Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: Se ci riflettete

lunedì 28 febbraio 2011

Se ci riflettete

13 commenti:

  1. Mi dispiace dissentire, ma qualcosa ha combinato.
    Io non vivo in Italia da anni e qualche cambiamento l'ho notato.

    20 anni fa :
    -"...e tu di dove sei?"
    -"Sono italiano"
    -"Ah, bella l'Italia! Roma, Venezia...E tu..."
    -"Sono siciliano"
    -"Ohh, mafia..."
    -" Eh, sì..."
    -"Però è bello lì da voi..."

    Mercoledì passato:
    -"...e tu di dove sei?"
    -" Sono ita..."
    -"Berlusconi!(risata)"

    Se ti sembra la stessa cosa....

    RispondiElimina
  2. Fossero solo quelli delle private a non riflettere...

    Però, certo, fare le private aiuta.

    Gab

    RispondiElimina
  3. Le grandi menti pensano all’unisono:
    http://www.ilpost.it/makkox/2011/02/28/spiegami/

    dink

    RispondiElimina
  4. e, detto tra noi, chi ca**o sono i cristiano riformisti? Cosa vogliono riformare? La controriforma?

    RispondiElimina
  5. Nei giorni scorsi ho scritto una lettera al Presidente Berlusconi. Ancora non ho ricevuto risposta. Eppure volevo aiutarlo. La posto qui, così mi dite cosa ne pensate e se secondo voi devo aspettare ancora:


    Gentile Presidente,
    io, la mia, la vorrei blu! Si, blu, con gli interni sportivi ed il navigatore satellitare integrato.
    E se lei fosse così generoso, verrei volentieri a prenderla anche fino a Roma, o a Milano, dalla Svezia dove vivo. Cosa? Ma la Mini Cooper, naturalmente! Stamattina ho letto infatti una Sua dichiarazione sui giornali “Il fatto è che sono generoso, se qualcuno mi dice che non può comprare una macchina io la regalo. Di solito regalo Mini Cooper…”.
    La mia è una provocazione, ma fino ad un certo punto.
    Ho una laurea in fisica nucleare, ottenuta con 110 e lode, a Trieste ed ho fatto ricerca in Giappone e negli Stati Uniti – Ora lavoro all’università di Uppsala, in Svezia. E non ho una macchina.
    Già, ogni mattina mi reco all’università con l’autobus. Anzi con due autobus. E generalmente sotto la neve.
    Quando ho letto il giornale, stamattina, ho pensato di fare un favore a me, ed uno al Presidente del Consiglio. Io ci guadagno una macchina, così vado a lavorare senza prender troppo freddo. E lei, Presidente Berlusconi, guadagna credibilità!
    Infatti, ho letto qua e là molta ironia attorno alle Sue dichiarazioni di generosità. Io voglio darle fiducia. Io credo davvero alle Sue buone intenzioni, e sono altrettanto sicuro Lei saprà regalare una macchina anche a me, un giovane cervello in fuga, che parla tre lingue e si occupa di ricerca in ambito nucleare a livello internazionale.
    E, pensi a quale ritorno di immagine! Chi dice che Lei fa regali solo a giovani signorine discinte avrebbe le sue armi spuntate! Ed io avrei la mia Mini Cooper. Blu.

    Cordiali saluti.

    http://grazieberlusconi.wordpress.com/lettera-a-berlusconi/

    RispondiElimina
  6. Sono un ex insegnante. Ex perché ho cambiato mestiere, non perché sia andato in pensione. Molto del male che si dice della scuola italiana è vero. Ma i vari instant book usciti negli ultimi anni (come quelli di Giovanni Floris e Mario Giordano, tanto per citare i più approssimativi) si limitano a demonizzare la scuola pubblica e non dedicano molta attenzione alle scuole private. Che invece un'occhiata la meriterebbero, e non per "par condicio", ma perché rappresentano un doppio scandalo: sono private ma si fanno sostenere da denaro pubblico, si spacciano per migliori ma promuovono cani e porci (anche la pubblica, ma in misura minore, e comunque non a pieni voti)...

