbolo di identità - cosa che peraltro la chiesa ha sempre fatto - significa usarla al contrario del suo significato, poiché in quanto icona della sofferenza in cui identificarsi, è piuttosto simbolo di apertura e di disidentità.

    RispondiElimina
  32. penserei che proprio non riesci a capire che cos'è (ma soprattutto che cosa non è) un ateo, ma sarebbe una piaggeria, sarebbe concederti un'onestà che non hai.

    continui a dire che gli atei disquisiscono di anima immortale, peccato originale, battesimo e così via, quando invece il mistero insondabile che assilla molti di noi ha altri nomi e altri volti.

    io non mi sento suddito, quindi il "date a cesare quel che è di cesare" non m'è mai piaciuto, ma fin qui passi. è il "date allo ior quello che è dio" che non mi va giù, è di questo che vorrei discutere.

    il battesimo è solo un po' d'acqua, era veramente benedetta o no? questo, secondo te, il punto.

    prova a formularlo così: è l'otto per mille del mio irpef, è veramente benedetto o no?

    è l'esenzione dall'ici, fatta in nome mio, di quell'acqua stagnante e delle zanzare che ci hanno deposto le uova, è un tizio che, per avermi fatto bagnare la fronte quando non potevo difendermi, decide quanto stretta deve starmi la mia libertà.

    il sondino benedetto lo impongono anche agli atei, dici tu: perché, secondo te, il vaticano è parte del paesaggio, come l'appennino, pensare di poter cambiare le cose ti sembra più sciocco che velleitario, come a voler abrogare l'appennino, appunto.

    fin qui, finché ti limiti a indicare quale carro secondo te vincerà, non fai niente di male. è quando ci sali sopra, come con questo post, che fai storcere il naso.

    RispondiElimina
  33. Scusa, non ho finito di leggere tutti i commenti e le risposte, lo farò presto. Volevo contribuire dicendo che sei un mito: ma come ti vengono in mente?
    Il problema di molti, suppongo, è che la questione si ferma ad un cadavere da adorare, mentre non si va oltre, cioè al fatto che è risorto ed è possibile incontrarlo, davvero, tutti i giorni, anche nelle scuole, nelle facce di tutte quelle persone che ci credono e cambiano e vivono grazie a Lui.
    Non so se le due categorie comprendono tutte le sfumature dell'opposizione, ma l'osservazione sul razionalismo illuministico dei sadducei mi ha fatto morire dal ridere, da quanto è vera: deve essere deboluccio l'insegnamento che impongono ai figli in base a quanto ritengono di aver appreso dalla vita, se poi hanno paura che il crocefisso possa incrinarlo (e poi non sarà solo il crocefisso, magari anche la musica techno invece di Bob, che gli avete sempre fatto ascoltare)... e poi nella vita troveranno qualcuno che è più felice di loro e dovranno ripensare a tutto quello che dai genitori hanno appreso. Anzi, pensandoci, quasi meglio: sarà più facile riconoscerLo, sempre che non si suicidino prima. Eh, si.
    Che lo vogliate o no, che lo crediate o no, il cristianesimo E' qualcuno da seguire, una strada aperta da 2009 anni, di persone cambiate rinnovate, risorte, grazie a Lui. E senza questo ci si perde nell'individualismo di parte delle esperienze personali. Non sbagliate ultimamente, ma senza senso e casuali.

    Aspetto con ansia il prossimo post, e mi vado a vedere prima possibile il tuo intervento alla tivvù.
    Ciao, Nicola.

    RispondiElimina
  34. Leo, lo sapevo che sul tema saresti caduto.
    Tra l'altro in realtà la sentenza della corte europea non dice affatto che il legnetto va tolto perchè la gente si offende, messaggio che stanno facendo passare i soliti ridicoli e caciottari mezi di disinformazione italiani (con conseguente corollario bersanian-bocciofilo "ma come? possibile che ci sia qualcuno che si offende per un pezzetto di legno? mo a mè mi sembra proprio una bella tradizione!"), quello che dice la sentenza è che uno stato europeo non può abdicare ai propri doveri di neutralità verso i propri cittadini.

    RispondiElimina
  35. Geniale ed acuto mi piace :)
    Sarebbe da stampare e distribuire !
    Complimenti
    Barbara

    RispondiElimina
  36. Se qualcuno ha capito che questo è un pezzo per difendere l'esposizione del Cristo, ha capito male. Oppure sono sempre io che mi spiego male, certo (c'è Gesù che dice "toglietemi immediatamente").

    A proposito di difendere le posizioni a cui siamo legati emotivamente: Giorgian, che pezzo hai letto? Con chi stai parlando?

    Questo è un pezzo che non va d'accordo con nessuno, e tu scrivi che salto sul carro dei vincitori.

    "continui a dire che gli atei disquisiscono di anima immortale, peccato originale, battesimo e così via" e non mi ricordo di averlo mai detto. Certo non qui.

    Il pezzo è critico nei confronti di certe pratiche formali degli atei che mi sanno un po' di paganesimo. Citavo lo sbattezzo. Non l'otto per mille, l'Ici, il sondino: tutte cose di cui ho scritto male altre volte.

    Lo sbattezzo, che è una cosa che fa un po' ridere, perché postula uffici statistici dove qualcuno prende la somma dei battezzati e sottrae la somma degli sbattezzati, ma voi dovete veramente mostrarmelo quell'ufficio lì, voglio le foto.

    Oppure cerca radici pseudofreudiane che persino il dott. Sigmund farebbe fatica a star serio: mi hanno fatto "bagnare la fronte quando non potevo difendermi"! CARMINA BVRANA! E probabilmente ti hanno anche pulito il culo quando a te quella sensazione molliccia ancora non dispiaceva, io organizzerei una cerimonia in cui i tuoi genitori ti chiedono scusa per averti fatto nascere senza chiederti il permesso. Peraltro mi pare che la signora atea che ha portato la cosa a Strasburgo chiedesse la stessa cosa: educare un figlio secondo I SUOI principi.

    Io non credo che il Vaticano faccia necessariamente parte del paesaggio; ovvero, sì, però ultimamente frana tutto e anche il Vaticano, perché no. Si tratta di valutare serenamente quali azioni vanno in tal senso e quali no. Sono convinto che una campagna identitaria crocefisso-sì crocefisso-no sia una mossa suicida da parte degli atei: magari un'altra volta mi spiego meglio.

    Però qui secondo me c'è anche poca voglia di leggermi e capirmi. Comprensibilissima, mica ci tengo a essere simpatico a tutti.
    D'altro canto, leggere prima di commentare non mi sembra una richiesta così peregrina.

    RispondiElimina
  37. Perdonatemi se sbaglio, non sono né architetto né geometra ma credo che lo stato naturale di una parete sia di non avere croci (o foto di presidenti, per quel che vale) inchiodate sopra.
    La domanda da porsi, ne consegue, non dovrebbe essere "lo togliamo o no questo crocifisso" ma "cosa ci mettiamo su questa bella parete bianca?".
    A quel punto si valutano le varie proposte, e se qualcuno se ne esce con un "mettiamoci un crocifisso!" (dubito sarebbero tanti) se ne parla.
    Solo, una preghiera: a parte il TAR del Veneto che naturalmente può dire quello che vuole, noi comuni mortali non offendiamoci reciprocamente l'intelligenza argomentando che la croce testimonia la laicità dello stato: sarebbe come dire che una foto della D'Addario testimonia l'emancipazione femminile.

