giovedì 23 ottobre 2008

Salva il mondo, salva il p-d-leader

L'imboscata

Caro Walter Veltroni,
ho ricevuto la sua lettera in cui mi chiede di partecipare alla manifestazione nazionale del PD di sabato. Le dirò, ci sto riflettendo. Mi sto interrogando su tante cose.
Per esempio, mi sto chiedendo fino a che punto sia stato corretto creare una banca dati con gli indirizzi di chi ha votato alle Primarie. Non si faceva prima a tesserarci tutti? Ah, già, ma il Foglio vi aveva spiegato che bisognava fare il partito moderno, all'americana, senza tessere. E tuttavia, in un qualche modo un “partito con quattro milioni di tesserati” mi suona meglio di “partito con un indirizzario di quattro milioni di cittadini”. Ma vabbè, questi son dettagli.

Mi chiede di andare in piazza il 25 d'ottobre per salvare l'Italia. Bello slogan, eh. Se poi vado sul sito e cerco qualcosa di più concreto, delle proposte... non ce n'è. A meno che io non creda che manifestando contro il governo, il governo cadrà come una pera matura. Ma non funziona così di solito, no? Altre volte si sceglieva il punto debole dell'avversario e si attaccava tutti compatti lì: per esempio, il 23 marzo di Cofferati era contro l'abrogazione dell'articolo 18: semplice e concreto. Ma stavolta?

Ok, c'è la petizione sui tagli alla scuola, questione sacrosanta; ma ci si sorprende a pensare: meno male che la Gelmini sta facendo questi tagli, così abbiamo qualcosa di concreto contro cui manifestare. Insomma: adesso sappiamo per cosa combattiamo. Anche se è ben curioso, no? Questa manifestazione è stata programmata in giugno.

Caro Veltroni, secondo me programmare una manifestazione a quattro mesi di distanza è stato un grandissimo errore. Direi che basterebbe questo a farmi seriamente dubitare sulle sue doti di stratega e di leader. In quattro mesi può succedere di tutto: infatti è successo di tutto. Prima si è fatto rubare la scena da Di Pietro, poi c'è stato quel mezzo inciucio su Alitalia, poi il crack delle borse... i motivi per cui dovrei manifestare oggi sono davvero diversi da quelli che mi avrebbero portato in piazza tre mesi fa. Come molti elettori democratici, ho il vizio di voler essere trattato come una testa pensante, uno che riflette, e non come una pecora che si pascola in piazza nella data programmata.

Non solo, ma quando tu fai sapere a tutti che quattro mesi dopo sarai lì, il minimo che ti puoi aspettare è che ti preparino un'imboscata. Che è esattamente quello che sta succedendo, basta leggere il Foglio per rendersene conto. Anche se poi, il Foglio, ormai, chi lo legge più? Ah, lei, già. Beh, cos'ha pensato quando ha letto quel pezzo(*) in cui le veniva spiegato che la manifestazione del 25 sarebbe stata un successo soltanto dal milione in su? Non si è sentito definitivamente preso in giro? Prima l'hanno convinta a non tesserare la gente, e poi le chiedono un milione? 

Lei sa, tutti sappiamo, che un milione di manifestanti è una quantità assai difficile da raggiungere (e comunque da contare: anche se ce la facessimo, nessuno ce lo riconoscerà mai). È vero che durante il Berlusconi II il contapersone era un po' saltato a tutti, e si sono salutate spesso folle di due e persino, con Cofferati, tre milioni (e non si capisce perché a quel punto il buon Sergio non abbia semplicemente ordinato di marciare su Palazzo Chigi, visto che Roma fa appena due milioni e 700mila abitanti). In seguito c'è stato un po' di revisionismo sull'argomento: persino la Repubblica ha riconosciuto che il Circo Massimo si riempie con meno di un milione, ecc.. E adesso, guarda un po', chi è che ti rivende come nuova la panzana dei tre milioni di Cofferati? Il Foglio! Ma quanto sono stronzi, eh? Non ci si crede.

