giovedì 10 febbraio 2011

L'elefante più crudele

Heautontimorumenos

"Non c'è reazionario più implacabile dell'innovatore fallito, non c'è nemico degli elefanti selvatici più crudele dell'elefante addomesticato" (Brecht, mi pare, su Galilei).

A volte ancora mi domando, ed è una domanza oziosa come tante altre: cos'è Giuliano Ferrara? Che forma avrebbe, Giuliano Ferrara, se lo si potesse togliere dai contenitori che ha riempito, dalle nicchie che ha trovato vuote?

Adesso, per esempio riempirà una mutanda – e sappiamo che la cosa umanamente gli costerà – non gli piace esibire le proprie nudità, soffrì sinceramente l'estate che le sue chiappe chiare finirono sui giornaletti. Ma adesso il capo ha bisogno di una mutanda e la mutanda gli toccherà riempire. Lo farà, ovviamente, contro qualcuno, in questo caso i perbenisti del Palasharp e della manifestazione di sabato prossimo. Le belle anime che non amano la vita, non amano i liberi scambi di sesso e soldi e poltrone. “Non abbiamo orrore dello scambio e del denaro, ci fa senso il vostro disgusto per la bigiotteria galante di Arcore”, e quindi tutti in mutande, hanno già aderito Sallusti e Iva Zanicchi, e Pietrangelo Buttafuoco “un po' il nostro Saviano”, peccato non ci sia Banfi, poteva essere il vostro Marlon Brando.

E sì, è lo stesso Ferrara che dopodomani magari si infilerà un cilicio e si digiunerà per espiare i peccati di una generazione di scopatori abortisti. O non lo sapete che il sesso “da quando ha smesso di giocare la sua libertà con le interdizioni della natura e della cultura, da quando si è stupidamente liberato e ha perso la sua aura casta e peccaminosa, è diventato sommamente ridicolo e sempre meno efficace rispetto allo scopo, che è di fare figli in giovane età coltivando attraverso il piacere la carità e l'amore di sé che sono l'essenza del genere umano e la sua anima razionale o spirituale”... Sì, va bene, ma che c'entra, un conto è la gente normale e meccanica che dovrebbe fare sesso esclusivamente per riprodursi (“Il preservativo, la pillola e l'aborto hanno trasferito il sesso in palestra, sostituendo il labirinto del piacere, se non il dono luminoso dell'amore, con il trade mill della fitness”), un conto è il capo, potrà ben disporre come vuole delle sue tartarughine, delle sue bustarelle, delle sue poltroncine di ministero? E se le scambia per un po' di sesso, vogliamo fare i moralisti? No, Ferrara oggi ha in orrore il moralismo. Ieri invece non gli dispiaceva. Cos'è cambiato.

Potremmo sostenere, con qualche ragione, che per Ferrara il moralismo è ok finché non riguarda Silvio Berlusconi. Ma è una cattiveria inutile, io ho il sospetto che a Ferrara non freghi molto nemmeno di Berlusconi – sì, è il suo capo, sì, Silvio paga – ma non è mai stato un problema di soldi, né di potere. Ferrara è stato anche ministro ma fisicamente non ha retto lo stress, e i grossi soldi li fece al tempo in cui in Rai si strappavano contratti miliardari. In un certo senso Ferrara è in pensione da più di dieci anni, il Foglio è uno di quei negozietti a perdere che aprivano le professoresse in pensione, le baby pensionate del servizio pubblico; l'investimento iniziale ce lo mette il marito, così la signora sta un po' fuori di casa mentre lui si porta dentro le escort. Questo per dire che Ferrara non è del manipolo di disperati che non hanno altra scelta che seguire Berlusconi fino alla fine. Non è nemmeno di quel gruppo di professionisti delusi, che salirono sul carro B sinceramente convinti di poter dare il loro apporto nella rivoluzione liberale, giornalisti avvocati economisti che che dopo una dozzina d'anni si ritrovano scavalcati da veline letterine meteorine, e la cosa li scandalizza. In realtà Ferrara potrebbe mollare il capo in qualsiasi momento; varie volte ha minacciato di farlo; qualche volta sembrava davvero che lo avesse fatto. Se alla fine non ci riesce mai, non è per fedeltà o per convenienza. È solo per far rabbia a noi.

