Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: il bonsai è un baobab al confronto

domenica 15 aprile 2007

il bonsai è un baobab al confronto

La lunga marcia di SuperBoselli

Vediamo se mi ricordo bene:
Il PSI – il più antico partito politico italiano – cessa di esistere per manifesta incapacità il 13 novembre 1994. Qualche ora dopo un tale, Enrico Boselli, fonda il SI.
Il SI (Socialisti Italiani) fin dall’inizio dimostra di non voler essere il solito partitino folkloristico: difatti non andrà mai da solo alle elezioni. Boselli si pone da subito il problema di agganciare altri partiti, per creare una più ampia aggregazione.

Alle regionali del 1995 il SI aggancia dunque i pattisti di Segni e all’Alleanza Democratica di Bordon (e della Meandri) in una più ampia aggregazione chiamata Patto dei Democratici, che prende il 4,2%: neanche male. Quasi tutti gli eletti sono boselliani. Il Patto si spatta immediatamente dopo.

Alle politiche del 1996 il SI è l’ingrediente di un calderone piuttosto centrista con il Rinnovamento Italiano di Dini, il Patto Segni e un altro partito ex democristiano a caso. Prendono il… 4,3%: insomma, tengono.

Forte di questi incontestabili successi, Boselli rialza la posta. Nei mesi successivi volge lo sguardo a sinistra, e si fa promotore nientemeno che di una Costituente Socialista nel nome di Turati, di Nenni e Saragat. Aderisce il Partito Socialista Democratico Italiano, quello che nelle barzellette della mia infanzia faceva i congressi nelle cabine telefoniche; Ugo Intini, che per l’occasione ha divorziato da De Michelis e dice di chiamarsi Partito-Socialista-Socialdemocrazia (cominciavano a finire i nomi); e una parte della Federazione Laburista Italiana. Una parte, eh? Mica tutti. Che tutti nella stessa cabina telefonica non ci stavano (non le fanno più grandi come una volta - maledetta telefonia cellulare).

È da queste radici gloriose che nasce, a Fiuggi il 10 maggio 1998, il nuovo partito destinato a lasciare un segno indelebile nell’Italia della Seconda Repubblica: lo SDI. Segretario del nuovo partito è acclamato un tale, Enrico Boselli.

Alle elezioni europee del 1999 gli SDI prendono un 2,1% che potrà anche sembrarvi poco, ma è sufficiente a portare due SDI nel nuovo governo Amato-2000: Del Turco alle Finanze e Intini (sottosegretario) agli Esteri. Ma se pensate che la funzione dello SDI non sia dissimile da quella di tanti altri partitini a caccia di poltrone, vi sbagliate. Boselli è sempre alla ricerca di aggregazioni più ampie.

L’anno successivo, il colpaccio: un nuovo simbolo – il Girasole – accoglie in una sola lista SDI e Verdi, che da soli alle europee avevano preso un pur meritorio 1,8%. Naturalmente un’aggregazione, per funzionare, deve colpire l’immaginazione e il cuore dell’elettore: solo così il risultato potrà essere superiore alla tetra somma aritmetica dei voti (che farebbe, comunque, quasi il 4%)
Il Girasole debutta alle politiche del 2001 e… prende il 2,2%. Come dire che uno dei due partiti nelle urne è scomparso. Impossibile sapere quale. Bisogna dire che alle europee del 2005, i Verdi, tornati da soli, schizzeranno al 2,5. E gli SDI?

Gli SDI non andranno mai soli, per costituzione. Come una zanzara testarda, Boselli è sempre in cerca di qualche vena da succh… di qualche altro partito con cui formare una più ampia aggregazione. Piuttosto, dopo la débacle del 2001, il problema è: chi è cosi tanto fesso da farsi agganciare di nuovo da Boselli? De Michelis? Per qualche tempo anche De Michelis sembra tentato. Ma alla fine il nuovo matrimonio si farà nell’autunno 2005 con quegli intelligentoni dei Radicali, e si chiamerà Rosa nel Pugno. L’intelligenza è evidente sin dalla scelta del nome, che nei più delicati evoca subito la sensazione della Spina nel Polpastrello; ma tant’è.

Quanto valgano i Radicali Italiani in termini percentuali è impossibile capirlo: anche loro disprezzano la politica dei partitini e si sono sempre candidati qua e là in aggregazioni più ampie. In ogni caso i RI erano reduci da un risultato importante come quello del referendum sulla procreazione assistita del giugno 2005: con il 73% di astensione, persino un brontolone come don Camillo Ruini fu visto sorridere. E insomma, nel 2006 la Rosa nel Pugno presenta alle elezioni personaggi del calibro di Pannella, Emma Bonino, Toscani, un diessino transfugo del carisma di Turci, una giovane promessa tv come Capezzone; e il solito Boselli. Come fai a non votarlo, un partito così? Alle politiche di un anno fa, la RnP prende il 2,5% e non passa nemmeno lo sbarramento al Senato (anche se Pannella & co. tuttora sostengono il contrario); per dire: Di Pietro c’è riuscito, e loro no. Anche stavolta, uno dei due partiti è virtualmente scomparso: quale?