Per farla breve: un corteo alla buona, ma appassionato, organizzato in luglio, avrebbe potuto sembrare l'inizio della riscossa; il super-mega-corteo tanto atteso di ottobre non potrà che essere un flop. Anche se facessi il mio dovere di brava pecora obbediente, ecc., ecc., ecc.. E il pezzo avrebbe potuto anche finire qui, ma ieri è successo (lo sapete) che Berlusconi ha invitato la polizia a entrare nelle università. Quel poco di esperienza che ho maturato mi dice che quando i reparti speciali abituati a spezzare le schiene agli ultrà si ritrovano di fronte a degli studenti, succede un guaio di quelli che poi se ne interessa Amnesty International, e non sto scherzando: Amnesty International. Ovviamente sto pensando a Genova, ma pensare a Genova mi ha anche fatto ricordare quel sabato mattina in cui ero io che avevo un bisogno disperato di un grande manifestazione civile e democratica; perché i resti di Carlo Giuliani erano ancora caldi, e per mezza Italia io non ero che un teppista spaccavetrine e bruciamacchine. Ecco, in quell'occasione il grande corteo serviva a me, per spiegarmi, per riportare la pellaccia a casa, e Massimo D'Alema disse no: a Genova non ci dobbiamo andare. Ecco. Quand'ero nei guai, voi per me non c'eravate.
Adesso siete voi ad avere bisogno di me, e io quasi quasi vi direi no. 

...E il pezzo poteva finire anche qui. Ma poi è arrivato il comunicato di Cossiga. E tutti i blog a dire brutto Cossiga, ma perché? Cos'ha fatto di male stavolta? Ha solo detto la verità, quella che ti libera. Ormai l'unica speranza di vederci chiaro nei misteri di trent'anni di Storia d'Italia sta negli errati dosaggi di farmaci del vecchietto ciclotimico. Credo che Cossiga sia il primo pezzo grosso ad ammetterlo: nei movimenti c'erano infiltrati che creavano caos. Lo abbiamo sempre saputo, ma ormai c'eravamo stancati di dirlo, sembravamo paranoici. Almeno ora sappiamo che non eravamo paranoici a caso. "Il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri". E' esattamente quello che accadde alle Diaz, grazie per avermi finalmente spiegato il perché.

E soprattutto: alla fine Cossiga mi ha fatto venire voglia di andarci, a Roma. Perché bisogna farmi incazzare, e lui ci riesce ancora. C'è da ringraziarlo, davvero.

(*)...non riesco a lincarlo. Il sito continua a fare schifo.

33 commenti:

  1. Piccolo refuso: l'articolo 18, cioè contro l'abrogazione del.

    RispondiElimina
  2. voglio sentire il suono delle sirene delle ambulanze=mi piace l'odore del Napal...nella sua fattanza raggiunge il lirismo o il grande cinema
    Cos'è che gli danno? è per sapere, che la compriamo anche noi...

    RispondiElimina
  3. Senti,fai una cosa, non ci venire ce ne faremo una ragione...
    Solo una cosa, pecora obbediente chiamaci tua sorella, grazie.
    Fra

    RispondiElimina
  4. Certo che se Cossiga dicesse veramente tutto quello che sa,la storia italiana sarebbe completamente da riscrivere...speriamo in altre dosi errate di farmaci.Ne vedremmo veramente delle belle!!!

    RispondiElimina
  5. Gli infiltrati per sputtanare moti di piazza e movimenti di vario genere sono vecchi come il cucco, come dici, ma funzionano sempre; e la coscienza sporca (anzi, cinica e assassina) del potere in Italia è nota in molti “particolari”; però quelli che aggiunge ogni volta Cossiga sono agghiaccianti, e il fatto che a fronte delle ultime rivelazioni non succeda niente significa il coma civile del paese.
    Viene in mente il caso Scafroglia, col grande manovratore Guzzanti incappucciato che si fa saltare in aria, deluso perchè il popolo bue fa niente di fronte al compimento del progetto piduista...

    RispondiElimina
  6. Ah, se non fosse stato per Cossiga! Grazie vecchia dentiera di un Cossiga per averci convinto a partecipare alla manifestazione della sinistra, per sostenere il partito nel fare dura opposizione! Se non fosse per le urticanti e veritiere parole del vecchio sputazzone sardo, avremmo rischiato di far disertare la manifestazione. E cosa ne sarebbe stato del PD senza la leggittimazione di sabato 25?

