Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> - in anteprima per voi ~ Leonardo

martedì 13 giugno 2006


Siccome Mantellini non lo fa, io, che avrei mille altre cose da fare, vi segnalo l’ultimo exploit del più prestigioso giornalista informatico di Repubblica, Giuseppe Turani, che l'altro ieri su Affari e Finanza ha provato per voi in anteprima un avveniristico software marca Microsoft. No, ma sentite:

Un altro esempio, sempre di questo genere, si ha in Word per quanto riguarda i caratteri. Se io seleziono un paragrafo e voglio cambiare carattere (tipo di carattere, corsivo, neretto, ecc.), mi si apre l’elenco dei caratteri e delle loro specificità, e scorrendovi sopra con il mouse, nella pagina il testo cambia. In sostanza ho un’anteprima istantanea di quello che voglio fare e così posso controllare subito come mi verrà alla fine il documento. Quando ho trovato la soluzione che mi piace, mando il segnale di conferma e a quel punto è fatta.
Tutto il nuovo Word è un po’ costruito così.


Cioè, capite, se io voglio cambiare tipo di carattere, corsivo, neretto, si apre l'elenco e posso...
La mente vacilla
Reazioni:

21 commenti:

  1. giuro che il mio wordstar (che stava su un disco da 5.25") non lo faceva!

    RispondiElimina
  2. scorrendovi sopra con il mouse, nella pagina il testo cambia... scusa, ma a me pare rivoluzionario (va be', quasi...) A quanto dice il pezzo che hai citato, l'aggiornamento dell'anteprima di tutta la pagina avviene in tempo reale, semplicemente scorrendo la lista dei font disponibili ... prima dovevi selezionare il testo, aprire il menu, scegliere il carattere, vedere l'effetto che fa, ritornare nel menu, scegliere un altro carattere e via così... prova un po' se sei indeciso tra 10 garamond diversi...

    RispondiElimina
  3. si vabbè, ma se io voglio cambioare solo unariga?
    o fare solo un titolo 1? cosa fa, mi cambia tutto? ma ke kulo!

    RispondiElimina
  4. tanta fatica per per dare ulteriore incentivo al Comic Sans

    RispondiElimina
  5. ci fosse anche solo una specificità
    giocala giocala giocala
    prendila prendila prendila

    Secondo me Turani ha sentito troppo Vasco (oldtime).

    RispondiElimina
  6. Reggetevi forte: è possibile inviare automaticamente a[d] altri destinatari certi documenti che vogliamo siano condivisi all'istante dai nostri colleghi di lavoro o amici.

    Avete inteso? Correte a rottamare i ciclostili! Addio carta carbone!!!!

    RispondiElimina
  7. A me ha fatto ridere sopratutto quando si legge: "mando il segnale di conferma" .... ma cos'è lo Space Shuttle?
    Houston abbiamo un problema: i fonts dei caratteri non si aggiornano in tempo reale!

    Ad ogni modo il giornalista ha già sbagliato in partenza e cioè usare Microsoft Office. Un oggetto misterioso con più buchi della conoscenza informatica di chi ha scritto l'articolo.

    Usate StarOffice ed a lui un buon corso di videoscrittura e/o videocomprensione.

    Ciao , Paolo

    RispondiElimina
  8. complimenti anche per la scelta iconografica a corredo di questo post.

    RispondiElimina
  9. Paolo, io spero che nel 2006 siano veramente pochi quelli che per cambiare i font hanno bisogno di un corso di videoscrittura. Andiamo, è come la bicicletta: ci sono stampe del primo Novecento che ritraggono dei "corsi di velocipede" per utenti adulti (in stanze chiuse, immaginati), ma col tempo hanno chiuso.

    (E non è nemmeno successo perché l'interfaccia utente del velocipede è diventata più usabile).

    Ebi, quell'immagine è fantastica perché, nella sua bruttezza, non può fare a meno di ricordarmi che al primo installo io pensai veramente: "wow, che fico".

    Comunque se Gates mi cita, tutto ciò che possiedo andrà ai bimbi africani, quindi, chissene.

    RispondiElimina
  10. Ma l'ha scritto davvero un giornalista informatico?
    Sembra una di quelle traduzioni automatiche fatte da Google.

    " mando il segnale di conferma", comunque' e' una vera chicca!

    RispondiElimina
  11. Non l'ha scritto un giornalista informatico, l'ha scritto Turani.

    L'uomo che ha già scoperto in anteprima il menu "start" e teorizzato l'onnipotenza del Windows Media Center.