    RispondiElimina
  38. Il tuo commento secondo me esemplifica alla perfezione l'approccio razionale alla questione: data una parete x bianca...

    E' anche il motivo per cui nella prassi questi ragionamenti mostrano la corda: non esistono pareti x bianche, ma pareti dove il crocefisso c'è già, e le consuetudini non sono poi così semplici da smontare.

    Non parlo dal punto di vista legale (a tutti quelli che scrivono che "la sentenza dice un'altra cosa", faccio presente che in questo pezzo non si entra nel merito della sentenza, che a occhio mi sembra ragionevole; al massimo si entra nel merito delle motivazioni che portano una persona a denunciare il pezzetto di legno a Strasburgo). Parlo dal punto di vista politico. Il crocefisso è il risultato di una serie di compromessi storici complessi. Poi arriva il razionalista e finge che non esista la storia. Sarà anche razionale, ma trovo che sia un approccio un po' miope ai problemi politici. E lo dico dal solo punto di vista che m'interessa, cioè quello dei risultati, ovvero: volete una società italiana più laica? Togliendo i pezzetti di legno otterrete il contrario. Mi sembra. Poi magari mi sbaglio, non sono Hari Seldon.

    RispondiElimina
  39. Caro Leonardo,
    mi sembra di aver capito una cosa.
    I tuoi lettori, più o meno raffinati, seguono i tuoi ragionamenti sulla complessità delle cose fino ad un certo punto: la religione.
    Quando gli parli di preti e Madonne non ce la fanno,e aderiscono alla visione "barricadera" della vita che va tanto di moda. O di qua o di là, e se stai di là sei mio nemico, neanche perdo tempo a leggerti.

    la religione eccita gli animi come non mai.

    Parlando di Bersani ti chiedevi se tra credere e non credere non sia meglio scegliere di studiare...

    Ma chi ha ancora voglia di studiare?

    Fabrizio

    RispondiElimina
  40. elmyr, non so chi tu sia, ma mi piace il tuo modo di ragionare.

    Carlo M

    RispondiElimina
  41. sono un coglione. lo dice gesù.
    elmyr

    RispondiElimina
  42. E' fantastico come nel 99% degli altri casi trovi i tuoi post profondi, acuti, perfino illuminanti, mentre quando parli di religione ho sempre la sensazione che tu la faccia parecchio distante dal vaso.
    Rettifico, quando parli di atei, agnostici o razionalisti.
    La sensazione che ho sempre è che tu dipinga come una massa di sempliciotti persone che hanno avuto (nella grandisima maggioranza dei casi, almeno qui in Italia, contro forti pressioni culturali) la forza e la volontà di non adeguarsi al gregge.
    L'atteggiamento dello Stato italiano nei confronti della religione cattolica è assurda e incompatibile con uno Stato moderno. Se mai si comincia a correggerla, mai si arriverà in fondo.
    E' un'ottima cosa cominciare a dire che non è così normale che il crocifisso stia appeso nelle scuole (o nei tribunali, forse è anche più grave): è un'ottima cosa perchè può aiutarci a capire di vivere negli anni 2000 in uno Stato europeo. Uno stato che è laico e difende tutte le religioni allo stesso modo. Dove non sia praticamente impossibile costruire moschee. Dove sia possibile non essere penetrati da sonde e tubi contro la propia volontà.
    Bisogna cominciare da qualche parte: cominciare dalle scuole pare un'ottima idea.
    E il tuo Cristo benaltrista è davvero ipocrita: se lo volesse (nella remota eventualità che esista), le scuole a norma lo diventerebbero in un istante; questo però non sposta di una virgola il problema.

    RispondiElimina
  43. @leonardo

    "Il crocefisso è il risultato di una serie di compromessi storici complessi".

    Beh, diciamo che il crocefisso è il risultato del corso della storia che ci ha portato fino a qui. Questo è un dato di fatto.

    La domanda però è: ci sta bene così o no?

    Se la risposta è "sì" allora vanno benissimo gli argomenti del tipo "la società non si cambia dall'oggi al domani", "ma in fondo così non fa male a nessuno", "ma che fastidio ti dà", "fa parte delle radici europee", "non è un simbolo religioso ma un simbolo culturale nazionale" (questi ultimi non sono tuoi, sono stati utilizzati in ben più alte sfere e sono decisamente ridicoli). Manteniamo lo status quo e andiamo avanti felici.

    Se la risposta è "no" (e questa è la mia) allora ci si attiva, si cerca di risistemare i tasselli per migliorare il mosaico. 'Chè secondo me uno stato laico (non una società a-religiosa!) è un vantaggio per tutti, appartenenti alla religione maggioritaria (leggi, per noi: cattolici) compresi. E fra i vari tasselli tanto vale iniziare dai più piccoli: togliere il crocefisso dagli edifici publbici è decisamente più a portata di mano che pretendere, per dire, che tutti gli insegnanti di religione escano dalle scuole pubbliche o che le amministrazioni statali.

    RispondiElimina
  44. Lo sbattezzo (che poi tale non è: è un altro di quei 'misnomer' che tanto piacciono a chi si scandalizza) è ridicolo non per via degli sbattezzandi, ma perché è l'unico metodo formalmente accettato dalla chiesa cattolica per uscire dal cattolicesimo come *associazione* (e non religione). Se si potesse semplicemente chiedere di essere rimossi dal libro dei soci, come in qualsiasi altra associazione normale, sarebbe meno buffo e anche più efficiente.

    Che poi, perché sempre a pensare che chi è contro il crocifisso nelle aule debba essere non-cristiano? Io sono cristiano, non cattolico, e l'obbligo di crocifisso nelle aule non ce lo voglio; mi sta bene come scelta, ma che sia degli studenti però: i presidi e gli insegnanti devono mettere sulle pareti solo ausilii scolastici, e il crocifisso non è né una tavola periodica degli elementi né una cartina geopolitica dell'Africa.

    RispondiElimina
  45. leonardo, io ti leggo anche (soprattutto?) perché a volte dici cose che non mi piacciono, ragionare solo con quelli identici a me mi annoia, sarà per la strana famiglia cattolico (madre-fratello) comunista (il babbo e me) in cui sono cresciuto. (A proposito, ti ribadisco il mio ateismo materialista, so che ci tieni:D)

    Anche io provo fastidio per le questioni di principio, e sul crocifisso vedo gli stessi schieramenti, anche se speculari, che si formano sulla questione del burqa, del velo islamico, del costume integrale-integralista.

    Non cambia nulla se lo lasciano sul muro e nemmeno se lo tolgono, non mi pongo nemmeno la questione. Ma se me lo domandano io rispondo che andrebbe tolto. Il punto è proprio questo: per consuetudine nessuno ne aveva mai chiesto la rimozione, ma un giorno (come nella favola del re nudo) qualcuno lo fa. A questo punto che facciamo? Il Consiglio d'Europa dice che lo stato italiano ora non può più fare finta di nulla e deve prendere atto che il re è nudo. Andiamo avanti come se nulla fosse, rispondi tu, continuiamo a fare finta che il re sia vestito come da consuetudine, perché non bisogna far agitare la gente e questa pretesa dei razionalisti di vedere le cose come sono è davvero ridicola.

    Insomma, che ci piaccia o no, che lo volessimo o meno, siamo chiamati a prendere posizione. Una sentenza dice che la presenza di un simbolo religioso in un luogo istituzionale come la scuola è discriminatorio: se lo stato decide di lasciarlo decide a favore della discriminazione, altrimenti decide per la tolleranza.