    -busta

    RispondiElimina
  7. Io di manifestazioni ne ho fatte e create tante, ci credevo ... credevo davvero di poter migliorare il mondo e soprattutto credevo che ci fosse qualcuno disposto ad ascoltare quello che avevamo da dire. Lo credevo una volta, ora non più. Ora gli unici a dirci esattamente le cose come stanno sono un comico ricilato alla politica (Grillo) e il mitico Marco Travaglio. Tutto il resto, notizie, telegiornali, dichiarazioni sono creati ad arte ed io che li seguo sempre con il cervello collegato me ne accorgo, lungi da me il passare da pecora, preferirei morire, magari bruciata viva che all'epoca di Giovanna D'Arco faceva tendenza. Berlusconi ha detto che non è vero che voleva mandare la polizia nelle scuole ... eh no!!!! Porca vacca, io ti ho sentito chiaro Silvio, hai detto proprio così ... anzi in realtà hai detto che Maroni doveva farlo in modo che tu avresti avuto qualcuno a cui dare la colpa se fosse successo qualcosa... poi mi sa che Maroni che non è scemo fino a questo punto ti abbia dato picche e così hai detto al tuo popolo di pecorelle "Non è vero".
    Per quanto riguarda Walter fa schifo come gli altri continua a voler parlare da intellettuale ed io che non la sono non ci capisco un cavolo e mi ritrovo a non votarlo più ... e mi sa che non sono l'unica!

    RispondiElimina
  8. Bravo coglione!
    Corri ad applaudire Veltrusconi!

    RispondiElimina
  9. Cossiga avrebbe fatto inalberare anche Madre Teresa. Purtroppo ai ragione quando dici che una manifestazione così programmata avanti nel tempo non avrà forse lo stesso impatto, ne hanno avuto del tempo per controprepararsi. Speriamo solo che Veltroni non sia andato in giro fino a ieri sera a girdare che domani sarà eccezzionale, perchè se non lo fosse, bè...io finisco qui

    RispondiElimina
  10. il problema serio con cossiga è che ormai non si riesce più a capire quando dice la verità per il gusto di provocare, facendo passare per provocazioni la verità, e quando invece dice semplicemente la verità e tutti pensano che dica cazzate per provocazione.e invece dice la verità.

    RispondiElimina
  11. Sì, quell'intervista di Cossiga vale più di mille saggi di storia sugli anni Settanta

    RispondiElimina
  12. spero di vedere morire molto presto gente come cossiga, andreotti, pomicino...

    RispondiElimina
  13. davvero ci andrai?
    Io non ci riesco. Proprio non ci riesco. Si, quel mostro pidduista di cossiga fa imbufalire anche me, ma non mi basta (spero lo perseguano per questa confessione).

    Io vorrei veder franare berlusconi, vorrei verderlo strozzarsi mentre dice una delle sue cazzate o meglio mentre se la rimangia! Ma non credo nel PD. Questo procrastinare di veltroni.... rimandare, ponderare, pacatamente-serenamente.....come faccio?
    simona

    ps
    ma tutta questa gente, che passa di qui e riversa odio e volgarità (tipo quel "fra"), non ti dà un po' fastidio. A me irritano assai il senso estetico. ;)

    RispondiElimina
  14. Mi attirerò una caterva di insulti, ma io su Cossiga la vedo così

    RispondiElimina
  15. @mfisk
    interessante....ma non è troppo complesso per questo governo che -diciamolo- non brilla in acume (e in un sacco di altre cose)?
    simona

    RispondiElimina
  16. @anonimo: occhio, l'attore è Cossiga, non questo governo. E non cadiamo nel classico errore di credere che Berlusconi e compagnia cantante siano dei ragazzini un po' sciocchi.
    Uno che ha fatto miliardi di euri non può essere liquidato come un ingenuo; ha peccato di ingenuità in passato perché ha sempre il vizio di vedere la cosa pubblica con gli strumenti dell'azienda privata: il consiglio dei ministri come un consiglio d'amministrazione. Ed è qui che interviene Cossiga.

    RispondiElimina
  17. @mfisk

    ho letto il tuo post, che hai linkato: è molto probabile che sia andata così.
    Cossiga non è uno stupido.
    Come tutti i pazzi: lucida follia.
    Vedremo se ci sarà un'altra Diaz dopo le sue parole.