    Io non so in altre zone d'Italia, ma dove vivo io (Veneto) c'è un fenomeno indicativo: all'inizio i figli del ceto medio vengono iscritti nel liceo più prestigioso, quello che ha ricevuto riconoscimenti per la qualità della didattica, quello dopo il quale gli studenti affrontano l'università con una preparazione adeguata, quello che ha fama di essere impegnativo, "ma d'altra parte a scuola ci si va per studiare". Questo liceo è pubblico. Poi, anno dopo anno, si assiste al fenomeno migratorio. Il primo approdo è una scuola privata che (dicono gli studenti) "è più facile", "studio meno e ho la media del 7" ma (dico io) grazie alla soppressione di parti importanti del programma e a un netto abbassamento dell'asticella. Questa scuola privata ha ancora una parvenza di scuola. E questo per alcuni studenti è troppo. Ma per fortuna ce n'è un'altra più facile, e se andasse male c'è la "british school" e se proprio sei una zappa stai tranquillo che con CEPU non è mai stato bocciato nessuno. Io ho lavorato nella scuola pubblica e ho avuto a che fare con questi studenti dando loro lezioni private. Loro sanno benissimo come funziona, non si raccontano balle: chi riesce a terminare la pubblica con buoni voti passa il pomeriggio sui libri. Alla privata vogliono andarci loro, non li mandano i genitori. Altro che scelta educativa coerente con i principi delle famiglie.

    RispondiElimina
  7. ha praticato distruzione creativa!! marx, tentando l'estirparzione delle religioni, marx satanista, attuale stadio di uscita con decadimento in farsa, sempre marx, nazistalinismo, sstalin speculò su marx stesso e gli altri rivoluzionari matematici.

    ASSOLUTO ABOMINIO DI MACCHINA DELL'IGNORANZA di sstalin, a Yalta sstalin fece credere di starsene buono dentro dentro i suoi confini e si fece pure pagare in lingotti mentre già aveva dislocato le sue pedine oltre le linee che poi avrebbe portato a promozione, vedi kossiga.

    karl adolf eichmann nazistalinista!! e mengele, con corredo di chiesette per la via di fuga per mettere contro le religioni e specularci mal oltre hitler.

    veto planetario TOTALITARIO occulto su matematica, già faraonica e poi arcaica e poi massonica che supera i limiti dimostrati dall'arcinoto teorema di Pitagora che come altri secretò tutto.

    p2 emanazione sstalinista con sotterranei accentrati perché tutti speculavano sugli stessi segreti.

    gelli ebbe contatti perfino con goering ma infine tradì il terzo reich per riparare nella Sardegna dell'ex emerito.

    http://liberazioneuniversale.wordpress.com/

    Conoscenza è Liberazione
    universale
    CèL

    RispondiElimina
  8. ma (questo qui sopra) è una vendita online di prodotti per cocoon del sesso o uno dei generatori automatici di metilparaben? Voglio dire, magari dici anche delle verità assolute ma il tutto risulta un po' sgrammaticato

    RispondiElimina
  9. Anche un po' di private avrebbe aiutato, in questo caso.

    RispondiElimina
  10. Nelle università pubbliche, da quando i finanziamenti passano anche attraverso il numero dei laureati, stiamo eguagliando le peggiori private...
    Se continua così, non ci sarà bisogno neanche degli esami: basterà iscriversi ad una facoltà qualunque per avere il diploma di laurea in quattro anni, con la lode.
    Quello che non è chiaro è a cosa servirà questo diploma, una volta che l'avranno preso tutti. E soprattutto chi avrà il coraggio di andare da un medico, da un ingegnere, da un maestro che ha conseguito la laurea in questo modo.

    RispondiElimina
  11. Siamo derisi da mezzo mondo: personalmente non ne posso più. Però penso che gli italiani sono questo, e questo si meritano. Amaramente parlando

    RispondiElimina
  12. Sono insegnante di italiano e latino in un liceo linguistico, sono appena tornata da uno scambio linguistico-culturale in Spagna, paese più in crisi di noi, ma dove la scuola che ci ha ospitato ha pagato per noi ingressi ai musei e autobus per le escursioni... Noi insegnanti invece abbiamo dovuto pagare di tasca nostra anche un regalo per la scuola, e quando loro verranno qui saranno i nostri studenti a doversi tassare per permettere agli spagnoli di vedere la zona e entrare in qualche museo... E poi, tornati a casa, la prima cosa che sento al TG è questa critica vergognosa agli insegnanti che "inculcano" ideologie... Ormai non ho più la forza di arrabbiarmi, solo una grande amarezza!

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.