    E poi a me non dispiacerebbe lo scontro, perfino la guerra civile. Io credo che se quello francese è uno stato più avanzato del nostro è anche per via della notte di san bartolomeo e dei giacobini e della dea ragione, e quello inglese per via di cromwell, quello tedesco per via di lutero e delle guerre di religone e del processo di Norimberga. Noi siamo quelli dell'amnistia regalata ai fascisti da Togliatti, per non far agitare la gente, perché tutto continuasse nel solco della consuetudine

    RispondiElimina
  46. @ il Bardo

    Tu dici " [i razionalisti sono] persone che hanno avuto (nella grandisima maggioranza dei casi, almeno qui in Italia, contro forti pressioni culturali) la forza e la volontà di non adeguarsi al gregge "

    Di quale gregge parli?
    Delle quattro vecchiette che vanno a messa?
    Dei quattro sfigati che suonano la chitarra?

    Il gregge più numeroso in Italia sono gli atei "veri" che passano il lunedì sera a guardare il Grande Fratello, pensano che Silvio sia un figo grazie alle sue prostitute, la domenica vivono solo al campionato ed entreranno in chiesa solo per il battesimo del figlio costretto dalla "tradizione" (e sarà una giornata piena di sbadigli e malditesta).

    Questo è il vero gregge italiano, cresciuto sotto pareti zeppe di crocefissi, simbolo che non ha mai smosso le loro coscienze.

    Credo che Leonardo parli anche di questo.

    Io sono favorevolissimo a far scomparire il crocifisso dalle scuole e da ogni edificio pubblico: il crocifisso che diventa "tradizione" è la vera vittoria degli atei, che, però, non vogliono capirlo.

    Fabrizio

    RispondiElimina
  47. Trovo un tantino puerili le obiezioni semplicistiche del tipo "non fa male a nessuno?" o "ma che fastidio ti dà?".
    Allora dopo la necrofila che male fa? a chi mai da fastidio? Al cadavere? no, è morto, allora perché dovremmo proibirla, perché può creare danno per salute pubblica? ma se uno prendesse tutte le precauzioni del caso, allora la rendiamo lecita? Eppure penso che chiunque all'idea che il cadavere sia trafugato e sodomizzato dai al quanto fastidio, e penso che se uno venisse a dirti in faccia che sogna di fotterti versione cadavere come minino lo riempiresti di pugni.
    L'esempio è un po' forte ma sono riuscito a chiarire il punto. Non è un semplice fatto che tanto il crocefisso non fa male a nessuno e non ha mai turbato alcun ragazzo (cosa che comunque andrebbe verificata) il crocefisso è incontrovertibilmente un simbolo religioso, ed è tale anche perché non ci crede, anche un mussulmano sebbene non creda nel Cristo, riconosce comunque nel crocefisso un simbolo religioso, idem per l'ateo e l'agnostico, e il fastidio, non la paura, bensì il fastidio è che esso ti venga sponsorizzato dallo stato in classe e in tutti gli altri luoghi pubblici dove non si capisce che attinenza ci sia con la natura e la funzione religiosa di tale simbolo essendo lo Stato italiano laico per lo meno sulla Costituzione. Immagina il caso (fantascientifico) di un mussulmano che diventasse sindaco magari in Sicilia, dove la cultura araba ha avuto la sua influenza e di punto in bianco tappezzasse tutti gli edifici pubblici di mezzelune, con la scusa che essere rappresentano la cultura della Sicilia, oltre all'opinabilità dell'argomento, non ci vedresti una consistenza dose d'arroganza? e allora perché un ateo dovrebbe accettare l'arroganza di qualche burocrate cattolico che tappezza di crocifissi gli edifici pubblici, e poi te la mena sempre che quello non è il simbolo della sua religione ma della nostra cultura, quelle europea che viene ridotta a semplice appendice storica consequenziale del cristianesimo?
    Il crocifisso va tolto perché dà fastidio, e dà fastidio perché rappresenta innanzitutto l'arroganza e la strafottenza di chi ce l'ha messo.

    Anche sullo sbattezzo il discorso è più complesso da come l'hai messo, ma ti risponderò quando ci farei un post apposta.

    PS il verso romanesco per eccellenza non si scrive né aho' né ahò, ma si schive ahó con l'accento acuto perché la O finale è chiusa.

    RispondiElimina
  48. "La sensazione che ho sempre è che tu dipinga come una massa di sempliciotti persone che hanno avuto (nella grandisima maggioranza dei casi, almeno qui in Italia, contro forti pressioni culturali) la forza e la volontà di non adeguarsi al gregge."
    Cioè vuoi farci credere che in Italia se uno non professa il proprio cattolicesimo diventa un paria disprezzato dalla società? Ora, non per dire, ma in realtà l'Italia è uno dei paesi più secolarizzati e decadenti del mondo! Ma tu hai presente cos'è il *vero* spirito religioso? E tu vuoi dirmi che lo vedi oggi in Italia? Ma lo sai che noi Machiavelli lo abbiamo avuto nel '500? Lo sai che noi l'illuminismo lo abbiamo avuto PRIMA degli altri paesi europei? Ma in che paese credi di vivere? Pazzesco..
    (un non credente)

    RispondiElimina
  49. @Fabrizio
    Il gregge è composto da quella parte degli italiani (nella mia esperienza - che ovviamente non fa statistica ma è l'unica che ho - largamente maggioritaria) che è cristiana perchè i nonni e i bisnonni sono cristiani, che il battesimo agli infanti si fa perchè non si sa mai, che ci si sposa in chiesa perchè fa bello, che "certo che sono cristiano, però non praticante".
    Una persona che abbia compiuto un percorso, un ragionamento, e abbia deciso di essere cristiano è degna di profondo rispetto: non la capisco, non ne approvo le prese di posizione, ma provo piacere a confrontarmi con essa.

    Il problema è che la forza della massa che si dice cristiana, più probabilmente cattolica, ma poi di quello che dicono il Papa e i preti gli importa solo quando fa piacere a lui, è la ragione per cui la Chiesa in Italia ha lo spazio e il peso che ha.

    Gli atei "veri" sono coloro che hanno riflettuto sull'idea di Dio e hanno concluso che è fallace al punto da dover essere negata, non certo quelli che guardano il Grande Fratello e poi vanno a Roma al funerale del Papa. Per come è fatta la società italiana, chi si dice ateo è per la maggior parte qualcuno che si è posto domande, e si è dato risposte: non confondiamo questo percorso con la pigrizia intellettuale di chi comunque non pratica (e in fondo, probabilmente non crede) ma continua a dirsi credente.

    Quelli di cui parli tu, sfortunatamente, sono ipocriti che altri ipocriti sfruttano per avere peso politico.

    La tua conclusione (il crocifisso che diventa "tradizione" è la vera vittoria degli atei) sarebbe vera solo se ci fosse l'onestà intellettuale per trarne le conseguenze.

    RispondiElimina
  50. @Domenico

    Spero che quello che ho risposto a Fabrizio possa in qualche modo aver chiarito la mia posizione. Non capisco bene cosa c'entri adesso Macchiavelli, ma il fatto è proprio che io non vedo un *vero* spirito religioso.
    Vedo esattamente quello che dici tu, ovvero una società generalmente secolare, che però ipocritamente ci tiene a dirsi cristiana.

    Ad ogni modo, ripeto che non posso che basarmi sulla mia esperienza, la libera espressione del senso religioso, se non cristiano, crea dei problemi. O almeno li ha creati a me. Sia a scuola che sul posto di lavoro.