    Giò

    RispondiElimina
  18. 200.000 persone

    ah però
    cavolo alla faccia dell'opposizone
    daje valter,continua cosi,grazie a te berlusconi ha la strada spianata per anni...
    mi ricorda molto questo
    http://it.youtube.com/watch?v=Fm6BOWe_ikU

    RispondiElimina
  19. A me parecchi qui sopra (oggi Leo compreso) fanno ridere. Ma verde.
    Veltroni qua, Veltroni là, il PD fa schifo...
    MICA IMPARATE MAI!
    Abbiamo consegnato l'Italia alla destra più schifosa per vent'anni (ora ve n'accorgete?) grazie a tutte le menate contro Prodi, Schioppa, Dini e Mastella che non facevano cose di sinistra, loro, democristiani.
    Volevano Zapatero, e abbiamo quasi Pinochet.
    Se un indeciso e magari antiberlusconiano di centro voleva votare csx (l'unico modo per impedire alla destra schifosa di fare quel che fa) ora basta che ripensi al governo Prodi, a tutte le incredibili menate, a Diliberto,Pecoraro,Bertinotti, a Turigliatto, ecc.ecc.ecc. e al manifesto e a liberazione che sparavano cannonate contro il governo di csx. e COL CAZZO che ci voterà, perfino in caso di disastro Berlusconi.
    E voi qui ricominciate..Veltrusconi..le pecore..cazzo, ho ben più anni di leonardo e da molto prima di lui sapevo che Veltroni vale proprio poco, E ALLORA?
    Questo cazzo di PD è l'ultima cosa che ci resta, lo volete capì ?
    Meno male che qualche centinaio di migliaio di persone l'hanno capito e sono andate, v'immaginate i berci se la piazza fosse stata semivuota ?
    Ma crescete una volta, anche se ormai è troppo tardi.
    nautilus

    RispondiElimina
  20. Ma quale "ultima cosa che ci resta"? Da anni non c'è alternativa, si vota sinistra solo per "non consegnare l'Italia..". Non facciamo altro che accontentarci e sperare per il meglio.
    Ma che cazzo, questi dirigenti nemmeno sanno valorizzare il poco che son riusciti a fare, e io dovrei pure continuare a sostenerli?

    Non è che il PD fa schifo, è solo lento e per niente aggressivo (in modo utile e rispettoso, si intende).

    -busta

    RispondiElimina
  21. "Continuiamo così, facciamoci del male"
    Non è che i giornalisti hanno confuso Leonardo scambiandolo per Nanni Moretti, al circo massimo?

    Sono piddino. A Roma non sono andato. Soprattutto perchè non mi piacciono gli 883. Quindi farmi 500 km dall'Emilia alla Capitale per ascoltare Pezzalli non ne avevo voglia.

    Nonostante ciò cerco, nel mio piccolo, di fare opposizione tutti i giorni. Senza tirare merda addosso a Veltroni (nonostante non lo ritenga un buon segretario). Lavoro per avere una classe dirigente nuova e migliore. Più adeguata i tempi. A dire il vero anch'io non mi sento adeguato a questi tempi. Proprio no. Però sono nato nel 1975 quindi devo, almeno un poco adeguarmi e fare la mia parte. Credo quindi che se pure Leonardo ed i tanti detrattori che ho letto di seguito, facessero la loro staremmo tutti un pochino meglio.
    Ed anch'io, alla fine, potrei andare a Roma per sentire un buon leader ed ascoltare della buona musica.

    Simo (FE)

    RispondiElimina
  22. Attenzione, su questo blog c'è una moratoria sulle frasi fatte morettiane.

    Io non sono potuto andare al corteo, non già per ridicole e piccolo-borghesi divergenze di gusti musicali, ma perché di sabato lavoro.

    Detto questo, anch'io cerco di fare la mia parte. Parte di questa parte consiste nell'assumere un atteggiamento critico nei confronti di una dirigenza che commette errori. Io faccio questo, e non ho la sensazione di tirare merda a Veltroni per il gusto di farlo. Secondo me ha fatto degli errori, e in questo e in altri pezzi ho cercato di spiegare quali.

    Se pensate che a cinque anni dalle prossime elezioni politiche non sia il caso di criticare il timoniere, forse è meglio che vi troviate un partito non democratico. Ce ne sono, eh.

