giovedì 29 novembre 2007

il più grande statista, finché tace

L'uomo inutile

In questi giorni di grande confusione, in cui Forza Italia si scioglie e si rifonda anche in due ore, io non saprei proprio dire chi vincerà, ma se dovessi puntare sul perdente scommetterei tranquillamente su Gianfranco Fini.

Perché proprio lui?
Perché è inutile. Anche se molto popolare. Ecco un altro mistero italiano: ogni volta che si fa un sondaggio di popolarità, quel tizio è in cima. L’impressione è che la gente si vergogni meno di lui che di Berlusconi, almeno quando parla ai sondaggisti. Poi nel segreto dell’urna fa altre cose. Fini è stato la faccia seria del centrodestra, fino a ieri. Ma poi alla fine uno cosa se ne fa, della faccia seria?

Fini è un caso di hybris, la superbia che offende gli Dei. Passare in una sola generazione dal Fronte della Gioventù a Palazzo Chigi non si può fare, spiacenti. Capisco benissimo che ti rode, con tutti questi ex partigiani al Quirinale. C’è la piccola differenza che hanno vinto la guerra, loro. Mentre tu, tu hai scelto il tuo destino un pomeriggio che volevi andare a vedere un film con John Wayne e dei comunisti non ti facevano entrare. Ora, capisci anche tu che non suona bene come la storia della via di Damasco. Se quel giorno non avessi scelto John Wayne, forse oggi saresti più presentabile. E cioè saresti un presentabilissimo Signor Nessuno, perché tutte le belle figure della vita le hai rimediate circondandoti d'imbecilli. Sei sempre stato il più furbo tra i pecoroni, il più profumato degli stronzi. Ma quanto vali veramente? Difficile dirlo.

Cosa lasci ai posteri? La legge di Bossi sui flussi? Qualunque xenofobo era in grado. Un partito post-fascista che sta per confluire in un movimento post-post-fascista che a sua volta… tre righe d’enciclopedia ti faranno giustizia. Tu dovevi dimostrare che gli ex fascisti erano diventati persone ragionevoli. Ma poi alla lunga cosa ce ne facciamo, di ex fascisti ragionevoli? Non servono a niente, è questa l’amara verità. Fanno solo arrabbiare i fascisti irragionevoli, i cui voti oggettivamente fanno gola. A Gerusalemme hai messo la kippa, e hai strappato con la Mussolini. Hai parlato di voto agli stranieri, e hai strappato con Storace. Sei un accorto politico, finché taci: appena parli cominciano i guai. Se anche riuscissi a ripulire del tutto le stalle di Augia del tuo partito, non ci servirebbero a niente, perché quello che interessava veramente non erano le stalle in sé, ma il marciume che c’era dentro.

Ora che dopo mille pulizie il tuo salotto è quasi pulito, guarda che succede: invece di venire a prendere il caffè da te, Berlusconi sta rovistando nella tua spazzatura. Esce con Storace. Se serve si metterà d’accordo anche con Forza Nuova. Perché Storace e Roberto Fiore sono quello che Gianfranco Fini era nel 1994: simpatici teppisti con tanta voglia di fare. Tu invece sei un ex teppista che hai solo parole di buon senso, e che se ne fanno a destra del buon senso? Ed è inutile alternare colpi al cerchio e alla botte: se voglio un politico che parla bene delle imprese coloniali italiane, ne trovo di più convinti di te. Se voglio un filoisraeliano, ne conosco anche di quelli che da piccoli non inneggiavano al Duce. Idem se ne cerco uno che tenda sinceramente la mano agli stranieri. Ognuno hai i suoi gusti, ma tu, tu sei uno strano cocktail di rum e olio di ricino, per quale motivo al mondo dovrei mandarti giù?

Ieri da Mentana hai osato una cosa incredibile: una battuta su Berlusconi. Hai osato insinuare che non sia molto sviluppato in altezza. Ecco, se volevi caratterizzarti come un politico serio offeso dalle ultime piazzate del padrone di casa, hai sbagliato registro. Per l’ennesima volta. Non azzecchi mai il tono giusto, questo è il problema. Finché stai zitto funzioni. Ma in politica non si può star zitti sempre, ecco il dramma.

Lo scrivo senza pietà, ma neanche compiacimento, perché alla fine credo che tu sia stato sul serio il meno peggio. Però sei anche l’anello più debole, e la catena comincia a tirare. Niente di personale, eh. Massimo rispetto, come sempre, finché taci.

13 commenti:

  1. Propongo di tirare la catena.
    PS: hai scritto chiaro e tondo quello che in cuor mio ho sempre intuito di pensare di Fini, e cioè che non fosse nient'altro che un bluff. Bravo Leo, bravo come sempre.