    RispondiElimina
  12. a proposito di turani, come dimenticare paolo attivissimo?

    http://attivissimo.blogspot.com/2005/07/ixt-repubblica-parla-di-longhorn-parte.html

    nicola

    RispondiElimina
  13. ho appena preso una olivetti di ultima generazione di quella da tavolo che pesa solo 132 Kg!!! come faccio??

    ciao dal Baghino

    RispondiElimina
  14. Scusate ma ho appena acquistato via internet il dna della peste bubbonica per 40 sterline, qualcuno mi dice su che sito posso comprare il kit per sintetizzarlo?? Mi e' arrivata sta mail con scritto "gtacttgacttgac....
    Cordiali saluti"
    Vatti a fidare di questi giornalisti divulgatori e di queste compagnie.
    Ciao
    http://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/esteri/guerra-batteriologica/guerra-batteriologica/guerra-batteriologica.html

    RispondiElimina
  15. Leonardo, Turani si riferiva alla funzione Quick Style. Non sta descrivendo gli Style per sè, o la possibilità di cambiare font, ma la nuova interfaccia grafica context sensitive che avrà Word 2007.
    Sono cose difficili da scrivere a parole. Le DEMO in questi casi aiutano.

    RispondiElimina
  16. Andare in orgasmo per un'interfaccia context sensitive non è serio.

    A prescindere che lo faccia uno che non solo si spaccia per esperto, ma è una firma di riferimento sul primo o secondo quotidiano italiano, fosse anche il terzo sarebbe comunque molto oltre la linea del ridicolo.

    L'articolo si dilungava anche sul fatto che ora è possibile scegliere all'istante dove mettere una cornicetta (a destra? a sinistra? Ci sono anche le soluzioni prefigurate, wow!) e poi magnificava un rivoluzionario programma per la condivisione che, a sentirla da lui, non aveva nulla di diverso dalla prima intranet che ho visto in vita mia, circa 1999.

    E poi, scusa, le hai lette le cose che ho messo in grassetto in un commento qui sopra? "è possibile inviare automaticamente a[d] altri destinatari certi documenti che vogliamo siano condivisi all'istante dai nostri colleghi di lavoro o amici". Cioè, qui passiamo direttamente dalla civiltà della carta carbone al context sensitive.

    Io sto in una città di media grandezza e non mi capita mai, dico mai, di entrare in un ufficio, o un'azienda, una scuola, un garage che non abbiano il loro bravo computer. Tutti questi computer bene o male funzionano, quindi c'è gente, anche ultraquarantenne che ha imparato a usarli. Il target di Turani è un po' più basso, diciamo le scimmie negli zoo.

    RispondiElimina
  17. Di nuovo, quella della condivisione non è il fatto di avere una intranet o mandarsi i documenti via email.
    È che la suite office sarà integrata con SharePortal, per cui si possono fare check-in, check-out, track changes e cose simili.
    PS: guarda che io non lo sto difendendo. Sto semplicemente affermando che si tratta di qualche pezzo preso da una brochure, o dal sito di MS o il commento ad una presentazione. E che spiegare queste nuove mirabilanti funzioni (che la suite XPress-QPS su cui scrive lo stesso giornalista ha da quasi un decennio) non è facile. Se poi non te ne intendi, è un po' più difficile.
    Sono i giornalisti di una volta. Adesso arriva la nuova generazione, capitanata da Diaco...

    RispondiElimina
  18. Una genialata! "Word" avete detto che si chiama?

    RispondiElimina
  19. Ma mica sono tutti esperti grafici... dagli un word così a certi miei colleghi, e sarà come avergli fatto il regalo di Natale.
    Non sanno neanche usare gli allineamenti, figurati che pacchia se il nuovo word gli evita pure l'anteprima...
    Turani lo leggono un po' tutti, esperti e non, è giusto quindi, secondo me, trattare anche le novità che a un grafico farebbero ridere e spiegarle con termini semplici, facili da capire.
    ola

    RispondiElimina
  20. Fissiamo alcuni paletti:

    1. L'anteprima context sensitive non è questa gran novità: in cambio del risparmio di un link, probabilmente ti rallenterà un po' il sistema: questo mi prendo la responsabilità di dirlo io, un semplice utente di prodotti office da... 10 anni?

    2. Turani non "spiega con termini semplici, facili da capire": Turani si lascia prendere dalle sue velleità di evangelizzatore e alla fine non riesce a spiegare le differenze tra Word 07 e Word 92. E' come se, dovendo presentare una Maserati, lui per paura di spiegare cose difficili come il motore a quattro tempi, ripiegasse su: "Avete presente la bicicletta? Beh, più o meno è così, ma non c'è più bisogno di stare in equilibrio!"

    3. Non siamo necessariamente, noi lettori di Affari e Finanza, un popolo di analfabeti informatici. Magari Office in Italia ce l'abbiamo da 4-5 anni.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!