    C'è molta suscettibilità, in giro.
    Io dico che non voglio essere trattato da "pecora" e qualcuno si offende? Ehi, se riuscite per un attimo ad arrotolare quel chilometro di coda di paglia, forse rileggendo scoprirete che io non ho proprio dato della pecora a nessuno. Ho scritto che uno degli aspetti specifici degli elettori di sinistra è, appunto, che non vogliono essere trattati da pecora. E convocare una manifestazione a 4 mesi di distanza, dando per scontato che di lì a 4 mesi comunque il famoso popolo si farà trovare, è un po' un atteggiamento da pastor fido. Tutto qui.

    RispondiElimina
  23. Nautilus è proprio questa logica qui secondo cui dobbiamo votare anche lo zombie della nonna scema di Ordzhonikidze nella lista dei nipoti di Ermanarico il Burgundo, perché sennò ci becchiamo Berlusconi, che porta ad avere una dirigenza di "sinistra" così mediocre. E sia "sinistra" che "mediocre" sono eufemismi.
    Berlusconi NON PUO' ESSERE l'alibi del PD per poter fare qualsiasi porcata, per candidare Nonna Papera, Topo Gigio e Darth Vader purché non vinca Berlusconi, perché se è così, e se si ragiona così, allora il PD SI MERITA di stare all'opposizione e gli italiani si meritano il disastroso governo Berlusconi.
    Io credo che la base del partito dovrebbe essere SPIETATA con la sua leadership, soprattutto perché quella leadership HA PERSO, e devo ancora sentirla fare una proposta politica concreta e dotata di senso.
    Sentir dire che non possono essere criticati perché il dibattito e la critica da sx offendono i nasini delicati dei moderati che ci servono a battere Berlusconi, sinceramente mi sembra un discorso assurdo. A che serve battere Berlusconi, se poi non si è in grado di governare?

    RispondiElimina
  24. Caro Leonardo, Pezzalli era un pretesto. Un modo per fare ironia (chiedo venia se non ci sono riuscito).

    Caro Leonardo, contesti questa sinistra ed i suoi modi frusti di fare politica. Mi sembra, però che ultimamente, fatichi a scostarti anche tu da certi clichè. Per quanto concerne mondo della scuola, le tue affermazioni risuonano come una visione pasoliana riveduta in salsa carpigiana: i figli dei ricchi (borghesi e di sinistra) nei licei sperimentali, mentre i poveracci negli istituti tecnici e professionali. Non mi sembra una novità, purtroppo.

    Tornando al discorso PD e del suo leader. Ti faccio notare che siamo sempre alle solite: le nomenclature fanno quel cazzo che vogliono. Perchè, sebbene sia stato creato un partito nuovo, le modalità (reali) di gestione del potere - e degli equilibri interni - non sono mutate, anzi vi è stato un ritorno al centralismo democratico.
    Per sconfiggere questo modus operandi e cogendi servono persone nuove (magari giovani) e, soprattutto, con voglia di lavorare e mettersi in gioco: sia riguardo attività minute sia in merito una rielaborazione politica della società in cui viviamo.
    C'hai voglia di fare questo? Se si mettiti in gioco. In anternativa puoi continuare a prendertela con Uolter (ma non sei molto credibile in quanto continui a stare sul greto del fiume ad aspettare che passi il suo cadavere) oppure puoi sposare la causa della sinistra radicale, che faticosamente sta cercando di rimettersi in sesto dopo la batosta (giusta) alle ultime politiche. Oppure anche della Lega Nord.

    Riassumendo: neppure a me Veltroni piace ma preferisco togliermelo dalle balle lavorando dall'interno piuttosto che picconare da un blog senza sporcarmi le mani nella comunità in cui vivo.

    RispondiElimina
  25. Caro Falecius

    i dirigenti politici li decide la base che vota, ma nel senso che nei partiti c'è una selezione durissima, emerge chi riesce a far presa sul pubblico votante e promette di raccattar più voti.
    Altri modi non ve ne sono.
    Semplicemente a sinistra non abbiamo fuoriclasse, ma onesti pedatori come negli altri partiti del resto, fatta eccezione Forza Italia e Lega, che son partiti nati attorno a un capo indiscusso, e che avranno problemi più grossi dei nostri quando lo perderanno.
    Quanto alla mancanza di proposte: se non ne hanno non sarà perchè proposte efficaci di sinistra non ne esistono e non sanno assolutamente che pesci pigliare ?
    Basti pensare che pur di dir qualcosa "de sinistra" Veltroni se l'è presa col salvataggio delle banche, misura adottata da tutti i governi del globo.
    Chi chiede che la sinistra faccia proposte sarebbe pregato di avanzarne qualcuna, se ne ha. Ma non ne ha, questo è il punto. Oggi le uniche proposte che promettono un minimo di efficacia (seppur alla rovescia) son quelle di destra, e noi non possiamo certo sostenerle, ecco tutto. E siamo ridotti a dir di no e basta.