Tutto qui? Sì, davvero, probabilmente è tutto qui. Ferrara è solo un calco in negativo delle nostre passioni. Nel novembre del 2001 – le ceneri del World Trade Center erano ancora calde – il movimento che aveva sperimentato la repressione di Genova sfilò per la prima volta a Roma contro la guerra di Bush. Nei mesi successivi ci sarebbero state altre oceaniche marce ad Assisi e di nuovo a Roma. Ferrara era a piazza del Popolo, con alcuni suoi amici e un po' di bandierine di Israele. Ma gliene è mai fregato veramente qualcosa di Israele, a Giuliano Ferrara? Non è la stella di David un po' come la mutanda, una cosa che ci agita davanti perché si è accorto che ci dà fastidio? Ai tempi in cui ci piaceva far sesso senza procreare, lui indossava il cilicio e ci esortava a smettere quella ginnastica impura. Ora, di fronte alla ginnastica un po' ossessiva di SB, ci riscopriamo un po' bacchettoni, e Ferrara è pronto a mettersi in mutande. Quindi alla fine cos'è il sesso per Ferrara? Non si sa, è una domanda inutile: non avendo alcuna forma, a Ferrara non resta che riempire quelle che trova, e sono sempre i calchi in negativo delle nostre. In fondo non ha senso neanche rimproverargli la scarsa coerenza, lui non fa che intonare il controcanto alla nostra. Antiabortista quando facevamo quadrato sulla 194; pro-life quando chiedevamo rispetto per la signora Englaro; clericale ateo tra gli anticlericali, sionista gentile tra gli antisionisti, libertino asessuato tra i bacchettoni, Ferrara in realtà è sempre in mezzo a noi. Non c'entra molto con la stampa di destra, quella vera, con Feltri Sallusti o perfino Signorini. In realtà il Foglio è la cosa più radical chic che si possa leggere nelle edicole italiane, solo che va letto in negativo.

In un romanzo per il resto non molto riuscito, Giancarlo De Cataldo immagina il disappunto di un opinionista di assalto ex comunista nei giorni della caduta di Craxi. “Attraversato il pensiero di aver commesso, nell'abbandonare il partito, una colossale castroneria, valutò i possibili esiti di un cambio di squadra. Poteva prendersi una mesata sabbatica, cominciare a limare i toni dei suoi editoriali, e poi lanciare in grande stile l'operazione riallineamento. “Ho sbagliato, compagni, non dovevo andarmene, eccomi qua, sono tornato”. I compagni erano abbastanza idioti da credere al pentimento. Ma anche anche abbastanza astiosi da fargliela pagare a caro prezzo. Dunque non aveva altra scelta che continuare a combattere”. È come se Ferrara continuasse a scontare, con gli anni, un errore di calcolo: qualsiasi cosa sarebbe stata meno umiliante di ammettere i suoi errori e tornare indietro. Qualsiasi cosa. E così, mentre Gianfranco Fini diventa un eroe della sinistra, Giuliano Ferrara si ritrova al Teatro del Verme in mutande, un autodafè che nessuno gli ha chiesto, l'ennesima umiliazione che si infligge da solo. Come quando tirò le uova su Benigni, non perché gli dispiacesse Benigni, ma tutti a sinistra lo amavano e in mezzo a tanta grigia unanimità ci voleva pure qualcuno nella parte del severo censore; Ferrara è così: se c'è bisogno del cattivo, del fariseo, del basso del melodramma, lui si sobbarca, senza risparmio: mette in gioco l'unico corpo che ha, ed è un corpo complicato, difficile da gestire. Mettersi in mutande gli costerà qualcosa, ma sa che ne vale la pena, che anche stavolta riuscirà a farci voltare la testa. Come fa a saperlo – è facile: ne soffrirà per primo lui, e lui non ha mai smesso di essere uno di noi. L'elefante più crudele di tutti.

32 commenti:

  1. Ho come l'impressione, forse una quasi certezza, che Giuliano Ferrara abbia capito che per essere sulla cresta dell'onda mediatica si deve essere per forza contro. Essere fuori dal coro a tutti i costi e in ogni caso.
    Non è il solo in questo panorama divulgativo italiano e in passato e recentemente ci sono altri come lui che seguono questo stato di essere.
    La coerenza non è di questo mondo ... mediatico.