    RispondiElimina
  2. La sua famosa lettera al Corriere della Sera conteneva un messaggio tanto semplice quanto saggio: Silvio, cambiamo strategia. Silvio lo ha fatto, ma senza di lui.
    Per la prima volta da alcuni anni a questa parte ho provato, nei suoi riguardi, quel sentimento di umana pietà, che Montanelli sintetizzava nell'immagine della mano tesa al nemico in difficoltà.
    Certo, è Fini: il nulla, forse il meno peggio.

    RispondiElimina
  3. Che poi ho letto una sua dichiarazione su un giornale che diceva più o meno che "su tv e giustizia adesso mani libere". Quando conveniva invece nemmeno a pensarci di toccare gli interessi del boss!
    Che schifo di opportunismo. Per fortuna che ogni tanto da destra arrivano cose talmente aberranti, che in confronto i casini della sinistra mi commuovono.

    RispondiElimina
  4. Fini può anche avere idee che a tratti ci fanno ribrezzo ma tecnicamente è bravissimo e il tuo volerlo negare pare nient'altro che un capriccio di pseudo anticonformismo.

    Mediaticamente sfiora la perfezione: la chiarezza con la quale si esprime non ha eguali in Italia e credo pochi anche in Europa. Poi è un bugiardo, certo, un opportunista, certo, uno che se gli conviene ti passa sopra col fuoristrada, ovvio. Cioè fa esattamente quello che il sistema richiede a un politico di vertice.

    E poi è uno dei pochi che ha coraggio: la sparata sul voto agli immigrati, pur inscrivendosi appieno nella cialtronaggine del solito sistema politico che dice una cosa per farne un'altra, è stata eccezionale. E del "fascismo come male assoluto" che dire ? Mitico. Nel senso che non ho mai visto altri, almeno in Italia, così sicuri di sè da poter fottersene della propria base elettorale per dire nell'esplicito sottotesto: il partito sono io. Senza averlo nemmeno fondato intendo.

    RispondiElimina
  5. Tutto vero, eccetto l'opinione che i partigiani avrebbero vinto la guerra.
    La guerra la vinsero americani, russi e inglesi. I partigiani e i francesi hanno dato un significativo contributo simbolico. Significativo, ma simbolico. Il che è un vantaggio rispetto a Fini, ma è uno svantaggio rispetto a... (una delle poche occasioni in cui non disdegno i puntini)

    RispondiElimina
  6. purtroppo è tutto verissimo, Leo, con l'aggravante che anche nella dialettica non era male il Delfino Eterno...

    ..Arriva secondo anche da solo.

    RispondiElimina
  7. concordo con heike..

    http://giuraffa.blogspot.com/

    RispondiElimina
  8. Leo, ti sei perso i paginoni di pubblicità sui principali quotidiani in cui Silvio indice le votazioni per il nuovo nome? Foto di lui con pungo al cielo e numero per il televoto... a pagamento! 1€ al minuto! Quest'Italia non è la mia Italia.

    RispondiElimina
  9. Il Nostro è abituato a tirare un colpo al cerchio e uno alla botte, e poi un altro, e poi un altro, e poi un altro, e poi un altro fino a che il cerchio e la botte non saranno d'accordo con lui o saranno costretti a desistere.
    Del resto, la scuola è quella...

    RispondiElimina
  10. Per riprendere dal post prec. la conversazione sui tipi d'intelligenza, la tua constatazione su Fini:

    "Però sei anche l’anello più debole, e la catena comincia a tirare."

    E' un'immagine allo stesso tempo assolutamente aderente alla realtà e d'una sintesi fulminante, quindi è poesia applicata alla politica.
    Dimmi che l'hai copiata, sennò sei TROPPO bravo.

    RispondiElimina
  11. si,indubbiamente è un uomo tutto d'un pezzo(tirate lo sciacquone alla svelta)

    RispondiElimina
  12. l'anonimo ero io.Volevo confermare il suggerimento per l'uscita di scena dalla politica di Gianfranco(forse anche perchè quando nel 1992 lo sentii in un comizio in piazza garibaldi mi spaventai parecchio sentendolo dire che le persone per bene non avevano nulla di cui preoccuparsi se l'MSI assumeva il potere".O forse perchè preferisco una dialettica feroce con interlocutori agli antipodi a quella con un camaleonte severo)

    Diamonds

    RispondiElimina
  13. Posso solo fare i complimenti al tuo blog?l'ho scoperto da poco ne ammiro la freschezza d'analisi e la libertà
    che si respira.
    grazie

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.