    Il Paese in cui *so* di vivere è un Paese dove se ti dici favorevole all'aborto di becchi l'insufficienza a fine anno. O dove si chiama il prete a benedire il capannone, e non è previsto che i dipendenti non partecipino, tutti ordinati a semicerchio. E il prete se ne va giustamente via con 500 euro in tasca, accompagnato dal cumenda che la sera stessa andrà a mignotte. E tu dove credi di vivere?

    RispondiElimina
  51. Nel paese in cui credo di vivere si scrive 'Machiavelli', con una 'c'. Te ne devo dare atto, i tuoi insegnanti erano veramente delle bestie oscurantiste. Ora, scherzi a parte, il fatto è che trovo ridicoli gli 'atei e razionalisti' che si dipingono come dei negletti delle società in quanto costituiscono una piccola minoranza di spiriti liberi & illuminati che hanno avuto il coraggio di distaccarsi dal gregge. Ma per piacere.

    RispondiElimina
  52. Bene, se siamo arrivati al far notare gli errori di battitura, credo che possiamo chiudere qui. Finiti gli argomenti? Peccato.

    RispondiElimina
  53. Bel pezzo.
    Comunque questo blog è antico, com'è che ti scopro solo ora?

    RispondiElimina
  54. Machiavelli con due 'c' è un errore di battitura come io sono Brad Pitt. Scusami, ma non vedo l'utilità di una discussione con una persona che non ha nemmeno l'onestà intellettuale di ammettere i propri errori di ortografia. Ciao.

    RispondiElimina
  55. no, calma:

    ma dev'essere un pensiero molto debole, se si cancella appena fissi un pezzo di legno. Cos'è, sono un totem, adesso? Se mi fissi ti faccio dimenticare la lezione? Mi volto un attimo e mi tornate all'età della pietra?”
    “Maestro, ci vuole tolleranza...”
    “Ma tolleranza di che. È come quelli che si sbattezzano. In teoria non credono nel battesimo. In pratica però hanno paura di restare segnati per sempre da uno schizzo d'acqua.


    proprio tu che sei così attento ai simboli dovresti cogliere il punto: c'è gente che ha il coraggio di dire esplicitamente che si tira fuori da una comunità che lo ha cooptato a forza. Gesù Cristo è una cosa ma la chiesa che si insinua a forza di radici cattoliche dell'europa e finisce con il chiedere finanziamenti alle scuole private è un'altra. Di fronte a questo mi pare corretto mettere dei paletti e non farla debordare.

    per il resto post ineccepibile.

    RispondiElimina
  56. leonardo, sapevo che l'avresti fatto: una frase sulla libertà che mi negano oggi l'hai letta come una frase sui pannolini di trent'anni fa (qui i pubblicitari ci si potrebbero sbizzarrire).

    più sù si parlava di parete bianca, tu facevi notare che non di parete bianca si tratta, ma di parete con crocifisso.
    bene, ti si è fatto notare che una corte ha stabilito che la parete ha da essere bianca.
    tu, a ragione, dici che i problemi sono ben altri (i benaltristi hanno sempre ragione, perché la loro è una tautologia). e quindi? in tutto questo la cosa giusta da fare è dire che la corte non ha fatto bene, la corte non ha fatto male, i problemi sono ben altri?

    ancora: "sono convinto che una campagna identitaria crocefisso-sì crocefisso-no sia una mossa suicida da parte degli atei".
    tu non sei ateo, ti dici scettico nei confronti degli atei, quando puoi li ridicolizzi; quindi, perché gli atei dovrebbero farsi suggerire la strategia da te?

    p.s. la prossima volta che lo incontri, sto gesù, chiedigli da parte mia se l'arte greca c'entra anche solo un pochettino col realismo nell'arte europea.

    RispondiElimina
  57. Domenico, tu non stai discutendo, stai trolleggiando, e non ho qui niente da darti da mangiare.

    E salutami Angelina ;)

    RispondiElimina
  58. Da ateo, sono abbastanza d'accordo con Leonardo, stavolta. La sentenza della Corte è giusta, mi pare, ma la questione è se davvero ce ne sia il bisogno. Anche perché nella pratica il crocifisso non è sempre esposto. Non so se è la mia regione a fare eccezione, ma fate un giretto nelle scuole: ai mia tempi, almeno, non c'era, e nessuno ne faceva una tragedia, forse perché c'era la consapevolezza che i problemi erano altri. Esistono delle prassi informali che fanno consigliare ai presidi, o agli insegnanti, se sia il caso di esporlo o meno. Una sentenza della Corte Europea irrompe in un processo dove a risolvere una questione spesso basterebbe un po' di buon senso da parte di tutti.

    A me l'unica cosa che da fastidio è che il crocifisso sia, formalmente, un obbligo di legge.

    Comunque è bel post, ma Cristo poteva tirare fuoti un esempio migliore di Mapplethorpe.

    RispondiElimina
  59. Vedo che ti sei riletto Auerbach. Bravo.

    GMR

    RispondiElimina
  60. La sentenza della Corte è giusta, mi pare, ma la questione è se davvero ce ne sia il bisogno
    se qualcuno ha portato il problema fino in europa evidentemente sì.

    mi sento di condividere il post di giorgian, specie sui greci, sicuramente inventori del nudo artistico più di cristoincroce.

    RispondiElimina
  61. Io invece tra giorgian e Auerbach protendo per il secondo, sarà che ha l'iniziale maiuscola (potenza dei simboli).

    Se posso portare un contributo all'annosa polemica, anche Leopardi nello Zibaldone, mi pare, si sbagliava a scrivere Machiavelli.

    Perché gli atei si dovrebbero fidare di me. Mah, perché sono intelligente e so distinguere tra razionalità e prassi. Ma anche no: chi ve lo fa fare a fidarmi di me. Fidatevi di Hitchens, vedrete che con la sua razionalissima campagna propagandistica vedrete che in pochi anni chiese e moschee diventeranno in pochi mesi mercati del pesce.

    Il Paese in cui *so* di vivere è un Paese dove se ti dici favorevole all'aborto di becchi l'insufficienza a fine anno. O dove si chiama il prete a benedire il capannone, e non è previsto che i dipendenti non partecipino, tutti ordinati a semicerchio. E il prete se ne va giustamente via con 500 euro in tasca, accompagnato dal cumenda che la sera stessa andrà a mignotte.

    Lasciami indovinare: Veneto?

    Beh, ma nel vostro caso sì, il problema è benaltro. Da noi, quatti quatti, i crocefissi li stavamo già togliendo; sennonché con tutto 'sto casino ho paura che tra un po' ci arriverà uno stock tutto nuovo pagato dalla Gelmini (cioè da me, grazie uaar).

    RispondiElimina
  62. Ah, poi avevo perso di vista questo: "il crocefisso va tolto perché dà fastidio".

    Si entra in un campo minato: sei sicuro che dia fastidio a così tanta gente? E se saltasse fuori che alla maggior parte degli utenti di quell'aula (bambini+genitori) dà fastidio toglierlo, mi tocca rimetterlo per la stessa logica? Lasciamo perdere il fastidio, e anche l'esempio della necrofilia, che, come dire, mi sembra un po' estremo.

    PS il verso romanesco per eccellenza non si scrive né aho' né ahò, ma si schive ahó con l'accento acuto perché la O finale è chiusa.