    RispondiElimina
  2. Gianluca ha centrato il punto. Cicciopotamo è solo una patetica attention-whore.

    RispondiElimina
  3. non ho parole, ha ragione Berlusconi a dire che è uno schifo, ma uno schifo a 360 gradi, incomincio a sentirmi schifoso anche io
    grazie per il post
    Mauro

    RispondiElimina
  4. attention-whore?

    cicciopotamo proto-adinolfi?

    (uhmmmm, la gatta-cikova...)

    --firmato: cadorna!

    RispondiElimina
  5. Ottimo post davvero! Complimenti!
    Mi sono permesso di citarlo nel mio blog: http://jonkyblog.blogspot.com/2011/02/elefanti-crudeli.html

    RispondiElimina
  6. Sono sempre stato convinto che non c'è peggior marxista di un marxista pentito, specie quando diventano astiosi e rancorosi verso i loro ex compagni e tutto quello che rappresentano, è un fenomeno facilmente osservabile anche nella vita comune, ad un certo punto al culmine della fase ateo-devota Giuliano Ferrara ebbe un flirt mediatico con Giovanni Lindo Ferretti il che è tutto dire...chi ha letto gli articoli di Lindo Ferretti su Il Foglio sa di cosa sto parlando.

    Lorenzo

    RispondiElimina
  7. Erano giorni che continuavo a chiedermi il perchè di Ferrara, e delle sue ultime contraddizioni. In un certo senso, così chiudi il cerchio: d'altronde l'idolo di Ferrara è Barney Panofsky, guascone, frivolo, contraddittorio come piace a lui. dimenticando chquanto sia disperato (e nell'ultima parte, demente).

    RispondiElimina
  8. un uomo la cui abnegazione è fuori misura

    RispondiElimina
  9. Ecco una chiave di lettura che non avevo immaginato.. grazie dell'illuminazione Leonardo Watt.. Ora aspetto che mi illumini sui sofismi di Ostellino che ogni giorno capisco sempre meno.

    RispondiElimina
  10. Quindi la visione, copiata, di Luttazzi a proposito di quei tipi in vasca da bagno, non era nemmeno così distante dalla realtà. Eh.

    RispondiElimina
  11. Su Ostellino non c'è molto da dire. In questa baraonda di relitti fuori tempo massimo lui è il vecchietto che sbava, con lo sguardo fisso al soffitto; quello che se ti avvicini abbastanza senti ragliare "comunisticomunisticomunisti". Non si fa problemi, va da chiunque lo ospiti nei suoi deliri. Anche in pannolonne, o in mutande, se necessario.
    (Secondo me, comunque, fra un po' fa il salto della quaglia pure Sartori)

    RispondiElimina
  12. Capovolgere il vero, fingersi servi quando si è padroni ! Dovrebbe saper che il peccato contro lo Spirito è il peggiore. Uno dei pochi casi in cui il fisico è lo specchio dell'anima.

    RispondiElimina
  13. secondo me Ferrara e' uno che si annoia parecchio

    RispondiElimina
  14. Eppure anche in Ferrara non tutto è male: quest'anno l'ho incontrato all'Auditorium a sentire la sesta di Mahler, il requiem di Verdi, il quartetto Artemis...

    RispondiElimina
  15. fosse stato Rameau l'avrei quasi perdonato ma gli sono rimasti i gusti tetri da fedele alla linea ;-)...

    RispondiElimina
  16. Mi trovi completamente d'accordo. Ferrara si comporta nei confronti della sua vecchia scelta politica come un prete spretato che vede nella Chiesa la fonte di tutti i mali dell'umanità. Il Foglio è un quotidiano di destra scritto per provocare ed essere letto dalla sinistra. A chi si rivolgeva, ad esempio, quando affermò, probabilmente mentendo, d'essere stato una spia ben pagata della CIA? Ferrara sa che il popolo di destra non legge il Foglio perché se va bene compra "La Gazzetta dello sport" o al massimo Libero o il Giornale.

