sabato 1 ottobre 2011

La pallina di Dio

E insomma, la novità è che sono sul Post, con una non-rubrica sul Santo del giorno (che non esce tutti giorni), per esempio oggi si festeggia Santa Teresa del Bambin Gesù, Teresina per gli amici.


Non è adorabile?


1 ottobre - Santa Teresa di Lisieux, AKA Teresa del Bambin Gesù AKA Teresa del Sacro volto, vergine e dottore della Chiesa (1873-1897)

Può anche darsi che a un certo punto, dopo cinquant'anni di roselline, bacini, bambini Gesù e altri bamboleggiamenti, anche gli uomini di Chiesa non ne potessero più, di Santa Teresa del Sacro Volto e del suo cattolicesimo così irrimediabilmente pucci che nella prima metà del Novecento aveva scatenato una vera e propria Thérèse-mania nella profonda provincia francese. Però a quel punto forse si è un po' esagerato sull'altro versante, volendo per forza vedere in lei uno spessore intellettuale che l'ha esposta alla furia di esegeti intransigenti come Simone Weil e fior di analisti lacaniani. Al punto che vien da dire: lasciatela stare! in fondo era solo una ragazzina.

Certo, nei suoi nove anni di reclusione volontaria in convento le era capitato anche di desiderare un futuro da Dottore della Chiesa (ma anche da Guerriero, da Apostolo, da Martire: tante strade tutte troncate dalla tbc). Sono quelle cose che si dicono da ragazzini, appunto. E invece ce l'ha fatta: nel 1997 Wojtyla l'ha nominata Dottore, proprio lei! terza donna a entrare nel club dopo Teresa d'Avila e Caterina di Siena. Per intenderci, Agostino da Ippona per ottenere lo stesso titolo ha scritto le Confessioni e la Città di Dio. Tommaso d'Aquino ha messo giù la Summa Theologica, dimostrando l'esistenza di Dio tipo in cinque modi diversi. Teresina, dal canto suo, non lascia visioni particolarmente mistiche né edifici teologici o meditazioni metafisiche. Cosa v'aspettavate, del resto, da una ragazza morta a 24 anni? Poco più di un best seller del primo Novecento, Histoire d'une âme, l'autobiografia sgarzolina di una ragazza sveglia che perde giovanissima la mamma, vede le sorelle maggiori entrare in convento, vorrebbe seguirle subito ma il prete severo le dice di no, allora fa un viaggio lungo lungo fino a Roma per chiedere al Papa se la fa entrare subito in convento e il Papa le dice vediamo. Suo più grande desiderio, spiega al lettore, era diventare una pallina, un giochino nelle mani del Bambin Gesù. Tutti ci vedono subito il desiderio di umiltà, ma la pallina ha pur sempre qualcosa di sfuggente e capriccioso, che ti colpisce nei fotoritratti (fu una delle prime sante di cui circolassero immagini fotografiche, e questo può spiegare parte del suo successo).

Le sue compagne. Lei non c'è perché sta scattando.
È davvero ingiusto ridurla a Shirley Temple del cattolicesimo: Teresa studiò e scrisse molto, conobbe la sofferenza e il dubbio, che la tormentò negli anni della malattia. Però a noi piace ricordarla un po' così, più ragazzina che intellettuale, in posa da Giovanna d'Arco mentre prova il suo nuovo dramma con la filodrammatica del convento (i testi li scriveva lei); fanciullina vezzosa tutta contenta perché il suo ragazzo Gesù è il più figo del Creato mentre il fidanzato della sorella Giovanna, per quanto sia “una creatura molto perfetta”, è “pur sempre una creatura”. Quando le arriva la partecipazione delle nozze, lei risponde scrivendone una tutta per sé, traboccante come si vede di cristianissima umiltà:

“Iddio Onnipotente, Creatore del cielo e della terra, Sovrano Dominatore del mondo, e la gloriosissima Vergine Maria, Regina della Corte celeste, partecipano il Matrimonio del loro Augusto Figlio, Gesù, Re dei re e Signore dei signori, con la Signorina Teresa Martin, attualmente Dama e Principessa dei regni portati in dote dal suo Sposo Divino, cioè: l'Infanzia di Gesù e la sua Passione [...] Non avendo potuto invitarvi alla benedizione nuziale che è stata data loro sulla montagna del Carmelo, l'8 settembre 1890 (essendo stata ammessa soltanto la Corte Celeste), la S. V. è comunque pregata al Ritorno dalle Nozze che avrà luogo Domani, Giorno della Eternità, nel quale giorno Gesù, Figlio di Dio, verrà sulle nubi del Cielo nello splendore della sua Maestà, per giudicare i Vivi e i Morti. L'ora essendo ancora incerta, siete invitati a tenervi pronti, e a vegliare”.