    Cioè, capite con chi ho a che fare? Ma secondo te io perderò anche solo 30 secondi del mio tempo evidentemente illimitato per cercare il tasto o acuto nella mappa caratteri, per rispetto alla filologia romanesca? A parte essere atei, non vi viene il sospetto di essere dei gran rompicoglioni?

    @ Abbasta: a te lo scontro piace. Purtroppo certe volte si perde, ed è appunto questo il caso; e non mi va di perdere per far un piacere a te.

    RispondiElimina
  63. Leo io sono quasi sempre daccordo con te, ma qui pisci fuori dal vaso, davvero.

    Non si tratta di capire se da' piu' fastidio toglierlo o metterlo.

    Piuttosto prosaicamente, qui si tratta che basta dia fastidio a una persona, siccome quella persona HA RAGIONE per via di legge e di principio, va tolto, punto.

    E quella persona sara' sadducea o come vuoi te, ma e' nel suo diritto. Potrebbe non piacerti il fatto che lo reclama, ma un segnale molto basilare di civilta' e' la capacita' di modificare le proprie usanze per rispettare il diritto ed i principi su cui si fonda la societa'.

    RispondiElimina
  64. Grande Leonardo, come attualizzare il capitolo del Grande Inquisitore !

    e comunque :

    "Il tuo Cristo è ebreo. La tua macchina è giapponese. La tua pizza è italiana. La tua democrazia greca. Il tuo caffè brasiliano. La tua vacanza turca. I tuoi numeri arabi. Il tuo alfabeto latino. Solo il tuo vicino è uno straniero"

    RispondiElimina
  65. azz.
    m'ha cancellato un commento molto intelligente e curato... perciò ora lo riscrivo al volo e come viene viene.
    se io andassi in un paese straniero e trovassi in giro (anche in uffici o tribunali) dei simboli religiosi (fossero pure dei con la faccia d'elefante o altre forme strane) non credo mi sentirei offeso, perché?
    anzi, mi interesserei delle loro tradizioni, magari li riterrei selvaggi e/o superstiziosi, ma non è che m'offenderei.
    se qualche locale m'invitasse a qualche festa ci andrei e mi comporterei correttamente durante lo svolgimento dei riti, fosse pure il taglio d'un prepuzio o qualche altro rito strano.
    immaginerei naturalmente un possibile conflitto tra osservanti e non, li guarderei incuriosito dirsene di tutti i colori probabilmente e riterrei la cosa molto curiosa e pittoresca.
    se poi ci fosse in corso una diatriba sul fine vita o sulla ru486 non mi metterei certo a questionare di simboli, questi li lascerei perdere e mi concentrerei su questioni più importanti.

    RispondiElimina
  66. Volevo specificare che molta gente si sbattezza per non rientrare più nelle statistiche come Cattolico, ma ho visto che qualcuno lo ha già detto prima di me. Perchè sì, io son convinta che il numero dei battezzati sia l'unico dato in mano alla Chiesa per dire "il 96% degli Italiani è Cattolico". Mi sembra lecito svegliarsi un giorno esasperati dall'ingerenza ecclesiastica e decidere di non voler neanche più rischiare di essere annoverati fra i Cattolici... Poi, io personalmente sono stata battezzata e sono cresciuta in una famiglia anche piuttosto praticante, per poi rendermi conto, col tempo, di non credere in nessun Dio. Di sbattezzarmi non ho voglia (pigrizia), però non mi pare neanche giusto veder sbeffeggiati gli atei come se fossero un branco di imbecilli senza cervello... spesso certe posizioni sono frutto di lunga riflessione, non mi pare il caso di ridicolizzarle.
    E niente. Leggo sempre questo blog (e lo apprezzo molto), per una volta ho voluto dire la mia.

    RispondiElimina
  67. C'è un'idea interessante e nuova sul giornale.it, a firma Andrea Tornielli:
    "E i cristiani che vogliono andare a messa si prendano un giorno di ferie." La butto lì, non si sa mai.

    P.S. Tornielli vorrebbe essere sarcastico, ma l'idea in sé colpisce (spaventa/affascina) se presa sul serio.

    P.P.S.Mi pare che meriti essere notato che un sacerdote ospite di un trasmissione di Sposini (c'era anche La Russa, il filmato gira in rete) ha detto che il rappresentante italiano nella Corte non era attendibile, perché si chiama Vladimiro Zagrebelski, che sarebbe un nome russo. In quanto russo, cresciuto sotto un regime ateo, quindi prevenuto. Lo ha detto un sacerdote: si è appellato al nome straniero per squalificare una persona. Ecco, mentre qui si cita Auerbach, il livello del dibattito sulla Rai è questo.

    RispondiElimina
  68. L'idea non è male. Più che chiedere un giorno di ferie per andare a messa (che dura solo un ora)
    si dovrebbe mettere mano alle festività.
    Perché io ateo devo stare a casa il 25 dicembre.
    Non è questa un'imposizione in nome delle radici
    cristiane che io considero false e bugiarde?
    Stesso discorso per l'8 dicembre, il 15 agosto e così via.
    Spero che questa sia la prossima battaglia.

    Enzo

    RispondiElimina
  69. Beh, ma nel vostro caso sì, il problema è benaltro. Da noi, quatti quatti, i crocefissi li stavamo già togliendo; sennonché con tutto 'sto casino ho paura che tra un po' ci arriverà uno stock tutto nuovo pagato dalla Gelmini (cioè da me, grazie uaar).
    E' la seconda volta che ti leggo fare questa affermazione, la prima per l'ora di religione.
    alla faccia dello spirito pratico, i problemi si affrontano stando zitti e invitando a stare zitti gli altri.

    RispondiElimina
  70. Tra Crifto e Barabba preferifco Fimone lo Ftrangolatore Fadduceo

    RispondiElimina
  71. "I problemi veri sono deprimenti. I problemi identitari invece, come dire, sono sexy. Tutti possono dire la loro senza impegno... ieri le bandierine, domani i dialetti..."

    Mi sembra di aver capito che il senso del post di Leonardo sta qui.
    Una settantina di commenti che, entrando nel merito, dimostrano che il trabocchetto narrativo di Leonardo è stato costruito ad arte: dire la propria su questi argomenti è sexy, è cool, ma molto più intelligente sarebbe scaldarsi per altro, per cose più importanti.

    Cipì

    RispondiElimina
  72. Ma forse più che sexy sono, come dire, convenienti

    RispondiElimina
  73. Rivelatore di quanto sia una questione identitaria, è un tic che si osserva sistematicamente: si dice che ci sarebbero cose ben più importanti di cui parlare, ma non si parla d'altro. L'ho notato nella stampa, parlando con conoscenti e leggendo alcuni blog, tipo francescocosta (caterva di commenti e controcommenti ad un suo post) o wittgenstein. Sofri martedì scriveva che "ci sono cose più importanti", poi mercoledì ci tornava sopra due volte e oggi, giovedì, siamo già a 5 (cinque in mezza giornata) post sull'argomento.

    I miei pensierini sullo sbattezzo. Sono battezzato ma non credente, come molti altri qui, suppongo. Lo sbattezzo sul piano simbolico è una cazzata, per i motivi che dice Leonardo: se non si riconosce il potere di un rito è ridicolo sottoporsi ad un rito contrario.
    Sul piano pratico e politico è vero: l'influenza dei vescovi sulla politica italiana, l'ICI, il sondino, ecc. Però il fatto che questi argomenti a favore dello sbattezzo non avrebbero senso in Francia o in Brasile, mi fa pensare che il problema non stia nel mio essere battezzato, ma nelle leggi dello stato italiano, e nella debolezza della classe politica.
    E se si parla di quel che accade in Italia mi viene naturale considerare la questione dal punto di vista del cittadino italiano, e non da quello di presunto suddito del Vaticano o di vittima di un incantesimo.