E chi lo sa. Qualche mese dopo i Radicali vanno a congresso e decidono di sfilarsi le spine dai polpastrelli: la RnP forse è già morta. E oggi è il turno degli SDI, a congresso pure loro! Qual è la nuova strategia del Segretario Boselli? Non ve l’immaginereste mai: una Costituente Socialista! Con gente nuova, gente fresca, personalità del calibro di De Michelis e Bobo Craxi. Ma Prodi c’è rimasto un po’ male. Avrebbe preferito Boselli nel Partito Democratico. Allora sì che il PD non sarebbe stata una somma aritmetica. Eh già.

Ma stiamo scherzando?
Ma ci rendiamo conto che questi qui, da almeno dieci anni in qua, non li vota nessuno? N-e-s-s-u-n-o, neanche le loro mamme, neanche i loro figli? Nessuno. L’Italia ha da esser l’unico Paese dove si dà visibilità mediatica a un partito che, dati aritmetici alla mano, vale meno di zero.

Boselli a oggi ha partecipato a 2-3 Patti, 2 alleanze, e ha lanciato due Costituenti. Non si è mai agganciato a un partito che avesse già di suo un elettorato superiore al 3%. Da quando esiste lo SDI, non ha mai superato il 2,5%. Da solo? No, sempre in coppia con qualcun altro che ha divorziato immediatamente dopo le elezioni. Boselli non vale un solo voto. Boselli, storicamente, fa perdere voti a tutti i partitini a cui si aggancia. Eppure si fa eleggere. Eppure rilascia interviste, proclama Costituenti, detta il programma laico-riformista. Ma se ne andasse a casa, finalmente.

Oppure... se ne andasse al centrodestra. Perché è questo che non riesco a capire. Per tutti questi anni abbiamo avuto un’arma formidabile – un tale che riesce a erodere voti e simpatia ovunque va, un vero virus transpolitico, e non lo abbiamo spedito a Berlusconi. Perché? Vien da pensare che ci abbia pensato prima lui, maledizione. Ma è possibile farci fessi così?
Evidentemente sì. Continuiamo a credere alle Costituenti, ai Patti, alle Alleanze. Continuiamo a sperare in Superman, e si sa che Superman decolla sempre da qualche cabina telefonica. Stasera a Fiuggi, magari, chissà.

21 commenti:

  1. Non li vota nessuno, è vero, ma c'è un po' di gente in Italia che era socialista 20 anni fa e lo è ancora, anche se si vergogna di dirlo.
    Ad esempio (ma non solo) praticamente tutta la vecchia raidue, che è ancora dentro la rai.
    Questo potrebbe spiegare il credito mediatico che hanno.

    RispondiElimina
  2. Leonardo sei stato clemente. Hai taqciuto per carità di patria la loro adesione alla lista uniti per l'ulivo alle europee del 2004 (e forse qui e la anche alle regionali 2005).

    Ottimo post davvero

    RispondiElimina
  3. Articolo straordinario e non sono generoso. Se sono riuscito a leggerlo adesso che sono ancora in coma.. hai davvero centrato il punto.
    Niente da aggiungere diceva Cocciante. Ma subito dopo, e subito prima affermava anche.. che pena mi fa.

    (hai qualche analogo articolo su mastella? qualche giorno fa sbottai anche io in merito al ricatto per la riforma elettorale..)

    A.

    RispondiElimina
  4. troppo troppo clemente Leonardo... sei pure sorvolato sul trifoglio insieme a cossiga e la malfa del 1999...

    RispondiElimina
  5. OT che mi viene in mente vedendo tutti quei loghetti: ma voi come ve lo immaginate il simbolo del Partito Democratico? Nogat perché io non ho tutta 'sta fantasia...

    RispondiElimina
  6. (No perché io non ho tutta 'sta fantasia...)

    RispondiElimina
  7. ottimo e abbondante. manca solo l'incredibile trionfalismo del Pannella, che si è fatto fottere la cabina telefonica e se la ride un sacco

    RispondiElimina
  8. Ahahah, fantastico... ma te li ricordavi tutti a memoria, o sei dovuto andare a fare una ricerca? :)

    RispondiElimina
  9. La fonte è wikipedia Italia, tremate.

    Non sono clemente, con la c minuscola. E' che il trifoglio, davvero, come facevo a ricordarmelo?

    A mia discolpa posso dire che Boselli dal trifoglio sloggiò prima ancora della consultazione elettorale, per cui in pratica fu soltanto un'alleanza di chiacchiere. Ma questo del resto è Boselli: chiacchiere e distintivo (il distintivo in questione, ricordiamo, è il copyright del Garofano).