    RispondiElimina
  17. Ferrara è come uno di quegli ex mariti il cui unico scopo nella vita è far dispetto all'ex moglie.

    RispondiElimina
  18. Si è aperto un profilo su FB. Anzi due, ché è troppo panzone.

    RispondiElimina
  19. Ti prego, scrivi un altro blog: non ce la faccio più a vedere il corpaccione ferraresco che si intuffa ogni volta che ti apro.

    RispondiElimina
  20. Volevo dire: scrivi un altro POST.
    L'anonimo di prima.

    RispondiElimina
  21. è un periodo che non rido più per niente, ma

    "Pietrangelo Buttafuoco “un po' il nostro Saviano”, peccato non ci sia Banfi, poteva essere il vostro Marlon Brando."

    mi ha fatto piangere.

    grazie.

    RispondiElimina
  22. Vorrei farvi notare che, essendo Ferrara una copia in negativo dei suoi avversari -affermazione su cui sono fondamentalmente d'accordo: Ferrara ama la provocazione, non sposa le idee- ogni affermazione fatta su di lui è vera anche per coloro che sono le sue copie in negativo.
    Eh, sì, perché la relazione è simmetrica.
    E così la sua mancanza di coerenza è anche la mancanza di coerenza di chi ha gridato una vita a favore di libero sesso, libertà e privacy ed ora grida il contrario.
    L'affermazione "E' uno che si annoia parecchio" è specularmente valida per i suoi avversari, cosi come altre etichette che gli avete affibiato qui sopra. Del resto, se ci pensate, essere persone annoiate in cerca di qualche emozione è lo stereotipo proprio del radical chic.
    Insomma, state insultando l'immagine di uno specchio. E questo non è, normalmente, sintomo di grande lucidità.

    RispondiElimina
  23. Siamo probabilmente arrivati alle idi di marzo del tappo sciupafemmene.
    Mi preparo a gustarmi lo spettacolo da lontano, comodamente seduto al pc, sgranocchiando pop corn e facendo la ola ai fendenti più micidiali.

    Unica nota stonata: Bersani che, come tutti i piddini, dovrebbe contare fino a un milione prima di aprire bocca.

    Ma credo che l´ involontario tentativo di salvataggio in extremis stavolta sia arrivato fuori tempo massimo.

    RispondiElimina
  24. Grazie, anonimo, per farmi notare le cose che scrivo.

    RispondiElimina
  25. Prego.
    Magari se avessi letto con più attenzione avresti notato che non solo ho detto di condividere l'idea alla base del post, ma che *tutte* le frasi che ho riportato erano prese dai commenti.
    Da ciò devo dedurre che il barlume di lucidità che ti ha permesso di scrivere il pezzo sia già svanito. Che peccato.

    RispondiElimina
  26. Grazie Leonardo. Mi sa che hai proprio colto nel segno. Ma come fai a fare queste analisi? Hai mai pensato di scrivere un libro raccogliendo i post?

    PS. Fra l'altro, avete notato che l'anonimo di prima ha risposto in puro stile ferrariano? Ha difeso Ferrara rigirando il concetto. Ma gliene frega sinceramente qualcosa di Ferrara? Mmmmmm... no. Solo provocazione.

    RispondiElimina
  27. E' un bambino coltissimo con idee sbagliatissime ed un grande bisogno di attenzione.

    RispondiElimina
  28. mah, mi sa che il motivo per cui leo lo bersaglia con tanta costanza è perché è un transfuga (dei più stalinisti sia prima che poi).

    RispondiElimina
  29. Ottimo post davvero...complimenti!
    Cicciopotamo...hahaha.. bella questa.

    RispondiElimina
  30. La manifestazione "Israele deve vivere", con poche centinaia di persone fu, se non ricordo male, un corteo dal Campidoglio fino al Ghetto ed ebbe luogo nel marzo 2002, in piena Seconda Intifada. A Piazza del Popolo ci fu quella a favore dell'America, che effettivamente avvenne quando fu attaccato l'Afghanistan. Ma la sostanza non cambia, convengo.

    RispondiElimina
  31. ti sei meritato una sottoscrizione, bravo.

    RispondiElimina
  32. Ottimo post, analisi puntualissima. Sono stato ridiretto qui da spinoza.it

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).