    RispondiElimina
  74. "i problemi si affrontano stando zitti e invitando a stare zitti gli altri."

    Pensavi che si affrontassero chiacchierando?

    RispondiElimina
  75. Se potessi decidere io farei di San Pietro un grande luogo di incontro per gay e lesbiche e organizzerei un sacco di feste (tema:suore e vescovi sexy), poi fare mostre, concerti, centri sociali, laboratori culturali. A quel punto il crocefisso a scuola potrei anche lasciarlo.

    Cilicio Crociata

    RispondiElimina
  76. "Se potessi decidere io farei di San Pietro un grande luogo di incontro per gay e lesbiche e organizzerei un sacco di feste"

    Perché ora san Pietro cos'è?

    Lo so, lo so è scontata ma fa sempre ridere...

    Enzo

    PS: sono cattolico e credente, per questo prendo pel culo i preti

    RispondiElimina
  77. "mi hanno fatto "bagnare la fronte quando non potevo difendermi"! [...] io organizzerei una cerimonia in cui i tuoi genitori ti chiedono scusa per averti fatto nascere senza chiederti il permesso."

    Ullapeppa.
    Che parallelo del cazzo.

    (con sempre immutata stima, s'intende)
    (ma sempre parallelo del cazzo resta)

    RispondiElimina
  78. Hai ragione Enzo, non capisco perchè non vogliono allargare la cosa a tutti invece di invitare sempre i vecchi la domenica mattina e poi le cose divertenti farle tra loro!
    cilicio Crociata

    P.s. non sono credente e odio i preti che mi prendono per culo

    RispondiElimina
  79. Enzo e Alberto, posso capire il punto, ma seriamente vi secca così tanto NON lavorare un giorno di più? Davvero vivete un giorno di VACANZA come una molesta costrizione? No, perché io, se per ipotesi mettono vacanza anche per Id al-Fitr e Hannukkah e il compleanno di Stalin, non è che mi lamento dicendo che mi costringono a stare a casa un giorno che non mi rappresenta; ringrazio commosso e me ne sto a casa.

    P.S. Credo che spostare il giorno lavorativo da uno ogni sette a uno ogni dieci sia stato in assoluto l'atto più impopolare della Rivoluzione Francese

    RispondiElimina
  80. Dai Leo, domani "pensierini su Dio - Atto secondo".

    RispondiElimina
  81. Il paragone della necrofilia potrà anche essere forte, ma era soltanto un modo estremo per farti capire quanto sia sbagliato banalizzare il problema con un semplice "che ma le fa?" che "fastidio ti dà?"
    Se qualcuno ha sollevato il problema è perché il crocefisso dà fastidio, dà fastidio non in quanto simbolo della religione cattolica, ma quanto la sua presenza simboleggia l'invadenza e sottomissione delle istituzioni italiana al clero cattolico, e ti che tale cosa ti venga pure riproposta in classe quasi per tenderti normale il fatto che l'istituzione italiana (e con essa anche te indirettamente) sia sottomessa al clero.

    Togliere il crocifissi ai cattolici dà fastidio e infatti si lamentando, ma la soluzione non può essere proposta in termini di maggioranza ma di principio: è Italia uno stato laico? allora non deve propinare alcun simbolo religioso. Può una classe se interamente cattolica (o anche un semplice scuola cattolica) appendersi in classe un crocifisso comprato a sue spese? sì, se nessuno obbietta.
    Posso io da solo mettere un quadro del Che in classe perché è il mio mito se gli altri non sono d'accordo? no
    Può una maggioranza cattolica della classe imporre a tutti un crocifisso in classe, se altri non sono d'accordo? no, come come io non sono libero di esporre il mio quadretto del Che perché gli altri non sono d'accordo.

    RispondiElimina
  82. La somma lignea, posta faziosamente al centro dell'attenzione, non sta prorpio in cima ai miei pensieri (e di molti altri). Pittuosto la vivo come l'ennesima monnezza mediatica assieme alle escort, a Corona e ai trans conditi di coca e via discorrendo. Ma veramente l'Italia sarebbe un paese più libero e laico senza le croci appese ai muri ? O forse lo sarebbe con un sistema bancario diverso ?
    Continiamo a disquisire sulle varie pratiche sciamaniche e a servire il dio profitto!

    RispondiElimina
  83. Allora per non banalizzare lo esageri? Tenere appeso un crocefisso = fotterti da cadavere? Sei un po' come la Siae: 'Perché scarichi musica? E' come se rubassi in un negozio'. Ehi, mi stai pestando i piedi, e se io ti ammazzassi un parente?

    Sulla logica non discutiamo, hai ragione, ci mancherebbe. E' la retorica che vi fotte tutti quanti, e non da cadaveri.

    RispondiElimina
  84. @falecius
    in effetti era un po' forzata come idea. mi aveva colpito il fatto che volendo fare il sarcastico l'autore dell'articolo avesse buttato lì un'idea potenzialmente provocatoria. volevo vedere l'effetto che faceva proposta seriamente. anch'io sono affezionato al week-end.

    RispondiElimina
  85. Giovedì, 5 Novembre 2009 Dopo Cristo.

    RispondiElimina
  86. Quando si una la banalizzazione per argomentare (e anch'essa è a sua modo una esagerazione di segno "soporifero" diciamo); l'unica contro argomentazione non può che passare per una risposta forte!

    Tra l'altro quella non è l'unica banalizzazione che hai fatto, ti sei messo pure a banalizzare su una eventuale imposizione della benedizione o dell'estrema unzione quanto uno non è cosciente.

    RispondiElimina
  87. @Murmur ...Dopo Cristo, che però sembra sia nato intorno al 6 avanti Cristo :D

    Però leo, in un post precedente sull'ora di religione rimproveravi agli atei materialisti miscredenti scomunicati di non avere la forza politica necessaria per fare le proprie battaglie, di non avere peso politico ecc. Ora qualcuno decide di muoversi e di ricorrere a Strasburgo, qualche altro decide di sbattezzarsi (i.e. farsi cancellare dai registri parrocchiali, il valore simbolico del rito non c'entra una cippa) sicché la frase "questo è un paese cattolico e credente" risulti un po' meno vera, anche nelle statistiche, e quindi far pesare di più la presenza dei non religiosi. E tu ora rimproveri perché sono rompicoglioni e si agitano troppo... deciditi!

    RispondiElimina
  88. Non vedo contraddizione. Continuano a essere in pochi: hanno una sentenza dalla loro parte, però per fare una lotta politica sono pochi.