    Non sono neanche Clemente con la maiuscola, ma vorrei spezzare una lancia: Mastella rappresenta una parte, magari una particina d'Italia, che potrà anche repellervi ma esiste. Boselli invece ormai non rappresenta nemmeno sé stesso.

    Quanto a Pannella, la sua capacità di fare buon viso sfida ogni logica e buon senso. Con uno stratega come lui, si può andare in guerra e perdere senza neanche bisogno di un nemico.

    RispondiElimina
  10. www.nonrassegnatastampa.itmartedì 17 aprile 2007 10:36:00 CEST

    Viloante nel suo libro ha detto che per non far fallire il pd bisogna rivalutre Craxi e il partito socialista e la rinascita di un forte partito socialista conferma pienamente la disponibilità da parte del centrosinistra, in ottemperanza a oggettivi criteri di educazione e alternanza, di cedere alle prossime elezioni il governo al centrodestra

    RispondiElimina
  11. non so perchè ma a me il progetto di boselli piace.forse perchè unendo tutti i socialisti (anche la sinistra DS) si scongiura il pericolo della costituzione del cantiere bertinottiano e la conseguente contaminazione del comunismo con il socialismo. solo così la sinistra radicale manterrà la sua autonomia e proseguirà verso il suo obiettivo naturale.

    RispondiElimina
  12. lasciare la destra al governo per sempre, mentre nel frattempo ci si sente fighi a parlare di rivoluzione con le liceali tettone e sceme

    RispondiElimina
  13. quello di CAMBIARE RADICALMENTE la società...
    @anonimo:complimenti bella idea...così forse rimorchio qualcuno

    RispondiElimina
  14. non so perchè non inserisce il mio link. comunque se vuoi approfondire la discussione:
    www.areacritica.splinder.com

    RispondiElimina
  15. Ci sono andato.
    In home c'era un comunicato in Comic Sans.

    RispondiElimina
  16. beh, è bello tutto questo
    perchè il mio migliore amico è credo l'unico esemplare di "giovine socialista" rimasto in italia dai tempi di craxi. io tento di spiegargli queste cose (anche se, non in maniera così puntuale e dettagliata come hai fatto tu) ma lui non le capisce ( e di solito mi accusa di stalinismo, ma vabbè, forse è un altro discorso...)

    RispondiElimina
  17. complimenti, m'inchino.

    e in effetti, quelli del correntone (belli anche loro, te li raccomando) che hanno spaccato i ds perchè non si poteva perdere il legame con il socialismo europeo (minchia!), manco ci pensano da lontano a far pane con il nowhere man Boselli e si stanno buttando dalle parti dei comunisti, che ovviamente col socialismo europeo non c'entrano una ceppa neanche da lontano.

    se di socialisti democratici ne son rimasti in giro, facciano qualcosa per il partito democratico. anche dalla cabina telefonica

    RispondiElimina
  18. Io sono un nuovo iscritto agli SDI, arrivato dopo aver votato per la Rosa nel Pugno. Mai votato PSI in passato.
    E' vero: noi socialisti abbiamo fatto molti, troppi esperimenti elettorali in passato. Alcuni sono stati sconsiderati (l'alleanza con i Verdi nel 2001). Ma le altre alleanze? Era sbagliato allearsi con Dini nel 1996 (non dimentichiamo che è anche grazie a questo che quella lista superò il 4 per cento contribuendo alla vittoria dell'Ulivo)? E' stato così sbagliato allearsi con i radicali nel 2006? E la lista Uniti nell'Ulivo chi l'ha affondata, noi degli SDI o la Margherita?
    Negli anni 1990 non era facile, a torto o a ragione, continuare a dirsi socialisti. Boselli ha avuto il merito di garantire la sopravvivenza di un partito socialista, aderente al PSE, senza snaturarlo: perché gli SDI continuano ad essere un partito di sinistra, e basta conoscerne le posizioni (di cui non si parla affatto nel tuo intervento) per saperlo.
    A proposito: ed un'occhiata agli altri partiti? Che dire dei DS, che vent'anni fa si chiamavano ancora PCI e che adesso non sono neanche più socialisti, e grazie ai quali ci troviamo Mastella nell'Unione? E dei popolari? Ripercorriamole un po' tutte le posizioni dei partiti in questi ultimi quindici anni e vediamo chi ne esce indenne.

    RispondiElimina
  19. Nessuno ne esce indenne, ma voi non ne uscite proprio.
    Cioè, vi volete mettere in testa che non esistete?

    RispondiElimina
  20. Andrebbe anche detto che Boselli e' stato l'unico politico del c.s. (e forse l'unico politico tout court) a dire una sacrosanta verita', e cioe' che il Concordato va abolito, e basta, e che lo Stato laico e' una cosa seria.
    E adesso che di laici in parlamento non ce ne sono piu' (bigotti puttanieri da una parte e neo-baciapile dall'altra), scommetto che un po' ne sentiremo la mancanza, dell'invisibile Boselli-bonsai.
    Te sei contento, Leonardo?
    Io no.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.