    Caro busta, no che non devi continuare a sostenerli, vai a casa e goditi il berlusca a vita, sperando che le cose non vadano così male che crolli anche lui, il che vorrà dire che saremo col culo per terra.
    Sarà bene rendersene conto: il csx non sarà più un alternativa valida di governo per vent'anni. (a meno che non nasca un Obama de noantri, e allora Veltroni e c. toglieranno il disturbo, ma fin'allora lui o un altro..)
    nautilus

    RispondiElimina
  26. Nautilus, no.
    Proprio no.
    Non è vero che "i dirigenti li decide la base che vota". Non in questo PD. Non nella campagna 2008. Le candidature hanno funzionato col solito meccanismo di cooptazione, tenendo in pochissimo conto le nuove esigenze che la base pure esprimeva. Lo hanno notato e descritto in tanti, e tra loro anche questo mediocre blog.

    Non è vero che abbiamo onesti pedalatori. Abbiamo fighetti che sprofondano al primo strappo dell'avversario.

    Non è vero che "proposte efficaci di sinistra non ne esistono". In ogni caso Veltroni & co. si fanno troppo spesso bloccare nell'angolino della difesa dello status quo.

    Se davvero pensi che la soluzione è l'attesa messianica dell'Obama de noantri, sul serio, aderisci al PdL: loro hanno tutte le figure medianiche di cui hai bisogno.

    RispondiElimina
  27. caro leo :
    1)Certo che esiste la cooptazione, ma nemmeno il partito più sgangherato coopta gente che fa perdere voti, io credo. Se avessero sottomano qualcuno che li fa vincere non lo rifiuterebbero. Siamo arrivati a Veltroni per successiva eliminazione, visto che Fassino non ha carisma e Bersani non ha peso specifico. Levi Veltroni e c'è il vuoto. O mi vuoi dire che nella base c'è qualche genio politico boicottato ? Non riesco a crederci.
    2)Perchè nessuno ha idee diverse dallo statu quo, e la ragione non è che son tutti scemi, è che di praticabili non ce ne sono, e quelle praticabili sono di destra.
    3)Macchè aspettare Obama, al contrario era solo per dire che dalla m...non ci tirerà fuori nessun genio venuto dalla base, e tanto vale mettersi calmi, beccarsi Veltroni e non rovinare questo partito ancora in fasce che però sarà l'unica nostra speranza per il domani. (l'altro)
    Poi, posso sbagliare.
    nautilus

    RispondiElimina
  28. Secondo il tuo ragionamento io sono una pecora obbediente visto che alla manifestazione ci sono andato per cui l'insulto ci stava e dunque te ne riprendi uno a tua scelta Se poi esce un nome che può sostituire veltroni, avanti ma dire chiunque come hai fatto tu è come dire al bar:"la Nazionale la posso allenare anch'io". Una cazzata.
    Fra

    RispondiElimina
  29. Fra, ma hai capito che alla manifestazione volevo andarci anch'io?

    RispondiElimina
  30. Sinceramente no, leggendo il tuo post. In tutti i casi se sono stato offensivo scusami, è che mi sale la rabbia quando mi imbatto in un gruppo di blog "di sinistra" ( che si citano a vicenda)che sembrano fare a gara a sparare su Veltroni. Ma è possibile che sia lui l'origine di tutti i mali?
    Secondo me questo è il momento di serrare le fila e metterci di traverso a chi ci vuole veramente rovinare (ed i blog sono uno strumento da non sottovalutare in questo senso)Il dileggio del nostro "leader" è divertente ma poi?
    Vabbé scusa lo sfogo e ciao.
    Fra
    P.S.: lo so che tu non sei "il gruppo" però una certa linea comune la vedo.

    RispondiElimina
  31. Però bastava leggere fino alla fine, eh.

    Lo so che sono prolisso, però credo di essere abbastanza chiaro. Altre volte ho detto che Veltroni non è per me la causa di tutti i mali. Io critico Veltroni perché credo che adesso (non un anno fa) sia il momento giusto per farlo.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).