    RispondiElimina
  89. Come genitore mi sento in dovere di garantire a mio figlio un' uguaglianza di informazione religiosa. Se la Scuola publica la garantisse, e insegnasse la storia delle religioni, mostrando che dio lo si può amare e vedere da molte angolazioni (o anche da nessuna), sarei molto più tranquillo.
    Come genitore, credo di avere il dovere di esporre il più possibile mio figlio ad influenze salutari (e ogniuno dia il senso che vuole a questo termine), piuttosto che ad influenze negative, come secondo me lo è la religione cattolica, soprattutto se imposta in manoera arbitraria e prepotente, come esponendo un simbolo religioso nei luoghi di tutti, anche di coloro che in esso non si riconoscono.
    Che poi esistano cose anche più importanti non so: so che a causa della nostra cultura dominante cattolica e delle influenza del vaticano sulla politica, quasi non si trasmettono pubblicità sui preservativi in TV, non si può parlare di diritti per le persone omosessuali o per le coppie che decidono di non sposarsi, e c' è un assenza totale della cultura delle differenze, se non da un punto di vista pietista e paternalistico, appunto, tipicamente cattolico.
    Per quanto riguarda illuminismo, razionalismo, ateismo, concordo con te, non sono nient' altro che un' altra forma di religione in cui spesso la gente crede altrettanto fervorosamente e ciecamente come un cattolico crede in Dio e nel Crocefisso. E con altrettanto sprezzo per le opinioni altrui.
    La carne e le ossa di Cristo, e ciò su cui si basa, come dici tu, l' evoluzione della società Europea, non sono elementi positivi, secondo me: esistono società molto più pacifiche, e il pace e amore di un santone Indiano (non sono ne induista ne Buddhista, a scanso di equivoci, anzi, nè mi riconosco in nessun' altra religione) non dovrebbe essere trattato con ironia, come fai tu, perchè nessuno ha il diritto di considerare il proprio credo superiore a quello altrui: soprattutto dopo che in nome proprio del nostro Dio cattolico, o cristiano, e del nostro Cristo, e del sue sangue, della sua carne e delle sue ossa, attraverso la sua spada, si sono annientate intere popolazioni dell' america Latina, solo per fare un esempio: 50 milioni di morti, forse il più grande genocidio della storia, considerati incivili,"senza un' anima" in nome diuna società più Civile, come sempre, la nostra, Europea, Cristiana. Ecco, prima che mio figlio venga a contatto con questo Cristo, voglio dargli più strumenti in modo che possa, allora sì, scegliere liberamente quale religione lo rende più felice. E capire che un Cristo nel nome di cui si è ammazzato, torturato, convertito a forza, ridotto in schiavitù, umiliato la dignità di milioni di persone, ostacolato il progredire dalla scienza, forse non è l' ideale migliore da appendere al muro di una scuola.
    Per gli altri problemi sono d' accordo: ma non ne farei una scala di priorità: si può sempre condurre una battaglia di principi (e la democrazia si basa proprio su questo, su principi, così come i diritti umani), ma impegnarsi in modo pratico affinchè i problemi delle nostre scuole e della nostra società possano migliorare.



    Andrea Po.

    RispondiElimina
  90. ma il pinto non era dove cazzo è l'omaggio a Pazienza dopo Villaggio e Guareschi?

    RispondiElimina
  91. Andrea Po.: infatti l'India non ha avuto una guerra o una tirannia in tutta la sua storia. Erano tutti liberi, uguali e felici nell'armonica contemplazione dei chakra.
    (con tutto il rispetto per l'India, di cui apprezzo molte cose).

    RispondiElimina
  92. CRONACHE DEL TARDO IMPERO

    La svolta

    Dal Codex Theodosianus
    (IV secolo),
    gli Imperatori ai Prefetti del Pretorio:


    Nessuno,
    assolutamente nessuno
    sacrifichi
    ancora
    in riti tenebrosi,
    né piu’fuoco ai Lari, vino al Genio,
    aromi ai Penati
    siano offerti
    per sempre.

    Non si accendano lumi,
    non si bruci incenso,
    - soprattutto non si bruci incenso,
    pena la multa di 15 libbre d’oro
    e l’espropiazione del luogo
    a favore del fisco –

    E quei furbastri,
    eretici,
    che si burlano dei nostri divieti,
    sacrificando, di notte,
    in illecite riunioni
    su siti
    che già al fisco appartengono,
    saranno essi stessi soggetti
    a pene ed esborsi
    anche fino a 30 libbre d’oro!
    E i magistrati conniventi
    per favoritismo o negligenza
    saranno sottoposti allo sdegno
    della giustizia
    e pagheranno
    pure 30 libbre d’oro.
    E i loro dipendenti
    saranno multati
    per la stessa cifra,
    a meno che non si oppongano
    ai superiori
    con pubblica denuncia.

    Più non s’innalzino
    are di zolle,
    in campagna,
    più non si cingano gli alberi
    con sacre bende
    e, se possibile,
    vengano divelti tutti quelli
    molto antichi
    cui il popolo ignorante
    porta stolta venerazione.

    Mai più corone fiorite
    si intreccino
    per i falsi idoli.
    Siano chiusi i templi.

    Ordiniamo la pena capitale
    per quei sacrileghi dementi,
    oltretutto ridicoli,
    che credono ancora
    in vani simulacri
    e contemplano con reverenza
    immagini create da mano mortale
    e destinate a perire col tempo.

    Sia abbattuto da spada vendicatrice
    chi commetta
    reato:
    sacrifici interdetti,
    anche quelli notturni
    - l’autorizzazione di Magnenzio
    viene revocata –

    La tortura
    di un supplizio terribile
    cadrà su coloro
    che cercheranno di ricavare
    oscuri presagi
    dall’ispezione di fegato e viscere.

    Siano abbattuti i templi di campagna
    sicchè i villani
    non abbiano ove radunarsi.

    I templi delle città,
    destinati ad usi civici
    o riconsacrati
    alla vera religione,
    le immagini sacrileghe,
    divelte
    dai bianchi piedistalli,
    i contributi in natura,
    devoluti
    per le spese dei devotissimi militari.

    Niente più banchetti funebri!
    E’ vietata ogni stolta superstizione.

    I pagani non siano ammessi nell’esercito,
    nella magistratura, nella pubblica
    amministrazione.

    I cristiani che hanno avuto l’ardire
    di farsi pagani,
    siano privati della facoltà
    e del diritto
    di far testamento.

    I pagani che sussistono
    e persistono nel loro
    esecrabile errore
    - benchè riteniamo
    non ve ne debbano essere che pochi –
    siano tenuti a freno
    dalle leggi.

    Per la loro perfidia, infatti,
    perfino la natura
    si sovverte:
    la primavera più non ha
    la sua grazia consueta,
    l’estate incombe
    spietata e infeconda,
    mentre l’inverno sempre più si inasprisce.

    E noi, miseri, dobbiamo
    subirne
    le conseguenze!

    Nessuno si aggiri
    attorno ai templi
    abbandonati,
    che siano lasciati
    ai serpenti
    e agli uccelli notturni,
    così che gli idoli
    infami,
    come pipistrelli,
    se ne fuggano
    per sempre.

    Tuttavia, i Prefetti,
    i notabili delle città,
    i Difensori,
    decurioni e procuratori
    cerchino, se possibile, di salvare
    le decorazioni
    e le immagini di valore artistico
    e gli spazi dei santuari
    utilizzati per le feste popolari
    e per lo sport.

    RispondiElimina
  93. Palle. Alla fine Leonardo ha la stessa posizione che ha usato, in precedenza, per l'ora di religione. Non facciamoli arrabbiare. Senza rendersi conto (possibile?) che ci stanno facendo il culo già ieri prima della sentenza, che se non altro ha ribadito in Europa che in Italia c'è un problema. E che i pazzi furibondi sono già ieri tra i medici, tra i deputati, tra gli insegnanti, tra gli psichiatri (Binetti è psichiatra). Sono tra noi, e non da ieri.
    Se devo ripetere un commento, con questo atteggiamente non si sarebbe battagliato, all'epoca, neppure per il divorzio. Vorrei poi aggiungere una cosa. La cultura può cambiare. In questo le leggi non sono fondamentali, ma possono aiutare.