Non è in castigo, è travestita da Giovanna d'Arco.
Una cosa che mi fa impazzire dell'Ottocento è che tutto è già pronto per Freud, ma Freud non è ancora arrivato. Così nei diari e nelle lettere nessuno ha ancora alzato nessun schermo protettivo, e insomma tutti ti squadernano i loro complessi senza accorgersene, fanno una gran tenerezza. Una lettera del genere finisce dritta nell'autobiografia di un Dottore della Chiesa senza che nessuno abbia trovato niente da obiettare. Il libro è tutto pieno di perle così: per esempio, quando l'altra sorella prediletta che ancora vive nel mondo, Celine, riesce a farsi invitare a un ballo, Teresa non si vergogna a supplicare il Signore “d'impedirle di ballare”, con tanto di lacrimoni, finché “Gesù si degnò di esaudirmi”.

Tra le braccia del suo primo cavaliere, Celine si blocca, umiliando il povero ragazzo e costringendolo a una fuga ingloriosa. Quando lo viene a sapere, Teresina esulta senza vergogna e ringrazia Gesù di aver rovinato la serata alla sorella prediletta, che non a caso entrerà in convento poco dopo e l'aiuterà a scrivere quell'autobiografia che le porterà tanta gloria. Teresa è vicepatrona di Francia, patrona delle Missioni, dell'Australia e della Russia, tutti posti dove la pallina di Dio avrebbe rimbalzato volentieri. Se avesse avuto il tempo.

12 commenti:

  1. Beh, per il Post è un ottimo acquisto, per te non so - come farai ad andar d'accordo con quella pletora di filoamericani interventisti?
    Ciò detto, non posso esimermi dal ricordare che vecchie immagini, santi stupidi, tutto lascian così com'è...

    RispondiElimina
  2. Perchè ti presenti "non a posto coi sacramenti"?
    Ecche, queste strambillanzate sui santi ti emenderebbero dal metterti in regola? (come tu aneli).
    il tuo amico Stefano

    RispondiElimina
  3. Essere interventisti non è il loro problema principale (conflitto d'interessi mio, perchè sono a favore dell'intervento in Libia, confesso e Mea Culpa).
    Il problema è il loro marchionnismo d'essai, il loro puntare su Renzi, Chiamparino, Profumo, Montezemolo e l'imprecisata entità nota come "i ggggiovani della società civile". I vari Scalfarotto, Ciwati ecc.

    Comunque il cerchio si chiude: dopo che Luca Sofri ha rosicato per anni leggendo i tuoi commenti, ha capito che se non può batterti pò farti unire a lui! :D

    RispondiElimina
  4. Leo, Leo...
    sei andato a portare luce in una landa oscura e desolata?

    ;)

    RispondiElimina
  5. Beh, non si sa se augurarti di trovare il martirio o di non trovarlo. Tuo gusto.

    (D'accordo con Argo, almeno dal secondo paragrafo in poi. Fosse stato per quella gente lì, saresti ancora precario, ti ricordi? il punto non sei tu, che saprai da dove vieni e dove vai, ma tutti quelli che quei personaggi terranno ancora precari, preparando una bomba sociale fra qualche decennio e usando naturalmente anche il Post per far propaganda a quelle idee.)

    RispondiElimina
  6. eh ma di tutte le cose interessanti che scrivi e puoi scrivere, perché parlare solo del santo del giorno? peccato...

    RispondiElimina
  7. Ma il santo del giorno, fidatevi, è interessantissimo.

    Poi fidatevi, voi non volete veramente un altro blog dove si parla di Berlusconi vattene e Veltroni cazzodici e il Pd è diviso e la Gelmini è ignorante.

    Ho scritto che non sono a posto coi sacramenti (che è vero, eh, me ne manca uno mica indifferente) così è chiaro che non ho proprio un'ottica cattolico militante, ecco.

    Poi va bene, il Post ha una certa linea politica eccetera, ma voi una rubrica sul santo del mese a chi l'avreste proposta?

    RispondiElimina
  8. sacramento mancante:
    l'ultimo, "l'estremo"?

    con affetto

    RispondiElimina
  9. Con affetto, ma te stai ai blog come Elizabeth Taylor ai matrimoni!
    (Post, leonardo.blogspot, piste, l'Unità, Lettiseparati...)

    RispondiElimina
  10. ma sono rincocconito io o cosa?
    la novità è santa teresa del bambin gesù, perché sul post la rubrica esiste da anni, o no?
    (comunque ha ragione qui sopra randolph: liz=matrimoni come leo=blog)

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).