    RispondiElimina
  94. Schiodiamo finalmente il Crocifisso dalla croce, stacchiamo senza indugio la croce dai muri, gettiamo nel fuoco purificatore i legni millenari dell'ipocrisia, liberiamoci pure di questo simbolo-arredo che non ha mai parlato ed ancora non parla al cuore di nessuno. E' giunta l'ora di rendere onore con i fatti alla croce onorando i poveri che bussano senza sosta alle nostre porte, è arrivato il tempo di inginocchiarsi davanti alle migliaia di crocifissi in carne ed ossa, bianchi, neri o di altro colore che il nostro egoismo non smette di torturare e di emarginare ogni giorno.

    RispondiElimina
  95. Il pezzo di legno con il cristo appeso e' un marchio registrato, ricordatevelo.

    Mi fanno sorridere tutti coloro che sono cosi' ingenui da non rendersi conto del potere condizionante di un marchio di fabbrica.

    Provate a chiedervi quanto sarebbe disposta a spendere CocaCola o MacDonalds per avere il privilegio di poter esporre in ogni aula scolastica ed in ogni altra struttura pubblica il proprio marchio distintivo.

    Miliardi di euro.

    La gerarchia ecclesiastica sta avendo questo privilegio senza spendere un solo euro.
    E sa bene che quel marchio appeso permanentemente in un luogo frequentato da bambini vale oro colato.

    Marketing folks, marketing is power.
    Tamerlano

    RispondiElimina
  96. e infatti i bambini accorrono in chiesa a frotte e festeggiano i compleanni in sacrestia

    RispondiElimina
  97. "e infatti i bambini accorrono in chiesa a frotte e festeggiano i compleanni in sacrestia"

    No. Ma molti adulti, purché sia sulla pelle degli altri e non sulla propria, sono assai ben disposti a seguire le indicazioni di voto della Chiesa.

    ... e sottolineo "sulla pelle degli altri" ...

    Vogliamo veramente sostenere che, in questo, non c'entri nulla la gran massa di propaganda che si sono sorbiti da bambini ?

    RispondiElimina
  98. L'autore di questo testo è un vero talento! Grazie Gesù per questa penna spietata!!!
    ho socializzato l'articolo in rete e al lavoro ...lavoro in una scuola eheheh naturalmente citando la fonte! pace Cristina

    RispondiElimina
  99. riguardo allo sbattezzo: si tratta anche di eliminarsi dagli archivi dei battezzati, quelli sui quali si fa la conta per dire "I cattolici nel 2009 sono x-milamilioni". contiamo quanta gente è stata battezzata per tradizione e oggi non crede, e rifacciamo i conti, vediamo quanti sono realmente i (sedicenti) cattolici..
    e comunque il crocifisso non è solo un simbolo della tradizione e/o un simbolo forte e scandaloso etc etc come hai voluto descrivere, ma è anche il simbolo di un potere finanziario ed economico (la Chiesa) di grande rilevanza in Italia e non solo, oltre che stato sovrano. è come se avessimo sui nostri muri dei simboli della Disney (che negli ultimi 50 anni ha avuto nella formazione culturale dei popoli occidentali un peso decisamente maggiore della Chiesa). saluti, un ateo offeso dalla presenza del Crocifisso sui muri della scuola e nelle aule di tribunale.

    RispondiElimina
  100. Per Falecius:

    Mai detto che in India non ci siano state guerre, anche di religione. Ho detto una cosa diversa: che nessuno ha il diritto di trattare con sprezzo o sarcasmo un' altra religione (come faceva l' autore del blog, parlando del "santone indiano"), a maggior ragione se viene da una cultura, e da una religione, quella cristiana, ed europea, che in nome di Dio, ha annientato intere popolazioni (vedi sudamerica), e che sulla prepotenza e sulla sopraffazione (a cominciare dall' impero Romano, per finire con la colonizzazione) ha fondato la sua storia e il suo benessere; avendo, nonostante questo, anche il coraggio di autoproclamarsi, paradossalmente, un modello di civiltà per tutti.
    Non mi interessa difendere l' India ne' i santoni indiani: non sono ne' Indiano, ne' Induista, ne' Buddhista, ne' sudamericano, ne', personalmente, mi riconosco in alcuna religione. Sono Italiano, Europeo, e da Europeo mi urta profondamente la mancanza di obiettività dell' Europa, degli Europei, e degli Italiani, nel giudicare la propria storia....sempre così boriosi, prepotenti, astiosi, infelici, e poveri di spirito, nonostante tutte le difese ipocrite dei valori cristiani. Le religioni vanno rispettate tutte, allo stesso modo. Questo, volevo dire.

    Andrea Po.

    RispondiElimina
  101. Mi colpisce una cosa della conversazione tra gesù e il maestro: ad un certo punto della conversazione non si capisce più se gesù sta o meno dalla parte del professore,concludendo, e sottolineando, solo alla fine, che i veri problemi sono altri e non un pezzo di legno, come si defisce lui, appeso a un muro!

    Complimenti per l'idea.

    Marco Bernardi

    RispondiElimina
  102. Dopo quel che ha detto il Dalai Lama ti toccherà scrivere qualcosa anche su di lui...

    RispondiElimina
  103. PER ANONIMOInfatti , il problema non è il pezzo di legno:
    Ma il principio di uguaglianza, di tutte le religioni, di fronte allo Stato Italiano, e di non discriminazione della sensibilità religiosa altrui, e del diritto, di ogni famiglia, di dare la formazione religiosa che meglio ritiene opportuna per i suoi figli. Poi, i problemi saranno "anche" altri, ma sicuramente anche questi. Se non è un problema un simbolo, allora perchè non ci mettete un budda, al posto del Cristo, nelle aule scolastiche????

    RispondiElimina
  104. complimenti epr il pezzo

    io sono cattolica credo in Dio in goni luogo, mi discosto quando qualcosa non va ma Gesù deve stare dovè!
    questo psot l'ho conosciuto e letto da un'altra parte mi piace troppo anche se non ho ben capito tu
    da che parte stai,, ma poi importa sapere da che parte stai? hai scritto uan cosa meravigliosa e hai reso Cristo un uomo vero..grazie per questo

    RispondiElimina
  105. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  106. il vero post è nelle obiezioni di chi non è d'accordo.
    e comunque per forza di cose non ti si capisce: "..quando li incontreranno nella vita cosa faranno?.." - cosa? ma chi?
    poi 626, illuminismo e costi? io partirei dall'obbligo.. difendere i genitori davanti ai figli fa lo stesso che fanno i fisici classicisti di fronte all'indeterminismo della quantistica; inutile sprecarsi per dimostrare che brass sia più eccitante da un punto di vista estetico rispetto alla geometria con l'intento finale di definire le coordinate del linguaggio stesso. é come dire che i musulmani hanno meno orgasmi durante i rapporti sessuali, o che un corpo di cristo messo di fronte alla vista, nel momento del suo trapasso alla morte, esplichi qualcosa che il cristianesimo in sé dimostra - in quanto testimonianza del fatto che gesù fosse stato concepito dagli alieni, da uno con la barba che vola o dall'antropocentrismo insito nel dato scambio di battute.

    RispondiElimina
  107. Greаt article, exactlу ωhat I wanted tо finԁ.



    Ηere is my wеblog; irving taxi service
    Also see my website - irving tax

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.